Apri il menu principale

Campionato europeo di calcio 2012

torneo di calcio
(Reindirizzamento da UEFA Euro 2012)
Nota disambigua.svg Disambiguazione – "UEFA Euro 2012" rimanda qui. Se stai cercando il videogioco, vedi UEFA Euro 2012 (videogioco).
Campionato europeo di calcio 2012
Mistrzostwa Europy w Piłce Nożnej 2012
Чемпіонат Європи з футболу 2012
Logo della competizione
Competizione Campionato europeo di calcio
Sport Football pictogram.svg Calcio
Edizione 14ª
Organizzatore UEFA
Date 8 giugno - 1º luglio 2012
Luogo Polonia Polonia
Ucraina Ucraina
(8 città)
Partecipanti 16 (53 alle qualificazioni)
Impianto/i 8 stadi
Risultati
Vincitore Spagna Spagna
(3° titolo)
Secondo Italia Italia
Semi-finalisti Portogallo Portogallo
Germania Germania[1]
Statistiche
Miglior giocatore Spagna Andrés Iniesta
Miglior marcatore Spagna Fernando Torres
Russia Alan Dzagoev
Croazia Mario Mandžukić
Germania Mario Gómez
Italia Mario Balotelli
Portogallo Cristiano Ronaldo
(3 a testa)
Incontri disputati 31
Gol segnati 76 (2,45 per incontro)
Pubblico 1 440 846
(46 479 per incontro)
Spain national football team Euro 2012 trophy 02.jpg
La Spagna festeggia il suo terzo titolo europeo, il secondo consecutivo.
Cronologia della competizione
Left arrow.svg 2008 2016 Right arrow.svg

Il campionato europeo di calcio 2012, o UEFA EURO 2012, noto anche come Polonia-Ucraina 2012, è stata la 14ª edizione di questo torneo di calcio continentale per squadre nazionali maggiori maschili organizzato dall'UEFA.

Svoltosi in Polonia e Ucraina dall'8 giugno al 1º luglio 2012,[2] si è concluso con la vittoria della Spagna, che ha battuto l'Italia per 4-0 nella finale disputata allo stadio Olimpico di Kiev. La Spagna si è riconfermata campione d'Europa.

Questa edizione è stata l'ultima in cui sono state ammesse 16 squadre alla fase finale in quanto l'UEFA ha stabilito l'allargamento a 24 nazionali a partire dal 2016, con l'edizione in Francia.[3]

Indice

QualificazioniModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Qualificazioni al campionato europeo di calcio 2012.

Polonia e Ucraina sono ammesse di diritto alla fase finale in quanto paesi organizzatori.[4]

I rimanenti quattordici posti sono stati assegnati tramite un percorso di qualificazione che ha visto la partecipazione di 51 nazionali e lo svolgimento di 248 incontri tra l'11 agosto 2010 e il 15 novembre 2011.

Il sorteggio dei gruppi di qualificazione alla fase finale si è tenuto a Varsavia, in Polonia, il 7 febbraio 2010.

Il sorteggio per gli spareggi si è tenuto a Cracovia il 13 ottobre 2011. Esso si è basato sul coefficiente UEFA e sul criterio delle teste di serie; c'è stata quindi una divisione in due urne tra le quattro migliori e le quattro peggiori squadre. Le partite d'andata sono state giocate l'11 novembre, mentre quelle di ritorno il 15 novembre.

AssegnazioneModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Scelta della nazione organizzatrice della fase finale del Campionato europeo di calcio 2012.

Le seguenti città vennero proposte dalle due federazioni:

 
La cerimonia d'apertura di Euro 2012, svoltasi l'8 giugno 2012 allo stadion Narodowy di Varsavia

La candidatura congiunta Polonia-Ucraina venne considerata interessante da molti come modo per concentrare l'attenzione su un'area dell'Europa che vanta numerosi appassionati di calcio ma che è meno sviluppata rispetto all'Europa occidentale, sia per il gioco espresso che in generale.

Questa fu però inizialmente ostacolata da numerose carenze infrastrutturali. Ad eccezione di Varsavia, Kiev, ed eventualmente Cracovia, nessuna delle altre città proposte vantava esperienza nell'accogliere grandi masse di visitatori per un lungo periodo. Le infrastrutture per i trasporti erano inoltre generalmente di basso livello; dopo la loro visita, gli stessi delegati UEFA si lamentarono pubblicamente del cattivo stato dei collegamenti tra Danzica e Leopoli. Bisogna infatti anche considerare le vaste distanze geografiche, che sfiorano i 2 000 km, fra le città proposte dai due paesi europei.

Il verdetto fu immediato e non fu necessario alcun ballottaggio: a sorpresa furono scelte Polonia e Ucraina che superarono la favorita candidatura italiana e quella di Croazia e Ungheria.

Negli ultimi giorni dell'ottobre 2010, vari organi d'informazione pubblicarono la notizia secondo la quale l'assegnazione della manifestazione a Ucraina e Polonia venne favorita dalla corruzione di almeno quattro delegati del Comitato Esecutivo dell'UEFA, da parte di esponenti della federazione calcistica dell'Ucraina.

La notizia si basava su rilevazioni fatte da Spyros Marangos, ex tesoriere della federazione calcistica di Cipro, che ha dichiarato:

«Prima del 18 aprile 2007 ho notato strani movimenti. Sapevo che Surkis aveva un obiettivo: prendere l'Euro 2012 a tutti i costi. Uno ha preso 3,15 milioni di euro, gli altri tre hanno ricevuto due milioni a testa per un totale di 9,15 milioni. So che in Germania si parla anche di una quinta persona coinvolta ma per quest'ultima non ho le prove. A sostegno delle accuse ho tre documenti, già uno solo è sufficiente per aprire il caso, ma anche tre testimoni. Uno ha seguito i movimenti delle persone coinvolte, gli altri possono confermare le somme pagate dopo il voto di Cardiff. Sono pronto a dare tutte le informazioni, ma qui a Cipro, solo in presenza del mio avvocato e di un'autorità pubblica di Cipro. Perché devo garantirmi e perché il reato è avvenuto qui. Voglio che ci sia giustizia.[5]»

StadiModifica

La lista delle otto città che hanno ospitato le partite dell'Europeo 2012 è stata ufficializzata dall'UEFA in una riunione a Bucarest il 14 maggio 2009, precisando che "ciascuna delle due nazioni può contare su un massimo di quattro stadi".

Il Comitato Esecutivo UEFA aveva stabilito che la conferma della sede della finale a Kiev e degli stadi di Donec'k, Leopoli e Charkiv sarebbe stata decisa in via definitiva solo se fossero state rispettate determinate condizioni entro il 30 novembre 2009.[2]

Dopo tale termine, il 12 dicembre 2009 la UEFA ha confermato tutti e quattro gli stadi ucraini, compresa la finale a Kiev, pur restando vigile sullo stato delle infrastrutture.[6]

Stadio Nazionale di Varsavia Stadion Miejski PGE Arena Gdańsk Stadion Miejski
Capacità: 58 145 Capacità: 42 771 Capacità: 43 615 Capacità: 43 269
Club:   Polonia Club: Sląsk Wrocław Club: Lechia Danzica Club: Lech Poznań e Warta Poznań
Località: Varsavia, Polonia Località: Breslavia, Polonia Località: Danzica, Polonia Località: Poznań, Polonia
       
 
Stadio Olimpico di Kiev Donbas Arena Stadio Metalist Arena Lviv
Capacità: 70 050 Capacità: 52 187 Capacità: 40 003 Capacità: 34 915
Club:   Ucraina Club: Šachtar Club: Metalist Club: Karpaty
Località: Kiev, Ucraina Località: Donec'k, Ucraina Località: Charkiv, Ucraina Località: Leopoli, Ucraina
       

Squadre partecipantiModifica

Pr. Squadra Data di qualificazione certa Partecipante in quanto Ultima presenza
1   Polonia 0018 aprile 2007 00Rappresentativa della nazione co-organizzatrice della fase finale Austria - Svizzera 2008
2   Ucraina 0018 aprile 2007 00Rappresentativa della nazione co-organizzatrice della fase finale Esordiente
3   Germania 002 settembre 2011 001ª classificata nel gruppo A di qualificazione Austria - Svizzera 2008
4   Italia 006 settembre 2011 001ª classificata nel gruppo C di qualificazione Austria - Svizzera 2008
5   Spagna 006 settembre 2011 001ª classificata nel gruppo I di qualificazione Austria - Svizzera 2008
6   Paesi Bassi 006 settembre 2011 001ª classificata nel gruppo E di qualificazione Austria - Svizzera 2008
7   Inghilterra 007 ottobre 2011 00 1ª classificata nel gruppo G di qualificazione Portogallo 2004
8   Russia 0011 ottobre 2011 00 1ª classificata nel gruppo B di qualificazione Austria - Svizzera 2008
9   Grecia 0011 ottobre 2011 00 1ª classificata nel gruppo F di qualificazione Austria - Svizzera 2008
10   Danimarca 0011 ottobre 2011 00 1ª classificata nel gruppo H di qualificazione Portogallo 2004
11   Francia 0011 ottobre 2011 00 1ª classificata nel gruppo D di qualificazione Austria - Svizzera 2008
12   Svezia 0011 ottobre 2011 00Migliore tra le seconde classificate di ogni gruppo di qualificazione Austria - Svizzera 2008
13   Croazia 0015 novembre 2011 Vincitrice dello spareggio di qualificazione00 Austria - Svizzera 2008
14   Rep. Ceca 0015 novembre 2011 Vincitrice dello spareggio di qualificazione00 Austria - Svizzera 2008
15   Irlanda 0015 novembre 2011 Vincitrice dello spareggio di qualificazione00 Germania Ovest 1988
16   Portogallo 0015 novembre 2011 Vincitrice dello spareggio di qualificazione00 Austria - Svizzera 2008

ConvocazioniModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Convocazioni per il campionato europeo di calcio 2012.
 
Risultati delle nazioni partecipanti.

Le liste ufficiali, composte da 23 giocatori di cui 3 portieri, dovevano essere presentate all'UEFA entro il 29 maggio 2012.[7] Nel caso un giocatore tra i convocati s'infortuni seriamente prima della partita d'esordio della propria squadra e per questo non possa disputare la fase finale dell'Europeo, può essere sostituito da un altro giocatore.[8]

Prima dell'inizio della rassegna europea, molti giocatori hanno dovuto rinunciare alla convocazione causa infortunio. Tra i giocatori più importanti, l'italiano Giuseppe Rossi salta l'europeo per l'infortunio al ginocchio riportato ad aprile 2012;[9] il vice-capitano dell'Inghilterra Frank Lampard, il 30 maggio 2012 a causa di un infortunio in allenamento alla coscia deve rinunciare all'europeo. Jordan Henderson, giovane centrocampista del Liverpool prenderà il suo posto;[10] Il 15 dicembre l'attaccante della Spagna e del Barcelona David Villa riporta la frattura della tibia della gamba sinistra che gli impedisce di partecipare alla competizione;[11] I calciatori russi Vasilij Berezuckij e Roman Šiškin sono stati esclusi rispettivamente il 20 e il 24 maggio, il primo per un infortunio alla coscia[12] e il secondo per problemi gastrointestinali.[13] Vengono sostituiti rispettivamente da Roman Šaronov (che era già tra i 26 pre-convocati) e Kirill Nababkin;[14] Il 29 maggio l'allenatore danese Olsen rimpiazza il portiere Thomas Sørensen, infortunato alla schiena, con Kasper Schmeichel;[15] Il 23 maggio, il centrocampista portoghese Hugo Viana prende il posto di Carlos Martins per infortunio;[16] Il 26 maggio il giocatore dell'Irlanda Paul Green sostituisce l'infortunato Keith Fahey,[17] mentre il 29 maggio Kevin Foley è rimpiazzato da Paul McShane;[18] L'attaccante croato Ivica Olić il 4 giugno lascia la squadra per infortunio e viene sostituito da Nikola Kalinić.[19] Il 7 giugno anche Ivo Iličević lascia per infortunio, al posto suo viene convocato il difensore Šime Vrsaljko;[20] il portiere ucraino Oleksandr Šovkovs'kyj è costretto a saltare la manifestazione per infortunio, venendo sostituito da Andrij P″jatov;[21] per la Francia saltano l'europeo Younes Kaboul per infortunio,[22] e Loïc Rémy;[23] per l'Inghilterra invece il 25 maggio John Ruddy viene sostituito da Jack Butland dopo essersi rotto un dito.[24] Il 28 maggio anche Gareth Barry viene escluso per infortunio e sostituito da Phil Jagielka.[25] Il 3 giugno l'infortunato Gary Cahill viene sostituito da Martin Kelly.[26]

Arbitri e ufficiali di bordo campoModifica

Riassunto del torneoModifica

Fase a gironiModifica

Gruppo AModifica

 
I padroni di casa della Polonia non riescono a ben figurare, chiudendo il loro girone all'ultimo posto.

Il primo raggruppamento è composto dai padroni di casa della Polonia, dalla Grecia, dalla Russia e dalla Rep. Ceca.

La testa di serie del gruppo è la Polonia, che nella partita inaugurale del torneo pareggia 1-1 con la Grecia con le reti della punta Robert Lewandowski e di Dīmītrios Salpiggidīs.[27] La Russia, nella seconda partita del raggruppamento, sconfigge nettamente la Repubblica Ceca con il punteggio di 4-1: i russi vanno in gol con Alan Dzagoev, che realizza una doppietta, Roman Širokov e Roman Pavljučenko, mentre i cechi realizzano il parziale 2-1 con Václav Pilař.[28]

Nella seconda giornata la Repubblica Ceca batte la Grecia per 2-1 con le reti di Petr Jiráček e Pilař, accorcia le distanze Theofanis Gekas.[29] In Polonia-Russia, Jakub Błaszczykowski risponde a Dzagoev, fissando il punteggio sull'1-1.[30] All'ultima giornata la Cechia batte anche la Polonia per 1-0 (decide Jiráček)[31] e con lo stesso punteggio la Grecia supera ed elimina la Russia grazie a una rete di Giōrgos Karagkounīs.[32]

La Repubblica Ceca vince il gruppo A e si qualifica ai quarti assieme alla Grecia, passata come seconda classificata davanti alla Russia grazie al maggior numero di punti ottenuti negli scontri diretti.

Gruppo BModifica

 
I Paesi Bassi di Sneijder e Robben deludono le aspettative, venendo eliminati nella fase a gironi dopo tre sconfitte.

Il gruppo B vede al suo interno i Paesi Bassi, finalisti al Mondiale di due anni prima, la Germania, finalista nella precedente edizione del campionato europeo, il Portogallo di Cristiano Ronaldo e la Danimarca, "anello debole" del girone.

Nel primo incontro la Danimarca sconfigge a sorpresa l'Olanda per 1-0 (decide Michael Krohn-Dehli)[33] e, nella stessa giornata, i tedeschi si impongono con il medesimo punteggio sui lusitani con la rete di testa di Mario Gómez.[34]

Nella seconda giornata il Portogallo vince 3-2 sulla Danimarca: Nicklas Bendtner realizza una doppietta, rimontando i gol iniziali di Pepe ed Hélder Postiga, ma all'87' Silvestre Varela regala i tre punti ai portoghesi.[35] La Germania batte 2-1 i Paesi Bassi con una doppietta di Mario Gómez, Robin van Persie accorcia le distanze.[36]

Alla terza giornata, Cristiano Ronaldo sale in cattedra e torna protagonista in Nazionale, trascinando il Portogallo al successo sull'Olanda per 2-1 firmando una doppietta, ribaltando il vantaggio olandese realizzato da Rafael van der Vaart.[37] Nell'ultimo match, la Germania batte anche i danesi per 2-1 (Lukas Podolski, Krohn-Dehli e Lars Bender in gol), accedendo ai quarti di finale a punteggio pieno.[38] Assieme alla Germania, anche il Portogallo accede ai quarti di finale grazie ai 6 punti conquistati. Danimarca a 3 e Paesi Bassi a 0 escono dalla competizione.

Gruppo CModifica

 
La Spagna di del Bosque, campione del mondo e d'Europa in carica, passa il turno vincendo il proprio girone.

Il gruppo C è composto dai campioni d'Europa e del Mondo della Spagna, dall'Italia, dalla Croazia e dall'Irlanda, alla sua seconda partecipazione alla fase finale di un campionato europeo dopo quella del 1988.

Nel match d'esordio si affrontano l'Italia e la Spagna: l'Italia passa in vantaggio con Antonio Di Natale, ma gli spagnoli pareggiano i conti con il gol di Cesc Fàbregas.[39] In serata la Croazia batte nettamente la compagine irlandese per 3-1, in gol due volte Mario Mandžukić e Nikica Jelavić per i croati e Sean St Ledger per l'Irlanda.

Contro la Croazia, gli Azzurri pareggiano nuovamente per 1-1: Mandžukić risponde al gol di Andrea Pirlo su calcio di punizione.[40] La Spagna travolge 4-0 l'Irlanda con i gol di Fernando Torres (doppietta), David Silva e Fàbregas.

All'ultima giornata, la Spagna batte di misura la Croazia nel finale, eliminandola dal torneo con un gol di Jesús Navas,[41] mentre l'Italia sconfigge per 2-0 l'Irlanda con le reti di Antonio Cassano e Mario Balotelli.[42] Il girone C si conclude con la Spagna prima a 7 punti, seguita da Italia (5), Croazia (4) e Irlanda (0).

Gruppo DModifica

 
L'altro Paese organizzatore dell'Europeo, l'Ucraina di Ševčenko, manca la qualificazione ai quarti all'ultima giornata.

Nel gruppo D si trovano di fronte l'altra nazionale organizzatrice del torneo, l'Ucraina guidata ancora una volta e per l'ultima volta da Shevchenko, l'Inghilterra (che ha sostituito il commissario tecnico Fabio Capello con Roy Hodgson a poche settimane dall'inizio del torneo), la Francia allenata da Laurent Blanc e la Svezia di Zlatan Ibrahimović.

Nella prima giornata, dopo il pareggio per 1-1 tra la squadra inglese e quella francese (Samir Nasri replica al vantaggio siglato da Joleon Lescott),[43] si assiste alla vittoria a sorpresa dell'Ucraina per 2-1 sulla Svezia grazie alla doppietta di Shevchenko e al gol di Ibrahimović.[44]

Nella giornata successiva si assiste a un cambiamento organizzativo dovuto al maltempo: la partita tra Ucraina e Francia viene sospesa al 5' a causa di un forte nubifragio che ha reso il campo impraticabile e ciò ha portato allo slittamento di 15' dell'inizio del successivo incontro tra Inghilterra e Svezia. Una volta che il temporale si è concluso, la partita della nazionale padrona di casa finisce con la sconfitta per 0-2 (Ménez e Cabaye),[45] mentre nel successivo incontro gli inglesi riescono a imporsi 3-2 sugli svedesi: dopo il vantaggio inglese marcato da Andy Carroll, la Svezia ribalta il punteggio nella ripresa con l'autogol di Glen Johnson e la rete di Olof Mellberg, ma Theo Walcott e Danny Welbeck compiono la rimonta portando a casa i tre punti.[46]

Nelle ultime due partite l'Ucraina, che è costretta a vincere per passare il turno, viene sconfitta dall'Inghilterra con un gol di Rooney che passa come prima del gruppo,[47] mentre la Francia, pur venendo battuta per 0-2 dagli svedesi, riesce ad accedere ai quarti di finale come seconda classificata.[48]

Quarti di finaleModifica

 
La Germania di Löw supera ai quarti la Grecia in una particolare situazione ambientale, vista la tensione in atto tra i due Paesi sul versante politico-economico.[49]

Dopo due giorni di riposo, il 21 giugno si disputa a Varsavia il primo quarto di finale tra Repubblica Ceca e Portogallo; l'incontro viene deciso da un colpo di testa di Cristiano Ronaldo a 10' dalla fine, che fissa il punteggio sull'1-0.[50]

Il giorno successivo, a Danzica, si disputa l'incontro tra Germania e Grecia: la squadra teutonica passa in vantaggio nel primo tempo con Philipp Lahm, ma all'inizio del secondo tempo i greci pareggiano in contropiede con un gol di Giōrgos Samaras; i tedeschi reagiscono segnando tre reti consecutive, con Khedira, Miro Klose e Marco Reus, mentre il rigore all'89º minuto di Dīmītrios Salpiggidīs fissa il punteggio sul 4-2 definitivo.[51]

Il 23 giugno invece è la volta di Spagna-Francia, con la squadra iberica che riesce ad imporsi grazie a una doppietta di Xabi Alonso.[52]

 
Nell'ultimo quarto di finale, l'Italia di Prandelli deve attendere i tiri di rigore per avere la meglio sull'Inghilterra.

L'ultimo quarto di finale vede di fronte Italia e Inghilterra; nei tempi regolamentari le due squadre non riescono a sbloccare il risultato. Anche dopo i supplementari le porte rimangono inviolate e pertanto sono necessari i calci di rigore: l'equilibrio viene dapprima rotto dall'errore di Riccardo Montolivo che manda la palla fuori; Rooney segna e l'Inghilterra è in vantaggio; successivamente gli italiani rimontano grazie ad un cucchiaio di Andrea Pirlo e a due errori degli inglesi causati da Ashley Young (che calcia sulla traversa) e Ashley Cole (il cui tiro viene parato da Gianluigi Buffon); il rigore decisivo viene trasformato da Alessandro Diamanti qualificando l'Italia alla semifinale con il punteggio di 4-2.[53]

SemifinaliModifica

 
Nella prima semifinale tutta iberica, il Portogallo di Cristiano Ronaldo si arrende ai rigori alla Spagna.

Le semifinali mettono di fronte nella parte alta del tabellone la Spagna contro il Portogallo, mentre in quella bassa si trovano di fronte Germania e Italia. Nel primo incontro tra iberici e lusitani non vi sono molte occasioni da gol perciò, dopo centoventi minuti senza reti, si arriva ai tiri di rigore: nella prima serie sbagliano sia Xabi Alonso sia João Moutinho, mentre i successivi cinque rigori vengono realizzati nell'ordine da Andrés Iniesta, Pepe, Gerard Piqué, Nani e Sergio Ramos, quest'ultimo realizzato con un cucchiaio; l'ottavo rigore, battuto da Bruno Alves, viene calciato sulla traversa e, con la successiva realizzazione di Cesc Fàbregas, permette alla Spagna di qualificarsi alla terza finale consecutiva tra Europei e Mondiali.[54]

Nella seconda semifinale tra Germania e Italia è invece quest'ultima a imporsi con il punteggio di 2-1: nel primo tempo, dopo un inizio in attacco dei teutonici e alcune parate del portiere azzurro Buffon, è Mario Balotelli a decidere l'incontro con una doppietta, mentre solo negli ultimi minuti della partita Mesut Özil realizza dal dischetto, dopo un fallo di mano di Federico Balzaretti, la rete della bandiera tedesca. Per l'Italia si tratta della terza finale europea dopo quella del 1968 vinta sulla Jugoslavia e quella del 2000 persa contro la Francia; la Mannschaft, finalista dell'edizione precedente, fallisce invece l'ennesimo tentativo di rompere la "maledizione" che, fra campionati mondiali ed europei, le ha fino a quel momento sempre impedito di battere gli Azzurri.[55] Con questa vittoria, inoltre, l'Italia guadagnerà un posto anche nella Confederations Cup 2013.

FinaleModifica

 
Un duello tra l'italiano Pirlo e lo spagnolo Xavi, durante una fase di gioco della finale di Euro 2012 tra Spagna e Italia.

La finale tra Spagna e Italia si gioca il 1º luglio nello stadio Olimpico di Kiev. Il primo tempo viene condotto dagli spagnoli che al 14º minuto passano in vantaggio con David Silva su assist da fondo campo di Cesc Fàbregas e raddoppiano al 41' con un'azione di contropiede finalizzata da Jordi Alba. Gli italiani cercano di costruire qualche palla gol nella ripresa, ma al 62º l'infortunio di Thiago Motta, subentrato pochi minuti prima come terzo e ultimo cambio per la squadra di Prandelli, lascia con un uomo in meno gli Azzurri. Gli spagnoli chiudono la partita nel finale grazie alle reti di Fernando Torres all'84' e del neo entrato Juan Manuel Mata all'88', consegnando alla Spagna il terzo titolo continentale, il secondo consecutivo; inoltre la Spagna coglie così la terza vittoria in fila tra Europei e Mondiali.[56]

Al termine del torneo, il centrocampista spagnolo Andrés Iniesta è votato miglior giocatore della competizione,[57] mentre i migliori marcatori sono sei giocatori a pari merito con 3 reti ciascuno: Cristiano Ronaldo, Fernando Torres, Alan Dzagoev, Mario Mandžukić, Mario Gómez e Mario Balotelli.

RisultatiModifica

Fase a gironiModifica

Gruppo AModifica

ClassificaModifica
Pos. Squadra Pt G V N P GF GS DR
1.   Rep. Ceca 6 3 2 0 1 4 5 −1
2.   Grecia 4 3 1 1 1 3 3 0
3.   Russia 4 3 1 1 1 5 3 +2
4.   Polonia 2 3 0 2 1 2 3 −1
RisultatiModifica
Varsavia
8 giugno 2012, ore 18:00 UTC+2
Incontro 1
Polonia  1 – 1
referto
  GreciaStadion Narodowy (56 070 spett.)
Arbitro:   Velasco Carballo

Breslavia
8 giugno 2012, ore 20:45 UTC+2
Incontro 2
Russia  4 – 1
referto
  Rep. CecaStadion Miejski (40 803 spett.)
Arbitro:   Webb

Breslavia
12 giugno 2012, ore 18:00 UTC+2
Incontro 9
Grecia  1 – 2
referto
  Rep. CecaStadion Miejski (41 105 spett.)
Arbitro:   Lannoy

Varsavia
12 giugno 2012, ore 20:45 UTC+2
Incontro 10
Polonia  1 – 1
referto
  RussiaStadion Narodowy (55 920 spett.)
Arbitro:   Stark

Breslavia
16 giugno 2012, ore 20:45 UTC+2
Incontro 17
Rep. Ceca  1 – 0
referto
  PoloniaStadion Miejski (41 480 spett.)
Arbitro:   Thomson

Varsavia
16 giugno 2012, ore 20:45 UTC+2
Incontro 18
Grecia  1 – 0
referto
  RussiaStadion Narodowy (55 614 spett.)
Arbitro:   Eriksson

Gruppo BModifica

ClassificaModifica
Pos. Squadra Pt G V N P GF GS DR
1.   Germania 9 3 3 0 0 5 2 +3
2.   Portogallo 6 3 2 0 1 5 4 +1
3.   Danimarca 3 3 1 0 2 4 5 −1
4.   Paesi Bassi 0 3 0 0 3 2 5 −3
RisultatiModifica
Charkiv
9 giugno 2012, ore 19:00 UTC+3
Incontro 3
Paesi Bassi  0 – 1
referto
  DanimarcaStadio Metalist (35 923 spett.)
Arbitro:   Skomina

Leopoli
9 giugno 2012, ore 21:45 UTC+3
Incontro 4
Germania  1 – 0
referto
  PortogalloArena Lviv (32 990 spett.)
Arbitro:   Lannoy

Leopoli
13 giugno 2012, ore 19:00 UTC+3
Incontro 11
Danimarca  2 – 3
referto
  PortogalloArena Lviv (31 840 spett.)
Arbitro:   Thomson

Charkiv
13 giugno 2012, ore 21:45 UTC+3
Incontro 12
Paesi Bassi  1 – 2
referto
  GermaniaStadio Metalist (37 750 spett.)
Arbitro:   Eriksson

Charkiv
17 giugno 2012, ore 21:45 UTC+3
Incontro 19
Portogallo  2 – 1
referto
  Paesi BassiStadio Metalist (37 445 spett.)
Arbitro:   Rizzoli

Leopoli
17 giugno 2012, ore 21:45 UTC+3
Incontro 20
Danimarca  1 – 2
referto
  GermaniaArena Lviv (32 990 spett.)
Arbitro:   Velasco Carballo

Gruppo CModifica

ClassificaModifica
Pos. Squadra Pt G V N P GF GS DR
1.   Spagna 7 3 2 1 0 6 1 +5
2.   Italia 5 3 1 2 0 4 2 +2
3.   Croazia 4 3 1 1 1 4 3 +1
4.   Irlanda 0 3 0 0 3 1 9 −8
RisultatiModifica
Danzica
10 giugno 2012, ore 18:00 UTC+2
Incontro 5
Spagna  1 – 1
referto
  ItaliaPGE Arena Gdańsk (38 869 spett.)
Arbitro:   Kassai

Poznań
10 giugno 2012, ore 20:45 UTC+2
Incontro 6
Irlanda  1 – 3
referto
  CroaziaStadion Miejski (39 550 spett.)
Arbitro:   Kuipers

Poznań
14 giugno 2012, ore 18:00 UTC+2
Incontro 13
Italia  1 – 1
referto
  CroaziaStadion Miejski (37 096 spett.)
Arbitro:   Webb

Danzica
14 giugno 2012, ore 20:45 UTC+2
Incontro 14
Spagna  4 – 0
referto
  IrlandaPGE Arena Gdańsk (39 150 spett.)
Arbitro:   Proença

Danzica
18 giugno 2012, ore 20:45 UTC+2
Incontro 21
Croazia  0 – 1
referto
  SpagnaPGE Arena Gdańsk (39 076 spett.)
Arbitro:   Stark

Poznań
18 giugno 2012, ore 20:45 UTC+2
Incontro 22
Italia  2 – 0
referto
  IrlandaStadion Miejski (38 794 spett.)
Arbitro:   Çakır

Gruppo DModifica

ClassificaModifica
Pos. Squadra Pt G V N P GF GS DR
1.   Inghilterra 7 3 2 1 0 5 3 +2
2.   Francia 4 3 1 1 1 3 3 0
3.   Ucraina 3 3 1 0 2 2 4 −2
4.   Svezia 3 3 1 0 2 5 5 0
RisultatiModifica
Donec'k
11 giugno 2012, ore 19:00 UTC+3
Incontro 7
Francia  1 – 1
referto
  InghilterraDonbas Arena (47 400 spett.)
Arbitro:   Rizzoli

Kiev
11 giugno 2012, ore 21:45 UTC+3
Incontro 8
Ucraina  2 – 1
referto
  SveziaStadio Olimpico (64 290 spett.)
Arbitro:   Çakır

Donec'k
15 giugno 2012, ore 19:00 UTC+3
Incontro 16
Ucraina  0 – 2
referto
  FranciaDonbas Arena (48 000 spett.)
Arbitro:   Kuipers

Kiev
15 giugno 2012, ore 22:00[58] UTC+3
Incontro 15
Svezia  2 – 3
referto
  InghilterraStadio Olimpico (64 640 spett.)
Arbitro:   Skomina

Donec'k
19 giugno 2012, ore 21:45 UTC+3
Incontro 23
Inghilterra  1 – 0
referto
  UcrainaDonbas Arena (48 700 spett.)
Arbitro:   Kassai

Kiev
19 giugno 2012, ore 21:45 UTC+3
Incontro 24
Svezia  2 – 0
referto
  FranciaStadio Olimpico (63 010 spett.)
Arbitro:   Proença

Fase a eliminazione direttaModifica

TabelloneModifica

Quarti di finale Semifinali Finale
                   
Varsavia - 21 giugno 2012        
 1A.   Rep. Ceca   0
Donec'k - 27 giugno 2012
 2B.   Portogallo   1  
    Portogallo   0 (2)
Donec'k - 23 giugno 2012
      Spagna   0 (4)  
 1C.   Spagna   2
Kiev - 1º luglio 2012
 2D.   Francia   0  
    Spagna   4
Danzica - 22 giugno 2012
      Italia   0
 1B.   Germania   4
Varsavia - 28 giugno 2012
 2A.   Grecia   2  
    Germania   1
Kiev - 24 giugno 2012
      Italia   2  
 1D.   Inghilterra   0 (2)
 2C.   Italia   0 (4)  

Quarti di finaleModifica

Varsavia
21 giugno 2012, ore 20:45 UTC+2
Incontro 25
Rep. Ceca  0 – 1
referto
  PortogalloStadion Narodowy (55 590 spett.)
Arbitro:   Webb

Danzica
22 giugno 2012, ore 20:45 UTC+2
Incontro 26
Germania  4 – 2
referto
  GreciaPGE Arena Gdańsk (38 751 spett.)
Arbitro:   Skomina

Donec'k
23 giugno 2012, ore 21:45 UTC+3
Incontro 27
Spagna  2 – 0
referto
  FranciaDonbas Arena (47 000 spett.)
Arbitro:   Rizzoli

Kiev
24 giugno 2012, ore 21:45 UTC+3
Incontro 28
Inghilterra  0 – 0
(d.t.s.)
referto
  ItaliaStadio Olimpico (64 340 spett.)
Arbitro:   Proença

SemifinaliModifica

Donec'k
27 giugno 2012, ore 21:45 UTC+3
Incontro 29
Portogallo  0 – 0
(d.t.s.)
referto
  SpagnaDonbas Arena (48 000 spett.)
Arbitro:   Çakır

Varsavia
28 giugno 2012, ore 20:45 UTC+2
Incontro 30
Germania  1 – 2
referto
  ItaliaStadion Narodowy (55 540 spett.)
Arbitro:   Lannoy

FinaleModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Finale del campionato europeo di calcio 2012.
Kiev
1º luglio 2012, ore 20:45 UTC+3
Incontro 31
Spagna  4 – 0
referto
  ItaliaStadio Olimpico (63 170 spett.)
Arbitro:   Proença

StatisticheModifica

Classifica marcatoriModifica

3 reti
2 reti
1 rete
Autoreti

Miglior portiereModifica

Miglior giocatoreModifica

Reti segnateModifica

Gol più veloceModifica

Gol più lentoModifica

DoppietteModifica

AutoretiModifica

Primo golModifica

Ultimo golModifica

Miglior attaccoModifica

Peggior attaccoModifica

Miglior difesaModifica

Peggior difesaModifica

PremiModifica

ControversieModifica

 
Estate 2010. Alcune manifestanti di FEMEN protestano contro l'organizzazione di Euro 2012. Le attiviste ucraine ritenevano colpevole il torneo di un aumento della prostituzione nel Paese.[62]

Sterminio degli animali randagi in UcrainaModifica

Varie critiche sono state rivolte al ministro dell'ambiente ucraino e alla UEFA, che sono accusati, dalla cronaca e dalle associazioni animaliste, tra cui l'italiana OIPA, del sistematico sterminio di migliaia di animali randagi in Ucraina in vista della preparazione all'evento.[63] Una pratica lì definita "consueta" che dal 2010 si è intensificata con finanziamenti a supporto della ribattezzata "soluzione ultima", nel più breve tempo possibile e con ogni mezzo.[64] L'attenzione mediatica e le petizioni degli attivisti, alcuni dei quali chiedono lo spostamento dell'Europeo dall'Ucraina in Spagna o nella sola Polonia, portarono, nel novembre 2011, ad adottare la sterilizzazione e altre forme di contenimento del problema.[65]

D'altro canto, bisogna considerare come le politiche di controllo del randagismo siano preesistenti e indipendenti rispetto all'organizzazione della manifestazione sportiva. Il randagismo rappresenta un'emergenza sociale nell'Europa dell'Est che dura da decenni.[66] Il fenomeno, oltre che l'Ucraina, interessa anche la Bulgaria,[67][68][69] la Romania[70] la Serbia[71] e molte altre aree.[72]

Inoltre, è da notare come campagne similari siano state lanciate sistematicamente in concomitanza con i grandi eventi sportivi internazionali come le Olimpiadi del 2004 in Grecia,[73] le Olimpiadi del 2008 in Cina[74] e i Mondiali di calcio in Sud Africa.[75]

Il caso Julija TymošenkoModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Julija Tymošenko.
 
L'ex premier ucraino, Julija Tymošenko nel 2009.

Il Presidente della Commissione europea José Manuel Durão Barroso e il commissario europeo Viviane Reding hanno dichiarato la loro intenzione di boicottare la manifestazione sportiva per protestare contro i maltrattamenti che l'ex premier ucraina Julija Tymošenko avrebbe subito durante la detenzione,[76] mentre il ministro dell'ambiente tedesco Norbert Röttgen ha auspicato che anche altri politici boicottino tale manifestazione.[77] Anche Pier Ferdinando Casini, in un editoriale pubblicato sul quotidiano Il Messaggero, ha chiesto di boicottare tale evento, così come proposto da Silvio Berlusconi durante il congresso del Partito Popolare Europeo, tenutosi il 1º marzo 2012.[78]

NoteModifica

  1. ^ Vincitori della medaglia di bronzo: (EN) Regulations of the UEFA European Football Championship 2010-12 (PDF), su uefa.com, p. 3. URL consultato il 1º luglio 2016.
  2. ^ a b Selezione delle sedi per UEFA EURO 2012, su it.uefa.com, 14 maggio 2009.
  3. ^ Via all'Europeo extra-large con 24 squadre, La Gazzetta dello Sport, 21 settembre 2008.
  4. ^ Euro 2012, si parte. Domenica i sorteggi, www.repubblica.it, 6 febbraio 2009.
  5. ^ Fabio Licari, «Comprati 4 voti con 9 milioni, 3 erano dentro un peluche!», in gazzetta.it, 28 ottobre 2010. URL consultato il 2 novembre 2010.
  6. ^ (EN) UEFA confirms four host cities in Ukraine - uefa.com, 12 dicembre 2009
  7. ^ Ugo Trani, Prandelli, in Polonia con sei attaccanti. «Stregato dalle mie punte», Il Messaggero, 25 maggio 2012. URL consultato il 26 maggio 2012.
  8. ^ (EN) Regulations of the UEFA European Football Championship 2010-12 (PDF), uefa.com, p. 22. URL consultato il 26 maggio 2012.
  9. ^ Il ginocchio di Giuseppe Rossi si rompe di nuovo, addio Europeo Archiviato l'8 maggio 2014 in Internet Archive. sport.panorama.it
  10. ^ Niente Europeo per Lampard Al suo posto c'è Henderson, in La Gazzetta dello Sport, 31 maggio 2012. URL consultato il 26 giugno 2016.
  11. ^ Gazzetta dello sport, Ufficiale: Villa si arrende, Niente Europeo con la Spagna, su gazzetta.it, 22 maggio 2012. URL consultato il 23 maggio 2012.
  12. ^ Berezutski salta EURO, UEFA.com, 20 maggio 2012. URL consultato il 27 maggio 2012.
  13. ^ Russia a EURO senza Shishkin, UEFA.com, 24 maggio 2012. URL consultato il 27 maggio 2012.
  14. ^ Advocaat mette Nababkin nella lista finale, UEFA.com, 26 maggio 2012. URL consultato il 27 maggio 2012.
  15. ^ Il figlio d'arte Schmeichel al posto di Sørensen, UEFA.com. URL consultato il 29 maggio 2012.
  16. ^ Portogallo, Viana per Martins, UEFA.com, 23 maggio 2012. URL consultato il 26 maggio 2012.
  17. ^ (EN) Green called up after Fahey withdraws, in Rte.ie, 27 maggio 2012. URL consultato il 26 giugno 2016.
  18. ^ I convocati della Repubblica d'Irlanda, UEFA.com, 29 maggio 2012. URL consultato il 24 giugno 2012.
  19. ^ Croazia, infortunio per Olic: niente Europeo, in Il Corriere della Sera, 4 giugno 2012. URL consultato il 26 giugno 2016.
  20. ^ Ilicevic a casa, arriva Vrsaljko, in Il Corriere dello Sport, 7 giugno 2012. URL consultato il 26 giugno 2016.
  21. ^ Shovkovskiy salta EURO, in UEFA, 2 maggio 2012. URL consultato il 26 giugno 2016.
  22. ^ Christian Châtelet, Yang-Mbiwa sorpresa Francia, UEFA.com, 15 maggio 2012. URL consultato il 26 maggio 2012.
  23. ^ (EN) France striker Remy faces race against time to be fit for England clash, in The Daily Mail, 14 maggio 2012. URL consultato il 26 giugno 2016.
  24. ^ (EN) John Ruddy withdrawn, TheFA.com, 25 maggio 2012. URL consultato il 27 maggio 2012.
  25. ^ Barry non parteciperà a EURO, UEFA.com, 28 maggio 2012. URL consultato il 28 maggio 2012.
  26. ^ Alessandra Stefanelli, Inghilterra, Cahill non ce la fa: pronto Kelly, tuttoeuropei.com, 3 giugno 2012. URL consultato il 24 giugno 2012.
  27. ^ Ivan Palumbo, Stavolta Karagounis tradisce Polonia salva: pari con la Grecia, in La Gazzetta dello Sport, 8 giugno 2012. URL consultato il 22 giugno 2016.
  28. ^ Alberto Agostinis, Russia-show: è già in fuga Cechi battuti 4-1, in La Gazzetta dello Sport, 8 giugno 2012. URL consultato il 22 giugno 2016.
  29. ^ Matteo Dalla Vite, Cechi, gol a razzo La Grecia è quasi fuori dall'Euro, in La Gazzetta dello Sport, 13 giugno 2012. URL consultato il 22 giugno 2016.
  30. ^ Stefano Cantalupi, "Kuba" risolleva la Polonia Russia, occasione sprecata, in La Gazzetta dello Sport, 12 giugno 2012. URL consultato il 22 giugno 2016.
  31. ^ Polonia-Rep. Ceca da brividi Grecia all'ultima spiaggia, in La Gazzetta dello Sport, 15 giugno 2012. URL consultato il 22 giugno 2016.
  32. ^ Matteo Montagna, La Grecia fa il colpaccio Karagounis elimina la Russia, in La Gazzetta dello Sport, 16 giugno 2012. URL consultato il 22 giugno 2016.
  33. ^ Valerio Clari, La prima caduta è dell'Olanda Sorpresa Danimarca: 1-0, in La Gazzetta dello Sport, 9 giugno 2012. URL consultato il 22 giugno 2016.
  34. ^ Stefano Cantalupi, Gomez segna, Neuer para La Germania inizia bene, in La Gazzetta dello Sport, 9 giugno 2012. URL consultato il 22 giugno 2016.
  35. ^ Gaetano De Stefano, Bendtner non basta Il Portogallo vince 3-2, in La Gazzetta dello Sport, 13 giugno 2012. URL consultato il 22 giugno 2016.
  36. ^ Jacopo Gerna, Uragano Gomez, super Germania Olanda, qualificazione complicata, in La Gazzetta dello Sport, 13 giugno 2012. URL consultato il 22 giugno 2016.
  37. ^ Stefano Cantalupi, Si sveglia Ronaldo: doppietta Portogallo avanti, ciao Olanda, in La Gazzetta dello Sport, 17 giugno 2012. URL consultato il 22 giugno 2016.
  38. ^ Valerio Clari, La Germania fa tre su tre Tedeschi primi, Danimarca fuori, in La Gazzetta dello Sport, 17 giugno 2012. URL consultato il 22 giugno 2016.
  39. ^ Riccardo Pratesi, Italia, va bene così Con la Spagna è 1-1, in La Gazzetta dello Sport, 10 giugno 2012. URL consultato il 22 giugno 2016.
  40. ^ Riccardo Pratesi, Italia, altro pari con la Croazia Ora si fa tutto più complicato, in La Gazzetta dello Sport, 14 giugno 2012. URL consultato il 22 giugno 2016.
  41. ^ In Spagna si sono spaventati In Croazia si sentono derubati, in La Gazzetta dello Sport, 19 giugno 2012. URL consultato il 22 giugno 2016.
  42. ^ Riccardo Pratesi, Cassano e Balotelli L'Italia vola ai quarti, in La Gazzetta dello Sport, 18 giugno 2012. URL consultato il 22 giugno 2016.
  43. ^ Jacopo Gerna, Francia-Inghilterra, tutto qui? Nasri risponde a Lescott: 1-1, in La Gazzetta dello Sport, 11 giugno 2012. URL consultato il 22 giugno 2016.
  44. ^ Valerio Clari, Il ritorno di Sheva, eroe d'Ucraina Doppietta: batte Ibra e la Svezia, in La Gazzetta dello Sport. URL consultato il 22 giugno 2016.
  45. ^ Emiliano Pozzoni, Menez, croce e delizia La Francia c'è, Ucraina k.o., in La Gazzetta dello Sport, 15 giugno 2012. URL consultato il 22 giugno 2016.
  46. ^ (EN) Barney Ronay, Euro 2012: Theo Walcott hails Danny Welbeck's touch of Bergkamp class, in The Guardian, 17 giugno 2012. URL consultato il 22 giugno 2016.
  47. ^ Jacopo Gerna, Italia, eccoti l'Inghilterra Rooney fa fuori l'Ucraina, in La Gazzetta dello Sport, 19 giugno 2012. URL consultato il 22 giugno 2016.
  48. ^ Nicola Melillo, Francia a lezione da Ibra La Svezia saluta con onore, in La Gazzetta dello Sport, 19 giugno 2012. URL consultato il 22 giugno 2016.
  49. ^ Luca Pisapia, Euro 2012 – Ai quarti sarà Germania contro Grecia, la sfida del rigore europeo, in Il Fatto Quotidiano, 20 giugno 2012. URL consultato il 26 giugno 2016.
  50. ^ Valerio Clari, Imperioso Cristiano Ronaldo! Portogallo in semifinale, in La Gazzetta dello Sport, 21 giugno 2012. URL consultato il 26 giugno 2016.
  51. ^ Jacopo Gerna, Germania, poker che fa paura Grecia spazzata via, è semifinale, in La Gazzetta dello Sport, 22 giugno 2012. URL consultato il 26 giugno 2016.
  52. ^ Stefano Cantalupi, Spagna, ci pensa Xabi Alonso Francia spenta ed eliminata, in La Gazzetta dello Sport, 23 giugno 2012. URL consultato il 26 giugno 2016.
  53. ^ Riccardo Pratesi, Esultiamo ai rigori Battuta l'Inghilterra 4-2, in La Gazzetta dello Sport, 24 giugno 2012. URL consultato il 26 giugno 2016.
  54. ^ Stefano Cantalupi, Gioia Spagna: ancora finale Portogallo sconfitto ai rigori, in La Gazzetta dello Sport, 27 giugno 2012. URL consultato il 26 giugno 2016.
  55. ^ Riccardo Pratesi, Germania battuta Grande Italia in finale, in La Gazzetta dello Sport, 28 giugno 2012. URL consultato il 26 giugno 2016.
  56. ^ Jacopo Gerna, Spagna, il triplete è realtà Mai nessuno come la Roja, in La Gazzetta dello Sport, 29 giugno 2012. URL consultato il 26 giugno 2016.
  57. ^ Iniesta miglior giocatore degli Europei Quattro azzurri nella squadra ideale, in La Stampa, 2 luglio 2012. URL consultato il 26 giugno 2016.
  58. ^ La partita, originariamente prevista alle 21:45 UTC+3, è stata posticipata alle 22:00 UTC+3 a causa della sospensione del precedente incontro Ucraina-Francia, dovuta al maltempo.
  59. ^ Andrew Haslam, Torres vince la Scarpa d'Oro adidas[collegamento interrotto], uefa.com, 1º luglio 2012. URL consultato il 2 luglio 2012.
  60. ^ (EN) Iniesta named Best Player of the Tournament, uefa.com, 2 luglio 2012. URL consultato il 2 luglio 2012.
  61. ^ (EN) Ten Spain players in Team of the Tournament, uefa.com, 2 luglio 2012. URL consultato il 2 luglio 2012.
  62. ^ Strip di protesta, 'femen' arrestate, in repubblica.it, 8 giugno 2012.
  63. ^ Ucraina, lo sterminio dei randagi per Euro 2012
  64. ^ Ukraine's stray dogs ‘sacrificed' for Euro 2012
  65. ^ http://rt.com/news/animal-cruelty-ukraine-euro-2012-929/
  66. ^ (EN) Nicholas Kulish, Before Greeting NATO, Romanians Confront Canines, nytimes.com, 2 aprile 2008. URL consultato il 15 giugno 2012.
  67. ^ (EN) Bulgarian Professor Mauled by Stray Dogs Passes Away, novinite.com, 8 aprile 2012. URL consultato il 15 giugno 2012.
  68. ^ (EN) War of words over Sofia's stray dogs, sofiaecho.com, 2 aprile 2012. URL consultato il 15 giugno 2012.
  69. ^ (EN) Wild dogs kill British woman in Bulgaria, reports claim, guardian.co.uk, 28 novembre 2007. URL consultato il 15 giugno 2012.
  70. ^ (EN) Six-year-old killed by stray dogs. Go on, tell us it was his ‘own fault', bucharestlife.net, 27 marzo 2012. URL consultato il 15 giugno 2012 (archiviato dall'url originale il 18 giugno 2012).
  71. ^ (EN) Jovana Gec, Flooded with stray dogs, Serbia struggles to cope, seattletimes.nwsource.com, 24 marzo 2011. URL consultato il 15 giugno 2012.
  72. ^ (EN) Romania declares war on stray dogs - report, sofiaecho.com, 7 aprile 2011. URL consultato il 15 giugno 2012.
  73. ^ Olimpiadi: animalisti greci, giochi uccideranno 4 mila cani randagi, adnkronos.com, 14 agosto 2004. URL consultato il 15 giugno 2012.
  74. ^ (EN) Simon Perry, Olympics clean-up Chinese style: Inside Beijings shocking death camp for cats, dailymail.co.uk, 12 marzo 2008. URL consultato il 15 giugno 2012.
  75. ^ (EN) Alison Raymond, Animal slaughter for the World Cup?, reuters.com, 23 ottobre 2009. URL consultato il 15 giugno 2012.
  76. ^ (EN) Tymoshenko case: Europe pressure on Ukraine intensifies, su www.bbc.co.uk, 30 aprile 2012. URL consultato il 15 giugno 2016.
  77. ^ (DE) Minister fordert Boykott der Fußball EM, su www.bild.de, 30 aprile 2012. URL consultato il 15 giugno 2015.
  78. ^ Pier Ferdinando Casini, «Per Yulia Tymoshenko boicottiamo gli Europei di calcio» [collegamento interrotto], su ilmessaggero.it, 29 aprile 2012. URL consultato il 15 giugno 2016.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN144714714 · LCCN (ENnr2004020057 · GND (DE16336916-1