Bosa

comune italiano
Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Bosa (disambigua).

Bosa (IPA: [ˈbɔːza][10], Bosa in sardo o, contratto, 'Osa, pronuncia [ˈɔːza]) è un comune italiano di 7 410 abitanti[7] della provincia di Oristano[11], nella costa occidentale del centro-nord della Sardegna. Fa parte dell'Unione di comuni della Planargia. È il principale centro abitato della subregione della Planargia e si inserisce, storicamente, nel più vasto territorio del Logudoro, condividendo con quest'ultimo l'utilizzo della variante linguistica del sardo logudorese. Durante il dominio aragonese, ottenne il rango di città regia del quale attualmente permane, con l'abolizione dei privilegi feudali, il titolo onorifico di città. Insieme ad Alghero è sede vescovile della diocesi di Alghero-Bosa.

Bosa
comune
(IT) Bosa
(SC) Bosa 'Osa
Bosa – Veduta
Bosa – Veduta
Vista aerea di Bosa
Localizzazione
StatoBandiera dell'Italia Italia
Regione Sardegna
Provincia Oristano
Amministrazione
SindacoPiero Franco Casula (lista civica) dal 17-6-2019[1]
Territorio
Coordinate40°17′56.25″N 8°29′52.05″E / 40.298958°N 8.497792°E40.298958; 8.497792 (Bosa)
Altitudine2[2] m s.l.m.
Superficie128,02[6] km²
Abitanti7 410[7] (30-11-2023)
Densità57,88 ab./km²
Frazioninessuna
Comuni confinantiMagomadas, Modolo, Montresta, Padria (SS), Pozzomaggiore (SS), Suni, Villanova Monteleone (SS)
Altre informazioni
Lingueitaliano, sardo[3]
Cod. postale09089
Prefisso0785
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT095079
Cod. catastaleB068
TargaOR
Cl. sismicazona 4 (sismicità molto bassa)[8]
Cl. climaticazona B, 744 GG[9]
Nome abitanti(IT) bosani
(SC) bosincos, busincos[4] o, contratto, 'osincos
Patronosanti Emilio e Priamo
Giorno festivo28 maggio
PIL procapite(nominale) 15 658 [5]
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Bosa
Bosa
Bosa – Mappa
Bosa – Mappa
Posizione del comune di Bosa all'interno della provincia di Oristano
Sito istituzionale

Geografia fisica modifica

 
Il fiume Temo attraversa Bosa nel suo tratto finale

Territorio modifica

Il territorio di Bosa, dalla superficie di 128,02 km²[6], si trova in una regione collinare-litoranea con altitudine media di 279,1 m s.l.m., nel contesto geografico della vallata del fiume Temo, chiusa a sud dalla Planargia, a est dal Marghine e dall'Altopiano di Campeda, a ovest dal mar di Sardegna e a nord dalla dorsale dei rilievi di Sa Pittada (788 m s.l.m.) e di monte Mannu (802 m s.l.m.). Il territorio risulta compreso tra gli zero e i 788 m s.l.m.[12].

Idrologia modifica

Bosa è attraversata dal corso del Temo, l'unico fiume navigabile della Sardegna (per circa km), nella cui pianura alluvionale si trova adagiato il centro abitato. In occasione di intense precipitazioni a carattere temporalesco – accompagnate da forti venti provenienti da ovest e dall’innalzamento del livello del mare – si sono verificati frequenti episodi di straripamento del Temo con conseguenti allagamenti della città e delle campagne circostanti, anche a causa della difficoltà di deflusso a mare del fiume. La portata massima del Temo è stata registrata durante l'alluvione del 1953, allorché raggiunse i 510 metri cubi al secondo[13].

Geologia e morfologia modifica

Dal punto di vista geologico, il territorio di Bosa è alquanto eterogeneo e tormentato, caratterizzato da rocce vulcaniche risalenti al periodo oligo-miocenico, principalmente rioliti, riodaciti e daciti con alcuni affioramenti di rocce basaltiche. Il Temo separa a monte le ampie formazioni trachitoidi inferiori di monte Navrino (532 m) dalle andesiti superiori più orientali di monte Pedru (409 m) e di monte Rughe (666 m). Sulla costa, molto frastagliata e lunga 33 km, si distinguono i tufi trachitici a sud del promontorio di punta Argentina dalle più antiche andesiti inferiori di capo Marrargiu, dove si aprono grotte naturali e miniere sfruttate fino ai primi del Novecento[14].

Sismologia modifica

Il pericolo sismico risulta esiguo. Il comune è stato infatti classificato dal Dipartimento della protezione civile come «zona 4» («sismicità molto bassa»)[15]. Con scarsa frequenza si sono state registrate, a Bosa, leggere o moderate scosse di terremoto; da ultimo, il 26 aprile 2000 è stato avvertito un fenomeno sismico di magnitudo 3,8 della scala Richter con epicentro nel Tirreno centrale, al largo di Posada[16].

Clima modifica

Il clima di Bosa è classificato come mediterraneo, con inverni miti e umidi ed estati calde e secche. In base alle medie climatiche degli anni 1971-2000, la temperatura media del mese più freddo, gennaio, è di 9,8 °C, mentre quella del mese più caldo, agosto, è di 23,9 °C; mediamente si contano 5 giorni di gelo all'anno e 40 giorni annui con temperatura massima uguale o superiore ai 30 °C. Nel periodo esaminato, i valori estremi di temperatura sono i 41,9 °C del mese di agosto del 2017 e i −4,8 °C del mese di gennaio del 1981.

Le precipitazioni medie annue si attestano a 573 mm, mediamente distribuite in 65 giorni, presentando una distribuzione stagionale fortemente irregolare[17], con un elevato indice di intensità a partire dalla fine di autunno e l'inizio dell'inverno, specialmente tra novembre e dicembre. Dopo una breve diminuzione, i fenomeni piovaschi riprendono tra la fine di gennaio e l'inizio della primavera. Nel mese di maggio, poi, le precipitazioni subiscono un'inflessione che ha il suo culmine durante i mesi estivi e si protrae, spesso, fino a settembre.

A Bosa, alle condizioni di maltempo, durante l'inverno e la primavera, si associano sovente i venti del IV quadrante, provenienti da nord-ovest e da sud-ovest, e – in particolare – il maestrale, che può raggiungere la velocità di 100-120 km/h[18].

L'umidità relativa media annua fa registrare il valore di 75,3% con un minimo di 69% a luglio e un massimo di 80% a dicembre; mediamente si contano 44 giorni all'anno con episodi nebbiosi.

Di seguito è riportata la tabella con le medie climatiche e i valori massimi e minimi assoluti registrati dalla stazione meteorologica di Alghero Fertilia negli anni 1971-2000 e pubblicati nell'Atlante Climatico d'Italia del Servizio meteorologico dell'Aeronautica Militare[19]:

ALGHERO FERTILIA
(1971-2000)
Mesi Stagioni Anno
Gen Feb Mar Apr Mag Giu Lug Ago Set Ott Nov Dic InvPriEst Aut
T. max. media (°C) 13,814,015,517,622,026,029,429,826,622,317,614,714,218,428,422,220,8
T. min. media (°C) 5,85,76,58,311,515,017,418,015,812,89,16,86,18,816,812,611,1
T. max. assoluta (°C) 20,6
(1997)
23,0
(1979)
26,0
(1974)
28,2
(1999)
33,0
(1981)
37,1
(1998)
41,8
(1983)
39,8
(1999)
35,6
(1975)
32,0
(1991)
26,2
(1984)
21,4
(1989)
23,033,041,835,641,8
T. min. assoluta (°C) −4,8
(1981)
−3,0
(1993)
−2,8
(1993)
−2,4
(1995)
4,4
(1991)
8,0
(1986)
10,3
(1981)
10,2
(1985)
9,5
(1996)
5,4
(1983)
−1,1
(1995)
−3,0
(1991)
−4,8−2,88,0−1,1−4,8
Giorni di calura (Tmax ≥ 30 °C) 000005141650000035540
Giorni di gelo (Tmin ≤ 0 °C) 21100000000141005
Precipitazioni (mm) 71,756,261,849,227,217,05,324,738,180,178,963,2191,1138,247,0197,1573,4
Giorni di pioggia 887742124787231851965
Giorni di nebbia 544352342444131291044
Umidità relativa media (%) 7978777674726971737679807975,770,77675,3

Origini del nome modifica

 
Disegno dell'iscrizione fenicia, oggi perduta, che conterrebbe il termine «bosano»

Un'epigrafe fenicia[21] databile al IX secolo a.C. – e oggi perduta – documenterebbe per la prima volta l'esistenza un etnico collettivo BŠʾN (in fenicio: 𐤁𐤔𐤀𐤍), riferito alla popolazione di questo luogo. Diversi studiosi, però, ritengono che tale iscrizione fosse un falso o negano che potesse leggersi in essa il termine «bosano» (così, da ultimo, Giovanni Garbini)[22]. In ogni caso, l'etnico latino bosanus è attestato con certezza in un'iscrizione della prima età imperiale e il nome di Bosa compare in questa forma in Tolomeo (II secolo), nell'Itinerario antonino[23] (III secolo), nella Cosmografia ravennate (VII secolo) e per tutto il Medioevo. Priva di riscontri storici è invece la leggenda seicentesca secondo la quale la Bosa delle origini si sarebbe chiamata Calmedia, in onore della sua mitologica fondatrice, l'omonima figlia del Sardus Pater[24].

Quanto all'etimologia del toponimo, il linguista Massimo Pittau ne ha affermato l'origine preindoeuropea[25]. L'appellativo bosa indicherebbe un contenitore a forma di catino, immagine che richiamerebbe la morfologia del territorio su cui sorge la città, racchiusa in una vallata circondata da colline[26]. Eduardo Blasco Ferrer, invece, ritiene che il toponimo derivi dal paleosardo osa, con b prostetica, termine che significherebbe "foce"[27].

Storia modifica

  Lo stesso argomento in dettaglio: Storia di Bosa.
(LA)

«Bosa […] est civitas insignis, et de principalioribus dicti regni»

(IT)

«Bosa […] è una città insigne e tra le più importanti del suddetto regno [di Sardegna]»

Preistoria modifica

Il territorio di Bosa fu abitato già in epoca preistorica e protostorica come dimostrano le domus de janas mono o bicellulari presenti in diverse località comunali. Il rilevante numero e la loro superficie, che giunge sino a 88,53 , testimoniano una frequentazione umana piuttosto aggregata ascrivibile all'Età del Rame (per le tombe dotate di dromos) o alla cultura di Ozieri e al Neolitico recente[29].

Poco numerose sono, invece, le testimonianze riconducibili all'Età del bronzo e alla civiltà nuragica, tra le quali rientrano i nuraghi di Monte Furru, di S'Abba Druche, di Mesu 'e Rocas e di Santu Lò[29].

Storia antica fenicio-punica (IX-III secolo a.C.) e romana (238 a.C.-456) modifica

 
Teste marmoree di Giove Ammone e di una replica di Dionysos Tàuros di età antonina rinvenute nel fiume Temo nel 1975

Se il territorio di Bosa è stato senz'altro abitato in epoca nuragica, nulla di certo si conosce, invece, circa lo stanziamento di un eventuale insediamento o emporio fondato dai Fenici o dai Punici, la cui frequentazione della zona, quantomeno a fini commerciali, sarebbe attestata dal rinvenimento di reperti e da toponimi locali di origine fenicia o cartaginese. I Punici, così come successivamente anche i Romani (che costruirono un insediamento produttivo a S'Abba Druche, sfruttando precedenti costruzioni nuragiche)[30][31], dovettero usare per l'approdo la foce del Temo, allora all'altezza della località Terridi-Sa Molina e difesa dal maestrale e dalle mareggiate grazie al riparo offerto dall'Isola Rossa e dall'altopiano di Sa Sea. Di tale porto restano ancora tracce di bitte per l'attracco delle barche.

Forse proprio lì o, secondo l'ipotesi tradizionalmente accreditata, nella vallata di Messerchimbe, più all'interno e sulla sponda sinistra del fiume, si sarebbe sviluppato un precedente centro abitato[32].

Studiosi come gli archeologi Antonietta Boninu e Marcello Madau, in base alla conformazione del luogo, sostengono che in età cartaginese il sito urbano, piuttosto che essere all'altezza di Messerchimbe, si trovasse sulla riva destra (tra Prammas, Padruaccas e Contra). Sull'altra sponda si sarebbero concentrate l'area sacra e la necropoli. In tal caso si potrebbe pensare a uno sdoppiamento e a una progressiva traslazione dell'abitato in età bizantina, con un nuovo agglomerato formatosi intorno alla cattedrale di San Pietro, sul sito della vecchia necropoli (di cui sono state rinvenute numerose iscrizioni funerarie romane).

In ogni caso, dalla strada costiera occidentale, che superava il Temo a Pont'Ezzu (di cui permangono le rovine), Bosa era collegata direttamente a sud con Cornus (presso Cuglieri) e a nord con Carbia (Nostra Signora di Calvia, località a sud di Alghero).

In Età Romana la città divenne, forse dalla prima età imperiale, un municipio con un proprio ordine di decurioni e un collegium di quattuorviri. L'introduzione della religione pagana romana è attestato dal rinvenimento di teste marmoree di Giove e di Dioniso, nonché di statue di Ercole. Il culto imperiale è documentato da un'epigrafe in marmo che ricorda la dedica, fra il 138 e il 141, da parte di un magistrato o sacerdote locale, di quattro statuette in argento, raffiguranti Antonino Pio, Faustina maggiore, Marco Aurelio e Lucio Vero[33]. All'età antonina risale anche la promozione di un anonimo flamine municipale bosano al massimo sacerdozio provinciale dell'isola[34].

Medioevo vandalo (456-534), bizantino (534-851) e giudicale (851-1259) modifica

 
Facciata della chiesa di San Pietro

Dopo il crollo dell’Impero romano d’Occidente, la Sardegna subì dapprima l’invasione dei Vandali e poi il dominio bizantino. Quando anche l’apparato amministrativo dell’impero bizantino si dissolse, a causa delle incursioni Arabe, in Sardegna si affermarono – come autonomi regni – quattro Giudicati. Bosa divenne così il centro principale della Curatoria di Frussia, all’interno del Giudicato di Torres, nonché sede episcopale.

Tra il 1053 e il 1073[35], fu eretta la cattedrale dedicata a San Pietro, con annesso il quartiere vescovile, nei pressi del ponte romano e in posizione strategica per la riscossione dei dazi e il controllo dei traffici commerciali dall’entroterra al porto fluviale. Dopo un lungo periodo di influenza bizantina, la decisione di Costantino de Castra (primo vescovo di Bosa di cui si abbia notizia) di intitolare a San Pietro la cattedrale bosana può essere forse intesa come segno di schieramento dalla parte del pontefice romano dopo il Grande Scisma del 1054; del resto, Costantino de Castra, come sappiamo da una lettera del 1073 di Papa Gregorio VII, fu impegnato personalmente nella propaganda cattolica presso i Giudici della Sardegna.

Il porto di Bosa divenne, dopo quello di Torres, il più importante del nord-ovest della Sardegna. Inserito nei traffici commerciali delle principali potenze del Mediterraneo, nei suoi pressi si stanziarono, con propri fondaci mercantili, anche comunità di commercianti stranieri, in particolare ebrei[36] e pisani e, successivamente, liguri e marsigliesi rappresentati questi ultimi in città, così come i Pisani, da appositi consoli già nel XIII secolo[37].

Nella seconda metà del Duecento, il Giudicato di Torres subì però un progressivo indebolimento e vide l'aumento dell'influenza nell'isola di alcune nobili famiglie genovesi, toscane e lombarde, spesso assicurata per via matrimoniale. Fu in questo contesto che, come si legge nella terza redazione del Commento alla Divina Commedia di Pietro Alighieri (1358 circa), il marchese toscano Corrado Malaspina sposò (prima del 1232) una nobildonna (forse di nome Urica e figlia naturale del giudice Mariano II di Torres) dalla quale avrebbe ricevuto in dote alcune terre a Bosa e a Osilo.

Medioevo malaspiniano (1259-1317) e arborense-aragonese (1317-1409) modifica

 
Veduta del Castello di Serravalle

L'apparato amministrativo del giudicato turritano si disgregò con la morte della giudicessa Adelasia di Torres, che avvenne nel 1259 e determinò l'affermarsi, nel nord Sardegna, di numerose signorie locali.

In questo contesto, nella seconda metà del Duecento, i Malaspina edificarono a Bosa il castello sul colle di Serravalle[38]. L'area sottostante la roccaforte – nella quale erano forse presenti già degli insediamenti – fu quindi lottizzata e progressivamente abitata. Dopo un lento processo di agglomerazione urbana, che troverà compimento soltanto in epoca arborense-aragonese, vi si trasferì anche il vescovo, di modo che a San Pietro – distante due chilometri dall’abitato medievale – non rimasero che le vestigia dell’antica cattedrale.

Infine, nel 1297, Papa Bonifacio VIII istituì il Regno di Sardegna e Corsica, che concesse al re Giacomo II d'Aragona. I Malaspina, temendo l'invasione aragonese, potenziarono il castello con una torre maestra che ricorda quelle cagliaritane dell'Elefante e di San Pancrazio (1305 e 1307), costruite da Giovanni Capula, il quale aveva forse edificato anche quella bosana[39].

Il 2 novembre 1308, i Malaspina cedettero alcune quote di proprietà del castello di Bosa (non del borgo, che era libero), della Planargia e del Costavalle ai Giudici di Arborea. Questi ultimi giunsero ad avere un pieno possesso dei territori e del castello a partire dal 1317. Così, essendosi gli Arborea alleati con gli Aragonesi, fu possibile per l'infante Alfonso IV d'Aragona, prendere possesso del castello di Bosa attraverso lo spagnolo Pietro Ortis, con il consenso del Giudice d’Arborea. I Malaspina, che rivendicavano i propri diritti sul castello, uscirono però definitivamente dalla storia bosana solo quando l'11 giugno 1326 trattarono con il re d'Aragona la cessione di Bosa e della Curatoria di Planargia. Ottenuto un pieno diritto sul Bosa, il 1º maggio 1328 Alfonso la concesse in feudo al giudice Ugone II di Arborea: la città e il suo territorio entrarono allora a far parte delle terre extra iudicatum degli Arborea.

Il figlio di Ugone, Mariano IV, ruppe però l'alleanza con gli Aragonesi e, nel 1349, con l’obiettivo di unificare la Sardegna sotto di sé, fece imprigionare l fratello Giovanni, Signore di Bosa dal 1338 e fedele alla vecchia alleanza. Il castello di Bosa era una roccaforte di grande importanza strategica per il controllo della Sardegna e tanto Mariano quanto Pietro IV il Cerimonioso, erano desiderosi di impossessarsene. Cercarono dunque di farselo cedere dalla moglie di Giovanni, la catalana Sibilla di Moncada; ma ella tirò per le lunghe le trattative, finché il 20 giugno 1352 Mariano lo prese con la forza. Bosa fu quindi sotto il controllo di Ugone III (1376-1383) e di Eleonora d’Arborea (1383-1404), che ne fecero la loro roccaforte nella guerra contro gli Aragonesi. Alle trattative di pace tra Eleonora e Giovanni I d'Aragona, il 24 gennaio 1388, la città inviò il proprio podestà con centuno rappresentanti che firmarono gli atti, separatamente dal castellano e dai funzionari e rappresentanti feudali. L'esistenza a quel tempo di un'organizzazione comunale, oltre che da questo fatto, è dimostrata dai quattro capitoli degli statuti di Bosa citati in un atto notarile seicentesco. La città era divisa tra la parte di pertinenza del castello e, quindi, soggetta al feudatario e il libero comune, retto dagli statuti.

Periodo aragonese-feudale (1409-1559) modifica

La guerra però riprese, e quando gli Aragonesi il 30 giugno 1409 sconfissero il Giudice Guglielmo II di Narbona a Sanluri, il Giudicato d'Arborea, ultimo dei regni sardi indipendenti, cessò di esistere, e l'anno successivo Bosa passò definitivamente sotto il controllo della Corona d'Aragona. Poco dopo la conquista aragonese, il 15 giugno 1413, Bosa e la Planargia furono unite al patrimonio regio e la città, riconosciuti privilegi e consuetudini, fu organizzata come un comune catalano. L'organo cittadino era il consiglio generale, col potere di deliberare, dal quale erano scelti i cinque consiglieri, uno per ogni classe di censo, che formavano l'organo esecutivo; il primo consigliere rivestiva la funzione di sindaco, e rappresentava la città.

Quanto al castello, esso era retto da un capitano o castellano, di nomina regia, che ne curava la difesa; il re nominava anche il doganiere o maggiore del porto, il mostazaffo e il podestà, che amministrava la giustizia e controllava per conto della corona l'operato dei consiglieri. Alle dipendenze del consiglio era poi l'ufficiale che governava la Planargia. In teoria tutte le cariche dovevano essere ricoperte da sardi nativi o residenti a Bosa o nella Planargia; ma sebbene questo diritto fosse stato ribadito più volte, di fatto venne spesso calpestato. Tra la città e il castello, poi, la convivenza non fu pacifica al punto che il castellano Pietro di San Giovanni, macchiatosi di abusi e angherie, fu deposto da Alfonso V d'Aragona su richiesta dei sindaci Nicolò de Balbo e Giacomo de Milia, convocati al Parlamento sardo del 1421. In questa stessa sede, inoltre, il re ribadì il privilegio dapprima concesso alla città da Ferdinando I, per il quale la villa e il suo territorio non potevano essere infeudati né separati dal patrimonio regio, confermando, infine, gli Statuti cittadini e le franchigie concesse al suo tempo dai sovrani arborensi. Sotto il regno di Giovanni II d'Aragona a Bosa funzionò anche una zecca, che emetteva monete, destinate a una circolazione locale. Di queste sono stati rinvenuti alcuni esemplari appartenenti a due diversi conii[40].

Reale minuto della zecca di Bosa
 
Nel diritto, + IOANES : REX A (Giovanni Re d'A[ragona]) fra due cerchi di perline, scudo di Aragona Nel rovescio, CI VI BO SE (città di Bosa) fra due cerchi di perline, croce accantonata da quattro globetti
Bosa 1458-1479 circa, 1,30g

Il 23 settembre 1468 il castellano di Bosa, Giovanni di Villamarí, capitano generale della flotta reale, ottenne in feudo la città, il castello e la Planargia di Bosa (con le ville di Suni, Sagama, Tresnuraghes, Sindia, Magomadas, Tinnura e Modolo), di cui divenne barone. Il Villamarí tuttavia prestò omaggio alla città e ne mantenne sostanzialmente le istituzioni. In questi tempi Bosa si trovò ad avere il singolare privilegio di partecipare a tutti i tre stamenti del parlamento sardo, attraverso il feudatario del castello (braccio militare), il vescovo (braccio ecclesiastico) e i delegati dei cittadini (braccio reale).

Nel 1478 il castello di Serravalle vide la fine delle ultime speranze di indipendenza dei sardi, quando il marchese di Oristano, Leonardo de Alagón, vinto a Macomer, trovò in città l'ultimo rifugio, prima di essere catturato da una nave spagnola, mentre fuggiva verso Genova. Ereditata da Bernardo di Villamarí il 24 dicembre 1479, Bosa ottenne sempre maggiori privilegi commerciali, che ne fecero una città prospera, spesso ai danni della vicina e rivale Alghero. Il 30 settembre 1499 una prammatica di Ferdinando il Cattolico la inserì tra le libere città reali, concedendole i privilegi connessi a tale titolo; essa restò tuttavia infeudata ai Villamarí, di cui anzi il 18 luglio 1502 divenne possedimento allodiale. La fioritura continuò però anche sotto la figlia di Bernardo, Isabella, principessa di Salerno, che la resse tra il 1515-1518 e il 1559, facendole guadagnare terreno nei mercati dell'isola anche su Oristano. Ma proprio allora l'economia bosana dovette subire un duro colpo.

Nel 1527, durante la guerra tra la Francia di Francesco I e l'Impero di Carlo V, mentre i lanzichenecchi saccheggiavano Roma, i francesi contesero alla corona di Spagna il possesso della Sardegna. Entrati a Sassari alla fine di dicembre, la saccheggiarono, incutendo terrore nelle altre città sarde. I bosani, per impedire un assalto della flotta francese, l'anno successivo ostruirono con dei massi la foce del Temo, determinando così il rapido decadimento del porto e l'inizio di un lungo periodo di straripamenti del Temo che resero l'ambiente malsano. Da allora le imbarcazioni presero ad attraccare all'Isola Rossa. Per questi motivi, convocato il Parlamento Generale nel 1641, il Sindaco di Bosa chiese «che si provvedesse a sgombrar dalla sabbia la foce del fiume, il quale nella primavera restava chiuso in modo che si potea passare a piede asciutto da una parte nell'altra, e bisognava a forza di braccia trasportare i battelli da una parte all'altra», rappresentò, inoltre, che una tale situazione recava danno al commercio, «non potendo le barche entrare nel fiume sino alla città; ed il danno della sanità, perché il fiume si cangiava in una palude»[41].

Evo moderno spagnolo (1559-1714) modifica

 
Particolare della carta Descripción de la isla y Reyno de Sardeña con Bosa e le ville della Planargia, XVII secolo

Durante il regno di Filippo II di Spagna (1556-1598), nel 1559, Isabella Villamarina morì senza discendenti lasciando un'eredità gravata da ingenti debiti. La contessa Maria de Cardona (1509-1563), le successe nella titolarità del feudo bosano. Morendo quest'ultima senza discendenza nel 1563, ne dispose a favore del duca di Alcalá, Pedro Afán de Ribera (1509-1571), che — a causa delle gravi passività gravanti sull'eredità — vi rinunciò il 25 maggio 1563. In esecuzione di un decreto che stabiliva l'unione alla corona dei feudi vacanti, il Supremo Consiglio d'Italia e quello d'Aragona furono chiamati a stabilire un prezzo di acquisto per la città di Bosa e per la Planargia. Il re Filippo II si obbligò a pagare i creditori ereditari e, contestualmente, acquistò Bosa e la Planargia al patrimonio della corona. Da allora Bosa divenne a tutti gli effetti una città regia, cessando di essere sotto un'autorità feudale. Nel 1564, su richiesta dello Stamento militare, vennero tradotti in lingua catalana gli statuti di Bosa, originariamente in lingua pisana[42]. Nel 1568, il re ordinò che venisse soppresso l'ufficio di governatore della città di Bosa, surrogandovi un podestà, e, nel contempo, che fosse nominato un ufficiale regio per la Planargia[43].

Filippo II, nel 1572, diede anche il via a un progetto di fortificazione delle coste sarde. In questo contesto si inseriscono le prime testimonianze della torre dell'Isola Rossa, allora denominata torre del porto.

La seconda metà del Cinquecento rappresentò per Bosa un'era di grandi cambiamenti anche sul piano culturale. Già dal 1569 operava, come canonico della cattedrale, Gerolamo Araolla, il maggiore poeta in lingua sarda dell'età spagnola, che a Bosa compose le sue opere[44].

 
Frontespizio delle Rime Diverse di Pietro Delitala, 1596

Nel 1591 fu consacrato vescovo Giovanni Francesco Fara, il padre della storiografia sarda. Egli diresse la chiesa bosana soltanto per sei mesi ma subito convocò il sinodo diocesano (10-12 giugno 1591), e con le sue costituzioni riorganizzò la diocesi secondo i canoni tridentini. Con tutta probabilità si deve a lui la costituzione dell'archivio diocesano e l'avvio della redazione dei cinque libri, il cui documento più antico conservato oggi è del 1594. All'interessamento del Fara dovette probabilmente la libertà e la possibilità di uscire di prigione il poeta bosano Pietro Delitala, uno tra i primi autori sardi a usare nella sua opera la lingua italiana[45]. Dal carcere indirizzò alcuni sonetti di supplica al vescovo, e da altre liriche si evince che nel 1590 era tornato in libertà. Trascorse i suoi ultimi anni a Bosa, fu podestà della città e cavaliere nello Stamento militare del Parlamento del Regno di Sardegna[46].

Durante il regno di Filippo III di Spagna (1598-1621), arrivarono a Bosa i Cappuccini, che in città edificarono un convento (1609), e furono fondate le confraternite della Santa Croce e del Rosario, nonché i gremi dei sarti e calzolai e dei fabbri[47]. Il nuovo secolo fu però un periodo di grande decadenza, come per tutti i domìni spagnoli, anche per Bosa. Apertosi con la grave inondazione del 1606, funestato dalla peste (1652-1656), da un violento incendio (1663), dalla grande carestia del 1680, dalle continue incursioni ottomane e dalla forte recessione economica, vide precipitare la sua popolazione. Né dovette giovare molto la concessione dello statuto di porto franco nel 1626.

Durante il regno di Filippo IV di Spagna (1621-1665), gli urgenti bisogni finanziari derivanti dalla Guerra d'Italia spinsero la corona a vendere all'incanto i territori e le ville della Planargia insieme al castello di Serravalle e ad eccezione della libera città di Bosa. La regione fu venduta ad Antonio Brondo y Ruecas, marchese di Villacidro. Bosa fu così obbligata a fare a meno dei contributi in grano che gli erano garantiti dall'entroterra planargese[48].

 
Jacques Petré - Vue de la Ville de Boze a L'ouest de l'Isle de Sardaigne entre le Cap de la casse et le gonfe de L'Oristan (1679-1680), Biblioteca nazionale di Francia, Parigi

Durante il regno di Carlo II di Spagna (1665-1700), il feudo della Planargia era poverissimo e spopolato, nonché caduto nel disinteresse dei suoi signori, al punto che la città di Bosa ne aveva ripreso di fatto il controllo. Fu così che, nel 1670 la Planargia fu messa all'incanto dalla famiglia Brondo che, nel frattempo si era gravemente indebitata. Il feudo trovò un acquirente soltanto nel 1698 in Giuseppe Olives[49].

Nel 1700 morì Carlo II e gli successe, per disposizione testamentaria, Filippo V di Spagna (1700-1724). L'arciduca d'Austria, Carlo VI d'Asburgo, avanzò pretese sul trono, scatenando la Guerra di successione spagnola. Fu così che, nell'agosto del 1708, le truppe anglo-olandesi — alleate dell'arciduca — effettuarono una spedizione in Sardegna e, con la resa di Cagliari, Alghero e Castelsardo, posero fine al dominio iberico sull'isola. La Sardegna cessò così di essere un regno in unione personale con la corona di Spagna[50].

Periodo austriaco (1714-1718) e sardo-piemontese (1718-1861) modifica

Passata con l'intera Sardegna agli Asburgo d'Austria nel 1714, quindi ai Savoia tra il 1718 e il 1720, la città riacquistò via via una certa importanza: già nel 1721 le barche coralline napoletane furono autorizzate a far quarantena anche nel porto di Bosa, e di conseguenza fu inaugurato un lazzaretto a Santa Giusta. La popolazione era andata in quegli anni progressivamente aumentando, tanto che dai 3 335 abitanti del 1698, si era giunti nel 1728 a 3 885, e nel 1751 a 4 609. Nel 1750 Carlo Emanuele III autorizzò un gruppo di coloni provenienti dalla Morea a insediarsi su una parte del territorio di Bosa: fu così fondata San Cristoforo, l’attuale Montresta[51]. Gli immigrati, però, furono insediati in territori usati dai pastori bosani e furono oggetto di un’aperta ostilità, spesso sfociata in fatti di sangue: un secolo dopo, secondo l'Angius, delle famiglie greche restavano due soli membri.

Nel 1770 il Viceré Des Hayes visitò Bosa e segnalò lo stato d’abbandono degli uffici e in particolare degli archivi. Il 4 maggio 1807 Bosa divenne capoluogo di provincia per un decreto del re Vittorio Emanuele I e nel 1848, in seguito all'abolizione delle province, fu inclusa nella divisione amministrativa di Nuoro. Nel 1859 le province furono ripristinate e la città entrò a far parte della Provincia di Sassari.

Nel 1860 fu istituito e iniziò a funzionare a Bosa, sotto la direzione del canonico Gavino Nino, quello che fu il primo regio ginnasio della Sardegna, nonché uno dei primi d'Italia (il ginnasio fu infatti istituito nel 1859 dalla legge Casati per il Regno di Sardegna e soltanto dopo l'Unità fu esteso in tutto il Paese)[52].

Dall'unità d'Italia ad oggi (1861-XXI secolo) modifica

 
Panorama di Bosa, xilografia di Barberis (1895)

La città conobbe nell'Ottocento un incremento demografico progressivo ma lento: la popolazione passò via via dai 5 600 abitanti del 1821 ai 6 846 del 1901. Si sviluppò l'attività della concia delle pelli, mentre le vecchie mura vennero abbattute e già alla metà del XIX secolo la città si ampliò verso il mare, secondo le indicazioni del piano d'ornato di Pietro Cadolini (1867). Il rinnovamento delle vecchie infrastrutture, come il ponte sul Temo (1871), e le nuove costruzioni, quali l'acquedotto (1877) e la rete fognaria – che posero rimedio all'ambiente insalubre della città – o la strada ferrata a scartamento ridotto per Macomer, segnarono un risveglio che soltanto dopo la grande guerra conobbe un sensibile rallentamento.

Dopo decenni di rimostranze – manifestate anche nel 1845 al re Carlo Alberto in occasione di una visita alla città – nel 1863 fu approvata la costruzione del porto, che era ormai scomparso da più di trecento anni[53]. Dal 1869 furono dunque avviati i lavori per la congiunzione dell’Isola Rossa alla terraferma, senza però ottenere risultati apprezzabili. Le opere pubbliche di questi anni diedero al centro un aspetto dignitoso ancora oggi fruibile; tuttavia per il comune di allora, accanto al miglioramento delle condizioni di vita, significarono anche un forte indebitamento, che con gli anni, sommandosi alla forte pressione fiscale, diede origine a una rivolta popolare (14 aprile 1889)[54].

Sul piano amministrativo, il 1927 vide l'istituzione della Provincia di Nuoro e l'accorpamento a essa della città di Bosa, staccatasi dalla Provincia di Sassari. Nel 1935 si ebbe la visita di Benito Mussolini.

Per tutto il corso del Novecento la popolazione conobbe un'evoluzione relativamente modesta (8 632 abitanti nel 1971, ma 7 935 nel 2001). Nell’ultima metà del XX secolo, l'espansione urbana, alimentata dall’abbandono della borgata di Sa Costa, ha portato a un intenso fermento edilizio, con la costruzione di ampi quartieri, spesso adagiati sulla vallata alluvionale. Si è infine assistito al congiungimento del centro con la marina, con la costruzione di un ponte negli anni Ottanta.

Un processo di accentramento degli investimenti in corrispondenza dei centri sardi maggiormente connessi alle infrastrutture e alle reti di trasporto, ha ostacolato lo sviluppo dei settori primario e terziario. Tuttavia, in seguito all'apertura della litoranea per Alghero e all’intensificarsi dei traffici turistici provenienti dall’aeroporto di Alghero-Fertilia, la città appare avviata verso un discreto rilancio turistico.

Ai sensi della Legge Regionale n. 10 del 13 ottobre 2003, che ha ridefinito le circoscrizioni delle nuove province sarde, il comune di Bosa è passato dalla Provincia di Nuoro alla Provincia di Oristano.

Simboli modifica

 
Lo stemma del comune di Bosa

Il comune di Bosa ha come segno distintivo lo stemma concesso il 15 gennaio 1767 con diploma di motuproprio del re di Sardegna Carlo Emanuele III e confermato con un decreto del capo di Governo del 24 settembre 1931[55]. Si tratta di uno scudo interposto a due fronde di palma e sormontato da una corona comitale (d'oro, cimata da nove perle visibili sostenute da punte); all'interno dello scudo, nella parte inferiore (2/3) in campo azzurro, un castello d'oro, murato di nero, fondato in punta, aperto del campo, esso castello munito di tre torri finestrate e merlate di quattro alla guelfa, la torre centrale più alta e più larga, e nel capo (1/3) una croce di Savoia (d'argento al campo rosso).

 
Il sigillo di Bosa tra il 1585 e il 1602, sotto il dominio aragonese.

Fino al XVIII secolo, lo scudo di Bosa era sormontato da una corona reale aperta, per antico privilegio concesso dai re spagnoli, e al suo interno erano presenti le barre del Regno d'Aragona. Nel 1766, il ministro sabaudo Giovanni Battista Lorenzo Bogino, ritenendo opportuno eliminare le insegne della signoria iberica dagli scudi delle città sarde, ne consigliò la sostituzione con la croce di Savoia. Per questo motivo, il re di Sardegna concesse il privilegio di fregiarsi dell'insegna reale, oltre che a Bosa, alle città di Cagliari, Oristano, Sassari e Alghero (che nel 1999 rimosse la croce sabauda a favore delle barre d'Aragona)[56]. La corona reale fu poi sostituita con quella marchionale nei casi di Cagliari e Sassari, mentre a Bosa, ad Alghero e a Oristano fu riservato il privilegio di fregiarsi della corona comitale, in sostituzione della corona turrita normalmente attribuita ai comuni insigniti del titolo di città[57].

Onorificenze modifica

Bosa ottenne il titolo di città regia nel 1499, attraverso una Prammatica Sanzione di Ferdinando II d'Aragona. L'utilizzo dell'onorificenza venne confermata consuetudinariamente nelle forme riconosciute dall'ordinamento del Regno di Sardegna e d'Italia, prima, e dalla Repubblica italiana, poi.

— 30 settembre 1499[58]

Monumenti e luoghi d'interesse modifica

Architetture religiose modifica

Numerosi sono gli edifici religiosi eretti sul territorio comunale, molti dei quali continuano ad arricchire il tessuto urbano cittadino, fornendo testimonianza del variare del gusto architettonico e del modo di intendere la fede nel corso dei secoli, dagli ambienti spogli di una delle prime costruzioni romaniche della Sardegna, la chiesa di San Pietro, per arrivare agli interni barocchi della concattedrale dell'Immacolata Concezione, passando per i messaggi biblici espressi dagli affreschi della chiesa palatina di Nostra Signora de Sos Regnos Altos, rarissimo esempio di pittura parietale trecentesca nella regione. Tra gli edifici religiosi scomparsi, invece, si annoverano le chiese di Santa Maria Maddalena (distrutta nel 1870 per far spazio all'attuale piazza Costituzione)[59] e diversi altri, abbandonati nel tempo[60].

Chiese paleocristiane, medievali e cistercensi modifica

 
Elementi architettonici gotico-romanici nel prospetto della chiesa di San Pietro

Forse già in epoca paleocristiana fu eretta la chiesa di San Giovanni Battista presso il cimitero, con funzione di tempio battesimale[61]; fu anche parrocchia cittadina fino al 1595, quando con bolla del papa Clemente VIII il battistero e la parrocchia furono trasferiti presso la chiesa di Santa Maria (l’attuale concattedrale dell’Immacolata). La chiesa era anche funeraria: il pavimento è costituito da sessantadue tombe di arenaria, su alcune delle quali poggiano le successive arcate gotico-catalane dell’edificio. Sulla parete di destra, a partire dall’ingresso, vi sono i resti di un affresco con simboli nobiliari e una figura umana nell’atto di cedere uno scettro. Una cappella con arcata a tutto sesto è dedicata a Nostra Signora d’Itria. Il presbiterio risale al Settecento[62].

Prima dell'XI secolo fu poi innalzata la chiesetta campestre di San Giorgio martire guerriero, sulla riva sinistra del Temo, più volte rimaneggiata nei secoli successivi, da ultimo mediante un portale barocco[63] e da ultimo restaurata nel 1970.

In epoca medievale venne costruita, presso la fonte di Contra, in un sito già frequentato in antichità, la chiesa di San Bacchisio (intitolata ai medici e martiri Cosma e Damiano dopo le pestilenze del XV e del XVI secolo[64]). Nel medesimo periodo fu eretta la chiesetta di Sant'Eligio la quale poggia le fondamenta sui ruderi di un nuraghe, come molte chiese paleocristiane e del primo Medioevo. Ulteriori chiesette campestri di antica e incerta datazione sono dedicate, rispettivamente, a santa Maria di Turudas, santa Maria di Prammas e san Martino vescovo.

Al XIII secolo si fa risalire l'erezione della chiesa di Santa Maria di Caraveta con l'annesso monastero maschile cistercense, in località Abbamala, (già in stato di abbandono nel 1580). Una seconda chiesa cistercense, intitolata a santa Maria Salvada e con un monastero femminile annesso, sorgeva nei pressi della fonte di Su Anzu[65]. Agli inizi del secolo risale anche la costruzione, ai piedi del colle di Serravalle, della chiesa di Santa Maria, sulla quale verrà edificata la cattedrale ottocentesca. Tra il XII e il XIII secolo fu anche costruita, forse su un edificio preesistente, la chiesa palatina del castello[66].

Chiesa di San Pietro
Nell'XI secolo, nei pressi della necropoli dell'abitato romano e bizantino, in località Calameda, si edificò l'antica chiesa di San Pietro in stile romanico lombardo[67] (o pisano)[68]. La fase romanica dell'edificio è inquadrabile tra il sesto e il settimo decennio del Mille grazie a due iscrizioni. La prima, incisa in una lesena absidale, ricorda la cerimonia della posa della prima pietra della chiesa da parte del vescovo di Bosa, Costantino de Castra, in un anno la cui lettura (a causa di un tentativo di falsificazione operato probabilmente nel Seicento) può essere interpretata come 1053 o, meno probabilmente, 1062. In passato in questa epigrafe erroneamente veniva letto il nome di un tal Sisinnio Etra, in realtà inesistente. La seconda iscrizione, incisa in una lastra marmorea custodita all'interno della chiesa, celebra invece la dedicazione della chiesa ad opera ancora del vescovo Costantino de Castra, nell'anno 1073[69]. La chiesa venne successivamente ampliata sia verso l'abside (1110-1120) sia verso il prospetto, in stile gotico, che può forse essere attribuito ad Anselmo di Como (fine XIII secolo). In età giudicale fu cattedrale della diocesi di Bosa. Costruita in conci di trachite e di calcare, presenta un'aula a tre navate e abside poligonale. La navata mediana è coperta con tetto in legno, mentre quelle laterali sono voltate a crociera. I setti divisori sono costituiti da arcate che si impostano su pilastri a sezione rettangolare[70].
Chiesa di Nostra Signora de Sos Regnos Altos
 
Nostra Signora de Sos Regnos Altos, affresco con rappresentazione dei santi
La chiesa di Nostra Signora de Sos Regnos Altos fu edificata intorno al XIII secolo quale cappella palatina del castello di Serravalle e così denominata – in sostituzione delle precedenti intitolazioni a Sant’Andrea e alla Beata Vergine Maria[71], in seguito al rinvenimento, nel 1847, tra le rovine del castello, di un simulacro ligneo raffigurante la Madonna[72]. L'interno è costituito da un unico ambiente, più volte rimaneggiato (particolarmente nell'area del presbiterio), a pianta rettangolare, con copertura lignea a capriate e abside semicircolare. Durante i restauri del 1974 vennero alla luce alcuni affreschi nelle pareti laterali e nella controfacciata, danneggiati in seguito a una precedente riedificazione dell'abside, originariamente facenti parte di un ciclo realizzato, secondo gli studiosi, tra il XIV e il XV secolo e di attribuzione, italica o iberica, controversa[73]. Le scene affrescate comprendono raffigurazioni di scene evangeliche – come l'Adorazione dei Magi e l'Ultima Cena, nella parete sinistra –, rappresentazioni della Madonna e di diversi santi (l'Annunciazione, il Martirio di san Lorenzo e San Giorgio e il drago, nella controfacciata), nonché l'unica rappresentazione in Sardegna dell'Incontro dei tre vivi e dei tre morti, nella parete destra.

Chiese gotico-catalane modifica

Inizia a radicarsi un nuovo modello costruttivo che, nel Quattrocento, sfocerà nel tipico schema iconografico gotico-catalano, che si diffonderà in Sardegna nelle sue declinazioni più semplici con inserti e superfetazioni rinascimentali e manieristiche[74].

Chiesa di Sant'Antonio Abate
 
Particolare della facciata della chiesa di sant'Antonio
A schemi gotico-catalani del XVI secolo risponde la forma attuale della chiesa di Sant'Antonio (il cui primo nucleo risale forse all’età bizantina)[75]. Essa sorge nei pressi del Ponte Vecchio e si ritiene sia stata retta da un ordine conventuale insediato in un piccolo monastero annesso. Passò ai carmelitani nel 1580, ma fu abbandonata, a causa delle inondazioni del fiume e dei danni prodotti dall’umidità nel 1606[76]. I carmelitani si trasferirono nel sito dell'attuale chiesa del Carmine. La facciata cinquecentesca in trachite rossa presenta un prospetto cuspidato e concluso da archetti pensili a tutto sesto; sulla superficie si apre un portale ad arco inflesso gigliato sormontato da un rosoncino modanato. La chiesa è composta da una sola navata voltata a crociera, come il presbiterio, ed è divisa in quattro campate da robusti pilastri. I capitelli dell'arco che separa il presbiterio dalla navata sono caratterizzati da decorazioni vegetali e presentano, sul lato destro, lo stemma degli Aragona e, sul lato sinistro, l'effigie del moro bendato. Vicino all'altare sono poste un'ancona lignea, intagliata e dorata e la statua di sant'Antonio, entrambe risalenti al XVII secolo. Alla parete è appeso un Cristo gotico.

In stile gotico-catalano è anche il rimaneggiamento, avvenuto tra il XIV e il XVII secolo, della chiesa di San Giovanni Battista, forse edificata su una struttura precedente al 1162.

Chiese manieristico-classicheggianti modifica

Intorno al XVII secolo si assiste all'incontro della tradizione gotico-catalana con le nuove forme del manierismo severo, approssimativamente rinascimentali e classicheggianti. Nel 1609 è fondato il convento dei padri cappuccini con l'annessa chiesa dedicata alla Madonna degli Angeli. Del 1686 è, invece, la chiesa di Santa Maria del Mare, parrocchia di Bosa Marina dal 1950. Essa fu costruita – con linee gotico-catalane e, in parte, barocche – su un tempio preesistente, dedicato a San Paolo eremita. La costruzione fu disposta in seguito al ritrovamento sulle rive del mare di una polena, raffigurante la Vergine. A San Paolo è ancora assegnata una cappella laterale con cupola. Nel presbiterio, inoltre, Emilio Scherer, nell'Ottocento, dipinse il santo mentre, nel suo romitaggio, riceve la visita di Sant'Antonio Abate. Infine, nel corso del Seicento fu costruita, nei pressi della porta orientale della città, la chiesetta intitolata alle martiri santagiustesi Giusta, Giustina ed Enedina. Ispirata ai medesimi modelli è la forma attuale della chiesetta dei Santi Cosma e Damiano, ricostruita nel XXI secolo, e della chiesa di Santa Filomena.

Chiese barocche modifica

 
Elementi di architettura barocca nella chiesa del Carmine

Alla fine del Seicento emergono sobrie soluzioni prebarocche e tardo manieristiche. Risale a questo periodo il rimaneggiamento della chiesa di Santa Croce, la cui esistenza era già attestata nel 1580[77]. Essa fu affidata ai Fratelli di San Giovanni di Dio, che nel 1644 gestivano il contiguo ospedale della Misericordia[78].

Chiesa della Beata Vergine del Carmelo
La chiesa e l'ex convento della Beata Vergine del Carmelo vennero eretti tra il 1770 e il 1779 sul sito in precedenza occupato dalla chiesa della Madonna del Soccorso, concessa ai carmelitani dell'Antica Osservanza nel 1660, in seguito all'abbandono del convento annesso alla chiesa di Sant'Antonio, nel 1660. La chiesa costruita in un moderato stile barocco-piemontese, presenta elementi di vaga ispirazione rinascimentale e borrominiana[79]. Il tempio presenta un prospetto a retablo in stile barocco piemontese su tre ordini decrescenti, scandito da cornicioni e lesene di trachite rossa a vista, finestrato al centro e concluso da una nicchia sovrastata da un fastigio curvilineo. L'interno presenta una navata unica voltata a botte con quattro cappelle laterali per lato. Il presbiterio, rialzato e sormontato da una cupola semisferica su pennacchi, è arricchito da un altare barocco in marmo policromo e stucchi. Custodisce arredi lignei in stile tardo barocco, come il pulpito, ornato d'oro zecchino, le ancone delle cappelle laterali e la bussola. Sulla tribuna, con ringhiera in ferro battuto, è collocato l'organo costruito dal lombardo Carlo Giuliani (1796-1855), intorno al 1844. Il tempio è fiancheggiato, sul lato sinistro, dal convento dei carmelitani, i quali abbandonarono la struttura nella seconda metà del XIX secolo; da allora ospitò, in un primo tempo, le scuole elementari e il ginnasio, per poi essere adibita a sede della casa comunale, sino al trasferimento di quest'ultima nel caseggiato dell'orfanotrofio Puggioni.
Chiesa di Nostra Signora del Santo Rosario
 
Facciata della chiesa del Rosario
Al medesimo stilema barocco si è ispirato il successivo rimaneggiamento della chiesa di Nostra Signora del Santo Rosario. Essa sorge lungo il corso Vittorio Emanuele II, costeggiata dai palazzi ottocenteschi della borghesia cittadina e nelle adiacenze del collegio dell'ordine dei gesuiti, trasformato in seminario durante l'episcopato di monsignor Giovanni Antonio Cossu (1785-1796). L'attuale edificio, probabile rimaneggiatura ottocentesca di una più antica costruzione, presenta un prospetto barocco simile a quello della chiesa del Carmine, sebbene più semplice e diviso in due ordini. Nel primo si apre il portale centinato in stile tardo rinascimentale di trachite rossa sormontato da un timpano curvilineo spezzato che racchiude un lunotto nel quale è posta l'immagine della Madonna del Rosario in bassorilievo. Il secondo ordine è spartito, da due lesene, in tre specchi; in quello mediano si apre una finestra ad arco a tutto sesto, sopra la quale fu collocato, nel 1875 un orologio pubblico bifronte con mensola in aggetto. Sulla sommità insiste un fastigio dalla struttura slanciata e culminante con una struttura campanaria a vela. L'interno è semplice, in stile neoclassico, successivo alla costruzione originaria dell'oratorio, si presenta a unica navata, con volta a crociera e sottarchi che scandiscono le campate. Gli altari laterali in stucchi dipinti sono dedicati a San Domenico, alla Vergine della Salute, San Nicola e Sant'Antonio da Padova.
Concattedrale dell'Immacolata Concezione
 
Interni della cattedrale
Nel XIX secolo si intraprese la costruzione della nuova cattedrale sovra una preesistente costruzione risalente al XII secolo, più volte rimaneggiata in epoca successiva. Il nuovo edificio fu dedicato alla a Vergine Immacolata e fu realizzata a partire dal 1803, quando il capitolo vescovile ne affidava il rifacimento al capomastro locale, Salvatore Are, al quale si affiancherà, in un secondo tempo, il sassarese Ramelli. Il nuovo edificio venne solennemente consacrato – a cantiere ancora aperto – dal vescovo della diocesi di Bosa, Gavino Murru, nel mese di luglio del 1809, mentre per il completamento dei lavori si dovette attendere l'anno successivo. L'edificio è costituito da un'ampia navata voltata a botte in cui si aprono quattro cappelle sul lato sinistro e tre sul destro. L'ampio presbiterio rialzato è coperto da una cupola impostata su tamburo ottagonale. All'ingresso, a destra, si apre la cappella del Sacro Cuore, che si presenta come un edificio autonomo dotato di altari e di un presbiterio rialzato coperto da una cupola. Sotto l'egida del vescovo monsignor Eugenio Cano, negli anni settanta dell'Ottocento, la cattedrale fu oggetto di interventi di abbellimento, che vanno dalle decorazioni pittoriche, realizzate dal parmense Emilio Scherer, al rifacimento dell'organo – originariamente costruito dal lucchese Giuseppe Crudeli nel 1810 e del quale si conserva la cassa neoclassica – operato nel 1875 dai fabbricanti modenesi Tommaso Piacentini e Antonio Battani di Frassinoro. Nel 1880 Emilio Scherer affrescò la chiesa di Santa Croce e nel 1876 si era provveduto a restaurare, con un moderato assetto neoclassico, la chiesetta dedicata alle sante Giusta, Giustina ed Enedina.

Chiese del XX secolo modifica

Nei primi anni '30 del Novecento si consacrò, nel borgo di Sa Costa, la chiesa di santa Caterina, la quale è comunemente conosciuta con il diverso appellativo di Santa Teresina[80]. Nella seconda metà del XX secolo, da ultimo, fu eretta la chiesa parrocchiale del Sacro Cuore di Gesù.

Architetture civili modifica

Le vecchie concerie (Sas Conzas)
 
Le vecchie concerie, lungo la sponda sinistra del fiume Temo
Il complesso delle vecchie concerie fu eretto tra il Seicento e il Settecento lungo la riva sinistra del Temo, in prossimità del Ponte Vecchio, e raggiunse la sua massima operatività nel XIX secolo diventando il maggior centro conciario della Sardegna con ventotto strutture in attività[81]. Completamente dismesse nel 1962, le vecchie concerie sono state classificate come monumento nazionale[82], in quanto rara testimonianza di architettura industriale all'interno di un contesto urbano che concorre a caratterizzare. Le strutture, pertanto, sono state sottoposte a misure di tutela che ne hanno consentito il recupero e la valorizzazione dopo il degrado seguito al loro abbandono. Si tratta di un insieme di stabilimenti conciari che occupano una superficie coperta di 4000 , estendendosi – con uno schema modulare ripetitivo a timpani affiancati. All'interno delle singole strutture, l'area era divisa in un piano terra con vasca in muratura, ove avveniva la lavorazione delle pelli, e in un piano superiore, nel quale si procedeva alla rifinitura[83].
Palazzo di Don Carlo
 
Palazzo Don Carlo
Il palazzo sito nel Corso Vittorio Emanuele II fu costruito, accorpando preesistenti abitazioni, nella seconda metà dell'Ottocento, da Carlo Lorenzo Passino, figlio di Giuseppe Luigi Passino, deputato del Regno di Sardegna, e di Maria Raffaella Cugia Manca dei marchesi di Sant'Orsola. Destinato a ospitare la figlia di Don Carlo, Marietta, la sua costruzione fu interrotta e mai più ripresa dopo le morti di quest'ultima, del marito e dei due figli, avvenute nel terremoto di Messina del 1908[84]. L'edificio, innalzato su quattro livelli, richiama i canoni stilistici del Settecento, adeguandosi però alla tradizione locale. Si segnala, in tal senso, l'utilizzo della trachite rossa negli ornamenti architettonici a vista, in particolare nelle cornici che inquadrano le finestre balconate del secondo piano, che presentano mostre a linee inflesse e spezzate, con fastigio che ripete il modulo sottostante e termina con una mensola. Il prospetto principale è caratterizzato, nella parte inferiore, da un'eclettica bicromia dell'ordine basale, accentuata dall'alternanza di bande di vulcanite con fasce d'intonaco chiaro di eguale spessore. La facciata è poi partita orizzontalmente da due cornicioni aggettanti che definiscono due ordini, ciascuno costituito da due piani. Verticalmente, è invece scandita da paraste angolari piatte e da due lesene che racchiudono l'ingresso principale e proseguono fino alla sommità[85][86].
Ponte Vecchio
 
Il Ponte Vecchio
Il Ponte Nazionale[87], meglio conosciuto come Ponte Vecchio (Pont'ezzu in sardo) venne edificato, in trachite rossa e a tre arcate, su disegno dell'ingegnere del genio civile Carlo Pizzagalli, nel 1871. Ha sostituito quello precedente – in legno e a sette archi – crollato all'inizio del XIX secolo.

Fontane monumentali modifica

Fontana di Piazza Costituzione (Sa Funtana Manna)
 
Il fontanone di Piazza Costituzione
In Piazza Costituzione (meglio conosciuta come Piazza Fontana), precedentemente intitolata a Umberto I, tra il 1881 e il 1882 venne edificata, su una base in trachite rossa a tre livelli, una fontana monumentale marmorea a quattro alzate, culminante con una bocchetta a forma di mazzo di rose con foro centrale per lo zampillo dell'acqua. Il progetto, eseguito in occasione della costruzione del primo acquedotto pubblico cittadino, si inseriva nel più vasto piano di riassetto urbano dell'ingegner Pietro Cadolini che prevedeva la risistemazione del Corso Vittorio Emanuele II, a partire dalla demolizione, nel 1877, della fatiscente chiesa della Maddalena. La piazza, abbellita dal fontanone monumentale, è circondata anche dai palazzi signorili Delitala e Don Carlo.

Architetture militari modifica

 
Veduta del castello di Serravalle

La Sardegna ha rappresentato per i suoi dominatori, un territorio di frontiera spesso vulnerabile per la sua vicinanza alle sponde del nord Africa e perché continuo bersaglio di attacchi barbareschi. La sua costa occidentale, in particolare, si è trovata a lungo in un clima di generalizzata insicurezza incrementata dalla sua lontananza dalle più sicure e trafficate coste italiane e per la presenza di centri abitati di maggior rilievo rispetto alla meno popolata costa orientale. In questo contesto, è probabile che già l'antico abitato romano sia stato interessato da opere di fortificazione. In particolare, alcuni studiosi hanno affermato che l'antico villaggio sia stato cinto da mura, sebbene in forma rudimentale, e che l'attuale torre campanaria della chiesa di San Pietro sia stata eretta sopra una preesistente struttura difensiva romana[88], forse collegata visivamente a una torre di avvistamento posta sul colle di Serravalle, punto strategico di osservazione sull'intera vallata del Temo e sul mare antistante[89]. Quel che è certo è che proprio su quel colle, intorno al XIII secolo – con l'intensificarsi della belligeranza tra i feudatari liguri e toscani, da una parte, e gli indeboliti giudicati locali, dall'altra – i marchesi Malaspina edificarono il primo nucleo di quella piazzaforte che ancora oggi costituisce la più caratterizzante architettura militare del territorio.

Castello di Serravalle
Il castello di Serravalle si trova sulle alture dell'omonimo colle, costeggiato sino a valle dal quartiere medievale di Sa Costa. Fu edificato in varie fasi a partire dalla seconda metà del XIII secolo[90], dopo la fine del giudicato turritano e lo smembramento dei suoi territori tra i potenti feudatari liguri e toscani. La porzione più antica, corrispondente alla rocca nord-orientale del castello, è da attribuire ai Malaspina, mentre fu sotto il dominio degli Arborea (a partire dal 1317) che la cinta muraria sarà estesa sino ad abbracciare l'intero altopiano, per una lunghezza 352 m, e verranno edificate, a suo presidio, diverse torri, di cui se ne conservano sette. Gli Aragonesi, dal canto loro, impossessatesi del castello nel XV secolo, lo adeguarono per l'introduzione dell'artiglieria, abbassando alcune torri e costruendo spalti terrapienati per posizionare in posizione elevata le armi da fuoco. Nella piazza d'armi del castello, trovavano spazio i locali di servizio (magazzini, forno, stalle, cisterne, etc.), nonché la cappella palatina di Nostra Signora de Sos Regnos Altos[66].

Torri costiere modifica

  Lo stesso argomento in dettaglio: Torri costiere della Sardegna.
 
La torre costiera sull'Isola Rossa

Lungo il litorale della Sardegna occidentale furono edificate durante il medioevo e in età moderna, con particolare intensificazione all'indomani della battaglia di Lepanto (1571), una serie di torri costiere per la difesa del territorio dalle incursioni piratesche e corsare. Le torri continuarono la loro azione difensiva sino alla metà del XIX secolo, quando con Regio decreto-legge si cessò di considerarle luoghi fortificati del Regno d'Italia. Le fortificazioni a guardia della costa bosana sono le seguenti:

Torre dell'Isola Rossa
La torre dell'Isola Rossa si trova nella frazione di Bosa Marina, su un'isola prospiciente la foce del fiume Temo, collegata alla terraferma dal 1869. Edificata in una data anteriore al 1572[91] (forse prima del 1528[92] o, secondo alcuni studiosi, intorno alla fine del XV secolo)[93], fu adibita alla difesa pesante e a tal fine fu presidiata da un alcaide, comandante della guarnigione, sei soldati e un artigliere, nonché dotata di sei cannoni di vario calibro e sette fucili. La torre, costituita da un unico piano con volta a cupola, fu realizzata in tufi trachitici locali ed è la più imponente delle torri costiere di questo tratto di mare, superando il suo diametro interno i 13 m.
 
La torre costiera sul promontorio di Punta Argentina
Torre Argentina
La Torre Argentina, eretta tra il 1580 e il 1584[94], si trova lungo la costa in direzione di Alghero, arroccata, a 33 m s.l.m., sul promontorio di Punta Argentina. È costituita da un unico piano con boccaporto d'ingresso a tre metri di altezza dal suolo e presenta una volta a fungo. Era presidiata da un comandante e da due soldati e dotata di tre fucili e un piccolo cannone. È collegata visivamente con la torre dell'Isola Rossa e, più a sud, con quelle di Foghe e Colombargia, sulla costa di Tresnuraghes.

Siti archeologici modifica

 
Palmenti rupestri di S'Abba Druche
Domus de janas
Di età preistorica e protostorica sono le numerose domus de janas (almeno trentasei) presenti in varie località del comune di Bosa (Badde Orca, Capitta, Coroneddu, Funtana Lacos, Ispiluncas, Monte Furru, Pala 'e Cane, Pontes, Sorighes, Silattari, Tentizzos, Torre Argentina e Tuccaravo). Tra queste è particolarmente rilevante la Tomba I di Pontes la quale presentava delle pareti interne levigate e dipinte di rosso, simbolo del sangue e della rigenerazione, e sulle quali è incisa una raffigurazione di doppie corna, a testimonianza del culto della divinità taurina. Si sono rinvenuti, inoltre, i resti di focolari rituali (Tuccaralvo) e coppelle a destinazione sacrale scavate nel pavimento di alcuni ipogei (Coroneddu e Funtana Lacos I), mentre in altre tombe si sono riscontrate delle nicchie per le offerte funerarie[95].
Nuraghi
Le poche testimonianze riconducibili all'Età del Bronzo e alla civiltà nuragica presenti nel territorio di Bosa sono costituite dai nuraghi complessi siti nelle località di Monte Furru e di S'Abba Druche e quelli dalla struttura semplice di Mesu 'e Rocas e di Santu Lò[96].
Area archeologica nuragico-romana di S'Abba Druche
L'area di S'Abba Druche racchiude un sito archeologico nel quale sono presenti le tracce di un nuraghe complesso con relativo villaggio, nonché i resti di una tomba dei giganti e di un pozzo sacro nuragico. Ascrivibile all'epoca romana sono, invece, le rovine di un nucleo abitativo, con relativa necropoli, a servizio di un insediamento produttivo costituito, tra l'altro, da tre palmenti rupestri: delle vasche (antecedenti all’epoca romana), ricavate su un bancone di tufo andesitico e utilizzate per la spremitura dell'uva e la fermentazione del mosto[97].

Aree naturali modifica

 
Cala Cumpoltitu
Sito d'interesse comunitario "Entroterra e zona costiera di Bosa, Capo Marargiu e Porto Tangone"
La zona costiera di Bosa, a nord della foce del fiume Temo, così come l'entroterra, è oggetto di tutela quale sito di interesse comunitario in quanto area di particolare interesse avifaunistico (per la presenza di colonie di grifone), di rilievo naturalistico marino, per le ampie praterie di poseidonia, e floristico-vegetazionale, per lo stanziamento di varie specie endemiche. Non da ultimo, presenta un certo interesse storico per le diverse aree archeologiche che vi si incontrano: le domus de janas di Tentizzos e l'area archeologica di S’Abba Druche[98]). L'entroterra del SIC corrisponde alla fascia di territorio compresa tra le pendici che racchiudono la valle alla destra del fiume Temo e la costa. Esso risulta modellato dalle passate attività silvopastorali ed è caratterizzato da formazioni boschive e da arbusteti mediterranei. Tali formazioni sono interrotte da praterie aride e pareti rocciose. La zona costiera racchiusa dal SIC presenta pareti rocciose e strapiombanti. A sud di Capo Marargiu, fanno la propria comparsa diverse rovine che residuano dall'attività mineraria della zona[98]. Più a meridione si rinviene la spiaggetta sabbiosa di Cala Cumpoltitu (da cum e port-itum, che si riferisce al suo uso come approdo, piccolo porto).
 
Cala 'e Moro
A sud, l'area di S'Abba Druche comprende le spiagge di Su Calighe, di Capiteddu e di Sos Furraghes. A valle di Sa Tanca de sa Mola, si trovano Cala Rapina (a nord), la costa rocciosa di Sos Puppos e, infine, a sud, non lontano da una cava di pietra, la baia di Cala ’e Moro. Più a meridione, la costa si presenta nella forma di una piattaforma vulcanica regolare che ha dato luogo alla formazione, al suo interno, di una piscina naturale nella punta Cane Malu. Nel medesimo contesto si sviluppano le insenature di Pogiu ’e Padre e di Pogiu 'e Columbu[99].
Spiagge di Bosa Marina e Turas
 
Bosa Marina
Sul versante sinistro della foce, l'Isola Rossa — sulla quale insistono la Torre Aragonese e un faro inattivo — è stata unita alla terraferma da un muraglione che ha causato l'insabbiamento del tratto di costa antistante. È questa la frequentata e ampia spiaggia di Bosa Marina, di cui la parte più a sud è chiamata "le Colonie" perché d'estate ospita, in strutture adiacenti, un tempo utilizzate come tonnare, i bambini iscritti in colonie di tutta l'Italia. A valle di Monte Furru la costa, prevalentemente rocciosa, racchiude brevi tratti di spiaggette dalla sabbia scura nella zona nota come Pedras nieddas. Più a sud, infine, si trova l'ampia spiaggia di Turas con, a monte, l'omonimo villaggio turistico.

Società modifica

Evoluzione demografica modifica

 
Una stradina di Bosa

In data 31 dicembre 2021, con 7 465 abitanti, Bosa risulta essere il quarto comune più popoloso della provincia di Oristano, dopo il capoluogo e i comuni di Terralba e Cabras. Ha presentato, nello stesso anno, un tasso di crescita demografica negativo (0,9%), perdendo 67 unità in ragione del saldo naturale e una per cause migratorie[100].

Abitanti censiti[101]

Etnie e minoranze straniere modifica

Al 31 dicembre 2023 a Bosa risultavano residenti 173 stranieri[102], pari al 2,34% circa della popolazione totale; la nazionalità più rappresentata, al 31 dicembre 2020, era quella romena con 45 cittadini residenti[103].

Lingue e dialetti modifica

  Lo stesso argomento in dettaglio: Lingua sarda logudorese § Logudorese.

La variante della lingua sarda parlata a Bosa presenta le tipiche caratteristiche del sardo logudorese occidentale (secondo i linguisti Max Leopold Wagner e Maurizio Virdis) o comune (Eduardo Blasco Ferrer)[104]. In primo luogo, si registra la conservazione della -l- prima di consonante (altu, calchina, soldadu, al contrario di quanto avviene nelle varianti caratterizzate da rotacismo e che presentano, per esempio, le forme artu, carchina e sordadu. I nessi -pl-, -cl- e -fl- mutano rispettivamente in -pi-, -ch- e -fi- (piata, chegia e fiore, in luogo di platha, clesia e flore). Come avviene a Osilo e in alcuni comuni galluresi, si ha poi la trasformazione della consonante vibrante alveolare /r/ in /l/ (chelvedhu, polcu, Saldigna, invece di chervedhu, porcu, Sardigna). Nel parlato, si verifica, inoltre, un fenomeno di sonorizzazione delle consonanti /p/, /k/ e /t/ in posizione intervocalica [su 'βane], [su 'ɣane]) e [sa 'd̪a.ula]) (per [su 'pane], [su 'kane]) e [sa 'ta.ula]).

Nel plurale, alla -s finale si aggiunge una vocale epitetica, che prende di solito il timbro della vocale che precede la consonante finale: ad esempio feminasa (in italiano “femmine”), in luogo di feminas.

Come nel basso Meilogu, il gerundio si forma, a Bosa, con i suffissi -ende (andende, invece di andande) e -inde (faghinde, in luogo di fattende, forma tipica di altre aree di parlata logudorese). Infine, le desinenze dell'infinito dei verbi -are e -ire sono pronunciati -/ad̪e/ e -/id̪e/.

Inoltre, si registra più che altrove una forte influenza del castigliano, che si manifesta, per esempio, nell'uso di termini quali ogiu (in italiano, occhio), in luogo di ogru.

Religione modifica

Bosa fu eretta sede vescovile già nell'XI secolo, come diocesi suffraganea dell'Arcidiocesi di Torres. Per l'effetto, inglobò a sé l'antica diocesi di Cornus, risalente al V secolo. Nel XVI secolo, la cattedra fu traslata dalla chiesa di San Pietro a quella di Santa Maria.

Il 30 settembre 1986, la diocesi si fuse con quella di Alghero, eretta nel 1503. Da allora, la città appartiene alla Diocesi di Alghero-Bosa, suffraganea dell'Arcidiocesi di Sassari[105]. Nel comune è sita la chiesa concattedrale ed è attivo un seminario diocesano[106].

La grande maggioranza della popolazione è cristiana cattolica. È presente una comunità di Testimoni di Geova, con un proprio luogo di culto in città[107].

Tradizioni e folclore modifica

Il carnevale modifica

Tipiche del carnevale di Bosa (carrasegare 'osincu[108]) sono le mascherate di s'Attitidu e di Gioltzi, le quali si inseriscono nel novero delle tradizionali manifestazioni carnevalesche della Sardegna, differenziandosene per taluni caratteri peculiari (l'accentuazione dell'elemento goliardico-sessuale) ma condividendone la ritualità apotropaica legata ai cicli naturali della vita e della morte, della rinascita della natura nonché al culto di divinità agricolo-pastorali e pluviali precristiane (Maimone)[109] o di Dioniso Mainoles[110].

Le festività hanno inizio il giorno di Giogia lardagiolu, a una settimana dal giovedì grasso, con cortei di maschere dal volto coperto di fuliggine e con berretto e giacca indossata al contrario, muniti di spiedi e bisacce – da riempire con le offerte ricevute – e di improvvisati strumenti musicali, come la serragia[111], mestoli e coperchi di pentole (cobertores), e – anticamente – le staffe del cavallo (attaidu)[109]. Le maschere si aggirano per le strade dileggiando coloro che durante l'anno si sono resi protagonisti di eventi scandalosi e canzonando – con improvvisati stornelli satirici a trallallera – il malcapitato di turno, al quale è chiesto di partecipare alla questua con un contributo in derrate alimentari per la cena (parte 'e cantare). La sera, secondo la tradizione, si preparano banchetti a base di fave e lardo (fae a landinu), vino novello e zeppole (frisciolas).

Nel tradizionale calendario del carnevale, si è inserito, tra Giogia lardagiolu e il Martedì grasso, il sabato delle cantine. In questa occasione ognuno può scegliere liberamente la propria maschera, ripercorrendo le vie del centro storico per degustare cibi tipici e vini locali presso le cantine private aperte per l'occasione.

 
Maschere di attitadoras

La mattina del Martedì grasso sfilano le attitadoras con il viso ricoperto dalla fuliggine del sughero bruciato e vestite di nero, in segno di lutto: indossano una gonna lunga (gunnedda), uno scialle (moccaloru) e, eventualmente, un bustino (isciacca). Le maschere-prefiche recitano ritmiche lamentazioni funebri, esibendosi in dimostrazioni di dolore ritualizzate (dondolio del capo o del busto, percussione del petto, sfregamento convulso delle cosce e battito delle mani, l'una sull'altra o contro il capo). Mostrano figure sessuali (rappresentazioni di falli o di seni) e un bambolotto smembrato, spesso imbrattato di nero o di rosso, di cui lamentano il malessere – o la morte – con caratteristiche cantilene (attitidos) intervallate da sillabe emotive periodiche («ohi!» o «ahi!»)[112] e per il ristoro del quale chiedono un sorso di latte (unu tichirigheddu 'e latte) alle donne che incontrino nel loro cammino. La richiesta è spesso accompagnata da gesti osceni e versi satirici.

 
Rogo di un pupazzo raffigurante Gioltzi durante il carnevale di Bosa

All'imbrunire del Martedì grasso, le maschere si vestono con lenzuoli e copricapi bianchi, trasportando torce o candele – eventualmente all'interno di un cesto di vimini (pischedda) – per cercare Gioltzi, il cui nome è spesso ripetuto come una cantilena.

A tal fine, vagano per le strade fino a tarda notte, inseguendosi e catturandosi l'un l'altra, per svelare le rispettive identità. Alle maschere fermate è sollevata la veste, mentre un lume viene indirizzato verso i loro genitali. Così facendo, il catturante può urlare «Ciappadu, ciappadu!» (in italiano, «Trovato, trovato!»), annunciando di aver trovato Gioltzi, il capro espiatorio. In seguito, un pupazzo che lo raffigura è condannato e sacrificato con un rogo catartico nell'euforia collettiva, ponendosi fine al carrasegare.

Gli aspetti di drammatizzazione che caratterizzano il carnevale bosano hanno attirato l'attenzione di antropologi[113][114][115][116] e studiosi del teatro[117][118].

Le feste religiose modifica

Numerose sono le feste religiose che la città ha praticato nel corso dei secoli. Solo alcune si svolgono ancora oggi, mentre di altre se ne è mantenuto solo il ricordo nella memoria orale o letteraria.

Festa della Madonna del Mare modifica

 
Processione fluviale per la festa di Santa Maria del Mare

La prima domenica di agosto si celebra la festa in onore di santa Maria Stella Maris. Dalla chiesa omonima di Bosa Marina, ove la statua della Vergine — protettrice di marinai e pescatori — è collocata, un corteo di barche addobbate con festoni, palme e fiori scorta il simulacro lungo il fiume Temo per circa due chilometri. Giunta presso la banchina fluviale all'altezza del Ponte Vecchio, la statua è condotta nella cattedrale ove si celebra la messa. La sera, la Madonna è portata nuovamente in processione verso Bosa Marina dove, superata la foce, si rende omaggio ai caduti in mare gettando nelle acque una corona di fiori. Trasportato il simulacro nella chiesa di Santa Maria Stella Maris, la festa si sposta lungo le strade di Bosa Marina, colme di bancarelle sin dalla vigilia. La notte si tengono spettacoli pirotecnici sulla spiaggia, nei pressi della torre dell'Isola Rossa. Un documento tratto dal capitolo della cattedrale, datato al 3 settembre 1689, ci informa sulle origini della devozione cittadina alla Vergine del Mare. Durante il vescovado di Francisco Lopez de Hurranca (1672-1677) fu rinvenuta sul litorale bosano, spinta dalle onde, una statua della Madonna, forse la polena di una nave in considerazione delle caratteristiche del dorso, piatto e con due ganci che ne avrebbero permesso l'ancoraggio alla prua. L'immagine sacra fu oggetto di un primo restauro e, nel 1675, venne collocata in una chiesetta, dedicata a San Paolo eremita, allora sita sopra uno scoglio nei pressi della foce del Temo e aggregata al capitolo della cattedrale. Il vescovo decretò, in onore della Virgen del mar, la celebrazione di una processione sul fiume che si tenne, almeno a partire dal 1689 e sino al secondo dopoguerra, due volte all'anno: la seconda domenica di maggio e la prima domenica di settembre, con la partecipazione del capitolo della cattedrale. Il vescovo Giorgio Soggia Serra (1682-1701), a seguito della crescente venerazione per il simulacro, diede l'ordine di demolire il piccolo tempio che l'ospitava per costruire l'attuale chiesa dedicandola nel 1686 alla Vergine Stella Maris. Nel 1888, Emilio Scherer, decoratore della cattedrale, restaurò il simulacro della Vergine su incarico del vescovo Eugenio Cano (1871-1905), consegnandola nelle forme attuali. Nel 1986, ricorrendo il terzo centenario dalla dedicazione della chiesa alla Vergine del Mare, il vescovo Giovanni Pes (1979-1993) incoronò con un diadema e uno scettro d'oro offerti dalla comunità la statua di Santa Maria Stella Maris[119].

Festa di Nostra Signora di Regnos Altos modifica

La seconda domenica di settembre si celebra la festa in onore della Vergine Nostra Signora di Sos Regnos Altos. Il simulacro della Madonna, che ha sede nell'omonima chiesa racchiusa tra le mura del castello di Serravalle, è portato in processione, la sera della vigilia, lungo i vicoli del borgo medievale di Sa Costa, addobbati per l'occasione con festoni, lenzuola, archi di canne e fronde. Ogni famiglia del rione, secondo la tradizione, espone dalle finestre tendaggi ricamati e allestisce sull'uscio un altarino — adornato con drappi, pizzi in filet, ceri e fiori — sul quale viene posta una statua della Vergine. Ciascun altarino rappresenta una tappa di sosta per la preghiera (parada de sos altaritos): intorno ad esso si era soliti recitare il rosario e cantare i gosos, lodi alla Madonna in lingua sarda. Sulle strade del borgo, infine, al calar della sera ci si raccoglie per la veglia intorno a tavolate imbandite per l'occasione con prodotti tipici. Le origini della devozione alla santa risalgono al 1847 quando un ragazzino rinvenne la statua di una Madonna col bambino tra le macerie del castello, nella cui piazza d'armi dal primo decennio del XIX secolo avevano trovato rifugio oltre ottocento indigenti[120]. L'immagine sacra fu esposta alla venerazione nella reale chiesa di Sant'Andrea Apostolo, dentro il castello, e le fu dato il titolo di Signora de Sos Regnos Altos (degli Alti Regni, in italiano), nella convinzione che, dall'alto del colle ove era stata ritrovata, essa vegliasse, simbolicamente, sulla città con il titolo di Regina del cielo e della terra. La statua rinvenuta nel castello è stata collocata in una piccola nicchia aperta nel presbiterio della chiesa palatina, mentre il simulacro della Vergine portato attualmente in processione fu acquistato durante la seconda guerra mondiale, come voto alla Madonna perché i soldati in guerra tornassero salvi in patria[121].

La Settimana Santa (Sa Chida Santa) modifica

 
Innalzamento della croce nella Cattedrale

La Settimana Santa, appuntamento storico della città, si snoda nelle giornate che vanno dalla Domenica delle Palme alla Domenica di Risurrezione. La domenica precedente alla Pasqua vengono benedetti rami di palma e di ulivo precedentemente intrecciati e preparati dalla Confraternita della Santa Croce e dai gruppi delle parrocchie. Il Martedì Santo è il giorno della processione dei Misteri; per l'occasione, le statue d'età spagnola, in legno e cartapesta, vengono portate in processione per le vie della città, facendo soste per meditare i Misteri del dolore. I simulacri raffigurano Gesù nell'orto, Gesù alla colonna, l'Ecce Homo, Gesù carico della croce, il crocifisso e l'Addolorata. Durante la processione del martedì, il coro di Bosa intona le strofe dell'antica melodia del Miserere sulla struttura del canto a tragiu. Questi, insieme, innalzano il canto del Salmo Penitenziale. Il giovedì, giorno della Missa in Coena Domini, nelle chiese parrocchiali si celebra la Santa Messa con la lavanda dei piedi. Al termine delle celebrazioni, il coro fa tappa nelle chiese del centro storico per Sas Chircas (AFI: /sas 'kilkas/), la processione in cui la Vergine e la Maddalena vanno alla ricerca di Cristo nella notte. Le statue, dopo la riforma del triduo pasquale, vengono portate in processione dopo i riti della mattina del Venerdì Santo mentre il coro perpetua le antiche tappe nella notte del giovedì.

La giornata del venerdì è trascritta in carte del 1793 come "giornata obbligata" per il Consiglio civico, il quale deve presenziare «a las estassiones con insinos negros y sombreros en las cabesas» e la sera accompagnare la processione di rientro alla vecchia chiesa della Maddalena «llevando el palio negro [...], besar los pies del Cristo con una vela enverdida en la mano, despues de todo el cabillo, dando un guantillo de limosina cada consellers y despues se retorna al Palacio Civico». Il venerdì mattina la Via Crucis parte dalla chiesa del Carmine con i simulacri della Maddalena e della Vergine velati di nero, i quali accompagnano il grande crocifisso che, alle dodici, viene issato sul presbiterio della chiesa Cattedrale. Durante le soste della processione, il coro intona le strofe del Miserere fino alla crocifissione; da quel momento fino al discendimento verrà cantato lo Stabat Mater. La sera, dopo che la confraternita si è recata con il coro nella chiesa del Carmine per prendere la lettiga e le scale per il rito della deposizione, inizia il discendimento di Cristo dalla croce. Due confratelli salgono sulle scale per schiodare il Cristo dalla croce e deporlo nella lettiga. Indi, nuovamente sulle note del Miserere, la processione fa rientro alla chiesa del Carmine ove il Cristo morto viene esposto alla venerazione dei fedeli.

La domenica di Pasqua ha luogo la processione de S'Incontru, l'incontro tra il Cristo risorto e Maria a cui viene tolto il velo nero sulle note del Magnificat. La processione, infine, fa rientro nella Cattedrale per la Santa Messa Solenne.

Il filet di Bosa (Su lauru 'osincu) modifica

 
Filet di Bosa

Nel comune è molto diffusa da secoli la lavorazione del pizzo in filet, su rete realizzata a modano.

La lunga e diffusa tradizione nel ricamo dei corredi e degli arredamenti domestici fu alimentata negli anni dieci del XX secolo dall'avvio, a Bosa, di un laboratorio di filati su impulso dell'imprenditrice Olimpia Melis Peralta. Quest'ultima, collaborando con gli artisti Melchiorre e Federico Melis (suoi fratelli) e Aldo Contini, fu in grado di coniugare i moduli iconografici (mostras) caratteristici della tradizione sarda (pavoni, melagrane, gallinelle, spighe, greche, etc.)[122] con le fogge tipiche del Liberty e dell'Art déco, riuscendo a esportare il filet di Bosa a livello nazionale e internazionale, con l'apertura di punti vendita a Roma e a New York. Nello stesso periodo, numerosi furono i riconoscimenti assegnati ai lavori del laboratorio bosano nelle mostre internazionali di Bruxelles e di Parigi del 1924[123][124].

Ancora oggi, il filet di Bosa mantiene caratteristiche uniche che lo differenziano da qualsiasi altra lavorazione eseguita con la medesima tecnica, diffusa in diverse aree del Mediterraneo, sia per la conservazione delle antiche tecniche di lavorazione della rete a modano, in luogo della rete a uncinetto diffusa altrove, sia per la ricchezza del materiale iconografico, legato alla tradizione sarda, e la ricchezza di tecniche e punti utilizzati. Il forte legame tra la città e il ricamo del filet è testimoniato dall'elevato numero di donne che, fino alla fine del secolo scorso affollavano le vie del centro storico per eseguire all'aria aperta i loro lavori[125] e dai merletti che ancora oggi fanno mostra di sé nelle chiese e nelle case di Bosa o sono esposti nei balconi e negli altarini per la festa di Nostra Signora di Regnos Altos[126]. L'elevazione del filet a simbolo identitario ha portato, da ultimo, a impiegarlo nei capi d'abbigliamento, in gioielli, accessori e souvenir.

L'abito tradizionale modifica

Gli acquerelli attribuibili ad Agostino Verani — attivo a Torino tra il 1793 e il 1819 — e a Nicola Benedetto Tiole, nonché quelli facenti parte della collezione Luzzietti (1820 circa), insieme ad alcune litografie e fotografie della seconda metà dell'Ottocento costituiscono il materiale iconografico sulla base del quale lo studioso Antonio Giuseppe Milia ha ricostruito, nel 2002, il costume attualmente considerato e utilizzato come abito tradizionale della città[127]. D'altronde, a differenza di molti paesi del centro della Sardegna, fortemente legati alle proprie radici e tradizioni, Bosa — così come altre città costiere — ha abbandonato l'antica foggia dell'abito sardo già nell'Ottocento. Il desiderio di modernità, infatti, aveva investito da subito le nobildonne e poi gli appartenenti della borghesia mercantile che, mediante l'utilizzo di un abbigliamento d'importazione europea, affermavano così la propria ricchezza e il proprio status sociale. Anche le classi popolari, in seguito, abbandonarono l'uso del costume sardo e cominciarono a utilizzare vesti più semplici e i pantaloni a tubo, ormai universalmente diffusi[128].

L'abito femminile modifica
 
L'abito femminile di Bosa, acquerello della collezione Luzzietti, 1820 circa

L'abito femminile festivo era composto, negli esemplari riportati alla luce, dalla unnedda, ossia una gonna alla caviglia rossa o nera, bordata inferiormente con una balza bianca o azzurra. Sulla parte anteriore della gonna, liscia, ricade un grembiule, bianco o nero, detto falda, ornato con un ricamo tono su tono nell'angolo inferiore sinistro. La parte superiore della gonna, aderente al corpo, invece, è fittamente pieghettata, alla maniera delle vesti greche. I tessuti utilizzati erano, per i ceti più elevati, il panno di lana d'importazione (saja), mentre per le classi più basse, l'orbace. L'abito si compone, nella parte superiore, di un giubbetto aderente (corittu) a maniche lunghe, colorato di rosso o di bianco e, spesso, decorato con bottoni d'argento. Il giubbetto presenta falde ad alette ed è aperto sul davanti, mostrando il busto (imbustu) azzurro, irrigidito da stecche e composto di due parti simmetriche unite da nastri anteriormente e posteriormente o, in altra versione, a pezzo unico allacciato sul davanti su un'ampia camicia pieghettata e scollata. Il capo è coperto da un ampio fazzoletto quadrilungo (muccaloru) bianco, a volte bordato di rosso. Il fazzoletto è nero, così come l'intero abito, privato di decorazioni, nel costume vedovile. Nell'Ottocento, si affermò, infine, l'uso del ficu, un fazzoletto in tulle di cotone ecrù che aveva la funzione di coprire il collo, come esigeva la Chiesa nel tentativo di moralizzare la moda.

L'abito quotidiano femminile delle popolane, come risulta da un dipinto del 1860, era composto da un'ampia gonna alla caviglia, a pieghe sciolte, fabbricato con lana colorata di indaco, stretta sui fianchi mediante una cintura a contrasto, e con due strette balze nere, di differente larghezza, nel bordo inferiore. Nella parte superiore, l'abito è composto di un giubbetto aderente di color marrone con pieghe sui due fianchi, indossato sopra una camicia accollata e dal colletto ampio. Le maniche sono ampie e strette sui polsi. Sul capo è indossato un fazzoletto color panna o giallo pallido, bordato con tre nastri di colore giallo, rosso e viola e annodato sotto il mento.

L'abito maschile modifica
 
L'abito maschile di Bosa, litografia di A. Portier, 1850 circa

L'abito maschile era composto, negli esemplari riportati alla luce, da un corto gonnellino di ispirazione greca (detto ragas, dal greco ῥάκος, /rhàkos/), fabbricato con orbace o panno, prevalente nero e bordato di blu o di rosso, con increspature in vita e munito di posola che, passando tra le cosce, univa i bordi anteriore e posteriore. Il gonnellino, fissato posteriormente con dei lacci, è indossato — almeno sin dal Settecento — sopra ampi calzoni bianchi al ginocchio (calzones), realizzati spesso con lino locale e già utilizzati dai pescatori di varie regioni italiane.

La parte superiore prevede l'utilizzo di una camicia ampia di lino o cotone bianco, con increspature nei polsi, nelle spalle e nel colletto alto e rigido (che sarebbe ispirato alla golilla spagnola del Seicento, chiuso con laccetti neri o con bottoni sardi. Sopra la camicia si indossa un giubbetto (corittu) a doppio petto chiuso da due file di cinque bottoni e di colore rosso (o miele in uno degli acquerelli Luzzetti); le maniche sono lunghe, ampie o aderenti, con spacchi laterali che lasciano intravedere la camicia. I polsi sono chiusi da bottoni a coppola o dai bottoni sardi d'argento. Il soprabito senza maniche, ispirato alla mastruca romana e comune a diverse culture del Mediterraneo, è detto 'este 'e pedde ed è realizzato con pelle ovina intonsa. Esso è costituito da un corpetto e da un doppio grembiule uniti e fermati in vita da una larga cintura. In inverno era indossato rivolgendo il pelo verso l'interno e in estate volgendolo all'esterno. A completare l'abito, i calzari (calzas) di orbace o pelle conciata, di ispirazione ispanica, chiusi al lato o dietro alla gamba attraverso un laccio. Questi ultimi furono sostituiti, nel Novecento, da gambali di cuoio simili alle ghette in dotazione dell'esercito italiano durante la prima guerra mondiale. Immancabile, infine, è la berrita, il copricapo nero, in filato di lana, derivante dal berretto frigio usato dai catalani, la barretina. Presenta una struttura a sacco con bordi arrotondati perché poteva contenere cibo o monete e veniva indossata con la punta rivolta all'indietro o a cerchio, secondo l'uso del nord Sardegna. Venne sostituita, in seguito, dal berretto a coste in velluto.

Istituzioni, enti e associazioni modifica

Il comune ospita uno dei tre nosocomi presenti nella provincia di Oristano, il presidio ospedaliero "Antonio Gaetano Mastino", inaugurato negli anni Sessanta.

Cultura modifica

Istruzione modifica

Archivi e biblioteche modifica

Il Comune di Bosa vanta un archivio storico fra i più importanti della Sardegna con un fondo di 3 636 documenti il cui estremo remoto consiste in una copia autentica della concessione in perpetuo alla città, da parte del re Alfonso V d'Aragona, dei territori e delle pertinenze di Sierra, Espinas e Castañas (Valencia, 16 gennaio 1427), estratta dal registro Sardinie II dell'Archivio regio di Barcellona su richiesta dell'allora sindaco di Bosa Giuliano Ursena[129]. L'archivio è stato diviso in due sezioni: la prima comprende la documentazione prodotta durante le dominazioni iberica e sabauda (1427-1851), originariamente contenuta nell'antico archivio regio cittadino[130], la seconda annovera, invece, gli atti relativi al periodo successivo al 1848, anno in cui entrò in vigore, nel Regno di Sardegna, il moderno ordinamento comunale[131].

Vi hanno sede, inoltre, due biblioteche aderenti al Polo del Sistema Bibliotecario Nazionale: la biblioteca comunale, fondata nel 1858[132], con un patrimonio librario di 25 299 volumi, comprende un fondo antico di 29 manoscritti, essenzialmente di diritto canonico, datati fra il XVI e il XIX secolo e provenienti dall'ex Convento dei Cappuccini[133][134] e quella diocesana – del Polo SBN di biblioteche ecclesiastiche – con una collezione di 22 049 opere[135]. Quest'ultima, fondata intorno al XVIII secolo, ha raccolto, nel tempo, il patrimonio bibliografico dell'antico Collegio gesuitico di Bosa (1684), del Seminario Tridentino (1797), di vescovi, religiosi e illustri privati. La biblioteca custodisce, così, un ampio fondo giuridico, formativo e teologico che passa attraverso le cinquentine, i volumi del 1600, 1700 e 1800 fino ad arrivare ai giorni nostri[136].

Scuole modifica

La città ha una tradizione plurisecolare in materia di istruzione, essendo stata sede di un antico collegio reale e di un seminario vescovile, nonché, successivamente, di quello che fu il primo regio ginnasio della Sardegna, istituito nel 1860 in applicazione della Legge Casati (Legge 13 novembre 1859, n. 3725, in materia di "Riordinamento dell’Istruzione pubblica")[137]. In esso, nel primo decennio del Novecento, vi insegnò, tra gli altri, Augusto Monti, che sarà maestro di Cesare Pavese, Giulio Einaudi e Leone Ginzburg[138]. Attualmente gli istituti scolastici siti a Bosa sono centri di riferimento per l'area della Planargia e del Montiferru. Sono attive varie scuole materne, una scuola elementare, una scuola media, l'Istituto d'Istruzione Superiore G.A. Pischedda, comprendente un liceo classico, un liceo scientifico, un istituto tecnico-economico con indirizzo "Amministrazione, finanza e marketing", un istituto professionale agrario (fondato nel 1880)[139][140] e un istituto alberghiero.

Musei modifica

La documentazione nel tempo della storia, dell'arte e delle tradizioni locali della città si avvale anche di un polo museale che offre, in particolare, un'immersione nello spaccato sociale della città a cavallo tra il XIX e il XX secolo.

Collezione etnografica Stara

Il novero dei musei siti nel comune conta di una collezione di strumenti agricoli e marinari risalenti alla fine dell'Ottocento e agli inizi del Novecento, suddivisa in ventisei sezioni che trattano, ognuna, un mestiere differente[141].

 
Gli interni del Museo delle Conce
Museo delle Conce

Il polo museale comprende, altresì, un museo dedicato all'attività conciaria, realizzato in una conceria risalente al Settecento, da ultimo appartenente alla famiglia Poddighe e ampliata nel 1840. Il piano terra conserva le originali vasche in muratura nelle quali avveniva la prima fase della lavorazione delle pelli, mentre nel piano superiore sono esposti, oltre ad antiche fotografie, parte dei macchinari e degli attrezzi adoperati all'epoca[142].

Museo Casa Deriu e Pinacoteca Melkiorre Melis

A corredo della dimensione operaia della città ottocentesca, il polo è integrato dal Museo Casa Deriu, ospitato in un palazzo signorile del XIX secolo, appartenuto da ultimo alla famiglia Uras-Chelo. Esso offre un angolo di osservazione diverso sul tessuto sociale del tempo e testimonia il fermento artistico e culturale della borghesia bosana, non chiusa in una dimensione meramente locale.

Nel primo piano del palazzo sono allestite mostre temporanee mentre nel secondo, riservato all'abitazione padronale, è stato riprodotto con arredi in gran parte originari l'appartamento borghese ottocentesco.

 
Il Museo Casa Deriu

La sistemazione degli ambienti propone un percorso che si articola a partire dalla stanza di rappresentanza – arredata con mobili d'epoca e con tappezzeria parietale e un parquet dai motivi geometrici ripresi dagli ornati del soffitto a finti cassettoni –, la camera da letto con una volta dipinta con cornici e vasi di fiori di gusto neo settecentesco, un pavimento in maioliche di manifattura campana del XXI secolo e un letto dorato in ferro battuto di fabbrica ligure –, la sala da pranzo con gli ornati in stile Jugend dei primi del Novecento e, infine, gli ambienti dedicati alla servitù[143].

Il terzo piano dell'edificio ospita la Pinacoteca Melkiorre Melis che accoglie la collezione delle opere dell'omonimo artista locale. La sala d'ingresso è dedicata a Bosa, la città ove l'autore nacque nel 1889; la Sala della Libia, invece, conserva vasi, piastrelle e piatti in ceramica datati dal 1934 al 1941, quando Melkiorre Melis rivestì l'incarico di direttore artistico della Scuola musulmana di arti e mestieri di Tripoli[144]; un'ultima sala, infine, conserva le grandi opere pittoriche raffiguranti danze arabo-egiziane.

Pinacoteca Antonio Atza

Prospiciente il Museo Casa Deriu si trova la Pinacoteca Antonio Atza la quale si compone di novantasei dipinti, cinquantacinque dell'autore omonimo e quarantuno frutto di scambi dello stesso Atza con alcuni colleghi sardi, tra i quali Stanis Dessy, Carmelo Floris, Mauro Manca, Giovanni Thermes e Giovanni Pisano[145].

Media modifica

Radio modifica

Dal 1979, il comune di Bosa è sede della stazione radiofonica di Radio Planargia, emittente diocesana locale del gruppo InBlu fondata in seguito alla chiusura di Radio Bosa, la quale aveva operato per un triennio a partire dal 1976[146]. Nel periodo compreso tra il 1977 e il 1987 era presente anche Radio Monte Furru, radio libera privata e laica[147].

Cinema modifica

Sono legati alla città i seguenti film:

Musica modifica

Su tragiu 'osincu e sos gosos modifica

  Lo stesso argomento in dettaglio: Canto a tenore.
 
Il coro durante il rito de S'Iscravamentu

Bosa è uno dei comuni della Sardegna nei quali si è conservato e continua a essere praticato il canto corale sardo a tenore, inserito nel 2005 dall'UNESCO tra i patrimoni orali e immateriali dell'umanità. Caratteristico della tradizione musicale bosana è la struttura del canto a tragiu, una variante del canto a cuncordu che raggruppa le voci (boghes) di su basciu, sa contra, su tenore e su contraltu[150]. Tale canto viene praticato, in particolare, durante i riti della Settimana Santa, quando vengono eseguiti il Miserere e lo Stabat Mater. Fanno invece parte del repertorio profano locale S'istudiantina, Massagina, Otava trista, Bosa resuscitada, Vocione, Una muraglia ruta, Gibildrì, gibildrò, cantati durante i momenti conviviali [151][152]. Sono inoltre diffusi a Bosa i canti devozionali e paraliturgici sardi conosciuti con il nome di gosos, dedicati alla Madonna o ai santi e intonati durante la Settimana Santa e la processione di Nostra Signora de Sos Regnos Altos. La tradizione musicale locale è promossa, in primo luogo, dal Coro di Bosa, un'associazione culturale, fondata nel 2000, che fa parte della Rete del canto a tenore promossa dall'Istituto superiore regionale etnografico della Sardegna[153].

Canto a trallallera modifica

Tipici del carnevalo bosano e, in particolare, di S'attitidu, sono i canti a trallallera: si tratta di componimenti satirici, spesso improvvisati, che sono composti da due distici (strofe di due versi) e che si eseguono generalmente accompagnati da una chitarra.

Cucina modifica

La cucina bosana è legata alla cucina tipica dell'isola, ma presenta delle caratteristiche uniche in ragione della varietà dei prodotti assicurata dalla presenza, nel territorio, di un fiume, del mare (nel quale si pescano spigole, dentici, orate, aragoste, ricci, etc.) e di un'ampia vallata fertile (rinomati sono i carciofi spinosi di Sardegna DOP, originari di Bosa[154][155], le olive di cultivar Bosana[156], da cui si ottiene l'olio extravergine di oliva Sardegna DOP[157] e i vitigni da cui si produce il vino Malvasia di Bosa dolce e secco DOC).

Fra i piatti tradizionali si possono citare sa fae a landinu (un piatto a base di fave, vari tipi di carni e finocchietto selvatico, tipico del carnevale)[158], s'algazinu (lumachine della specie Theba pisana condite con aglio), su baosu (lumache della specie Helix Aspersa normalmente condite con sugo di pomodoro). Tra i primi piatti più diffusi, si annoverano, poi, sos culunzones de regotu (ravioli ripieni di ricotta e spinaci) e sos cicciones, pasta corta di semola condita anch'essa con ricotta o sugo di pomodoro. Per la pasta lunga è invece comune l'uso di condimenti a base di granchi o ricci di mare.

Tra i piatti di pesce, oltre all'anguilla in umido o arrosto, occorre menzionare s'azada (in italiano, agliata)[159] alla bosana[160], che consiste in una preparazione gastronomica a base di razza o gattuccio condita con una salsa a base di olio, aglio, prezzemolo, pomodori pelati e aceto[161]. Lo sviluppo della ristorazione locale, in seguito all'incremento dei flussi turistici, ha anche diffuso ulteriori ricette che valorizzano i più pregiati prodotti ittici del territorio, quali la cosiddetta aragosta alla bosana[162] e la zuppa di crostacei alla bosana[163].

Maggiormente legato alla tradizione locale, così come nel resto della Sardegna, è il consumo del porcetto e del capretto arrosto, nonché di sa corda (una preparazione a base di intestini di agnello intrecciati e cotti in umido o arrosto). Si ricordano, infine, le panadas: dei piccoli tortini di pasta violada al cui interno sono contenuti diversi tipi di carne e di verdure e che, nella variante diffusa a Bosa, differiscono nella forma, nella cottura (sono fritte e non cotte al forno) e, in parte, dagli ingredienti, dalle più note panadas di Assemini, Cuglieri e Oschiri.

I dolci della tradizione sono rappresentati dalle frisciolas (frittelle lunghe o zeppole, tipiche del carnevale), dai pabassinos, dalle casadinas, dalle tiricas (un involucro di pasta sfoglia che richiude un ripieno a base di miele e saba), dai bistocos, dai sospiros e dagli amarettos.

Le varietà di pane più comuni sono rappresentate dalla covatza (focaccia di semola o di patate, talvolta arricchita con ciccioli di maiale), la paltzida, il cocorroi cun s'ou (un pane decorato, tipicamente pasquale, a cui viene incorporato un uovo intero), le galletas di Bosa (un tipo di pane biscottato)[164] e il bistocu[165] (un pane di grano duro a lunga conservazione tradizionalmente prodotto nella vicina Montresta).

Il capoluogo della Planargia è noto anche per la produzione del vino Malvasia di Bosa DOC, un vino bianco prodotto nelle tipologie liquoroso (dolce o secco) e dolce naturale, la cui qualità è particolarmente riconosciuta anche a livello nazionale[166] e internazionale: è stato protagonista, tra l'altro, del docufilm Mondovino, presentato in concorso alla 57ª edizione del Festival di Cannes[167].

Eventi modifica

 
Discoteca fluviale sul Temo durante il Bosa Beer Fest

Tra gli eventi che si svolgono nel comune, si segnala il Bosa Beer Fest, che si tiene nel mese di aprile di ogni anno (a partire dal 2015) e che è considerato il più importante festival dedicato alle birre artigianali in Sardegna nonché uno dei più importanti eventi brassicoli d'Italia (già nella terza edizione, svoltasi nel 2018, registrò il record nazionale annuale di ettolitri di birra spillati in un singolo evento)[168][169].

Inoltre, dal 2008 si svolge a cadenza annuale, nel mese di luglio, il Festival Internazionale di Musica da Camera "Bosa Antica", che prevede l'organizzazione di concerti di musica da camera con il coinvolgimento di musicisti di fama internazionale (tra i quali, nelle scorse edizioni, il pianista Aldo Ciccolini e il trombettista Andrea Tofanelli)[170] e di allievi provenienti da varie parti del mondo[171][172]. Al termine della manifestazione – alla quale si affiancano masterclass, seminari e laboratori musicali – è assegnato il Premio Bosa Antica[173].

Geografia antropica modifica

Urbanistica modifica

 
Sviluppo urbano di Bosa, sotto le pendici del colle di Serravalle

Il centro abitato di Bosa, da un nucleo medievale posizionato sulle pendici del colle di Serravalle (81 m s.l.m.), si è esteso progressivamente verso valle e – in particolare a partire dalla predisposizione del Piano di ornato Cadolini del 1867[174] – sulla piana alluvionale posta alla riva destra del fiume Temo. Da qui si è ampliato verso occidente, lungo gli attuali Viale Giovanni XXIII e Viale Alghero, seguendo la direttrice rappresentata dal prolungamento del principale asse viario ottocentesco (Corso Vittorio Emanuele II). L’intervento di estensione urbana è stato eseguito sopra aree golenali, tombinando canali e colmando aree acquitrinose e permeabili»[175]. Per questo motivo e a causa del progressivo restringimento della foce del fiume (sin dal XVI secolo), aggravatosi con la costruzione del muraglione di collegamento tra l’Isola Rossa e la terraferma, la storia urbanistica della città è stata segnata da numerose inondazioni e da episodi di piena del fiume Temo[176]. Lo sviluppo dell’edilizia locale non è stato però frenato da tale situazione di rischio.

A partire dagli anni ’50 del Novecento sono stati costruiti i caseggiati delle scuole elementari e dell’attuale banco di Sardegna. Si è sviluppata, poi, sul versante sinistro della foce e in lungo la costa, la stazione balneare di Bosa Marina, che è venuta caratterizzandosi per «tipologie costruttive ed edilizie dal carattere spontaneo e a lungo incontrollato»[177]. Lo scoppio del boom edilizio nella seconda metà del XX secolo – incentivato localmente dal progressivo abbandono delle abitazioni, spesso anguste, del quartiere medievale di Sa Costa[178] – ha infine determinato un repentino sviluppo di quartieri periferici popolari e residenziali (Caria, Terridi, etc.) che ha interessato anche la sponda sinistra del fiume (Via Nazionale, Santa Caterina, etc.), rimasto inizialmente al di fuori del piano di estensione edilizia perché prossima all'ambiente insalubre delle concerie, in attività sino alla metà del Novecento. La costruzione del cosiddetto Ponte Nuovo, negli anni 1981-1983, ha poi saldato la borgata marittima con il resto dell'abitato, prevalentemente costruito sulla sponda opposta.

Negli anni Duemila, un emergente interesse turistico nei confronti della città ha dato luogo a un tipo di sviluppo urbanistico legato all’edificazione di case vacanze (borgata Villaggio Turas) e di strutture di ricettività (alberghi) e per lo sport (impianti di Campu 'e Mare), nonché alla predisposizione di progetti immobiliari di ampio sviluppo turistico, mai portati a compimento anche in ragione di un impatto ambientale considerato dannoso da parte dell’opinione pubblica (costruzione di campi da golf, resort sulla costa e strutture ricettizie dalle volumetrie rilevanti)[179][180][181]. Nel 2022 è stato poi adottato preliminarmente dal Comune di Bosa il Piano di Utilizzo dei Litorali, uno strumento di programmazione volto a disciplinare l’utilizzo delle aree demaniali marittime e che regolamenta l’organizzazione del territorio immediatamente contiguo ai litorali[182].

Nel contesto dell’affermazione turistica della città, sono stati poi eseguiti diversi interventi di recupero delle aree storicamente più rilevanti, come il quartiere delle Conce (pressoché diroccato dopo la sua dismissione) e di Sa Costa, le cui antiche abitazioni sono state pesantemente restaurate e intonacate, spesso da non residenti che ne hanno ricavato case per uso turistico o stagionale[183]. Da ultimo, alle porte della città (arrivando dalla Strada statale 129 Trasversale Sarda – Via Roma) è stata edificata una zona produttiva-industriale, in località Su Pabarile-Segapane.

L’estensione urbanistica determinata dall’edilizia privata, che è stata per decenni il motore trainante dell’economia bosana, ha infine subito un arresto, oltre che per la crisi economica, anche a causa dell’inclusione del 70% del territorio comunale nelle zone classificate come Hi4, cioè a più elevato rischio idrogeologico e idraulico, secondo quanto disposto dal Piano di assetto idrogeologico del 2006 e dal Piano stralcio delle fasce fluviale della Regione Sardegna[184]. Per questo motivo, oltre alla costruzione di una diga foranea antistante la foce, sul piano delle riforme urbanistiche, sono stati programmati interventi di mitigazione del rischio idraulico, di dragaggio del fiume, di erezione di difese spondali e di manutenzione delle opere di immissione dei canali nel fiume, essenziali per un attento sviluppo urbano della città[185].

Suddivisioni storiche modifica

  Lo stesso argomento in dettaglio: Centro storico di Bosa.
 
Veduta aerea del centro storico di Bosa

Il centro storico di Bosa si è sviluppato in un’epoca compresa tra il Medioevo e l’Ottocento e corrisponde – con l’eccezione del complesso conciario di Sas Conzas – all’abitato sito sulla sponda destra del Temo e incluso nel più tardo circuito murario cittadino trecentesco, completamente abbattuto o diroccato già nel XIX secolo. Le mura di delimitazione si estendevano lungo il fiume, in corrispondenza delle vie Vecchia Muraglia-Lungotemo e di Santa Giusta, per poi connettersi con le mura del castello, lambendo a ovest l’attuale via Gioberti e risalendo Sas Iscalas Longas; mentre a est, costeggiavano S’Iscala ’e sa Rosa. Erano presenti almeno quattro porte: quella di San Giovanni, a nord-ovest, della Maddalena, a ovest, del Ponte, a sud, e di Santa Giusta, a est[186]. Nelle fonti si trova menzione anche di una porta della Scaffa, situabile lungo il fiume e forse identificabile con la porta del ponte[187]. All’interno del centro storico così definito si distinguono i seguenti rioni:

Infrastrutture e trasporti modifica

Strade modifica

Il sistema infrastrutturale di collegamento principale di Bosa è rappresentato dal sistema di trasporto stradale, che costituisce l'elemento fondamentale per l'integrazione del territorio comunale nel contesto regionale.

Il principale asse viario extraurbano della città è rappresentato dalla strada statale 129bis che, congiungendosi alla Trasversale sarda, consente il collegamento con il centro, l'est della Sardegna e, in particolare, con Nuoro. All'altezza di Macomer, la Trasversale si innesta con la SS 131 (Carlo Felice), sia verso nord, permettendo la connessione con Sassari, con Porto Torres e – mediante la SS 597 – con Olbia, sia verso sud, garantendo il collegamento con Cagliari. L'intersezione della SS 129bis con la Nord occidentale sarda, garantisce un ulteriore raccordo verso il settentrione, all'altezza di Cossoine, con la SS 131 e, verso sud, così permettendo il collegamento con il capoluogo di provincia, Oristano. Il nord della Sardegna è collegato, inoltre, con due strade provinciali: la litoranea che connette Bosa ad Alghero nonché all'aeroporto di Alghero-Fertilia e la strada Bosa-Montresta, che attraversa l'entroterra.

A partire dal 1928, la scelta del potenziamento dell'asse centrale (SS 131) ha comportato l'inizio di un processo di emarginazione della Planargia e di Bosa. Il progressivo affermarsi di un'economia di scambio legata agli sviluppi di Cagliari, Olbia e Porto Torres, meglio situati e attrezzati per i contatti con la penisola italiana e con l'estero, ha accentuato le condizioni di generale isolamento del territorio, non sufficientemente integrato nel sistema di comunicazioni principali[188]. La situazione di marginalizzazione, poi, è stata ancor più enfatizzata dalla successiva chiusura al traffico della linea ferroviaria che collegava la città a Macomer.

Ferrovie modifica

  Lo stesso argomento in dettaglio: Ferrovia Macomer-Bosa, Stazione di Bosa Marina e Stazione di Bosa.
 
L'ex capolinea di Bosa, in uso per i servizi di autolinee

Bosa fu dotata di una linea ferroviaria, con scartamento da 950 mm, che connetté la città (a partire dal 26 dicembre del 1888) e Bosa Marina (a partire dal mese di maggio del 1915)[189] con la stazione ferroviaria di Macomer, consentendo il collegamento con Nuoro e Cagliari. Il 14 giugno 1981[190], per motivi di sicurezza, la ferrovia fu chiusa[191] tra le proteste degli abitanti dei centri serviti dalla linea, parzialmente placate dalla riapertura nel 1982 del tratto da Macomer a Tresnuraghes, dopo che fu sostituito l'armamento dei binari[192].

La suggestività degli scenari attraversati nel tratto chiuso, e la crescente domanda di turismo ferroviario nell'isola, portarono l'Ente sardo industrie turistiche, la Comunità europea e la Regione a finanziare la ricostruzione della tratta Tresnuraghes-Bosa Marina, che il 10 maggio 1995 fu riaperta al traffico come linea turistica delle Ferrovie della Sardegna (la prima in ordine di tempo). Il capolinea però non si trovava più nella stazione di Bosa ma in quella di Bosa Marina, per via dell'impossibilità di ripristinare il tratto tra i due scali dovuta a fenomeni di erosione del terreno su cui passavano i binari, fatto che avrebbe compromesso la stabilità della ferrovia. L'intera Macomer-Bosa Marina infine venne destinata all'esclusivo uso turistico a partire dal giugno 1997.

Porti modifica

Nella frazione di Bosa Marina, ai piedi del vecchio faro dell'Isola Rossa, è presente un porto per la nautica da diporto a destinazione turistica e sportiva, in regime di concessione. Il Porticciolo, dotato di servizi portuali, consta di un pontile fisso di circa 70 m, denominato Banchina commerciale, il quale viene integrato – nel periodo compreso tra maggio e ottobre – con l'allestimento di pontili galleggianti per centoquaranta ormeggi per barche fino a 50 m e con pescaggio fino a 9,80 m[193].

 
Porto fluviale e Nuova darsena

Lungo la piazza Paul Harris – ove hanno sede gli uffici della Guardia costiera – a circa 250 m dalla foce del Temo, sulla sua sponda sinistra, si trova la Banchina fluviale, lunga circa 150 m, gestita direttamente dall'Ufficio circondariale marittimo di Bosa. Essa è in parte riservata alle unità militari, in altri tratti, invece, è destinata all'ormeggio di unità da diporto e da pesca in transito o al bunkeraggio[194].

Sulla sponda destra del fiume, a circa 600 m dalla foce, in acque interne, ha sede un porto canale attrezzato e dotato di servizi che dispone di un cantiere e di un pontile galleggiante con duecentosessanta posti barca e rimessaggio; infine, sulla stessa sponda, a 750 m dalla foce, si trova la Nuova darsena con pontili galleggianti da duecentoventi ormeggi[195]. Svariate centinaia di ulteriori posti barca, poi, sono presenti lungo le banchine fluviali della città.

Amministrazione modifica

Di seguito l'elenco dei sindaci e dei commissari prefettizi e straordinari che si sono succeduti a Bosa, dal 1985 ad oggi[196]:

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
17 giugno 2019 in carica Piero Franco Casula Lista civica "Unʼaltra Bosa" Sindaco Proclamato
26 maggio 2014 17 giugno 2019 Luigi Mastino Lista civica "Cominciamo il domani" Sindaco Scadenza naturale del mandato
8 giugno 2009 26 maggio 2014 Piero Franco Casula Lista civica Sindaco Scadenza naturale del mandato
15 settembre 2008 8 giugno 2009 Massimo Torrente Commissario straordinario Cessazione dell'incarico
30 maggio 2006 15 settembre 2008 Paolo Casula Lista civica (centro-destra) Sindaco Scioglimento del Consiglio
15 maggio 2001 30 maggio 2006 Augusto Brigas Lista civica (centro-destra) Sindaco Scadenza naturale del mandato
28 aprile 1997 14 maggio 2001 Silvano Cadoni Lista civica Sindaco Scadenza naturale del mandato
23 settembre 1996 28 aprile 1997 Franca Cocco Commissario prefettizio Cessazione dell'incarico
8 maggio 1995 21 settembre 1996 Silvano Cadoni Lista civica Sindaco Dimissioni del Consiglio
26 luglio 1990 24 aprile 1995 Giovanni Cuccuru DC Sindaco Scadenza naturale del mandato
29 luglio 1985 26 luglio 1990 Giovanni Cuccuru DC Sindaco Scadenza naturale del mandato

Gemellaggi modifica

Bosa è gemellata con:

  Bullas, dal 2013 (Delibera del Consiglio comunale nº 11/2013)[197].

Altre informazioni amministrative modifica

Il comune è sede dell'Unione di comuni della Planargia, formata dai comuni di Bosa, Flussio, Magomadas, Modolo, Montresta, Sagama, Suni e Tresnuraghes. Fa inoltre parte del Consorzio per la sorveglianza della Diga sul Fiume Temo[198].

Sport modifica

Arti marziali modifica

Nel campo delle arti marziali si annovera il Judo Club Bosa, i cui atleti hanno conquistato, nel 2015, un terzo posto nella categoria M6 60 kg del Campionato mondiale Veterans della International Judo Federation[199] e due titoli del Campionato regionale Esordienti[200][201].

Calcio modifica

Nella città hanno sede due squadre di calcio dilettantistico affiliate al Comitato Regionale Sardegna della Federazione Italiana Giuoco Calcio: il Centro Sportivo Bosa, fondato nel 1929, la cui prima squadra milita, negli anni 2022-2023, nel Campionato di Eccellenza regionale della Lega Nazionale Dilettanti[202] e l'A.S.D. Calmedia, la cui prima squadra milita nel Campionato di seconda categoria regionale 2022-2023[203]. Il C.S. Bosa ha vinto la Coppa Italia Promozione Sardegna nella stagione 2015-2016[204].

Canottaggio modifica

Al 1922 risale la fondazione della Società canottieri “Calmedia”[205], alla quale è poi succeduto il Circolo Canottieri G. Sannio, fondato nel 1973 e affiliato alla Federazione Italiana Canottaggio. Il circolo bosano si è distinto in ambito regionale raggiungendo i massimi risultati, conquistando numerosi titoli e trofei e confermandosi come prima società sarda nella classifica agonistica nazionale della disciplina (63° su 236) nel 2017[206]. Ha conseguito importanti risultati e piazzamenti anche a livello nazionale, vincendo – per la categoria "ragazzi" – il titolo femminile del campionato Indoor Rowing (2015)[207].

Ciclismo modifica

Il 13 maggio 2007 la cittadina ha ospitato l'arrivo della seconda tappa del 90º Giro d'Italia, partita da Tempio Pausania e vinta da Robbie McEwen[208].

Pallacanestro modifica

Nel settembre del 2015 un gruppo di appassionati ha fondato la società sportiva Bosa Basket 2015 che conta oltre 50 atleti di tutte le categorie a partire dal minibasket[209].

Impianti sportivi modifica

Nel comune sono in funzione i seguenti impianti sportivi pubblici[210]:

  • campo da calcio "Bartolomeo Cabula" (anche noto come "Campo Italia"), in erba sintetica e dotato di tribune al coperto (lato nord). È il campo da gioco di riferimento per le partite del C.S. Bosa e dell'A.S.D. Calmedia;
  • campo da calcio di Sant'Eligio, in terra battuta;
  • campo da calcetto di S'Istagnone (Bosa Marina);
  • campi da tennis di Campu 'e Mare (Bosa Marina);
  • impianti sportivi di via Gramsci, comprensivi di una palestra e di campi da pallavolo, da pallacanestro e da calcetto.

Note modifica

  1. ^ Scheda dei titolari di incarichi politici, di amministrazione, di direzione o di governo del comune di Bosa sul portale OnlinePA, su onlinepa.info. URL consultato il 1º settembre 2022.
  2. ^ Dato ISTAT, Archivio dei codici e delle classificazioni dei comuni italiani al 30 giugno 2010 (XLS), su www3.istat.it. URL consultato il 30 dicembre 2015 (archiviato dall'url originale il 4 marzo 2016).
  3. ^ Legge Regionale 15 ottobre 1997, n. 26, su regione.sardegna.it. URL consultato il 10 novembre 2018 (archiviato dall'url originale il 26 febbraio 2021).
  4. ^ Regione autonoma della Sardegna, Voce bosíncu, in Ditzionàriu in línia de sa limba e de sa cultura sarda, su ditzionariu.sardegnacultura.it. URL consultato il 5 giugno 2022.
  5. ^ Lajatico è il Comune più ricco d'Italia. La mappa dei redditi degli italiani pre-pandemia, in Il Sole 24 Ore, 27 maggio 2021.
  6. ^ a b Dato ISTAT, Principali statistiche geografiche sui comuni, su istat.it.
  7. ^ a b Bilancio demografico mensile anno 2023, su demo.istat.it.
  8. ^ Classificazione sismica (XLS), su rischi.protezionecivile.gov.it.
  9. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile, 1º marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012 (archiviato dall'url originale il 1º gennaio 2017).
  10. ^ Luciano Canepari, Bosa, in Il DiPI: dizionario di pronuncia italiana, Bologna, Zanichelli, 2009, ISBN 978-88-08-10511-0.
  11. ^ Testo integrale Legge Regionale 9/2001, su regione.sardegna.it. URL consultato il 12 settembre 2009 (archiviato dall'url originale il 16 ottobre 2009).
  12. ^ Bosa: Clima e Dati Geografici, Riscaldamento, su comuni-italiani.it. URL consultato l'11 settembre 2022.
  13. ^ Costantino Azzena, Documento di indirizzo alla progettazione. Opere di difesa idraulica della città di Bosa (PDF), su regione.sardegna.it, Cagliari, 18 luglio 2019, pp. 3-4.
  14. ^ Attilio Mastino, Storia di Bosa (PDF), in Attilio Mastino, Giuseppina Cuccu e Antonello Cuccu, 101 saluti da Bosa, Nuoro, Poliedro, 2004, ISBN 88-86741-30-8. URL consultato l'11 settembre 2022.
  15. ^ Mappa della classificazione sismica dal sito della Protezione Civile (PDF), su protezionecivile.gov.it. URL consultato l'8 gennaio 2016 (archiviato dall'url originale il 3 aprile 2018).
  16. ^ Viiana Castelli, La sismicità storica dell'isola senza terremoti, in Quaderni di Geofisica, n. 163, 2000.
  17. ^ Mario Pinna, Il clima della Sardegna, in Pubblicazioni dell'Istituto di geografia dell'Università di Pisa, Pisa, Libreria Goliardica, 1954, SBN IT\ICCU\GEA\0017694.
  18. ^ Giovanna Luigia Martinez, Studio geologico-ambientale per la valutazione del rischio idrogeologico nella bassa valle del fiume Temo (Sardegna nord-occidentale) (PDF) [collegamento interrotto], in Geologica romana, vol. 30, Roma, Università degli Studi di Roma, la Sapienza, 1994, pp. 129-136, ISSN 0435-3927 (WC · ACNP). URL consultato il 30 dicembre 2015.
  19. ^ Tabelle climatiche 1971-2000 della stazione meteorologica di Alghero Fertilia dall'Atlante Climatico 1971-2000 del Servizio Meteorologico dell'Aeronautica Militare (PDF), su clima.meteoam.it. URL consultato il 18 maggio 2010.
  20. ^ Tavola dei Gradi giorno dal sito dell'ENEA (TXT), su clisun.casaccia.enea.it. URL consultato il 27 settembre 2009 (archiviato dall'url originale il 17 settembre 2009).
  21. ^ Maria Giulia Guzzo Amadasi, Le iscrizioni fenicie e puniche delle colonie in Occidente, in Studi Semitici, vol. 28, Roma, Istituto di Studi del Vicino Oriente, 1967, p. 99, OCLC 462752678.
  22. ^ Giovanni Garbini, Ricognizione di superficie, Bosa, in Bollettino di Archeologia, n. 13-15, Roma, Istituto poligrafico e Zecca dello Stato, 1992, pp. 209-210.
  23. ^ (LA) Petrus Wesseling, Vetera Romanorum Itineraria, sive Antonini Augusti itinerarium, Amsterdam, J.Wetstenius & G. Smith, 1735, pp. 83-84, OCLC 820729238.
    «BOSAM M. P. XXV. Eadem exemplaria recto casu Bosa XXV. Ptolomaeo Βῶσα. Hodie urbs Sardiniae id nomen resinet. Anastasius Osam habet: dicerem eum Osaeam Ptolomaei cogitasse, nisi in aperto esset, omnia illum ex itinerario excerpsisse»
  24. ^ Attilio Mastino, Bosa, in Dizionario storico-geografico dei Comuni della Sardegna, A-D, Sassari, Carlo Delfino editore, 2006, p. 220, ISBN 88-7138-430-X.
  25. ^ AA.VV., Bosa fondazione fenicia?, in Antonello Mattone e Maria Bastiana Cocco (a cura di), Bosa. La città e il suo territorio dall’antichità al mondo contemporaneo, Sassari, Carlo Delfino editore, 2016, pp. 61-64, ISBN 978-88-7138-913-4.
  26. ^ Massimo Pittau, La supposta origine fenicia di Bosa, su pittau.it. URL consultato il 29 dicembre 2015.
  27. ^ Eduardo Blasco Ferrer, Paleosardo: Le radici linguistiche della Sardegna neolitica, Berlino-New York, Walter De Gruyter Inc, 2010, p. 61, nota 102, ISBN 978-3-11-215886-9. URL consultato il 13 gennaio 2016.
  28. ^ Guido D'Agostino (a cura di), Il Parlamento del Viceré Francesco de Benavides conte di Santo Stefano (1677-78) (PDF), in Acta Curiarum Regni Sardiniae, vol. 2, Sassari, EDI.CO.S. (Editori Consorziati Sardi), 2014, p. 639, ISBN 978-88-904883-3-7.
  29. ^ a b Alberto Moravetti, Ricerche archeologiche nel Marghine-Planargia (PDF), collana Sardegna archeologica, II, Sassari, Carlo Delfino editore, 2000, pp. 28-32. URL consultato il 17 gennaio 2016 (archiviato dall'url originale il 21 dicembre 2014).
  30. ^ Maria Chiara Satta, S'Abba Druche: un insediamento rustico a poche miglia da Bosa Vetus, Sassari, Archivio fotografico sardo, 1996, SBN IT\ICCU\CAG\0439328.
  31. ^ Cinzia Loi, I palmenti rupestri di S'Abba Druche - Bosa, su archeomedia.net, 13 gennaio 2021. URL consultato il 16 giugno 2023.
  32. ^ (IT) Attilio Mastino, Le Origini di Bosa, in Antonio Francesco Spada (a cura di), Il 9º centenario della Cattedrale di S. Pietro di Bosa, Sassari, Gallizzi, 1974, pp. 109 ss..
  33. ^ (LA) Theodor Mommsen, Inscriptiones Bruttiorum, Lucaniae, Campaniae, Siciliae, Sardiniae, in Corpus Inscriptionum Latinarum, X, Berlino, G. Reimerum, 1883, p. 825, framm. 7939, OCLC 461790353. URL consultato l'8 gennaio 2016.
  34. ^ Theodor Mommsen, p. 825, framm. 7940.
  35. ^ Le date della costruzione del tempio vengono fornite da due documenti epigrafici presenti nella chiesa: il primo è rappresentato da un'iscrizione incisa sul concio di una lesena absidale che, secondo una recente rilettura operata dall'epigrafista Giuseppe Piras, attesta l'atto di consacrazione e posa della prima pietra dell'edificio romanico celebrato dal vescovo Costantino de Castra (in passato il titulus veniva erroneamente riferito all'attività di un presunto architetto di nome Sisinius Etra); il secondo è costituito da un'epigrafe, collocata nella navata centrale, che ricorda l'anno di ultimazione dei lavori promossi dal vescovo, il 1073 appunto.
  36. ^ Riccardo Calimani, Storia degli ebrei italiani. Dal XVI al XVIII secolo, Milano, Arnoldo Mondadori Editore, 2014, p. 20.
  37. ^ Alessandro Soddu (a cura di), I Malaspina e la Sardegna. Documenti e testi dei secoli 12-14 (PDF), Cagliari, CUEC, 2005, pp. XXVI-XXVII, ISBN 88-8467-293-7.
  38. ^ Marco Milanese, Archeologia delle piazzeforti spagnole della Sardegna nord-occidentale (Alghero, Bosa e Castelsardo), in Archeologia Postmedievale, vol. 13, 2009, pp. 163-165, ISSN 1592-5935 (WC · ACNP). URL consultato il 9 gennaio 2016.
    «Il castello di Bosa (o di Serravalle) è al centro di un vivace dibattito che ha criticato la cronologia tradizionale indicata nel XVI secolo dal Fara per la sua fondazione (1112), una revisione condotta sul piano storiografico, con il contributo dei recenti scavi archeologici, che ha abbassato la datazione dell'impianto castrense al pieno XIII secolo, dopo la metà del Duecento»
  39. ^ Foiso Fois, Il Castello Serravalle di Bosa: contributo alla storia delle fortificazioni in Sardegna, collana Archivio storico sardo, XXVII, Padova, CEDAM, 1961, p. 45, SBN IT\ICCU\CAG\0038603.
  40. ^ Zecca di Bosa, in Rivista italiana di numismatica e scienze affini, n. 11, Milano, Società numismatica italiana, 1888, p. 184.
  41. ^ Goffredo Casalis, Dizionario geografico storico-statistico-commerciale degli Stati di S. M. il Re di Sardegna, Torino, G. Maspero librajo, 1856, p. 767.
  42. ^ Goffredo Casalis, Dizionario geografico-storico-statistico-commerciale degli stati di S. M. il re di Sardegna, vol. XVIII quater, Torino, G. Maspero librajo, 1856, p. 557.
    «Supplicava lo Stamento [...]: II. [...] "Che essendo nel Regno alcune città nominatamente la Villa delle Chiese e Bosa, le quali si reggeano con capitoli e Brevi formolati in lingua pisana o italiana; e parimenti la città di Sassari tenendo alcuni capitoli in lingua genovese o italiana; e non parendo conveniente nè giusto che le leggi del Regno fossero proposte in lingua straniera; però si ordinasse di tradurre i medesimi in lingua italiana restassero aboliti talmente che ne venisse a mancare fin la memoria". Il Luogotenente Generale e il Re comandavano che fossero tradotti in lingua catalana»
  43. ^ Goffredo Casalis, Dizionario geografico-storico-statistico-commerciale degli stati di S. M. il re di Sardegna, vol. II, Torino, G. Maspero librajo, 1834, p. 541.
  44. ^ Pietro Martini, Storia ecclesiastica di Sardegna, vol. II, Cagliari, Stamperia reale, 1840, p. 309.
  45. ^ Pasquale Tola, Dizionario biografico degli uomini illustri di Sardegna ossia Storia della vita pubblica e privata di tutti i sardi che si distinsero per opere, azioni, talenti, virtù e delitti, vol. I, Torino, Tipografia Chirio e Mina, 1837, pp. 85-87.
  46. ^ Pasquale Tola, Dizionario biografico degli uomini illustri di Sardegna ossia Storia della vita pubblica e privata di tutti i sardi che si distinsero per opere, azioni, talenti, virtù e delitti, vol. I, Torino, Tipografia Chirio e Mina, 1837, pp. 12-15.
  47. ^ Francesco Angelo de Vico, Historia general de la Isla, y Reyno de Sardeña, Barcellona, 1639, parte VI, cap. 36, foglio 80.
  48. ^ Goffredo Casalis, Dizionario geografico-storico-statistico-commerciale degli stati di S. M. il re di Sardegna, vol. III, Torino, G. Maspero librajo, 1833, pp. 1336-1337.
  49. ^ Goffredo Casalis, Dizionario geografico-storico-statistico-commerciale degli stati di S. M. il re di Sardegna, vol. III, Torino, G. Maspero librajo, 1833, p. 1337.
  50. ^ Francesco Floris, Breve storia della Sardegna dalle origini ai giorni nostri, Roma, Newton Compton editori s.r.l., luglio 1994, pp. 43-44, ISBN 88-7983-567-X.
  51. ^ Giampaolo Salice, Colonizzazione sabauda e diaspora greca, collana Biblioteca 31. Serie storica, Viterbo, Sette città, 2015, pp. 26, 49, 75, 85-137, 145, 150-164, 180, 191, 200-216. URL consultato il 24 febbraio 2023 (archiviato dall'url originale il 24 febbraio 2023).
  52. ^ Doris Zaccone, Bosa, il ginnasio è nato qui, in la Repubblica, 27 settembre 2021. URL consultato il 10 giugno 2022.
  53. ^ Salvatore Angelo De Castro, Feste della città di Bosa in occasione della legge per la formazione d'un porto in quella rada, Tip. A. Timon, 1863, OCLC 889432262. URL consultato il 22 febbraio 2023.
  54. ^ Antonio Naitana, Una domenica di sangue. La rivolta popolare del 14 aprile 1889 a Bosa, Bosa, Tipografia San Giuseppe, 1998.
  55. ^ Ufficio araldico, Fascicolo comunale di Bosa nell'Archivio centrale dello Stato, su acs.beniculturali.it, busta 095, fascicolo 9064. URL consultato l'8 gennaio 2016 (archiviato dall'url originale il 26 gennaio 2016).
  56. ^ Comune di Alghero, Statuto del comune di Alghero (PDF), su comune.alghero.ss.it, art. 2. URL consultato il 3 dicembre 2016 (archiviato dall'url originale il 5 marzo 2016).)
  57. ^ Sergio Serra, Araldica Catalana: lo stemma della città di Alghero (PDF), su revistes.iec.cat, p. 67. URL consultato l'8 giugno 2022.
  58. ^ Historiae patriae monumenta edita iussu regis Caroli Alberti, in Codex diplomaticus Sardiniae, vol. 2, Torino, 1868, p. 143.
  59. ^ Franco Masala, Architettura dall'Unità d'Italia alla fine del '900 (PDF), in Storia dell'arte in Sardegna, Nuoro, Ilisso editore, 2001, ISBN 88-87825-35-1. URL consultato il 2016 (archiviato dall'url originale il 5 marzo 2016).
  60. ^ Si fa riferimento alle chiese dedicate a San Giacomo (presso Sa Idda Ezza), a Santo Stefano (presso Santu Istevene, non lontano da S’Abba Druche), a San Giorgio, forse con edificio monastico annesso, (presso Turas) e a Santa Caterina di Alessandria (presso l’attuale quartiere di Santa Cadrina). Si veda Antonio Francesco Spada, Probabili chiese del primo millennio a Bosa, in AA.VV., Bosa. La città e il suo territorio dall'età antica al mondo contemporaneo, a cura di Antonello Mattone e Maria Bastiana Cocco, Sassari, Carli Delfino editore, 2016, pp. 280-281, ISBN 978-88-7138-913-4, OCLC 990141618. URL consultato l'8 marzo 2023. A queste, si aggiungono forse quelle dedicate a San Santa Maria de Sole, a Sant'Antonio di Padova, a San Bartolomeo, a Santa Barbara e a Santa Margarita. Vedi Vittorio Angius, Città e villaggi della Sardegna dell'Ottocento (PDF), a cura di Luciano Carta, 1 (Abbasanta-Guspini), Nuoro, Ilisso edizioni, 2006, p. 195, ISBN 978-88-89188-88-0. URL consultato il 7 gennaio 2016 (archiviato dall'url originale il 24 settembre 2015).
  61. ^ Antonio Francesco Spada, Probabili chiese del primo millennio a Bosa, in AA.VV., Bosa. La città e il suo territorio dall'età antica al mondo contemporaneo, a cura di Antonello Mattone e Maria Bastiana Cocco, Sassari, Carlo Delfino editore, 2016, p. 281, ISBN 978-88-7138-913-4, OCLC 990141618. URL consultato l'8 marzo 2023.
    «È bene ricordare che all’inizio solo le chiese cattedrali ebbero il diritto di possedere un fonte battesimale e per privilegi le chiese dette ecclesiae plebanae, e anche baptismalae. Il sacramento lo amministrava il vescovo il sabato di Pasqua e il sabato di Pentecoste. Solo con il nuovo codice di diritto canonico del 1918 divenne generale il diritto di tutte le parrocchie di possedere un fonte battesimale. Di fatto però fin dai tempi più antichi si diffuse l’uso di battezzare in qualsiasi comunità. Tra le antiche chiese dell’Oristanese due furono almeno di fatto ecclesiae plebanae: sorgevano fuori dalla città pagana, lungo una strada di traffico, in un luogo facilmente raggiungibile e preso buone sorgenti d’acqua. Ed erano dedicate a S. Giovanni Battista. Volendo ricercare nel territorio dell’antica Bosa una chiesa che fosse battesimale di fatto, mi sembra di poterla individuare in quella di S. Giovanni Battista […]. Essa […] sorse in una località ricca d’acqua [presso il rio S’Aladerru], lontana dell’antica città, in un sito facilmente raggiungibile dai villaggi della pianura e della montagna circostante perché stava lungo la strada che, correndo sulla sponda destra del fiume, collegava la foce del Temo a Bosa.»
  62. ^ Antonio Francesco Spada, Probabili chiese del primo millennio a Bosa, in AA.VV., Bosa. La città e il suo territorio dall'età antica al mondo contemporaneo, a cura di Antonello Mattone e Maria Bastiana Cocco, Sassari, Carlo Delfino editore, 2016, p. 284, ISBN 978-88-7138-913-4, OCLC 990141618. URL consultato l'8 marzo 2023.
  63. ^ Antonio Francesco Spada, Chiese e feste di Bosa, Sestu, Zonza editori, 2002, ISBN 88-8470-082-5.
  64. ^ Provincia del Medio Campidano e Provincia di Oristano, Progetto cult! - San Cosma e Damiano, su progettocult.it. URL consultato il 7 gennaio 2016 (archiviato dall'url originale il 4 marzo 2016).
  65. ^ Attilio Mastino, Storia di Bosa (PDF), in 101 saluti da Bosa, Nuoro, Poliedro editore, 2004, p. 10, ISBN 88-86741-30-8. URL consultato il 7 gennaio 2016 (archiviato dall'url originale il 26 gennaio 2016).
  66. ^ a b Fernanda Poli, Bosa medievale, Il castello e la chiesa palatina, Sassari, Dhuoda Edizioni, 2014, ISBN 978-88-98984-00-8.
  67. ^ Attilio Mastino, La Chiesa di San Pietro di Bosa alla luce della documentazione epigrafica (PDF), Cagliari, Tipografia editrice artigiana, 1978, p. 33, SBN IT\ICCU\CAG\0036974. URL consultato il 29 dicembre 2015 (archiviato dall'url originale il 25 gennaio 2016).
  68. ^ Piero Sanpaolesi, Il duomo di Pisa e l'architettura romanica toscana delle origini, collana Cultura e storia pisana, Pisa, Nistri Lischi editori, 1975, pp. 92 ss., SBN IT\ICCU\LO1\0770188.
  69. ^ Giuseppe Piras, Le iscrizioni della chiesa di San Pietro: lettura e breve descrizione dei tituli, in A. Mattone, M.B. Cocco (a cura di),Bosa. La città e il suo territorio dall'età antica al mondo contemporaneo, Sassari, Carlo Delfino editore, 2016, pp. 265-277, pp. 265-277..
  70. ^ p. 33-51., La Chiesa di San Pietro di Bosa alla luce della documentazione epigrafica, Attilio Mastino (1978).
  71. ^ Marco Antonio Scanu, L’istituzione della regia cappellania del castello e altre notizie su Bosa nel XV secolo, in Theologia & Historica. Annali della Pontifica Facoltà teologica della Sardegna, vol. 29, Cagliari, 2020, pp. 253-254.
  72. ^ Fernanda Poli, Bosa medievale, Il castello e la chiesa palatina, Sassari, Dhuoda Edizioni, 2014, p. 43, ISBN 978-88-98984-00-8.
  73. ^ Attilio Mastino, Bosa in età giudicale: gli affreschi del castello si Serravalle (PDF), in Castelli e vita di castello: testimonianze storiche e progetti ambientali: atti del 4º Congresso internazionale, 24-27 ottobre 1985, Napoli-Salerno, Roma, Istituto Italiano dei castelli, 1994, pp. 381-383. URL consultato il 30 dicembre 2015 (archiviato dall'url originale il 1º giugno 2016).
  74. ^ Aldo Sari, Cenni sull'architettura ecclesiastica a Bosa e nel suo territorio, in Le chiese di Bosa, Quaderni di documentazione della Pro Loco di Bosa, Cagliari, Editrice Seleni, 1978, p. 90, SBN IT\ICCU\CAG\0025507.
  75. ^ Antonio Francesco Spada, Probabili chiese del primo millennio a Bosa, in AA.VV., Bosa. La città e il suo territorio dall'età antica al mondo contemporaneo, a cura di Antonello Mattone e Maria Bastiana Cocco, Sassari, Carlo Delfino editore, 2016, pp. 285-286, ISBN 978-88-7138-913-4, OCLC 990141618. URL consultato l'8 marzo 2023.
  76. ^ (ES) Francesco Angelo de Vico, 15 (PDF), in Francesco Manconi (a cura di), Historia general de la isla y Reyno de Sardeña, edizione di Marta Galiñanes Gallén, VI, Cagliari, Centro di Studi Filologici Sardi/Cooperativa Universitaria Editrice Cagliaritana, maggio 2004, p. 132, ISBN 88-8467-198-1. URL consultato il 3 gennaio 2016 (archiviato dall'url originale il 5 marzo 2016).
  77. ^ Giovanni Francesco Fara, De chorographia Sardiniae, p. 89.
  78. ^ Aldo Sari, Cenni sull'architettura ecclesiastica a Bosa e nel suo territorio, in Le chiese di Bosa, Quaderni di documentazione della Pro Loco di Bosa, Cagliari, Editrice Seleni, 1978, p. 96, SBN IT\ICCU\CAG\0025507.
  79. ^ Aldo Sari, Cenni sull'architettura ecclesiastica a Bosa e nel suo territorio, in Le chiese di Bosa, Quaderni di documentazione della Pro Loco di Bosa, Cagliari, Editrice Seleni, 1978, pp. 96-99, SBN IT\ICCU\CAG\0025507.
  80. ^ Provincia del Medio Campidano e Provincia di Oristano, Progetto cult! - Santa Teresina, su progettocult.it. URL consultato il 7 gennaio 2016 (archiviato dall'url originale il 4 marzo 2016).
  81. ^ Vittorio Angius, Città e villaggi della Sardegna dell'Ottocento (PDF), a cura di Luciano Carta, 1 (Abbasanta-Guspini), Nuoro, Ilisso edizioni, 2006, p. 194, ISBN 978-88-89188-88-0 (archiviato dall'url originale il 19 febbraio 2014).
  82. ^ D.M. del Ministro dei beni culturali e ambientali del 17 ottobre 1989.
  83. ^ Attilio Mastino, Archeologie e ambiente naturale: prospettive di cooperazione tra le autonomie locali nel sud dell'Europa (PDF), Sassari, Industria grafica Stampacolor, 1993, p. 18. URL consultato il 30 dicembre 2015 (archiviato dall'url originale il 25 gennaio 2016).
  84. ^ Palazzo Passino (PDF), in La Grande Enciclopedia della Sardegna, 7 (Orticoltura-Quasina), p. 150. URL consultato l'11 giugno 2022 (archiviato dall'url originale il 15 marzo 2023).
  85. ^ Salvatore Naitza, Architettura dal tardo '600 al classicismo purista, Nuoro, Ilisso, 1992, scheda 48, ISBN 88-85098-20-7, OCLC 231617713. URL consultato il 26 febbraio 2023.
  86. ^ Bosa, Palazzo di Don Carlo, su sardegnacultura.it. URL consultato il 10 giugno 2022.
  87. ^ Alessandro Farina, Bosa, una crepa nel vecchio ponte, in La Nuova Sardegna, 7 dicembre 2019. URL consultato il 12 agosto 2021.
  88. ^ Antonio Gonario Marras, Storia di Bosa, Edizioni Francescane piccole suore degli orfani, 1968, p. 44, SBN IT\ICCU\CAG\0009211T.
  89. ^ Fernanda Poli, pp. 2-5.
  90. ^ Marco Milanese, Conflict Archeology. Archeologia delle frontiere e delle fortificazioni d'Età Moderna, collana APM - Archeologia Postmedievale, vol. 13, Firenze, All'Insegna del Giglio, 2012, p. 163.
  91. ^ Marco Antonio Camos, Relaçión de todas las costas maritimas de lo Reyno de Cerdèna, y de los lugares a donde se deven hazer las torres y atalayas necessarias para el descubrimiéto y fortification, 1572.
  92. ^ Flavio Russo, La difesa costiera del Regno di Sardegna dal XVI al XIX secolo, Bari, Laterza, 1992, p. 64. URL consultato il 5 marzo 2023.
  93. ^ Salvatore Ganga, Billia Muroni, Pier Gavino Vacca, Alcaidia delle torri. La torre di Bosa e il sistema difensivo costiero della Planargia-Montiferro nei secoli XVI-XVIII, Bosa, Tipografia San Giuseppe, luglio 1997. URL consultato il 7 gennaio 2016.
  94. ^ Elisabetta Sanna, La torre di Chia (Domus de Maria‐CA). Analisi archeologica, in Rivista dell’Istituto di Storia dell’Europa Mediterranea, vol. 16, n. 2, 2016, p. 73.
  95. ^ Alberto Moravetti, Ricerche archeologiche nel Marghine-Planargia (PDF), collana Sardegna archeologica, II, Sassari, Carlo Delfino editore, 2000, p. 33. URL consultato il 17 gennaio 2016 (archiviato dall'url originale il 21 dicembre 2014).
  96. ^ Alberto Moravetti, Ricerche archeologiche nel Marghine-Planargia (PDF), collana Sardegna archeologica, II, Sassari, Carlo Delfino editore, 2000, pp. 119-123. URL consultato il 17 gennaio 2016 (archiviato dall'url originale il 21 dicembre 2014).
  97. ^ Cinzia Loi, I palmenti rupestri di S'Abba Druche - Bosa (PDF), su archeomedia.net. URL consultato il 24 agosto 2022.
  98. ^ a b Comune di Villanova Monteleone, Valutazione ambientale strategica (VAS) dell'aggiornamento del Piano di gestione del SIC Entroterra e zona costiera tra Bosa, Capo Marargiu e Porto Tangone (ITB020041) (PDF), su sardegnaambiente.it. URL consultato il 4 novembre 2018.
  99. ^ Per il significato di "pogiu" si veda Mario Puddu, voce "pògiu", in Ditzionàriu de sa limba e de sa cultura sarda, Cagliari, Condaghes, 2015. URL consultato il 10 settembre 2021.
  100. ^ Popolazione residente. Bilancio demografico anno 2021 e popolazione residente al 31 dicembre. Comune: Bosa, su demo.istat.it. URL consultato il 5 giugno 2022.
  101. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  102. ^ Dato ISTAT, Bilancio demografico dei cittadini stranieri al 31 dicembre 2023, su demo.istat.it. URL consultato il 1° aprile 2024.
  103. ^ Dato ISTAT, Bilancio demografico dei cittadini stranieri al 31 dicembre 2020, su demo.istat.it. URL consultato il 5 giugno 2022.
  104. ^ Eduardo Blasco Ferrer, Storia linguistica della Sardegna, Tubinga, Walter de Gruyter, novembre 2011 [1984], pp. 198-199, ISBN 3-484-52202-X.
  105. ^ La storia della Diocesi – Diocesi di Alghero-Bosa, su diocesialghero-bosa.it. URL consultato il 9 settembre 2022.
  106. ^ Seminario Diocesano – Diocesi di Alghero-Bosa, su diocesialghero-bosa.it. URL consultato il 9 settembre 2022.
  107. ^ Bosa. Si inaugura un nuovo luogo di culto dei testimoni di Geova, in Sardegna Reporter, 20 novembre 2019. URL consultato il 9 settembre 2022.
  108. ^ Presentazione evento: S'Attitidu e Giolzi, su regione.sardegna.it. URL consultato il 27 dicembre 2015 (archiviato dall'url originale il 5 gennaio 2016).
  109. ^ a b Franco Stefano Ruiu e Giulio Concu, Maschere e carnevale in Sardegna (PDF), su sardegnadigitallibrary.it, Imago Edizioni Nuoro. URL consultato il 4 aprile 2011 (archiviato dall'url originale il 5 marzo 2016).
  110. ^ Dolores Turchi, Maschere, miti e feste della Sardegna, Roma, Newton Compton Editori, 1990.
  111. ^ La serragia è uno strumento musicale a corde (a pizzico o ad arco), costituito da un bastone di canna alle cui estremità vengono inseriti due piroli, sui quali si tende una corda (di crini intrecciati, di budello ritorto o di metallo). Tra la canna e la corda è inserita una cassa di risonanza (una vescica animale essiccata e gonfiata), all'interno della quale si possono introdurre sassolini o semi che sottendono significati apotropaici. Alcuni modelli sono dotati di una sorta di tastiera di canna. Cfr. STRUMENTI MUSICALI SARDI: SA SERRAGGIA
  112. ^ Antonio Bresciani, Dei costumi dell'isola di Sardegna comparati cogli antichissimi popoli orientali, Nuoro, Ilisso edizioni, 2001, pp. 433-434.
  113. ^ Mario Atzori, Gabriella da Re, Gabriella Satta, Note sul carnevale di Bosa, in Bollettino del repertorio e dell'atlante demologico sardo, 1975, pp. 33-42.
  114. ^ Mario Colangeli, Anna Fraschetti, Carnevale: i luoghi, le maschere, i riti e i protagonisti di una pazza, inquietante festa popolare, Roma, Lato side, 1982, pp. 25-26.
  115. ^ Vittorio Lanternari, Festa, carisma, apocalisse, Palermo, Sellerio, 1983, p. 47.
  116. ^ Maria Margherita Satta, Il Carnevale di Bosa, in Il Carnevale in Sardegna, Cagliari, 2D Editrice Mediterranea, 1989, pp. 157-200.
  117. ^ Margherita Gabriella Satta, Note sul Carnevale in Sardegna: il Carnevale di Bosa, pp. 34-52.
  118. ^ Clara Gallini, Specifico teatrale e rapporti di produzione. Appunti sul teatro popolare, in Biblioteca teatrale, XVII, 1976, pp. 104-117.
  119. ^ Gianni Fois, La Regina del Cielo portata dal Mare. Storia della plurisecolare devozione di Bosa per la Madonna del Mare, 2016.
  120. ^ Alberto della Marmora, Itinerario di Sardegna, 1852.
  121. ^ Gianni Fois, Nostra Signora di Regnos Altos. Fede, storia e leggenda, Bosa, Tipografia San Giuseppe, luglio 1996.
  122. ^ Cristiana Sarritzu, Il merletto di Bosa: La storia di Maria, su mediterraneaonline.eu, 25 marzo 2018. URL consultato il 7 giugno 2022.
  123. ^ Marina Mureddu, La biografia dell'artista, su ilfiletdiolimpiamelis.com. URL consultato il 7 giugno 2022.
  124. ^ Marina Mureddu, Filet di Bosa (PDF), su petitesondes.net. URL consultato il 7 giugno 2022.
  125. ^ Marco Gentili, Frammenti di Sardegna. Viaggio tra mito e rito, tra mare e roccia, nell'isola dove il vento fa paesaggio, settembre 2013, p. 198.
  126. ^ Alessandro Farina, Bosa abbraccia Sa Costa nella festa di Regnos Altos, in La Nuova Sardegna, 9 settembre 2017. URL consultato il 6 settembre 2021.
  127. ^ Nadia Cossu, Dalla polvere spunta il costume di Bosa [collegamento interrotto], in La Nuova Sardegna, 14 aprile 2004. URL consultato il 21 agosto 2016.
  128. ^ Vincenzo Mozzo e Stefano Flore (a cura di), Evoluzione dell'abbigliamento, in Bosa, Immagini tra mito e storia, testi di Giovanni Maria Muroni, Sassari, Carlo Delfino editore, 1995, pp. 58-59, ISBN 88-7138-115-7.
  129. ^ Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo, Sistema Informativo Unificato per le Soprintendenze Archivistiche, Descrizione del complesso archivistico del Comune di Bosa, su siusa.archivi.beniculturali.it. URL consultato il 13 ottobre 2022 (archiviato il 15 gennaio 2016).
  130. ^ Sistema Informativo Unificato per le Soprintendenze Archivistiche, Descrizione della prima sezione del complesso archivistico del Comune di Bosa, su siusa.archivi.beniculturali.it. URL consultato il 13 ottobre 2022 (archiviato il 15 gennaio 2016).
  131. ^ Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo, Sistema Informativo Unificato per le Soprintendenze Archivistiche, Descrizione della seconda sezione del complesso archivistico del Comune di Bosa, su siusa.archivi.beniculturali.it. URL consultato il 13 ottobre 2022 (archiviato il 15 gennaio 2016).
  132. ^ Ministero dell’Istruzione del Regno d’Italia, Statistica del Regno d’Italia. Biblioteche, Firenze, Le Monnier, 1863, pp. XXXVI-XXXVII.
  133. ^ Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo, Istituto centrale per il catalogo unico delle biblioteche italiane e per le informazioni bibliografiche, Scheda della biblioteca comunale di Bosa, su anagrafe.iccu.sbn.it. URL consultato il 15 gennaio 2016 (archiviato dall'url originale il 16 febbraio 2016).
  134. ^ Associazione Culturale Imago Mundi Onlus, Scheda della Biblioteca comunale e dell'Archivio storico di Bosa sul sito di Monumenti Aperti, su monumentiaperti.com. URL consultato il 13 ottobre 2022 (archiviato il 13 ottobre 2022).
  135. ^ Conferenza Episcopale Italiana, Anagrafe Istituti Culturali Ecclesiastici, Scheda della biblioteca diocesana di Bosa, su anagrafebbcc.chiesacattolica.it. URL consultato il 15 gennaio 2016.
  136. ^ Biblioteca Diocesana Alghero-Bosa, su monumentiaperti.com. URL consultato l'11 gennaio 2023 (archiviato l'11 gennaio 2023).
  137. ^ Doris Zaccone, Bosa, il ginnasio è nato qui, in La Repubblica. URL consultato il 2 settembre 2022.
  138. ^ Alberto Cavaglion, Augusto Monti, in Dizionario biografico degli italiani, Roma, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 2012. URL consultato il 10 giugno 2022.
  139. ^ P. Deriu, La scuola agraria ‘G.A. Pischedda’ di Bosa: dalle origini (1880) alla trasformazione in Istituto professionale di Stato per l’agricoltura (1954), Università degli Studi di Sassari, 2005.
  140. ^ Fabio Pruneri, Fattori di lunga durata nel sistema d’istruzione, in AA.VV., Transizioni scolastiche: un'esplorazione multidisciplinare. Per un progetto di ricerca su orientamento e scelte scolastiche e professionali, a cura di Paolo Calidoni e Silvia Cataldi, Milano, FrancoAngeli, 2014, pp. 122-126.
  141. ^ Descrizione della Collezione Stara, su sardegnaturismo.it. URL consultato il 14 ottobre 2009.
  142. ^ Descrizione del Museo delle Conce, su bosaonline.com. URL consultato il 4 gennaio 2016 (archiviato dall'url originale il 4 marzo 2016).
  143. ^ Comune di Bosa, Regolamento "Museo Casa Deriu e Pinacoteca Atza" (PDF) [collegamento interrotto], su comune.bosa.or.it. URL consultato il 10 gennaio 2016.
  144. ^ Mauro Devoto, Melkiorre Melis, in Dizionario biografico degli italiani, Roma, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 2009. URL consultato il 10 gennaio 2016.
  145. ^ Descrizione della Pinacoteca Antonio Atza, su sardegnaturismo.it. URL consultato il 14 ottobre 2009.
  146. ^ Le vie del Signore passano anche da Radio Planargia [collegamento interrotto], in La Nuova Sardegna, 17 gennaio 2005. URL consultato il 14 gennaio 2016.
  147. ^ Radio Planargia festeggia i 40 anni fra trasmissioni locali e del circuito “In Blu”, 18 settembre 2019. URL consultato il 2 settembre 2022.
  148. ^ Mauro Giacomo Bertolli, La Malvasia delle isole, dalle Lipari alla Sardegna, in Il Sole 24 Ore, 17 gennaio 2014. URL consultato il 2 settembre 2022.
  149. ^ Scheda del film Sonetàula sul portale cinemaitaliano.info, in cinemaitaliano.info. URL consultato il 2 settembre 2022.
  150. ^ Il canto a tragiu - Canto a più voci di tradizione orale di Bosa, su monumentiaperti.com. URL consultato il 6 giugno 2022.
  151. ^ S'istudiantina, polifonia a cuncordu, su sardegnadigitallibrary.it. URL consultato il 6 giugno 2022.
  152. ^ Su tragiu 'osincu, su hymnos.sardegna.it. URL consultato il 6 giugno 2022.
  153. ^ Il Coro di Bosa entra nella "Rete del canto a tenore", su sardegnaierioggidomani.com. URL consultato il 6 giugno 2022.
  154. ^ Consorzio di Tutela del Carciofo Spinoso di Sardegna D.O.P., Carciofo spinoso di Sardegna, su carciofosardodop.it. URL consultato il 6 giugno 2022 (archiviato dall'url originale il 3 luglio 2022).
  155. ^ Agenzia LAORE Sardegna - Regione Autonoma della Sardegna (a cura di), Mandigos, (PDF), in Mandigos, gustos e licanzas. Selezione di ricette della tradizione orale della Sardegna, vol. 1, aprile 2020, p. 53. URL consultato il 2 settembre 2022.
  156. ^ Laura Lai, Maria Rosaria Filigheddu, Giovanni Deplano, Matilde Silvia Schirru e Sandro Dettori, Bosa e Bosana: radici di una cultura, in Antonello Mattone e Maria Bastiana Cocco (a cura di), Bosa. La città e il suo territorio dall’età antica al mondo contemporaneo, Sassari, Carlo Delfino editore, 2016, pp. 702-706, ISBN 978-88-7138-913-4.
  157. ^ Regione Autonoma della Sardegna, Olio extravergine di oliva Sardegna DOP, su sardegnaagricoltura.it. URL consultato il 6 giugno 2022.
  158. ^ Regione Autonoma della Sardegna, Nostra Signora di Regnos Altos, su Sardegna Cultura. URL consultato il 2 settembre 2022.
  159. ^ Mario Puddu, voce Azada, in Ditzionàriu in línia de sa limba e de sa cultura sarda. URL consultato il 2 settembre 2022.
  160. ^ Scheda "Artigianato e gastronomia" nel portale del comune di Bosa, su comune.bosa.or.it. URL consultato il 2 settembre 2022.
  161. ^ Agenzia LAORE Sardegna - Regione Autonoma della Sardegna (a cura di), Mandigos, (PDF), in Mandigos, gustos e licanzas. Selezione di ricette della tradizione orale della Sardegna, vol. 1, aprile 2020, p. 39. URL consultato il 2 settembre 2022.
  162. ^ Aragosta alla bosana, su Arborea. URL consultato il 6 giugno 2022.
  163. ^ Zuppa di crostacei e seppie alla bosana, su Sale & Pepe. URL consultato il 2 settembre 2022.
  164. ^ Diamo il benvenuto al comune di Bosa, su cittàdelvino.it. URL consultato il 2 settembre 2022.
  165. ^ Mario Puddu, voce Bistócu, in Ditzionàriu in línia de sa limba e de sa cultura sarda. URL consultato il 2 settembre 2022.
  166. ^ Dall'antica Grecia alla Sardegna, passando per Venezia: la lunga storia della Malvasia di Bosa, in La Repubblica. URL consultato il 6 giugno 2022.
  167. ^ Teresa Capodimonte, 6 film sul vino da guardare in quarantena, su Federvini, 4 aprile 2020. URL consultato il 2 settembre 2022.
  168. ^ Birra, a Bosa in Sardegna dal 24 al 27 aprile il festival più grande d'Italia, in Il Messaggero, 15 aprile 2019. URL consultato il 25 agosto 2022.
  169. ^ A Bosa il festival della birra più grande d'Italia, in ANSA, 15 aprile 2019. URL consultato il 27 agosto 2022.
  170. ^ Serata inaugurale nel nome del M.° Aldo Ciccolini, in Sassari Notizie, 12 luglio 2016. URL consultato il 25 agosto 2022 (archiviato dall'url originale il 27 agosto 2022).
  171. ^ Alessandro Farina, “Bosa Antica”, maestri e allievi a confronto, in La Nuova Sardegna, 8 luglio 2015. URL consultato il 25 agosto 2022.
  172. ^ Musica da camera sul Temo con il festival "Bosa Antica", in Ansa, 4 luglio 2023. URL consultato il 20 luglio 2023.
  173. ^ Argentino Tellini, Bosa Antica, al via il festival internazionale di musica da camera, in L'Unione Sarda, 5 luglio 2022. URL consultato il 25 agosto 2022.
  174. ^ Vincenzo Bagnolo e Andrea Pirinu, Analisi della cartografia storica e catastale di Bosa. Le trasformazioni urbane in ambiente GIS, in Storia dell’urbanistica, n. 4, 2014, ISSN 2035-8733 (WC · ACNP).
  175. ^ Marco Cadinu, Fondaci mercantili e strade medievali. Indagini sulle origini di Bosa, in Antonello Mattone e Maria Bastiana Cocco (a cura di), Bosa. La città e il suo territorio dall’età antica al mondo contemporaneo, Sassari, Carlo Delfino editore, 2016, pp. 260-261, note 5-6, ISBN 978-88-7138-913-4.
  176. ^ Costantino Azzena, Documento di indirizzo alla progettazione. Opere di difesa idraulica della città di Bosa (PDF), su regione.sardegna.it, Cagliari, 18 luglio 2019, pp. 3-4.
  177. ^ Regione Autonoma della Sardegna, Progetto integrato della Provincia di Oristano. Turismo sostenibile (PDF), su comunas.it, 2000-2006, p. 36.
  178. ^ Ilario Principe, Il borgo medioevale, in Attilio Mastino (a cura di), Archeologie e ambiente naturale: prospettive di cooperazione tra le autonomie locali nel sud dell'Europa, Sassari, Industria grafica Stampacolor, 1993, p. 61, OCLC 879951482. URL consultato il 7 settembre 2022.
  179. ^ Augusto Ditel, Sardegna, la rivolta dei sindaci del Polo, in La Repubblica, 12 agosto 2004.
  180. ^ Alessandro Farina, Prima si parli di sviluppo poi di golf e volumetrie, in La Nuova Sardegna, 31 agosto 2012. URL consultato il 6 settembre 2022.
  181. ^ Giampaolo Meloni, «Golf a Bosa: ecco i nostri progetti, ora decida la città», in La Nuova Sardegna, 2 agosto 2013. URL consultato il 6 settembre 2022.
  182. ^ Comune di Bosa, Avviso di pubblicazione degli atti di adozione preliminare del PUL (PDF), su comune.bosa.or.it, 8 agosto 2022.
  183. ^ Piera Serusi, Da turisti a residenti: gli stranieri che scelgono di vivere in Sardegna, in L’Unione Sarda, 2 settembre 2017. URL consultato il 6 settembre 2022.
  184. ^ Luigi Mastino, Relazione di fine mandato. Anni 2014-2019 (PDF), su comune.bosa.or.it, 2019, pp. 26-27 e 42.
  185. ^ Costantino Azzena, Documento di indirizzo alla progettazione. Opere di difesa idraulica della città di Bosa (PDF), su regione.sardegna.it, Cagliari, 18 luglio 2019.
  186. ^ Vincenzo Bagnolo e Andrea Pirinu, Analisi della cartografia storica e catastale di Bosa. Le trasformazioni urbane in ambiente GIS, in Storia dell’urbanistica, n. 4, 2014, p. 483, ISSN 2035-8733 (WC · ACNP).
  187. ^ A.S.C, Antico Archivio Regio, BC6, cc. 53r-54v e c. 55r-55v.
  188. ^ Comune di Bosa, Premessa al Piano urbanistico comunale (PDF) [collegamento interrotto], su comune.bosa.or.it, p. 20.
  189. ^ Luigi Prato, Marco Fiori e Salvatore Fiori, La ferrovia Macomer-Bosa, su Lestradeferrate.it. URL consultato il 3 gennaio 2016.
  190. ^ Edoardo Altara, Binari a Golfo Aranci - Ferrovie e treni in Sardegna dal 1874 ad oggi, Ermanno Albertelli Editore, 1992, p. 160, ISBN 88-85909-31-0.
  191. ^ Resoconto stenografico, Seduta di mercoledì 24 giugno 1981 (PDF), su Camera.it, 24 giugno 1981, p. 48 (30498). URL consultato il 3 novembre 2014.
  192. ^ Elettrio Corda, Le contrastate vaporiere - 1864/1984: 120 anni di vicende delle strade ferrate sarde: dalle reali alle secondarie, dalle complementari alle statali, Chiarella, 1984, p. 161.
  193. ^ Guardia costiera, Ufficio circondariale marittimo di Bosa, Il Porto di Bosa e l'Autorità marittima, su guardiacostiera.gov.it. URL consultato l'11 gennaio 2016.
  194. ^ Guardia costiera, Ufficio circondariale marittimo di Bosa, Ordinanza n. 5 del 2015 (PDF), su guardiacostiera.gov.it. URL consultato l'11 gennaio 2016 (archiviato dall'url originale il 19 agosto 2016).
  195. ^ Nautical europe, Il porto turistico di Bosa, su nauticaleurope.com. URL consultato il 10 gennaio 2016.
  196. ^ Ministero dell'Interno, Dato del Ministero dell'Interno, Storia amministrativa del comune di Bosa (TXT), su amministratori.interno.it. URL consultato il 29 dicembre 2015.
  197. ^ Bullas ratifica su hermanamiento con Bosa e intercambia experiencias con el resto de socios del proyecto Vincult, su murcia.com. URL consultato il 14 aprile 2018.
  198. ^ Comune di Bosa - Consorzi e società partecipate, su comuni-italiani.it. URL consultato il 9 settembre 2022.
  199. ^ International Judo Federation, Risultati del IJF World Veterans Judo Championship – Amsterdam 2015 (PDF) [collegamento interrotto], su rfejudo.com, p. 63. URL consultato il 14 gennaio 2016.
  200. ^ Federazione Italiana Judo Lotta Karate Arti Marziali, Comitato regionale Settore judo, Risultati dei campionati regionali Esordienti A. URL consultato il 14 gennaio 2016.
  201. ^ Federazione Italiana Judo Lotta Karate Arti Marziali, Comitato regionale Settore judo, Risultati dei campionati regionali Esordienti B. URL consultato il 14 gennaio 2016.
  202. ^ Eccellenza a 19 squadre, record assoluto, in L'Unione Sarda. URL consultato il 25 agosto 2022.
  203. ^ Scheda Calmedia Bosa - Girone G, in Tuttocampo.it. URL consultato il 25 agosto 2022.
  204. ^ La Coppa Italia di Promozione vola nel Marghine, in FIGC Sardegna, 14 aprile 2016. URL consultato il 2 settembre 2022.
  205. ^ Direzione generale della Marina mercantile del Regno d'Italia, La marina mercantile italiana al 31 dicembre 1926-V. Relazione del Direttore generale della Marina mercantile, Roma, Stabilimento Poligrafico dello Stato, 1929, p. 107.
  206. ^ Federazione Italiana Canottaggio, Classifica agonistica nazionale (PDF), su canottaggio.org. URL consultato il 12 gennaio 2016.
  207. ^ Federazione Italiana Canottaggio, Risultati campionato italiano Indoor Rowing, su canottaggio.org. URL consultato il 12 gennaio 2016.
  208. ^ Ordine d'arrivo della 2ª tappa del Giro d'Italia 2007, in Gazzetta dello Sport. URL consultato il 14 gennaio 2016.
  209. ^ Antonio Maccioni, Al Welcome Day del Bosa Basket la pallacanestro giovanile incontra la città, in Bentos, 22 settembre 2015. URL consultato il 13 agosto 2016.
  210. ^ Alessandro Farina, Per gli impianti sportivi nuove ipotesi di gestione, in La Nuova Sardegna. URL consultato il 1º settembre 2022.

Bibliografia modifica

Geografia fisica
  • Michele Deriu, Rilevamento geo-petrografico della regione di Bosa, Sassari, Stabilimento tipografico F. Failli, 1959, SBN IT\ICCU\CAG\0030336.
  • Ginnasio di Bosa: Museo di storia naturale, Catalogo della raccolta delle piante e degli animali esistenti nella regione di Bosa, a cura di Pasquale Mola, Cagliari, Prem. stabilimento tipografico Pietro Valdes, 1916, SBN IT\ICCU\CAG\0052576.
Storia
Monumenti e luoghi di interesse
Società
  • Associazione Amici del libro, Bosa: Storia, folklore, tradizioni popolari, canto, in Il Convegno, vol. 1-2, Cagliari, 1976, SBN IT\ICCU\CAG\0563143.
  • Antonio Giuseppe Milia, Il costume maschile di Bosa nei primi decenni dell'800: ricostruito sulla base della iconografia dell'epoca, Bosa, SBN IT\ICCU\CAG\0828483.
Cultura
  • Comune di Bosa, L'archivio storico del comune di Bosa: sezione 1. Antico regime, a cura di Cooperativa La memoria storica, Cagliari, 1995, SBN IT\ICCU\CAG\0026515.
  • Gavino Nino, Relazione del direttore del R. ginnasio di Bosa G. Nino per l'anno scolastico 1863-64, Cagliari, Tipografia della Gazzetta popolare, 1864, SBN IT\ICCU\CAG\0080715.
Economia
  • Giulio Piroddi, Monografia economico sociale di Bosa, Cagliari, Società editoriale italiana, 1952, SBN IT\ICCU\CAG\0027301.

Voci correlate modifica

Altri progetti modifica

Collegamenti esterni modifica

Controllo di autoritàVIAF (EN123598712 · J9U (ENHE987007538019205171 · WorldCat Identities (ENlccn-nr89004221
  Portale Sardegna: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Sardegna