Sara Errani

tennista italiana
Sara Errani
Sara Errani at the 2010 US Open 03.jpg
Nazionalità Italia Italia
Altezza 164 cm
Peso 60 kg
Tennis Tennis pictogram.svg
Carriera
Singolare1
Vittorie/sconfitte 580 - 399 (59,24%)
Titoli vinti 9 WTA, 1 WTA 125s, 4 ITF
Miglior ranking 5ª (20 maggio 2013)
Ranking attuale 119ª (22 novembre 2021)
Risultati nei tornei del Grande Slam
Australia Australian Open QF (2012)
Francia Roland Garros F (2012)
Regno Unito Wimbledon 3T (2010, 2012)
Stati Uniti US Open SF (2012)
Altri tornei
WTA logo 2010.svg Tour Finals RR (2012, 2013)
Olympic flag.svg Giochi olimpici 3T (2016)
Doppio1
Vittorie/sconfitte 297 - 160 (64,99%)
Titoli vinti 27 WTA, 7 ITF
Miglior ranking 1ª (10 settembre 2012)
Ranking attuale 384ª (22 febbraio 2021)
Risultati nei tornei del Grande Slam
Australia Australian Open V (2013, 2014)
Francia Roland Garros V (2012)
Regno Unito Wimbledon V (2014)
Stati Uniti US Open V (2012)
Altri tornei
WTA logo 2010.svg Tour Finals SF (2012, 2013)
Olympic flag.svg Giochi olimpici QF (2012, 2016)
Doppio misto1
Vittorie/sconfitte 2 - 3
Titoli vinti 0
Risultati nei tornei del Grande Slam
Australia Australian Open 2T (2011, 2016)
Francia Roland Garros
Regno Unito Wimbledon 2T (2012)
Stati Uniti US Open
Altri tornei
Olympic flag.svg Giochi olimpici 1T (2012)
Palmarès
2009Fed CupItalia Italia
2010Fed CupItalia Italia
2013Fed CupItalia Italia
1 Dati relativi al circuito maggiore professionistico.
Statistiche aggiornate al 12 febbraio 2021

Sara Errani (Bologna, 29 aprile 1987) è una tennista italiana.

Con 36 titoli conquistati è la tennista italiana con più successi nel circuito maggiore tra singolare e doppio (nove in singolare e 27 in doppio).[1][2] Nel 2012 è stata finalista al Roland Garros e semifinalista agli US Open, divenendo la seconda italiana (dopo Francesca Schiavone nel 2010) a raggiungere una finale in un torneo del Grande Slam. Vanta come best ranking la quinta posizione, raggiunta il 20 maggio 2013. Ha vinto in tutto nove tornei WTA, guadagnando fino ad oggi montepremi superiori a 13 000 000$, oltre a tre Fed Cup con l'Italia nel 2009, 2010 e 2013.

Ottima doppista, è stata numero uno del mondo nella classifica di doppio, specialità nella quale, insieme a Roberta Vinci, si è aggiudicata ventidue tornei WTA tra cui tutte le prove del Grande Slam, diventando così la prima coppia italiana ad avere completato il Career Grand Slam (ovvero la vittoria di tutti e quattro i tornei dello Slam almeno una volta) e la quinta coppia in assoluto ad avere vinto più Slam (5) nella storia del tennis femminile[3].

BiografiaModifica

Nata a Bologna, è cresciuta a Massa Lombarda, in provincia di Ravenna. Allenata da Pablo Lozano e David Andres e seguita costantemente dal fratello Davide (ex calciatore professionista), è stata avviata al gioco del tennis dal padre Giorgio che l'ha iscritta, all'età di cinque anni, al circolo tennis Villa Bolis di Barbiano di Cotignola (Ravenna). A dodici anni è volata in Florida per la prestigiosa Accademia di Nick Bollettieri per dieci mesi. È diventata ufficialmente professionista nel 2002. La sua superficie preferita è la terra rossa, sulla quale ha ottenuto gran parte delle sue vittorie, ma si esprime ottimamente anche sul cemento. Si ispira al tennista spagnolo David Ferrer.

CarrieraModifica

2007 - Prima partecipazione a uno slamModifica

Nel 2007 ha ottenuto i suoi primi buoni risultati nel circuito WTA, raggiungendo la semifinale in tre tornei: ad Acapulco (sconfitta da Flavia Pennetta), a Palermo (sconfitta da Ágnes Szávay), e a Bali (sconfitta da Lindsay Davenport). Ha partecipato con assiduità ai tornei ITF, raggiungendo la semifinale al Torrent ed a Prerov, oltre alla finale a Cuneo, vincendo il torneo di Galatina. Agli U.S. Open si qualifica per la prima volta al tabellone principale di uno Slam, dove viene sconfitta al secondo turno.

2008 - Il 1ºe il 2º titolo in carrieraModifica

Il primo torneo WTA vinto dalla Errani è stato quello degli Internazionali Femminili di Palermo nella cui finale, svoltasi il 13 luglio 2008, dove ha sconfitto l'ucraina Marija Korytceva con un secco 6-2 6-3. A Palermo si è imposta anche in doppio assieme alla spagnola Nuria Llagostera Vives. Due settimane dopo ha conceesso il bis sul cemento di Portorose in Slovenia, dove ha superato in finale la Medina Garrigues con un perentorio 6-3 6-3. I due tornei consecutivi conquistati le fanno guadagnare molte posizioni nel ranking WTA, fino a raggiungere la 43ª posizione. Ha fatto parte della spedizione olimpica italiana, partecipando al torneo di singolare ai Giochi della XXIX Olimpiade di Pechino 2008, ma uscendo al primo turno. Questo è stato un traguardo che in molte interviste ha dichiarato essere molto importante per lei.

2009 - Trionfo in Fed CupModifica

Nel 2009 ha conquistato due finali, negli stessi tornei dell'anno prima. Questa volta, agli Internazionali Femminili di Palermo, ha dovuto cedere di fronte a Flavia Pennetta, mentre a Portorose si è resa protagonista di un'inattesa battaglia contro la numero 1 del ranking Dinara Safina, uscendo sconfitta solo per 7-5 al terzo set, arrivando nel secondo set più volte a due punti dal match. Nelle prove del Grande Slam non ottiene risultati particolarmente gratificanti: terzo turno in Australia, primo turno a Parigi, secondo turno a Wimbledon e terzo turno agli Us Open. Il 9 novembre 2009 si aggiudica la sua prima Fed Cup, grazie al successo dell'Italia sugli Stati Uniti per 4-0 a Reggio Calabria. Fu in quella Fed Cup che per la prima volta Sara Errani fece coppia con Roberta Vinci: l'8 febbraio 2009 il doppio Errani-Vinci si impose in due set (6-4, 6-4) sulle francesi Bremond-Dechy.

2010 - Seconda Fed CupModifica

 
Sara nel 2010 agli US Open

L'inizio del 2010 per la Errani è abbastanza buono. Ottiene vittorie importanti in Fed Cup con la nazionale italiana contro Ucraina e Repubblica Ceca. A livello personale, nel mese di aprile, trionfa nei tornei di doppio di Marbella e di Barcellona con la compagna di nazionale oltre che amica Roberta Vinci. Il 27 aprile viene eliminata al primo turno del torneo WTA di Stoccarda dalla cinese Li Na con un secco 6-1, 6-1. Il mese di maggio non si rivela il più felice per l'atleta bolognese. Infatti esce al primo turno sia agli Internazionali d'Italia contro la rumena Alexandra Dulgheru che al torneo di Madrid contro la tedesca Andrea Petković. Al Roland Garros esce subito per mano di Jaroslava Švedova, ma a Wimbledon sfrutta la testa di serie numero 32 arrivando fino al terzo turno, dove la elimina Agnieszka Radwańska. Agli US Open riesce a eliminare nettamente la russa Alisa Klejbanova al secondo turno, prima di cedere a Samantha Stosur nel terzo per 6-3 6-2, dopo che nel precedente torneo di Cincinnati le stesse due giocatrici si erano trascinate fino al tie-break del terzo set. Il 7 novembre 2010 si aggiudica con la nazionale italiana la Fed Cup dopo avere battuto nuovamente in finale la squadra statunitense.

2011 - 5º finale WTAModifica

La Errani inizia la stagione 2011 prendendo parte al torneo di Brisbane venendo eliminata al primo turno dalla slovacca Dominika Cibulková. La settimana dopo si presenta al torneo di Hobart in cui viene eliminata al terzo turno dalla cinese Peng Shuai. A Hobart vince il torneo di doppio in coppia con Roberta Vinci. Agli Australian Open viene eliminata al primo turno da Venus Williams. Il 13 febbraio 2011 viene battuta dalla slovacca Daniela Hantuchová nella finale del torneo di Pattaya in due set per 6-0, 6-2. Tuttavia si riscatta vincendo il torneo di doppio insieme a Roberta Vinci. Il 4 aprile prende parte al torneo WTA di Marbella, dove viene fermata solo in semifinale, battuta 6-2 6-1 da Viktoryja Azaranka, vincitrice poi del torneo.

A fine mese prende parte al WTA di Barcellona, dove arresta la sua corsa in semifinale, battuta da Lucie Hradecká 6-1, 7-5. La sua stagione sul rosso che conta non è delle migliori, si ferma infatti al secondo turno a Madrid, Roma e Parigi. Si ferma al secondo turno anche a Wimbledon. Nel corso del finale di stagione non andrà oltre i quarti di finale, raggiunti a Budapest e Palermo. Proprio a Palermo trionferà in doppio, sempre in coppia con Roberta Vinci, conquistando il terzo titolo stagionale in doppio.

2012 - Anno di successiModifica

 
Sara Errani al Roland Garros 2012

Agli Australian Open nel gennaio 2012 raggiunge per la prima volta i quarti di finale di un torneo del Grande Slam, eliminando in successione le russe Valerija Savinych (6-2, 6-1) e Nadia Petrova (6-2, 6-2), la romena Sorana Cîrstea (6-7, 6-0, 6-2) e la cinese Zheng Jie (6-2, 6-1) prima di venire eliminata con un doppio 6-4 dalla seconda testa di serie del tabellone Petra Kvitová. Nello stesso torneo raggiunge anche la finale del doppio in coppia con Roberta Vinci (prima coppia totalmente italiana a disputare una finale di doppio femminile in un torneo del Grande Slam), nella quale viene sconfitta dalla coppia russa formata da Svetlana Kuznecova e Vera Zvonarëva. Il 4 marzo successivo si aggiudica il Torneo di Acapulco vincendo il derby italiano in finale contro Flavia Pennetta per 5-7, 7-6, 6-0. Qui si aggiudica anche il torneo di doppio in coppia con l'amica Roberta Vinci.

Un mese dopo vince il suo secondo torneo stagionale, quarto complessivo, sconfiggendo nella finale di Barcellona la slovacca Dominika Cibulková per 6-2, 6-2. Durante il torneo ha ottenuto uno scalpo importante come quello di Julia Görges, sconfitta 6-3, 6-2. Anche qui bissa il successo in doppio (in coppia con Roberta Vinci), riuscendo, così, a vincere per due volte sia singolare che doppio in due diversi tornei. L'ultima a farlo fu Serena Williams nel 2009. Il 21-22 aprile prende parte alla semifinale di Fed Cup tra Repubblica Ceca ed Italia, a Ostrava. Viene scelta come prima singolarista insieme a Francesca Schiavone. Perde il suo primo incontro contro la più quotata Petra Kvitová per 6-4, 6-3. Vince, a giochi fatti con l'Italia eliminata, il suo secondo incontro contro Andrea Hlaváčková per 2-6 6-2 6-2, salendo così a 22 vittorie stagionali.

Il 5 maggio si impone anche a Budapest a spese della russa Elena Vesnina, 7-5 6-4. Durante il torneo perde solo un set al secondo turno contro Melinda Czink. Con questo successo si porta a quindici vittorie consecutive su terra rossa e tre titoli WTA nel 2012, eguagliando così il record stabilito nel 2011 da Roberta Vinci. Raggiunge il suo best ranking alla 24ª posizione, mentre è settima nella classifica che tiene conto dei risultati conseguiti nell'anno solare. La sua striscia positiva sulla terra rossa subisce una battuta d'arresto al secondo turno del WTA Mandatory di Madrid dove, dopo avere sconfitto al primo turno Chanelle Scheepers eguagliando Dinara Safina a sedici vittorie consecutive, viene battuta per 6-0, 6-1 da Agnieszka Radwańska. Nonostante questa eliminazione conduce un brillante torneo in doppio in coppia con Roberta Vinci, aggiudicandosi il titolo sconfiggendo in finale la coppia formata dalle russe Ekaterina Makarova e Elena Vesnina per 6-1, 3-6, [10-4]. Si tratta del quarto titolo in doppio dell'anno (dodicesimo in carriera) e del più importante della carriera, poiché Premier Mandatory.

Grazie a questo successo le due salgono al primo posto della classifica che tiene conto dei risultati conseguiti nell'anno solare. Partecipa al WTA di Roma dove si ferma al secondo turno sconfitta da Samantha Stosur 6-3, 7-5. Tuttavia vince il torneo di doppio in coppia con Roberta Vinci nel remake della finale di Madrid, sconfiggendo per 6-2 7-5 la coppia russa Makarova/Vesnina. Si tratta del suo quinto titolo stagionale in doppio, tredicesimo in carriera. Il 21 maggio migliora ulteriormente il suo best ranking, salendo al 23º posto. Ottimi risultati per Sara arrivano agli Open di Francia 2012. La Errani elimina nell'ordine l'australiana Casey Dellacqua per 4-6, 6-2, 6-2; la statunitense Melanie Oudin con un facile 6-2, 6-3 e la serba Ana Ivanović in un appassionante confronto che sembrava pendere nettamente a favore dell'ex nº1 al mondo. La Ivanović infatti si era aggiudicata perentoriamente il primo set con il punteggio di 6-1, ma la Errani ha ribaltato il risultato aggiudicandosi l'incontro con il punteggio di 1-6, 7-5, 6-3.

 
Sara Errani e Maria Sharapova durante la premiazione degli Open di Francia 2012

Agli ottavi sconfigge al termine di un'ottima prova Svetlana Kuznecova con il punteggio di 6-0, 7-5. Approda così ai quarti di finale. Il 5 giugno raggiunge una storica semifinale superando la tedesca Angelique Kerber, testa di serie numero 10, per 6-3, 7-6(2). Sconfigge così per la prima volta in carriera una top 10 ed è la quarta giocatrice italiana di sempre ad approdare alle semifinali di Parigi, la seconda nell'Era Open (dopo Francesca Schiavone). Nello stesso torneo raggiunge la finale del doppio, seconda consecutiva in un torneo del Grande Slam, sempre in coppia con Roberta Vinci. Il 7 giugno accede alla finale del Roland Garros, la prima nella sua carriera, battendo in tre set Samantha Stosur (7-5, 1-6, 6-3). Battendo per la seconda volta una top 10, diventa la seconda italiana di sempre a raggiungere la finale in un torneo del Grande Slam. È inoltre la terza giocatrice mondiale (dopo Kim Clijsters e Mary Pierce) a raggiungere la finale di Parigi sia nel singolare che nel doppio.

L'8 giugno 2012, in coppia con Roberta Vinci, conquista il titolo nel doppio dell'Open di Francia battendo la coppia Marija Kirilenko/Nadia Petrova con il risultato di 4-6 6-4 6-2. Per loro è il sesto titolo dell'anno, quattordicesimo complessivo. Grazie a questa vittoria la coppia diventa il primo doppio italiano femminile a vincere un torneo del Grande Slam. Il 9 giugno perde la finale del singolare contro la numero 2 del seeding, Marija Šarapova, per 6-3, 6-2. La russa conquista, grazie alla performance parigina, il primato nella classifica mondiale mentre la Errani raggiunge ufficialmente il decimo posto nel ranking WTA. Grazie al trionfo nel torneo di doppio sale al terzo posto del ranking WTA per il doppio. Nelle classifiche che tengono conto dei risultati annui sale al quarto posto nel singolo e conferma il primo nel doppio. Momentaneamente è l'unica donna a essere tra le prime dieci in entrambi i ranking.

A Wimbledon esce al terzo turno, venendo travolta dalla numero 65 del mondo Jaroslava Švedova con un perentorio 6-0 6-4, dopo avere battuto Coco Vandeweghe e Anne Keothavong. Nel primo set non riesce a conquistare neanche un punto, subendo in soli quindici minuti un parziale di 24 punti a 0. Solo nel tennis maschile, prima di questo clamoroso risultato, si era verificato il cosiddetto golden set (set in cui l'avversario perdente non conquista neanche un punto): era il 1983 e lo mise a segno Bill Scanlon contro Marcos Hocevar nel primo turno del torneo di Delray Beach.[4] Il terzo turno raggiunto a Wimbledon le fa scalare la classifica WTA di un'altra posizione, così il suo best ranking migliora ancora e al 9 luglio si trova al nono posto. In estate prende parte ai Giochi della XXX Olimpiade di Londra 2012 partecipando a tutte e tre le discipline. In singolare è la testa di serie nº10, ma viene subito sconfitta da Venus Williams; anche in doppio misto con Andreas Seppi si ferma al primo turno.

Nel doppio femminile, in coppia con Roberta Vinci, è invece testa di serie nº3 e grande favorita per una medaglia: la coppia italiana disputa un buon torneo approdando ai quarti di finale dove viene però estromessa dalle sorelle Williams (poi vincitrici dell'oro) in due set molto netti. Agli Internazionali Femminili di Palermo, forte della testa di serie numero 1, trionfa in finale battendo Barbora Strýcová per 6-1 6-3 e senza cedere un set in tutto il torneo. Si tratta del quarto titolo dell'anno per l'emiliana, record per una tennista italiana. Nessuna, infatti, aveva mai vinto tanto in una stagione.[5] Al Rogers Cup, torneo WTA Premier, supera il secondo turno battendo Jana Čepelová per 6-3 6-2, ma si ferma agli ottavi di finale dopo essere stata sconfitta dalla cinese Li Na per 6-4 6-2. A Cincinnati viene eliminata agli ottavi dalla tennista di casa Venus Williams con il risultato di 6-3 6-0.

 
Sara al Pilot Pen Tennis di New Haven

Prima dell'inizio degli US Open, ultimo torneo del grande slam, partecipa al Pilot Pen Tennis, con montepremi di 637.000 dollari. Al primo turno batte l'americana Bethanie Mattek-Sands per 6-4 7-5, al secondo turno supera Carla Suárez Navarro per 6-4 6-3, ai quarti di finale vince contro la numero 11 al mondo e quinta testa di serie del torneo Marion Bartoli per 6-4 6-2, raggiungendo la semifinale ma perdendo contro la numero 5 al mondo Petra Kvitová. Partecipa agli US Open con la testa di serie nº10. Lungo il cammino elimina facilmente al primo turno la spagnola Garbiñe Muguruza con il punteggio di 6-3 6-7 6-1. Al secondo turno sconfigge la russa Vera Duševina con un sonoro 6-1 6-0, e riserva poi lo stesso trattamento a un'altra russa, Ol'ga Pučkova, battuta 6-1 6-1. Negli ottavi elimina per la seconda volta in carriera la nº6 del mondo Angelique Kerber per 7-6 6-3.

Il 5 settembre, con il successo per 6-2 6-4 sulla compagna di doppio Roberta Vinci, diventa la prima italiana nell'era open (nel 1930 l'impresa era riuscita a Maud Rosenbaum) a raggiungere la semifinale nell'ultimo Major stagionale.[6] Il cammino di Sara finisce in semifinale al cospetto della giocatrice più in forma del momento. L'americana Serena Williams si impone 6-1 6-2. Nonostante la netta sconfitta la Errani raggiunge il 7º posto in classifica, suo record personale. Vince il torneo di doppio con l'amica Roberta Vinci sconfiggendo le ceche Hlavackova/Hradecka. Si tratta del sedicesimo titolo di doppio per Sara, e secondo Slam. Nessuna coppia italiana aveva mai vinto prima due Slam nello stesso anno. Nell'ultima settimana di settembre raggiunge i quarti a Tokyo, dove viene battuta da Nadia Petrova, dopo avere superato nel turno precedente la nº10 del mondo Marion Bartoli per 3-6 6-2 6-2; la settimana seguente è costretta a ritirarsi dal torneo di Pechino per un infortunio alla coscia sinistra. A fine stagione si presenta al Masters dove è qualificata sia nel doppio con Roberta Vinci che in singolare: è la prima italiana in assoluto a compiere tale impresa.

Nel round robin viene sconfitta da Šarapova 6-3, 6-2 dopo aver lottato quasi alla pari durante il primo set. Nella seconda giornata supera Samantha Stosur 6-3, 2-6, 6-0. Per accedere alle semifinali è necessario vincere anche il terzo match contro Agnieszka Radwańska ma, dopo tre ore e mezza, si deve arrendere con il punteggio di 7-66, 5-7, 4-6.[7] Non va meglio nel doppio dove viene sconfitta dal team russo Kirilenko-Petrova per 1-6, 6-3, [10-4].[8] È comunque la quinta giocatrice mondiale a qualificarsi per il Master, sia in singolo che in doppio, dopo Svetlana Kuznetsova, Kim Clijsters, Venus Williams e Serena Williams. Raggiunge il sesto posto nel ranking WTA, coronando un anno pieno di successi, chiuso con 55 vittorie a fronte di 22 sconfitte nel singolare (quattro titoli conquistati e una finale Slam) e 52 vittorie a fronte di dieci sconfitte nel doppio (otto titoli tra cui due Slam).

2013 - Il successo continuaModifica

 
Sara Errani con la sua compagna di doppio Roberta Vinci a Roma dopo aver vinto il torneo

Inizia l'anno partecipando al torneo Brisbane International, ma fermandosi al secondo turno venendo sconfitta da Daniela Hantuchová con il punteggio 4-6 6-1 5-7, nel doppio con l'amica Roberta Vinci perde in semifinale dalla coppia Květa Peschke e Anna-Lena Grönefeld con 4-6 1-6. Successivamente prende parte al torneo Apia International Sydney, dove viene eliminata dalla slovacca Dominika Cibulková per 2-6, 1-6 ai quarti di finale; partecipa anche nel doppio con Roberta Vinci ma viene sconfitta in finale dalla coppia formata da Nadia Petrova e Katarina Srebotnik per 3-6, 4-6. Agli Australian Open la Errani, testa di serie nº7, perde al primo turno dalla spagnola Carla Suárez Navarro per 4-6, 4-6.

Nel doppio con la Vinci tuttavia si prende la rivincita: dopo avere battuto ai quarti di finale le sorelle Williams per 3-6, 7-61, 7-5, la coppia raggiunge la finale e batte le wildcard locali Ashleigh Barty e Casey Dellacqua per 6-2, 3-6, 6-2, conquistando il primo titolo in Australia e il terzo Slam degli ultimi quattro disputati. All'Open GDF Suez raggiunge facilmente la finale in singolare, dove però viene sconfitta dalla tedesca Mona Barthel con il punteggio di 5-7, 6-7(4); tuttavia nel doppio si riscatta annichilendo in 52 minuti la coppia formata da Andrea Hlaváčková e Liezel Huber per 6-1, 6-1. Il 9 e 10 febbraio partecipa agli ottavi di finale della Fed Cup giocata a Rimini vincendo l'ultima partita di doppio giocata con l'amica e partner Roberta Vinci contro Varvara Lepchenko e Liezel Huber, permettendo all'Italia di passare alle semifinali, che giocherà contro la Repubblica Ceca.

La settimana successiva prende parte al Qatar Total Open di Doha dove, usufruendo di un bye per il secondo turno, batte Tímea Babos con il punteggio di 6-4, 6-0, si prende la rivincita su Daniela Hantuchová battendola 7-5, 5-7, 6-2 ma cede nei quarti a Viktoryja Azaranka, numero 1 del mondo, per 2-6, 2-6. Nel doppio con l'amica Roberta Vinci vince il torneo battendo in finale per 2-6, 6-3, [10-6] la coppia formata da Nadia Petrova e Katarina Srebotnik, conquistando il terzo torneo dell'anno. Dal 18 febbraio prende parte al Dubai Tennis Championships, dove supera al primo turno Julia Görges per 6-3 4-6 6-4 e al secondo turno Sorana Cîrstea per 6-4 6-4, mentre ai quarti sconfigge al termine di un match altalenante durato due ore e 31 minuti Nadia Petrova con il punteggio di 6-4 0-6 6-3; in semifinale per la quarta volta consecutiva batte l'amica Roberta Vinci per 6-3 6-3 ed in finale cede a Petra Kvitová in tre set: 2-6 6-1 1-6.

Al Torneo di Acapulco, forte della testa di serie numero 1, dopo avere battuto in successione Alexandra Cadanțu, Eugenie Bouchard, Kiki Bertens e Alizé Cornet senza concedere un set, raggiunge la terza finale stagionale e supera nettamente Carla Suárez Navarro con il punteggio di 6-0 6-4, conquistando così il suo primo titolo stagionale ed il settimo in carriera. Dopo la vittoria vola in America per partecipare al torneo di Indian Wells in cui batte al secondo turno Lourdes Domínguez Lino con il punteggio di 6-2 3-6 6-3 ed al terzo Johanna Larsson per 6-3 6-1; mentre agli ottavi batte la numero 11 del ranking Marion Bartoli con il punteggio di 6-3 6-2. La sua corsa si ferma ai quarti dove viene battuta dalla testa di serie numero 2 e numero 3 del mondo Marija Šarapova con il punteggio di 6-7 2-6. Al torneo di Miami batte Daniela Hantuchová per 6-3 6-1, la rumena Simona Halep con un eloquente 6-1 6-0 e l'ex numero uno del mondo Ana Ivanović per 1-6 6-4 6-2, prima di arrendersi nei quarti a Marija Šarapova per 5-7 5-7 sprecando tre set point nel secondo parziale.

In aprile gioca la semifinale di Fed Cup a Palermo contro la Repubblica Ceca, bicampionesse uscenti. Nel primo singolare l'emiliana supera agevolmente Lucie Šafářová 6-4 6-2 mentre nel secondo viene battuta alla distanza da Petra Kvitová 6-2 2-6 0-6, cedendo di schianto dopo avere condotto 2-1 nel secondo set. La settimana successiva gioca il torneo di Stoccarda. Dopo avere usufruito di un bye al secondo turno perde contro la numero 104 del mondo Bethanie Mattek-Sands per 0-6 6-4 1-6, portando in questo modo il parziale di game consecutivi persi a 17. Esordisce a Madrid, battendo Urszula Radwańska con il punteggio di 6-3 6-1 e superando al termine di un match tiratissimo Sorana Cîrstea con il punteggio di 7-5 2-6 6-4; prendendosi la rivincita su Varvara Lepchenko per 7-5 6-3 (recuperando due break nel primo set), raggiunge il terzo quarto di finale consecutivo in un Wta Premier Mandatory, prima italiana a riuscire nell'impresa; continua il torneo positivamente battendo la russa Ekaterina Makarova, esecutrice di Viktoryja Azaranka al secondo turno, per 6-4 6-3, centrando per la prima volta la semifinale in un Mandatory; al penultimo atto cede però alla numero 1 del mondo Serena Williams per 5-7 2-6. Grazie a questo risultato ritorna nº6, a discapito della Kerber.

 
Sara Errani e Roberta Vinci durante il torneo di Wimbledon del 2013

Agli Internazionali BNL d'Italia 2013, essendo testa di serie nº7 del torneo, ottiene un bye al primo turno e al secondo turno supera con fatica Christina McHale, in due ore e 50 minuti di gioco, con il punteggio di 7-5 5-7 6-2, sciupando cinque match point nel secondo parziale, dove era stata avanti 5-2 e servizio; con questa vittoria, i successi stagionali salgono a 30. Sara approfitta poi dei ritiri delle russe Marija Kirilenko (problema al ginocchio sul punteggio di 6-3 2-0 per l’emiliana) e di Marija Šarapova (forfait dovuto a uno stato febbrile) per approdare direttamente in semifinale, dove perde 6-0 7-5 contro Viktoryja Azaranka ma si può consolare con il raggiungimento del quinto posto in classifica, suo best ranking. In coppia con Roberta Vinci il giorno dopo perde la finale di doppio con il punteggio di 6-4 3-6 [8-10] a favore della coppia formata da Hsieh Su-wei e Peng Shuai.

Agli Open di Francia 2013, dove si presenta come testa di serie nº5, esordisce difendendo al meglio la finale raggiunta l'anno precedente: giunge agli ottavi senza difficoltà, dopo avere lasciato le briciole ad Arantxa Rus (6-1 6-2), Julija Putinceva (6-1 6-1) e Sabine Lisicki (6-0 6-4). Dopo una maratona di due ore e 30 minuti e un problema al diaframma sul 5-5 del primo set elimina l'ostica Carla Suárez Navarro per 5-7 6-4 6-3, qualificandosi per i quarti di finale, dopo che nel secondo parziale ha dovuto fronteggiare uno svantaggio di 2-4 e dopo avere dovuto annullare, sempre nel secondo set, due palle per il 3-5. Conquista la semifinale battendo in un match equilibrato, durato un'ora e 50 minuti, la giocatrice polacca nº4 del ranking mondiale Agnieszka Radwańska con il punteggio di 6-4 7-6. Era l'ottavo confronto tra le due giocatrici e Sara era in svantaggio per sei partite contro una. Si è trattato, per lei, della prima vittoria contro una giocatrice tra le prime cinque del mondo dopo ventotto tentativi falliti.

Conquistando la semifinale diventa la prima tennista italiana a raggiungere per tre volte il penultimo atto di un torneo del Grande Slam. Sua avversaria, ancora una volta, Serena Williams. La semifinale in realtà si rivela proibitiva; l'americana gioca un tennis potente e preciso e la Errani si deve arrendere 6-0 6-1 in appena 46 minuti. Nel torneo di doppio, in coppia con Roberta Vinci, viene invece fallito il bis del 2012: le due perdono contro Ekaterina Makarova ed Elena Vesnina per 7-5 6-2 nella finale. A Wimbledon viene eliminata al primo turno da Mónica Puig con il punteggio di 6-3 6-2 e viene eliminata anche nel doppio con Roberta Vinci da Julia Görges e Barbora Strýcová con il punteggio di 6-3 6-2. A luglio partecipa al torneo di Palermo da testa di serie numero uno, usufruendo di una wild card. Nel primo turno infligge un pesante 6-0 6-1 alla statunitense Julia Cohen e poi si ripete battendo 6-3 6-2 la finalista dell'anno precedente Barbora Strýcová.

Nei quarti di finale, sotto 3-4 nel primo set, infila un parziale di nove giochi consecutivi per battere Sílvia Soler Espinosa, in semifinale batte la testa di serie numero 4 Klára Zakopalová con un doppio 6-4, in finale deve però arrendersi a Roberta Vinci che trionfa per la prima volta a Palermo per 6-3, 3-6, 6-3. Debutta sul cemento americano nel Canada Ope, dove raggiunge per la prima volta i quarti, usufruendo di un bye al primo turno e battendo Klára Zakopalová e Alizé Cornet; viene lì battuta da Agnieszka Radwańska in due lottatissimi set. Gioca quindi il torneo di Cincinnati come testa di serie nº4: dopo un primo turno passato per bye supera la slovena Polona Hercog per 6-4 5-7 6-4 ma viene sconfitta dall'amica Roberta Vinci, per la seconda volta consecutiva, con il punteggio di 6-4 6-3. Perde inoltre anche il doppio insieme alla Vinci dopo un super tie-break chiusosi 11-9 contro Julia Görges e Barbora Strýcová. Termina il suo trittico di tornei in preparazione degli US Open al torneo di New Haven, dove, accreditata della testa di serie nº1 e dopo un primo turno passato per bye, cede al secondo alla russa Ekaterina Makarova per 7-5 6-1.

Esordisce positivamente agli US Open, battendo con un doppio 6-0 la lucky loser australiana Olivia Rogowska in 51 minuti, ma delude le aspettative, perdendo contro una pur buona Flavia Pennetta al turno successivo con lo score di 3-6 1-6. Prende parte alcune settimane dopo al Tokyo, dove viene sconfitta all'esordio da una notevole Svetlana Kuznecova per 4-6 4-6; mostra segnali di ripresa al Pechino, dove batte in due set sia Kirsten Flipkens sia Misaki Doi, per poi cedere in tre combattuti set alla bestia nera Petra Kvitová. Si qualifica sesta al Masters in singolare e prima al mondo in doppio con l'amica Roberta Vinci, in entrambe le specialità per il secondo anno consecutivo, prima italiana nella storia a riuscire nell'impresa. Nel round robin viene sconfitta dalla nº2 Viktoryja Azaranka per 6-7(4) 2-6, dopo avere avuto nel primo set un vantaggio di 5-2 e di 6-5, condizionata negli spostamenti da un infortunio al polpaccio avuto durante il tie-break; ripresasi da esso lotta contro Li Na, ma cede 3-6 6-7(5); ormai matematicamente impossibilitata a raggiungere le semifinali, batte per la prima volta in carriera l'ex nº1 del mondo e nº8 Jelena Janković, con il punteggio di 6-4 6-4. Diventa in questo modo la prima italiana della storia ad avere vinto più di un match al Masters di fine anno con la formula delle prime otto.

2014 - Il Career Grand Slam in doppioModifica

Il 2014 di Sara inizia con il Shenzen Open in cui si ferma al secondo turno sconfitta dalla statunitense Vania King per 6-2, 6-7, 3-6. In Australia, al Medibank International di Sydney, viene estromessa dalla Pironkova ai quarti di finale per 7-6, 6-3. Nel primo Grande Slam dell'anno, l'Australian Open, la Errani non brilla e viene sconfitta al primo turno dalla tedesca Julia Görges con il punteggio di 6-3, 6-2. In doppio tuttavia, assieme a Roberta Vinci, conquista il titolo battendo in finale il duo russo Makarova-Vesnina in tre set per 6-4, 3-6, 7-5, recuperando da 2-5 nella partita decisiva e bissando il successo del 2013.[9] La settimana successiva partecipa all'Open Gaz de France di Parigi dove difende la finale dell'anno precedente. Riesce ad arrivare nuovamente all'atto conclusivo eliminando in successione Knapp, Svitolina, e Cornet, in un match durato oltre tre ore, ma perde nuovamente in finale da Anastasija Pavljučenkova (mattatrice di Marija Šarapova in semifinale) con il punteggio di 3-6, 6-2, 6-3.

A Doha la Errani, usufruendo di un bye al primo turno, batte Hsieh al secondo turno per 6-0, 6-4. Successivamente vince una partita difficile contro Niculescu per 2-6, 7-5, 6-1, ma viene fermata da una strabiliante Simona Halep (che vincerà il torneo) con un secco 6-2, 6-0. In doppio con Roberta Vinci arriva in semifinale dove viene battuta dalla coppia Peschke/Srebotnik per 2-6, 6-3, [10-7]. Partecipa al WTA Premier di Dubai, ma all'esordio al secondo turno viene eliminata da Sorana Cîrstea con il punteggio di 2-6, 7-5, 1-6. Nello stesso torneo in doppio con la Vinci si ferma ai quarti di finale battuta dalla coppia Kops-Jones/Spears per 6-4, 6-1. Nel successivo torneo, quello di Indian Wells, viene eliminata al terzo turno da Eugenie Bouchard; nemmeno in doppio riesce ad avanzare nel torneo: viene infatti estromessa al primo turno.

A Miami non brilla e dopo un bye al primo turno e la vittoria sulla Mayr-Achleitner viene estromessa in tre set dalla russa Ekaterina Makarova. In doppio, come nel torneo precedente, viene eliminata al primo turno. A Charleston parte da numero 3 del seeding e dunque beneficia di un bye al primo turno. Dopodiché approfitta del ritiro nel secondo set di Kiki Bertens mentre nel turno successivo elimina con due tie-break Peng Shuai. Esce a sorpresa nei quarti, sconfitta dalla giovane promessa svizzera Belinda Bencic. Successivamente al torneo di Stoccarda riesce a conquistare la semifinale, battendo una dopo l'altra Klára Koukalovà, Kaia Kanepi, e Carla Suárez Navarro, ritiratasi per un problema al polso destro sul 3-0 del terzo set a favore dell'Errani. Tuttavia in semifinale affronta un'ottima Marija Šarapova che lascia solo tre game alla Errani. In doppio si riscatta vincendo il titolo in coppia con l'amica Roberta Vinci.

Sempre in coppia con Roberta Vinci raggiunge la finale del prestigioso torneo Premier Mandatory di Madrid vincendolo nella finale contro Suárez Navarro/Muguruza per 6-4, 6-3. Nello stesso torneo arriva agli ottavi di finale battendo Andrea Petković 7-5, 6-1 e Francesca Schiavone 6-3, 6-1 ma viene estromessa da Caroline Garcia in tre set. Il 16 maggio 2014, agli Internazionali BNL d'Italia, la ventisettenne emiliana accede alle semifinali grazie alla vittoria, per 6-3, 4-6, 6-2, sulla cinese Li Na, numero 2 mondiale.[10] Questa è la prima vittoria in carriera della Errani contro una TOP3. Il giorno seguente riporta un'italiana in finale, al Foro Italico, dopo 64 anni: raggiunge l'importante traguardo sconfiggendo la serba Jelena Janković (numero 8 del mondo e 6 del seeding) con il punteggio di 6-3, 7-5.[11]

Lo stesso giorno, sconfiggendo Julia Görges e Anna-Lena Grönefeld in coppia con Roberta Vinci, accede alla finale per il doppio.[12] In finale affronta la numero 1 del mondo Serena Williams, resistendo per buona parte della prima frazione. Sul finire del set, però, accusa un problema muscolare che ne compromette la gara, chiusasi 6-3, 6-0 in favore della tennista statunitense.[13] Nonostante la precaria condizione fisica, la Errani scende poi in campo per disputare l'incontro conclusivo del torneo di doppio, ma si ritira dopo avere perso i primi quattro game del match contro la coppia Peschke-Srebotnik.

All'Open di Francia 2014, grazie alle vittorie su Madison Keys, Dinah Pfizenmaier, Julia Glushko e Jelena Janković, sesta forza del tabellone, centra i quarti del Roland Garros per il terzo anno consecutivo.[14] La sua corsa viene tuttavia fermata dalla tedesca Andrea Petković, numero 28 del seeding, che si impone con il punteggio di 6-2, 6-2.[15] Al torneo di Wimbledon esce al primo turno nel singolare contro la francese Caroline Garcia sprecando un match point, mentre nel doppio, con la sua storica compagna Roberta Vinci, riesce a vincere il torneo battendo in finale la coppia Babos/Mladenovic per 6-1, 6-3.

È la prima vittoria italiana a Wimbledon e grazie a essa la coppia azzurra torna a occupare la posizione numero 1 del ranking di doppio e conquista il Career Grand Slam avendo vinto almeno una volta tutti i quattro tornei dello Slam. Prima di arrivare al successo finale, nel secondo turno del torneo, le "Cichis" avevano annullato ben cinque match point alle gemelle ucraine Ljudmyla e Nadežda Kičenok, di cui tre consecutivi. Partecipa al torneo Gastein Ladies in Austria, dove è testa di serie numero 2. Si spinge fino alle semifinali eliminando Kateřina Siniaková, Paula Ormaechea e Chanelle Scheepers. Arrivata al penultimo atto viene eliminata da una sorprendente Shelby Rogers per 7-612, 6-3.

La vittoria su Kateřina Siniaková vale come la n.400 nel circuito WTA. Inizia la stagione sul cemento americano con il Canada Open dove, in singolare, viene eliminata al primo turno da Sabine Lisicki con il punteggio di 6-1 7-5, sprecando un vantaggio di 5-3 nel secondo set. Si riscatta in doppio con l'amica Roberta Vinci vincendo il titolo che vale come ventunesimo per la coppia italiana. A Cincinnati, dopo una battaglia al primo turno contro Yanina Wickmayer vinta per 7-5 3-6 7-6, si ferma al secondo turno, sconfitta sempre dalla teutonica Sabine Lisicki in una vera e propria battaglia (4-6 6-2 6-7). In doppio si ferma ai quarti di finale battuta dalla coppia formata da Tímea Babos e Kristina Mladenovic, sconfitta solo al super tie-break per 8-10. Nonostante una deludente stagione sul cemento americano, partecipa all'ultimo major stagionale dove sconfigge Kirsten Flipkens, Anastasija Rodionova, l'ex numero 1 al mondo Venus Williams (in un match il cui score finale è 6-0 0-6 7-6) e la croata Mirjana Lučić-Baroni qualificandosi per la seconda volta nei quarti di finale a Flushing Meadows.

Il suo cammino però viene interrotto da un'ottima Caroline Wozniacki che la batte con un sonoro 6-0 6-1. In doppio con l'amica Roberta Vinci viene fermata al secondo turno dalla coppia formata da Ajla Tomljanović e Jarmila Gajdošová in tre set. Grazie ai quarti conquistati a New York, diventa la seconda tennista italiana di sempre a raggiungere e superare i 10 000 000 $ in carriera dopo Francesca Schiavone. Non brilla invece nei tornei asiatici, battuta al secondo turno a Seul e all'esordio sia a Tokyo che a Pechino. Prende parte, insieme a Roberta Vinci, al Masters di doppio a Singapore per il terzo anno consecutivo; è costretta tuttavia al ritiro dopo appena tre game nel match d'esordio per un problema intercostale. Grazie comunque ad un'ottima stagione, il 20 novembre la WTA certifica Errani/Vinci come "Best Double Team of the year" (miglior coppia di doppio dell'anno) per la terza volta consecutiva dopo il 2012 e 2013, mentre la Federazione Internazionale Tennis (ITF) le nomina Campionesse del Mondo dell'anno.

2015 - Fine del sodalizio con Roberta VinciModifica

Inizia l'anno uscendo subito al primo turno nel torneo di Auckland, sconfitta 6-3 6-2 da Daniela Hantuchová; in doppio invece, sempre con Roberta Vinci, si aggiudica il titolo, il 25º della carriera. Anche nel Premier di Sydney viene eliminata all'esordio da Garbiñe Muguruza per 6-0 7-5. I primi successi stagionali arrivano agli Australian Open, dove elimina l'americana Grace Min 6-1 6-0 e la spagnola Sílvia Soler Espinosa 7-6 6-3, prima di arrendersi al terzo turno alla belga Yanina Wickmayer che la batte per 4-6 6-4 6-3[16]; anche in doppio con la Vinci non va oltre gli ottavi di finale.[17] Un'amara delusione arriva nella sfida di primo turno di Fed Cup contro la Francia: dopo avere superato con autorità l'ostica Caroline Garcia 7-6 7-5, viene sconfitta a sorpresa da Kristina Mladenovic per 6-4 6-3; anche nel doppio con Roberta Vinci, vengono battute dalle due francesi con un netto 6-1 6-2, non riuscendo quindi a far qualificare l'Italia alle semifinali.[18]

Torna al successo in un torneo WTA a Rio de Janeiro dove, da testa di serie numero uno, batte in successione Teliana Pereira 6-3 6-3, Lourdes Domínguez Lino 6-0 7-5, Beatriz Haddad Maia 3-6 7-6 3-0 rit. (annullandole tre match-point), Johanna Larsson 7-5 6-3 e in finale Anna Karolína Schmiedlová 7-6 6-1; per la Errani si tratta dell'ottavo torneo vinto in carriera, dopo due anni dall'ultimo trionfo.[19]

Prosegue la stagione partecipando al torneo di Acapulco (dove ha vinto nel 2012 e nel 2013) come seconda testa di serie, ma dopo aver agevolmente battuto al primo turno Lucie Hradecká si fa sorprendere dalla portoricana Mónica Puig negli ottavi di finale. Anche a Monterrey viene accreditata della seconda testa di serie: arriva facilmente in semifinale battendo Lauren Davis 6-0 6-3, Tímea Babos 6-3 6-3 e la campionessa in carica Anastasija Pavljučenkova 7-5 6-4, prima di essere sconfitta nel penultimo atto dalla futura vincitrice del torneo Timea Bacsinszky per 6-0 4-6 7-6.

Non brilla a Indian Wells dove, dopo un bye al primo turno e la vittoria a fatica contro la qualificata Lin Zhu, viene eliminata in due set da Sabine Lisicki al terzo turno; non prende parte invece al torneo di doppio con Roberta Vinci, con la quale decide di porre fine alla loro collaborazione per concentrarsi al meglio sulla carriera in singolare. Le cose vanno leggermente meglio a Miami dove, dopo un bye all'esordio, batte Anastasija Pavljučenkova 6-1 7-6 e la giovane spagnola Garbiñe Muguruza 4-6 6-4 6-1, raggiungendo così gli ottavi di finale dove viene ancora sconfitta da Sabine Lisicki in due set netti. Inaugura la stagione sulla terra partecipando al torneo di Charleston come quarta testa di serie dove raggiunge i quarti di finale, facendosi sorprendere dalla nº110 del mondo Lucie Hradecká per 6-2 6-4.

 
Sara Errani al Mutua Madrid Open 2015

La settimana successiva torna a vestire la maglia della nazionale per la sfida di Play-Off in Fed Cup contro gli Stati Uniti: batte nettamente Lauren Davis 6-1 6-2 mentre, il giorno seguente, tiene testa alla numero uno del mondo Serena Williams uscendo però sconfitta per 4-6 7-6 6-3 in due ore e mezza di gioco; disputa anche il doppio decisivo con Flavia Pennetta battendo la stessa Williams e Alison Riske per 6-0 6-3 e contribuendo quindi a fare rimanere l'Italia nel gruppo mondiale. A Stoccarda esordisce battendo la nº9 del mondo Agnieszka Radwańska 7-6 6-4, supera poi Zarina Dijas 6-4 6-1 raggiungendo così i quarti di finale dove si arrende alla nº3 del mondo Simona Halep per 6-4 6-4.[20] A Madrid, invece, non sfrutta tre match-point e si fa sorprendere al secondo turno da Anastasija Pavljučenkova in tre set. Stessa sorte nel torneo casalingo degli Internazionali d'Italia a Roma dove, da finalista in carica, viene estromessa al secondo turno da Christina McHale che la batte per 6-4 6-4.

Disputa invece un ottimo Roland Garros dove, da 17ª testa di serie, raggiunge i quarti di finale per il quarto anno consecutivo battendo una dopo l'altra Alison Riske 7-6 2-6 6-0, Carina Witthöft 6-3 4-6 6-2, la numero dieci del mondo Andrea Petković 6-3 6-3 e Julia Görges 6-2 6-2, prima di essere fermata da Serena Williams con un netto 6-1 6-3.

Nel torneo Premier di Eastbourne, dopo un bye al primo turno, batte Barbora Strýcová 6-2 6-7 7-6 (annullandole due match-point), tornando così a vincere una partita sull'erba dopo tre anni; negli ottavi di finale cede però a Dar'ja Gavrilova per 6-1 5-7 6-2. Si presenta così a Wimbledon da testa di serie nº19, ma dopo aver eliminato all'esordio Francesca Schiavone 6-2 5-7 6-1 in un derby tutto italiano, si fa sorprendere al secondo turno da Aleksandra Krunić per 6-3 6-7 6-2, evidenziando ancora una volta le difficoltà nel giocare sull'erba londinese.

 
Sara Errani al torneo WTA di Eastbourne 2015

Prende successivamente parte al torneo di Bucarest come testa di serie numero uno raggiungendo, per la seconda volta nell'anno, la finale battendo Cagla Buyuksckay 6-2 7-6, Shahar Peer 7-6 6-2, Anna Tatišvili 6-2 6-3 e la beniamina di casa Monica Niculescu 5-7 6-1 6-2; nell'ultimo atto viene invece stoppata da Anna Karolína Schmiedlová per 7-6 6-3. Pochi giorni dopo torna in campo a Bad Gastein sempre da prima testa di serie; come nel 2014, raggiunge la semifinale non senza qualche difficoltà battendo Aljaksandra Sasnovič 6-4 6-4, Maryna Zanevs'ka 6-2 4-6 7-5 (annullandole un match-point), Daria Kasantkina 6-3 3-6 6-2 mentre cede nel derby azzurro a Karin Knapp per 7-6 4-6 7-5 dopo aver rimontato dal 2-5 al 5-5 nel terzo set.

Disputa un buon torneo alla Rogers Cup 2015 di Toronto, dove batte Kristina Mladenovic, Madison Brengle, per la seconda volta in carriera l'ex n.1 del mondo Viktoryja Azaranka, Lesia Tsurenko, raggiungendo quindi la semifinale dove però viene battuta da Simona Halep in due set molto combattuti.

Arriva agli U.S. Open come 16ª testa di serie: dopo avere battuto agevolmente Mayo Hibi 6-0 6-1 all'esordio e con qualche difficoltà Jeļena Ostapenko 0-6 6-4 6-3, viene colpita da una fastidiosa influenza che le condiziona il terzo turno, battuta da Samantha Stosur 7-5 2-6 6-1; si riscatta in doppio raggiungendo le semifinali in coppia con la connazionale Flavia Pennetta (poi vincitrice in singolare).

Inizia la trasferta orientale partecipando, come terza testa di serie, al torneo di Guangzhou raggiungendo la sesta semifinale della stagione battendo una dopo l'altra le cinesi Ying-Ying Duan 6-3 3-6 6-2, Kai-Lin Zhang 6-7 6-4 6-2 e Saisai Zheng con un sonoro 6-1 6-0, mentre nel penultimo atto cede alla rivelazione del torneo Denisa Allertová per 7-5 6-2 (che nel turno precedente aveva eliminato la numero due del mondo Simona Halep).[21]

A Wuhan viene battuta all'esordio da Caroline Garcia per 6-7 6-4 6-2. Gioca un gran torneo invece nell'ultimo Premier Mandatory a Pechino, dove elimina all'esordio la numero quattro del mondo Petra Kvitová per 7-5 6-4, supera poi Caroline Garcia 6-4 3-6 6-1 (prendendosi la rivincita della sfida persa la settimana precedente) e Andrea Petković 3-6 6-3 6-2 raggiungendo così i quarti di finale, dove però si fa rimontare e battere da Timea Bacsinszky per 0-6 6-3 7-5; grazie a questo risultato diventa la prima tennista italiana di sempre a raggiungere almeno i quarti in tutti e quattro i tornei Premier Mandatory dell'anno dopo Indian Wells, Miami e Madrid nel 2013. Finisce la stagione partecipando al WTA Elite Trophy di Zhuhai, ma non riesce a superare il girone dove prima viene battuta 6-4 7-5 da Jelena Janković (la serba non batteva l'emiliana dal 2010), poi viene sconfitta 6-0 6-3 da Karolína Plíšková.

2016 - DeclinoModifica

Non inizia nel migliore dei modi la stagione: infatti viene battuta, nel torneo di Brisbane, 6-1 6-2 dalla svizzera Belinda Bencic, settima testa di serie del torneo. A Sydney arriva ai quarti di finale ottenendo due scalpi importanti come quelli di Carla Suárez Navarro e Jelena Janković, ma viene sconfitta da Svetlana Kuznecova per 7-6 6-0 dopo essere stata avanti 5-1 nel primo set. Non brilla agli Australian Open poiché viene eliminata al primo turno da Margarita Gasparyan per 1-6 7-5 6-1 accusando qualche dolore alla schiena. Gioca due brutte partite in Fed Cup subendo due sconfitte da Caroline Garcia e Kristina Mladenovic rispettivamente per 6-3 7-5 e 7-6 6-1 e non riuscendo a portare l'Italia in semifinale.

Dopo due settimane, al torneo Premier Dubai Tennis Championships, vince il suo nono e più importante torneo della carriera superando in finale per poco più di un'ora di gioco Barbora Strýcová con il punteggio di 6-0 6-2 riprendendosi da un brutto periodo di crisi. Partecipa al torneo di Doha battendo al primo turno Cvetana Pironkova per 1-6 7-5 6-3 ma la sua corsa viene fermata da una ottima Tímea Babos con un 6-4 6-1.

Riesce a riscattarsi in doppio con Carla Suárez Navarro, futura vincitrice del torneo, riuscendo ad arrivare in finale dove vengono battute da Hao-Ching Chan e Yung-Jan Chan con il risultato di 6-3 6-3.

Partecipa al torneo di Monterrey come prima testa di serie, ma la sua corsa viene interrotta al secondo turno dall'estone Anett Kontaveit per 6-1 6-3 in poco meno di un'ora.

Decide di giocare a Indian Wells, dove, da 15º testa di serie, riceve un bye al primo turno ma, come nei due tornei precedenti, esce al secondo turno per mano di Lesia Tsurenko per 6-4 6-3. Nel torneo di doppio, però riesce a raggiungere la semifinale in coppia con Oksana Kalashnikova. La stessa situazione si ripete a Miami dove, dopo un bye al primo turno, viene battuta dalla giapponese Naomi Ōsaka per 6-1 6-3. Nel doppio, a differenza del torneo precedente, esce insieme a Carla Suárez Navarro nel secondo turno per mano della coppia Andrea Sestini Hlaváčková-Lucie Hradecká con il risultato di 6-4 6-3.

Decide di partecipare al primo torneo in terra (anche se verde e non rossa) a Charleston e riesce ad arrivare alle semifinali con un bye al primo turno e poi battendo in ordine Jaroslava Švedova, Samantha Stosur e Julija Putinceva prima di arrendersi dopo due ore e 21 minuti con il punteggio di 4-6 6-4 2-6 alla rivelazione del torneo Elena Vesnina, che al secondo turno aveva battuto Belinda Bencic.

La settimana successiva si accinge a partecipare alla sfida di Fed Cup contro la Spagna, valida per rimanere nel World Group, ma nell'ultimo allenamento avverte un fastidio alla gamba destra che non le permette di scendere in campo e che le farà saltare per precauzione anche il torneo di Stoccarda.

Esce al primo turno sia a Madrid, sia a Roma che a Strasburgo per mano rispettivamente di Camila Giorgi (7-5 7-5), di Heather Watson (6-4 3-6 6-0) e di Mónica Puig (4-6 6-3 6-1) presentandosi al Roland Garros non in forma. Infatti esce immediatamente dal torneo parigino contro Cvetana Pironkova con il risultato di 6-3 6-2 e con la certezza di uscire dalla Top 20 a fine torneo, visto che difendeva i quarti di finale dell'anno precedente. Sara Errani, quindi, non riesce a classificarsi tra le migliori 8 del torneo, risultato che le era riuscito dalla finale del 2012 in poi.

Esce al primo turno anche a Eastbourne perdendo contro Andrea Petković per 6-1, 3-6, 6-4. A Wimbledon batte al primo turno Patricia Maria Tig per poi perdere al secondo turno contro Alizé Cornet per 7-6(4), 7-5 in una partita molto combattuta.

A Bucarest, dove difendeva i punti della finale dell'anno precedente, viene eliminata ai quarti per mano di Anastasija Sevastova per 7-6 6-3. Anche a Båstad viene eliminata ai quarti sempre per 7-6 6-3 da Kateřina Siniaková.

 
Sara Errani agli US Open 2016

Partecipa all'ultimo torneo prima delle Olimpiadi che si tiene a Montréal. Lì ritorna a giocare in doppio, dopo un anno di assenza, con Roberta Vinci. In singolare batte al primo turno Aleksandra Wozniak per 6-4 7-6 ma si ritira per un problema al collo diverse ore prima dell'incontro che la vedeva opposta a Karolína Plíšková. In doppio esce al primo turno per 1-6 7-6 12-10 (non sfruttando a favore un match point) per mano delle slovene Andreja Klepač e Katarina Srebotnik.

Alle Olimpiadi di Rio de Janeiro batte al primo turno Kiki Bertens per 4-6 6-4 6-3, supera nel secondo turno Barbora Strýcová 6-2 6-2 prima di cedere per 7-5 6-2 alla russa Dar'ja Kasatkina. Nel doppio con Roberta Vinci si spinge fino ai quarti mancando di un soffio l'accesso alle semifinali con il risultato di 4-6 6-4 6-4 (nonostante fossero in vantaggio per 3-0 nel secondo) contro le ceche Lucie Šafářová e Barbora Strýcová.

Esce al primo turno sia a Cincinnati sia a New Haven per mano rispettivamente di Coco Vandeweghe (4-6 6-3 6-4) e di Ekaterina Makarova (7-5 6-2). Esce ancora al primo turno agli US Open per 6-4 7-6 contro Shelby Rogers: continua quindi la sua crisi di risultati uscendo al primo turno su tre dei quattro Grand Slam.

In settembre vola in Cina e prende parte ai tornei di Guangzhou e Wuhan, cogliendo un solo sofferto successo nel primo torneo (dove era prima testa di serie) contro la cinese Han Xinyun, 119 del mondo, battuta solo al tie break del terzo set. In seguito perde in tre set sia il secondo turno di Guangzhou contro Viktorija Golubic che il debutto di Wuhan contro Misaki Doi.

In crisi di forma e risultati, Sara Errani comunica a fine settembre di interrompere anzitempo questa sfortunata stagione[22] e, poche settimane dopo, annuncia l'interruzione, dopo dodici anni, della sua collaborazione con Pablo Lozano, il coach storico della sua intera carriera[23]. Dopo l'interruzione della collaborazione con Lozano, si allena per tre settimane con Wim Fissette[24] e poi con Michele Montalbini, che è stato il suo primo allenatore, avendola allenata quando aveva dagli 8 ai 15 anni[25].

2017 - La squalifica per doping e il rientroModifica

La stagione inizia con un nuovo problema alla coscia sinistra che la costringe al ritiro dal torneo di Hobart e successivamente dal torneo di Sydney. Ritorna a vincere agli Australian Open contro la giapponese Risa Ozaki per 7-5 6-1 ma riscontra un ulteriore dolore nella coscia sinistra durante il match contro Ekaterina Makarova che la costringe a ritirarsi (6-2 4-2 lo score).

Partecipa alla Fed Cup con la nazionale italiana perdendo sia il primo singolare contro Rebecca Šramková sia il secondo contro Daniela Hantuchová, quest'ultimo non giocato al meglio dall'italiana a causa del continuo dolore alla coscia sinistra, che costringerà Sara a non giocare al torneo di Dubai (dove difendeva il titolo) e Acapulco facendo precipitare l’emiliana alla 104ª posizione uscendo dunque dalla top 100 dopo 10 anni di permanenza.

Ad Indian Wells batte al primo turno Mandy Minella per poi cedere, dopo due ore di partita, alla ceca Barbora Strýcová. Con questo risultato risale in classifica al numero 101º. A Miami ottiene una vittoria al primo turno contro Belinda Bencic per poi cedere, sprecando un match point sul 5-2 a suo favore nel terzo set, 6-4 4-6 7-5 a Shuai Zhang. Vince per la prima volta due match in un torneo a Bogotà, dove elimina Aleksandrova e Vickery prima di cedere ai quarti a Larsson. Nel play-off di Fed Cup contro Taipei porta due punti alla squadra italiana superando Hsu e Lee. Anche a Istanbul batte una tennista di Tapiei, la Hsieh, prima di cedere a Elise Mertens. A Rabat trova la prima semifinale di stagione grazie ai successi su Blinkova, Riske e Gavrilova ma viene nettamente superata da Pavljučenkova per 6-4, 6-0[26]. Fallita la qualificazione a Madrid, ottiene una wild card per gli Internazionali d'Italia ma perde al debutto contro la francese Cornet; raggiunge invece i quarti in doppio con Martina Trevisan. La sua classifica non le consente l'accesso diretto al Roland Garros per una sola posizione; Sara è quindi costretta ai tre turni di qualificazione, durante i quali supera Cakarevic, Kudermetova e Gibbs perdendo in tutto sette giochi nei tre incontri. Supera anche il primo turno del tabellone principale superando la giapponese Misaki Doi per 7-6, 6-1 ma al turno successivo viene battuta dalla transalpina Mladenovic per 6-2, 6-3. Non giocando la seconda settimana parigina, disputa un torneo di categoria 125k series a Bol, dove raggiunge i quarti. Di nuovo passando dalle qualificazioni, raggiunge i main draw di Maiorca dove il sorteggio la oppone all'ex compagna di doppio Roberta Vinci, con la quale perde per 6-2, 6-1.

La stagione sull'erba le riserva due sconfitte: la prima, contro Cepede Royg, nelle qualificazioni di Eastbourne, l'altra al primo turno di Wimbledon dove subisce un 6-4, 6-1 dalla Pironkova. Due vittorie e due sconfitte, nei tornei di Bastad e Washington, precedono l'annuncio della squalifica per doping, che la allontana dai campi da gioco: nel febbraio 2017, infatti, a seguito di un controllo antidoping, viene trovata positiva al letrozolo, sostanza contenuta in un farmaco assunto per anni dalla madre per combattere la recidiva del tumore al seno; nell'agosto 2017 l'ITF la sospende con la pena minima di due mesi (fino al 2 ottobre 2017) riconoscendo che l'ingestione è stata accidentale, a causa di una contaminazione alimentare[27]. L'autorità nazionale antidoping del CONI il 31 agosto 2017 ha proposto appello al TAS contro la sentenza[28]. L'udienza del processo di appello, a cui Sara Errani ha partecipato, si è svolta il 9 novembre 2017.[29].

L'11 giugno 2018 (con un ritardo di oltre sette mesi dalla data dell'udienza) il TAS ha riconosciuto anch'esso che l'ingestione è stata accidentale, a causa di una contaminazione alimentare, ma ha accolto parzialmente il ricorso presentato da Nado Italia aumentando la squalifica contro la tennista emiliana di altri otto mesi, senza concedere la retrodatazione prevista dal regolamento ITF (art.10.10.3 del TADP) e applicata in altri svariati casi simili a questo, per cui Errani non ha potuto giocare fino al 9 febbraio 2019. Inoltre è stata anche confermata la sanzione accessoria della cancellazione dei risultati ottenuti che le ha imposto di pagare 4000 franchi svizzeri per spese legali a Nado Italia[30]. Il GIP di Ravenna ha archiviato definitivamente il procedimento per doping, per mancanza di dolo, in data 31 ottobre 2019[31]

Il rientro, inizialmente programmato per novembre[32] viene anticipato al primo torneo in programma allo scadere del periodo di sospensione (terminato il 2 ottobre), con l'iscrizione alle qualificazioni di Tianjin, che Errani, nel frattempo scesa alla posizione 280 del ranking mondiale, supera battendo le cinesi You, Han e Lu. Il primo incontro dopo la squalifica in un tabellone principale la vede avversa all'ucraina Kozlova contro la quale si impone facilmente 6-2, 6-1. Seguono due incontri maratona: la vittoria per 6-4, 4-6, 6-3 con la Haddad Maia (2 ore e 49 minuti) e i quarti vinti in rimonta contro McHale dopo 3 ore e undici minuti di gioco, con il punteggio di 5-7, 7-6, 6-1. La semifinale, la seconda del 2017, la vede opposta alla emergente diciannovenne bielorussa Sabalenka contro la quale riesce ad opporre ben poca resistenza cedendo per 6-1, 6-3; un ritorno alla competizione comunque confortante per Errani che, se da una parte risale di circa cento posizioni nel singolare, dall'altra torna anche a conquistare un titolo in doppio dopo oltre due anni e mezzo di astinenza, in coppia con la rumena Begu. Il suo tentativo di rincorsa a posizioni che possano consentirle l'accesso almeno al tabellone delle qualificazioni degli Australian Open 2018, prosegue con la vittoria nel torneo ITF da 60.000 dollari di Suzhou[33]: si tratta del terzo trofeo del circuito ITF in carriera, dieci anni dopo la vittoria a Galatina. In seguito partecipa ad un altro torneo ITF da 60.000 dollari a Liuzhou, dal quale si ritira durante il match di secondo turno contro Xiaodi You[34]. Cancellata la prevista partecipazione al 125k di Hua Hin, Errani torna in campo nei due seguenti tornei della stessa categoria a Taipei e Honolulu, subendo però due sconfitte al primo turno in tre set; prima della fine della stagione annuncia la fine della collaborazione con l'allenatore Michele Montalbini[35] e in dicembre partecipa al torneo ITF di Dubai dove raggiunge le semifinali, perdendo contro Belinda Bencic. A fine stagione figura alla posizione 132 in singolare e 171 in doppio, la più bassa classifica di fine anno di Sara Errani dal 2006.

2018 - Ritorno in Top 100 e la nuova squalificaModifica

Il rientro nel circuito maggiore arriva con il primo torneo della nuova stagione; a Sara viene infatti concessa una wild card per il torneo di Auckland, grazie alla rinuncia di Viktoryja Azarenka[36] per motivi personali. L'anno inizia molto bene: infatti se da un lato perde al primo turno in un match molto combattuto contro la Strycova nel torneo di singolare, riesce a trionfare nel torneo di doppio insieme a Bibiane Schoofs battendo in finale l'affermato duo giapponese Hozumi-Katō con un netto 7-5 6-1. Si tratta della seconda vittoria in doppio in questo torneo: ad Auckland Sara aveva infatti conquistato l'ultimo dei ventidue titoli in coppia con Roberta Vinci nel 2015.

Il 10 e l'11 febbraio a Chieti rappresenta l'Italia in Fed Cup nell'incontro con la Spagna; Sara vince entrambi i suoi singolari contro Lara Arruabarrena e Carla Suárez Navarro. Alla fine l'Italia vincerà 3-2.

In febbraio ottiene la qualificazione per il tabellone principale del torneo di Dubai battendo al turno decisivo la bielorussa Aryna Sabalenka per 6-2, 1-6, 7-6[37]. Dopo aver battuto Lesja Curenko per 6-4, 6-3, viene fermata al secondo turno da Angelique Kerber in due set. Si presenta alle qualificazioni del Challenger di Indian Wells facente parte della categoria WTA 125s. Approdata al tabellone principale, batte all'esordio la testa di serie numero 5 Jennifer Brady per 6-2, 6-2, al secondo turno Kristie Ahn per 6-4, 6-0, ai quarti la wildcard di casa Danielle Collins 6-4,6-1 e in semifinale Amanda Anisimova per 6-4, 6-2 approdando in finale. Fino alla finale l'Errani, partendo dalle qualificazioni, ha incontrato solo tenniste americane. In finale affronta l'ucraina Kateryna Bondarenko (testa di serie n.4), vince per 6-4, 6-2 ottenendo il decimo titolo in carriera e il primo nella categoria WTA125s; peraltro la tennista emiliana vince il torneo americano senza perdere neanche un set nel tabellone principale. La vittoria la riporta tra le prime cento del ranking per la prima volta dal luglio 2017. Deludente invece il tentativo di accedere al tabellone principale di Miami: accreditata della quarta testa di serie nelle qualificazioni, viene subito estromessa dalla ceca Martincová.

Grazie alla wild card concessa dall'organizzazione prende parte all'International di Charleston dove supera al primo turno la canadese Bouchard, elimina in rimonta la quindicesima testa di serie Bužarnescu per cedere agli ottavi, anche a causa di un problema alla coscia destra, al cospetto dell'americana Bernarda Pera per 3-6, 6-2, 4-6[38]. Grazie a questo risultato risale al secondo posto tra le tenniste italiane, alle spalle di Camila Giorgi. Torna a vestire la maglia della nazionale da numero uno della squadra per i play off di Fed Cup contro il Belgio ma viene battuta sia dalla Van Uytvank (in tre set) che dalla Mertens, per 6-3, 6-2. Ammessa all'Istanbul Cup supera il primo turno ai danni di un'altra belga, Kirsten Flipkens, poi affronta la numero due del mondo Wozniacki alla quale riesce a strappare un set prima di arrendersi al terzo set dopo quasi due ore e mezzo di gioco[39]. Errani non incontrava un'avversaria dal ranking così alto dai quarti del Roland Garros del 2015 quando incontrò l'allora numero uno del mondo Serena Williams.

Raggiunge per la prima volta in stagione i quarti di finale a Rabat[40] eliminando la testa di serie numero otto Dijas per 6-4, 6-4 poi la svedese Larsson per 6-3, 6-0 ma perdendo di nuovo contro la Mertens, numero uno del tabellone.

L'11 giugno 2018 deve fermarsi perché il lodo d'appello del TAS prolunga di otto mesi la squalifica inflittale.

2019 - Un difficile rientroModifica

Scontata la squalifica torna in campo in un match ufficiale vestendo la maglia della nazionale nel primo turno di Fed Cup contro la Svizzera a Biel: viene sconfitta nel match d'esordio da Belinda Bencic per 6-2, 7-5[41]; in seguito conquista l'ininfluente punto della bandiera per l'Italia nel doppio, giocato con Trevisan. Nel mese di febbraio riceve una wild card per il tabellone principale del torneo WTA Premier Five di Dubai dove, al primo turno, viene sconfitta in tre set dalla serba Ivana Jorović.[42]

A marzo tenta la qualificazione al primo Mandatory di stagione, quello di Indian Wells, dove, superata Heater Watson, viene battuta al turno finale dalla svizzera Vögele. Sconfitta nel secondo turno del 125k di Guadalajara, partecipa al Premier di Charleston dove subisce una sonora sconfitta (6-0, 6-1 il risultato) per mano di Monica Puig subendo un pesante crollo anche a livello di ranking. Fallita sul campo anche la qualificazione a Bogotà, dove al turno decisivo era stata battuta da Jasmine Paolini, Sara viene ripescata e affronta la qualificata Irina Maria Bara,[43]superandola in rimonta, per poi eliminare un'altra qualificata, Bibiane Schoofs per 6-2, 6-1, con la quale, dopo i molti problemi al servizio nei turni precedenti quando aveva realizzato una media di diciotto doppi falli a match, ricorre al servizio dal basso[44]. L'espediente non le è sufficiente per avere la meglio sull'australiana Sharma che, ai quarti, la batte con il punteggio di 6-1, 7-5.

Convocata per il play out contro la Russia di Fed Cup, scende in campo solo nel non fortunato doppio con Paolini, quando la retrocessione italiana ai gruppi zonali era già stata determinata dalle sconfitte nei singolari.

Le successive partecipazioni ai tornei attestano la profonda crisi di risultati di Errani proprio sulla sua superficie preferita, la terra rossa: eliminata al secondo turno di qualificazioni a Rabat da Fiona Ferro, viene poi accreditata al tabellone principale a Roma grazie ad una wild card ma riesce a racimolare un solo gioco contro la Kužmová[45]; anche a Norimberga viene estromessa al primo turno di qualificazione dalla cipriota Serban, precipitando così ben oltre la trecentesima posizione del ranking. Gioca quindi il l'ITF di Brescia (torneo da 60.000 dollari) ma nemmeno in questo caso riesce a cogliere la vittoria contro l'americana Di Lorenzo.

La prima soddisfazione della stagione arriva in giugno al torneo ITF del Circolo Antico Tiro a Volo di Roma da 60.000 $ dove, quindici mesi dopo l'ultimo successo in un torneo ufficiale, si aggiudica il titolo battendo in finale per 6-1, 6-4 l'austriaca Barbara Haas.[46]

Tuttavia, se si eccettuano le semifinale nel torneo ITF da 25.000 dollari di Denain, le successive apparizioni di Sara Errani restano deludenti: viene infatti eliminata da Vichljanceva al primo turno del 125K di Bastad per 6-0, 6-3, da Šinikova nel secondo turno di qualificazioni di Bucarest, da Fanny Stollár al debutto a Palermo (dove era stata ammessa grazie ad una wild card), dalla Jakupovič al primo turno di Nanchang (6-1, 6-1 il risultato), dalla Zavac'ka nel primo turno di qualificazioni di Guangzhou.

Nell'ultima fase della stagione torna a giocare nel circuito ITF: si aggiudica un titolo in doppio, con Lara Arruabarrena, nel 25.000 $ di Riba-roja de Túria e disputa la seconda finale della stagione, al Centenario Open 60K di Asunción, dove viene battuta in tre set da Elisabetta Cocciaretto, rientrando così nelle prime 200 dal ranking[47]; durante il torneo Errani è tornata a servire prevalentemente dal basso attirandosi critiche alle quali ha risposto personalmente sui social ottenendo la solidarietà di diverse personalità del tennis[48].

2020 - Il ritorno al Roland GarrosModifica

Inizia il 2020 con il torneo di Auckland, dove viene sconfitta in singolare al secondo turno delle qualificazioni da Ysaline Bonaventure (6-7(5) 7-5 6-4) e al primo turno nel main draw di doppio, giocato con Paige Hourigan.

Alle qualificazioni dell'Australian Open, viene battuta in tre set al primo turno dalla Kalinskaya (108). Supera un turno nel 125k di Newport contro la messicana Zacarías prima di cedere alla numero uno del torneo Jessica Pegula.

Ad agosto, in qualità di ex vincitrice, ottiene una wild card per gli Internazionali di Palermo dove batte, sempre in tre set, prima la rumena Cîrstea poi la ceca Kristýna Plíšková prima di cedere ai quarti alla futura vincitrice del torneo, Fiona Ferro, per 6-4, 6-1[49]. In seguito supera un turno nel 125K di Praga mentre perde al debutto nelle qualificazioni degli Internazionali d'Italia.

Il ritorno sui campi del Roland Garros dopo un anno di assenza la vede impegnata nelle qualificazioni: supera, senza mai perdere un set, Gorgodze, Guerrero Alvarez e Martincová guadagnadosi l'accesso al tabellone principale. Il primo turno la vede opposta alla campionessa olimpica Mónica Puig che batte per 6-2, 6-1; si tratta del primo successo sui campi che la videro finalista nel 2012 dopo tre anni di digiuno: l'ultima vittoria in uno Slam risaliva infatti all'edizione 2017 del Roland Garros[50]. Nel secondo turno affronta per la sesta volta in carriera la numero 5 del tabellone Kiki Bertens dando vita a una combattutissima battaglia terminata sul 9-7 al terzo set dopo oltre tre ore di gioco[51]: l'emiliana, dopo una buona partenza nel primo set, subisce il ritorno dell'avversaria che, anche approfittando delle difficoltà al servizio di Errani, porta il set al tie break e lo vince; nel secondo parziale Errani resiste nei suoi turni di servizio e si impone 6-3 ma nel terzo, nonostante l'olandese denunci crampi e problemi fisici, l'italiana non riesce nell'impresa di battere per la sesta volta in carriera la numero otto del mondo e lascia il campo polemizzando con l'avversaria, accusata di avere finto sulla sua condizione fisica, tesi poi ribadita in conferenza stampa[52] e smentita da Bertens.

2021Modifica

Sara inizia l'anno disputando le qualificazioni per l'Australian Open: riesce a superarle battendo tutte e tre le sue avversarie (Liang, Garcia Perez e Konjuh) in tre parziali. In seguito partecipa al Gippsland Trophy di Melbourne: esce di scena all'esordio contro Jelena Ostapenko (6-4 3-6 1-6).

In seguito prende parte all'Australian Open: al primo turno affronta la testa di serie n°30 Wang Qiang, vincendo per 2-6 6-4 6-4.[53] Al secondo turno, sfida Venus Williams, nel loro quinto confronto diretto: Sara riesce a imporsi per 6-1 6-0, aiutata anche da una distorsione alla caviglia di Venus sull'1-5 in suo sfavore che ne ha condizionato l'incontro.[54] Errani ritorna dunque nel terzo turno di uno Slam, evento che non si verificava dagli US Open 2015. Nella circostanza trova Hsieh Su-wei, che ha sempre battuto in due parziali nei tre precedenti disputati. Questa volta Sara si arrende alla taiwanese per 6-4 2-6 7-5.[55] Sempre a Melbourne prende parte al Phillip Island Trophy dove viene però battuta al primo turno dalla cinese Zhu Lin. Dopo le eliminazioni nelle qualificazioni a Guadalajara, Monterrey e Miami, a Bogotà supera la numero 2 del tabellone Sorribes Tormo con un doppio 7-5 e Bolsova negli ottavi prima di cedere ai quarti a Zidanšek[56].

Il 16 luglio 2021 ottiene la qualificazione ai Giochi olimpici estivi di Tokyo 2020 a causa del ritiro di Martina Trevisan.[57][58] All'esordio, la tennista italiana viene eliminata da Anastasija Pavljučenkova con lo score di 0-6 1-6.

Caratteristiche tecnicheModifica

«Lei colpisce tutti i colpi come si deve. Sara Errani ha una grande selezione di colpi. Dentro di sé, elabora molto bene il gioco.»

(Martina Navrátilová su Sara Errani[59])

Destrorsa, con rovescio a due mani, ha uno stile di gioco regolarista.[60] La sua impugnatura è di tipo western,[61] il suo colpo preferito è il diritto.[62] La superficie che meglio esalta le sue qualità è la terra rossa, mentre la superficie dove si trova meno a suo agio è l'erba.[62] Il gioco di Sara Errani è principalmente difensivo. La Errani cerca di limitare al massimo gli errori gratuiti, costringendo le avversarie a scambi lunghi e provocandone spesso gli errori. Carattere e determinazione sono le sue doti peculiari, mentre la resistenza fisica e la volontà di non mollare mai la rendono un osso duro per tutte le avversarie. La Errani si esalta principalmente in fase di risposta in cui è una delle migliori nel circuito, riuscendo a vincere oltre il 54% dei suoi turni di risposta.[63] Pur non essendo in possesso di un servizio potente, è stata per tre anni in vetta alla classifica delle giocatrici WTA con una percentuale di prime di servizio di oltre il 90%; peraltro le avversarie cercano di sfruttare questa debolezza del servizio in risposta, soprattutto sulle superfici più rapide, come l’erba ed il cemento.

Ha tentato, nel corso degli anni, di variare la tecnica al servizio, senza però ottenere miglioramenti sostanziali nel rendimento alla battuta, anche a causa di un problema all'articolazione della spalla. Gli incontri della Errani sono spesso "alla rovescia". Sovente infatti durante le sue partite la fase di risposta diviene più importante di quella al servizio. È capace di adottare molte variazioni di gioco, dalle smorzate ai chip and charge. La palla corta in particolare è divenuta nel tempo uno dei colpi risolutivi nel gioco della Errani. Nel corso della sua carriera di doppio, durante la lunga collaborazione con Roberta Vinci, ha potuto sfruttare appieno le sue doti nel gioco a rete, divenendone una delle più abili interpreti del circuito.

StatisticheModifica

SingolareModifica

Vittorie (10)Modifica

Legenda: Prima del 2009 Legenda: Dal 2009
Grande Slam (0)
Ori Olimpici (0)
WTA Finals (0)
Tier I (0) Premier Mandatory (0)
Tier II (0) Premier 5 (0)
Tier III (0) Premier (1)
Tier IV (2) International (6)
Tier V (0) WTA 125s (1)
N. Data Torneo Superficie Avversaria in finale Punteggio
1. 15 luglio 2008   Internazionali Femminili di Palermo, Palermo Terra rossa   Marija Korytceva 6-2, 6-3
2. 27 luglio 2008   Banka Koper Slovenia Open, Portorose Cemento   Anabel Medina Garrigues 6-3, 6-3
3. 3 marzo 2012   Abierto Mexicano Telcel, Acapulco Terra rossa   Flavia Pennetta 5-7, 7-6(2), 6-0
4. 15 aprile 2012   Barcelona Ladies Open, Barcellona Terra rossa   Dominika Cibulková 6-2, 6-2
5. 5 maggio 2012   Budapest Grand Prix, Budapest Terra rossa   Elena Vesnina 7-5, 6-4
6. 15 luglio 2012   Internazionali Femminili di Palermo, Palermo (2) Terra rossa   Barbora Strýcová 6-1, 6-3
7. 3 marzo 2013   Abierto Mexicano Telcel, Acapulco (2) Terra rossa   Carla Suárez Navarro 6-0, 6-4
8. 22 febbraio 2015   Rio Open, Rio de Janeiro Terra rossa   Anna Karolína Schmiedlová 7-6(2), 6-1
9. 20 febbraio 2016   Dubai Tennis Championships, Dubai Cemento   Barbora Strýcová 6-0, 6-2
10. 4 marzo 2018   Oracle Challenger Series - Indian Wells, Indian Wells Cemento   Kateryna Bondarenko 6-4, 6-2

Sconfitte (10)Modifica

Legenda
Grande Slam (1)
Argenti Olimpici (0)
WTA Finals (0)
Premier Mandatory (0)
Premier 5 (1)
Premier (3)
International (5)
WTA 125s (0)
N. Data Torneo Superficie Avversario in finale Punteggio
1. 19 luglio 2009   Internazionali Femminili di Palermo, Palermo Terra rossa   Flavia Pennetta 1-6, 2-6
2. 26 luglio 2009   Banka Koper Slovenia Open, Portorose Cemento   Dinara Safina 7-6(5), 1-6, 5-7
3. 13 febbraio 2011   PTT Pattaya Open, Pattaya Cemento   Daniela Hantuchová 0-6, 2-6
4. 9 giugno 2012   Open di Francia, Parigi Terra rossa   Marija Šarapova 3-6, 2-6
5. 3 febbraio 2013   Open GDF Suez, Parigi Cemento (i)   Mona Barthel 5-7, 6(4)-7
6. 23 febbraio 2013   Dubai Tennis Championships, Dubai Cemento   Petra Kvitová 2-6, 6-1, 1-6
7. 14 luglio 2013   Internazionali Femminili di Palermo, Palermo (2) Terra rossa   Roberta Vinci 3-6, 6-3, 3-6
8. 2 febbraio 2014   Open GDF Suez, Parigi (2) Cemento (i)   Anastasija Pavljučenkova 6-3, 2-6, 3-6
9. 18 maggio 2014   Internazionali BNL d'Italia, Roma Terra rossa   Serena Williams 3-6, 0-6
10. 19 luglio 2015   BRD Bucarest Open, Bucarest Terra rossa   Anna Karolína Schmiedlová 6(3)-7, 3-6

DoppioModifica

Vittorie (27)Modifica

Legenda: Prima del 2009 Legenda: Dal 2009
Grande Slam (5)
Ori Olimpici (0)
WTA Finals (0)
Tier I (0) Premier Mandatory (2)
Tier II (0) Premier 5 (3)
Tier III (0) Premier (2)
Tier IV (1) International (15)
Tier V (0) WTA 125s (0)
N. Data Torneo Superficie Compagno Avversari in finale Punteggio
1. 13 luglio 2008   Internazionali Femminili di Palermo, Palermo Terra rossa   Nuria Llagostera Vives   Alla Kudrjavceva
  Anastasija Pavljučenkova
2-6, 7-6(1), [10-4]
2. 20 giugno 2009   UNICEF Open, 's-Hertogenbosch Erba   Flavia Pennetta   Michaëlla Krajicek
  Yanina Wickmayer
6-4, 5-7, [13-11]
3. 11 aprile 2010   Andalucia Tennis Experience, Marbella Terra rossa   Roberta Vinci   Marija Kondratieva
  Jaroslava Švedova
6-4, 6-2
4. 17 aprile 2010   Barcelona Ladies Open, Barcellona Terra rossa   Roberta Vinci   Timea Bacsinszky
  Tathiana Garbin
6-1, 3-6, [10-2]
5. 18 luglio 2010   Internazionali Femminili di Palermo, Palermo (2) Terra rossa   Alberta Brianti   Jill Craybas
  Julia Görges
6-4, 6-1
6. 15 gennaio 2011   Moorilla Hobart International, Hobart Cemento   Roberta Vinci   Kateryna Bondarenko
  Līga Dekmeijere
6-3, 7-5
7. 13 febbraio 2011   PTT Pattaya Open, Pattaya Cemento   Roberta Vinci   Sun Shengnan
  Zheng Jie
3-6, 6-3, [10-5]
8. 17 luglio 2011   Internazionali Femminili di Palermo, Palermo (3) Terra rossa   Roberta Vinci   Andrea Hlaváčková
  Klára Zakopalová
7-5, 6-1
9. 26 febbraio 2012   Monterrey Open, Monterrey Cemento   Roberta Vinci   Kimiko Date-Krumm
  Zhang Shuai
6-2, 7-6(6)
10. 3 marzo 2012   Abierto Mexicano Telcel, Acapulco Terra rossa   Roberta Vinci   Lourdes Domínguez Lino
  Arantxa Parra Santonja
6-2, 6-1
11. 15 aprile 2012   Barcelona Ladies Open, Barcellona (2) Terra rossa   Roberta Vinci   Flavia Pennetta
  Francesca Schiavone
6-0, 6-2
12. 12 maggio 2012   Mutua Madrid Open, Madrid Terra blu   Roberta Vinci   Ekaterina Makarova
  Elena Vesnina
6-1, 3-6, [10-4]
13. 20 maggio 2012   Internazionali d'Italia, Roma Terra rossa   Roberta Vinci   Ekaterina Makarova
  Elena Vesnina
6-2, 7-5
14. 8 giugno 2012   Open di Francia, Parigi Terra rossa   Roberta Vinci   Marija Kirilenko
  Nadia Petrova
4-6, 6-4, 6-2
15. 23 giugno 2012   UNICEF Open, 's-Hertogenbosch (2) Erba   Roberta Vinci   Marija Kirilenko
  Nadia Petrova
6-4, 3-6, [11-9]
16. 9 settembre 2012   US Open, New York Cemento   Roberta Vinci   Andrea Hlaváčková
  Lucie Hradecká
6-4, 6-2
17. 25 gennaio 2013   Australian Open, Melbourne Cemento   Roberta Vinci   Ashleigh Barty
  Casey Dellacqua
6-2, 3-6, 6-2
18. 3 febbraio 2013   Open GDF Suez, Parigi Cemento (i)   Roberta Vinci   Andrea Hlaváčková
  Liezel Huber
6-1, 6-1
19. 17 febbraio 2013   Qatar Total Open, Doha Cemento   Roberta Vinci   Nadia Petrova
  Katarina Srebotnik
2-6, 6-3, [10–6]
20. 24 gennaio 2014   Australian Open, Melbourne (2) Cemento   Roberta Vinci   Elena Vesnina
  Ekaterina Makarova
6-4, 3-6, 7-5
21. 27 aprile 2014   Porsche Tennis Grand Prix, Stoccarda Terra rossa (i)   Roberta Vinci   Cara Black
  Sania Mirza
6-2, 6-3
22. 10 maggio 2014   Mutua Madrid Open, Madrid (2) Terra rossa   Roberta Vinci   Garbiñe Muguruza
  Carla Suárez Navarro
6-4, 6-3
23. 5 luglio 2014   Torneo di Wimbledon, Londra Erba   Roberta Vinci   Tímea Babos
  Kristina Mladenovic
6-1, 6-3
24. 10 agosto 2014   Rogers Cup, Montréal Cemento   Roberta Vinci   Cara Black
  Sania Mirza
7-6(4), 6-3
25. 10 gennaio 2015   ASB Classic, Auckland Cemento   Roberta Vinci   Shūko Aoyama
  Renata Voráčová
6-2, 6-1
26. 15 ottobre 2017   Tianjin Open, Tianjin Cemento   Irina-Camelia Begu   Dalila Jakupovič
  Nina Stojanović
6-4, 6-3
27. 7 gennaio 2018   ASB Classic, Auckland (2) Cemento   Bibiane Schoofs   Eri Hozumi
  Miyu Katō
7-5, 6-1

Sconfitte (14)Modifica

Legenda
Grande Slam (3)
Argenti Olimpici (0)
WTA Finals (0)
Premier Mandatory (1)
Premier 5 (3)
Premier (5)
International (3)
WTA 125s (0)
N. Data Torneo Superficie Compagno Avversari in finale Punteggio
1. 22 febbraio 2010   Abierto Mexicano Telcel, Acapulco Terra rossa   Roberta Vinci   Polona Hercog
  Barbora Záhlavová-Strýcová
6-2, 1-6, [2-10]
2. 23 ottobre 2010   Kremlin Cup, Mosca Cemento indoor   María José Martínez Sánchez   Gisela Dulko
  Flavia Pennetta
3-6, 6-2, [6-10]
3. 10 aprile 2011   Andalucia Tennis Experience, Marbella Terra rossa   Roberta Vinci   Nuria Llagostera Vives
  Arantxa Parra Santonja
6-3, 4-6, [5-10]
4. 12 giugno 2011   AEGON Classic, Birmingham Erba   Roberta Vinci   Vol'ha Havarcova
  Alla Kudrjavceva
6-1, 1-6, [5-10]
5. 27 agosto 2011   New Haven Open at Yale, New Haven Cemento   Roberta Vinci   Chuang Chia-jung
  Vol'ha Havarcova
5-7, 2-6
6. 27 gennaio 2012   Australian Open, Melbourne Cemento   Roberta Vinci   Svetlana Kuznecova
  Vera Zvonarëva
7-5, 4-6, 3-6
7. 1º aprile 2012   Sony Ericsson Open, Miami Cemento   Roberta Vinci   Marija Kirilenko
  Nadia Petrova
6(0)-7, 6-4, [4-10]
8. 11 gennaio 2013   Apia International Sydney, Sydney Cemento   Roberta Vinci   Nadia Petrova
  Katarina Srebotnik
3-6, 4-6
9 19 maggio 2013   Internazionali BNL d'Italia, Roma Terra rossa   Roberta Vinci   Hsieh Su-wei
  Peng Shuai
6-4, 3-6, [8-10]
10. 9 giugno 2013   Open di Francia, Parigi Terra rossa   Roberta Vinci   Elena Vesnina
  Ekaterina Makarova
5-7, 2-6
11. 11 gennaio 2014   Apia International Sydney, Sydney (2) Cemento   Roberta Vinci   Tímea Babos
  Lucie Šafářová
5-7, 6-3, [8-10]
12. 18 maggio 2014   Internazionali BNL d'Italia, Roma (2) Terra rossa   Roberta Vinci   Květa Peschke
  Katarina Srebotnik
0-4 rit.
13. 8 giugno 2014   Open di Francia, Parigi (2) Terra rossa   Roberta Vinci   Hsieh Su-wei
  Peng Shuai
4-6, 1-6
14. 27 febbraio 2016   Qatar Total Open, Doha Cemento   Carla Suárez Navarro   Chan Hao-ching
  Chan Yung-jan
3-6, 3-6

Fed CupModifica

Vittorie (3)Modifica

N. Data Luogo Superficie Vincitrici Finaliste Punteggio
1. 7 e 8 novembre 2009 Reggio Calabria, Italia Terra rossa   Flavia Pennetta
  Francesca Schiavone
  Sara Errani
  Roberta Vinci
  Melanie Oudin
  Alexa Glatch
  Liezel Huber
  Vania King
5 a 0 Dettagli
2. 7 e 8 novembre 2010 San Diego, Stati Uniti Cemento indoor   Flavia Pennetta
  Francesca Schiavone
  Sara Errani
  Roberta Vinci
  Melanie Oudin
  Bethanie Mattek-Sands
  Liezel Huber
  Coco Vandeweghe
3 a 1 Dettagli
3. 2 e 3 novembre 2013 Cagliari, Italia Terra rossa   Flavia Pennetta
  Karin Knapp
  Sara Errani
  Roberta Vinci
  Aleksandra Panova
  Irina Chromačëva
  Alisa Klejbanova
  Margarita Gasparjan
4 a 0 Dettagli

Statistiche ITFModifica

SingolareModifica

Vittorie (4)Modifica

Torneo $100.000 (0)
Torneo $80.000 (0)
Torneo $75.000 (0)
Torneo $60.000 (2)
Torneo $50.000 (0)
Torneo $25.000 (1)
Torneo $15.000 (0)
Torneo $10.000 (1)
N. Data Torneo Superficie Avversaria in finale Punteggio
1. 27 febbraio 2005   ITF Women's Circuit Melilla, Melilla Cemento   Lucia Jimenez-Almendros 6–1, 6–4
2. 3 giugno 2007   Torneo Internazionale Femminile Città Di Galatina, Galatina Terra rossa   Tina Schiechtl 6–1, 6–4
3. 22 ottobre 2017   Suzhou Ladies Open, Suzhou Cemento   Guo Hanyu 6–1, 6–0
4. 16 giugno 2019   Torneo Internazionale Femminile Antico Tiro a Volo, Roma Terra rossa   Barbara Haas 6–1, 6–4

Sconfitte (2)Modifica

Torneo $100.000 (0)
Torneo $80.000 (0)
Torneo $75.000 (0)
Torneo $60.000 (1)
Torneo $50.000 (1)
Torneo $25.000 (0)
Torneo $15.000 (0)
Torneo $10.000 (0)
N. Data Torneo Superficie Avversaria in finale Punteggio
1. 8 luglio 2007   International Country Cuneo, Cuneo Terra rossa   María Emilia Salerni 6–3, 1–6, 6(6)–7
2. 3 novembre 2019   Centenario Open, Asunción Terra rossa   Elisabetta Cocciaretto 1-6, 6-4, 0-6

DoppioModifica

Vittorie (7)Modifica

Torneo $100.000 (0)
Torneo $80.000 (0)
Torneo $75.000 (0)
Torneo $60.000 (0)
Torneo $50.000 (2)
Torneo $25.000 (4)
Torneo $15.000 (0)
Torneo $10.000 (1)
N. Data Torneo Superficie Partner Rivali in finale Risultato
1. 27 febbraio 2005   ITF Women's Circuit Melilla, Melilla Cemento   María José Martínez Sánchez   Sun Shengnan
  Yang Shujing
6(2)-7, 6-0, 7-5
2. 1º maggio 2005   Torneo Internacional Ciutat de Torrent, Torrent Terra rossa   Paula García   Nuria Roig-Tost
  Gabriela Velasco-Andreu
6(2)-7, 6-4, 6-2
3. 22 ottobre 2005   Internacionales de Andalucìa Femeninos, Siviglia Terra rossa   María José Martínez Sánchez   Gabriela Niculescu
  Monica Niculescu
6-2, 7–6(5)
4. 9 luglio 2006   International Country Cuneo, Cuneo Terra rossa   Karin Knapp   Giulia Gatto-Monticone
  Dar'ja Kustova
6-3, 7–6(5)
5. 28 gennaio 2007   Internazionali della Franciacorta, Capriolo Sintetico (i)   Giulia Gabba   Marija Korytceva
  Dar'ja Kustova
6-4, 7-5
6. 1º aprile 2007   Latina Women's Cup, Latina Terra rossa   Giulia Gabba   Stéphanie Cohen-Aloro
  Selima Sfar
6–3, 1-6, 7-6(2)
7. 12 ottobre 2019   Torneo Internacional Ct El Collao, Riba-roja de Túria Terra rossa   Lara Arruabarrena   Marie Benoît
  Ioana Loredana Roșca
3-6, 6-4, [10-8]

Sconfitte (4)Modifica

Torneo $100.000 (0)
Torneo $80.000 (0)
Torneo $75.000 (0)
Torneo $60.000 (0)
Torneo $50.000 (1)
Torneo $25.000 (2)
Torneo $15.000 (0)
Torneo $10.000 (1)
N. Data Torneo Superficie Partner Rivali in finale Risultato
1. 11 maggio 2003   Trofeo Città di Lecce, Lecce Terra rossa   Nancy Rustignoli   Oana Elena Golimbioschi
  Lenka Šnajdrová
3–6, rit.
2. 3 ottobre 2004   Porto Open, Porto Terra rossa   Joana Pangaio Pereira   Julija Bejhel'zymer
  Anousjka van Exel
5–7, 0–6
3. 10 luglio 2005   International Country Cuneo, Cuneo Terra rossa   Giulia Gabba   Marija Korytceva
  Galina Voskoboeva
3–6, 5–7
4. 12 marzo 2006   Ciudad de Telde Trofeo Cblue, Telde Terra rossa   Giulia Gabba   Nina Bratčikova
  Alla Kudrjavceva
1–6, 1–6

Risultati in progressioneModifica

Sigla Risultato
V Vincitore
F Finalista
SF Semifinalista
O Oro olimpico
A Argento olimpico
SF Bronzo olimpico
QF Quarti di Finale
4T Quarto turno
3T Terzo turno
2T Secondo turno
1T Primo turno
RR Round Robin
LQ Turno di qualificazione
A Assente
ND Non disputato
Legenda superfici
Cemento
Terra battuta
Erba
Superficie variabile
Torneo 2007 2008 2009 2010 2011 2012 2013 2014 2015 2016 2017 2018 2019 2020 2021 Titoli V-S
Grande Slam
  Australian Open, Melbourne A 1T 3T 3T 1T QF 1T 1T 3T 1T 2T Q3 A Q1 3T 0 / 10 13-11
  Roland Garros, Parigi A 1T 1T 1T 2T F SF QF QF 1T 2T 1T A 2T Q2 0 / 11 22-12
  Wimbledon, Londra A 1T 2T 3T 2T 3T 1T 1T 2T 2T 1T A A ND Q1 0 / 10 8–10
  US Open, New York 2T 2T 3T 3T 1T SF 2T QF 3T 1T A A A A 0 / 10 18–10
Titoli 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 / 41 N/A
Vittorie-Sconfitte 1–1 1–4 5–4 6–4 2–4 17–4 6-4 8-4 9-4 1-4 2-3 0-1 N/A 1-1 2-1 61-43
Tornei di fine anno
WTA Tour Championships A A A A A RR RR A A A A A A ND 0 / 2 2-4
Titoli 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 / 2 0 / 2
Vittorie-Sconfitte N/A N/A N/A N/A N/A 1-2 1-2 N/A N/A N/A N/A N/A N/A N/A 0-0 2-4
Tornei a squadre
Fed Cup A QF V V SF SF V SF QF PO WG2 WG2 WG2 3 / 6 16-6
Giochi Olimpici
  Giochi Olimpici ND 1T ND 1T ND 3T ND 1T 0 / 2 2–3
WTA Premier Mandatory
  Indian Wells A 1T 2T 3T 3T 1T QF 3T 3T 2T 2T A Q2 ND 0 / 10 15–10
  Miami A 3T 2T 3T 1T 2T QF 3T 4T 2T 2T A A ND Q1 0 / 10 17–10
  Madrid A A 1T 1T 2T 2T SF 3T 2T 1T 1Q 1T A ND 0 / 9 9-9
  Pechino A A 2T 2T 1T 1T 3T 1T QF A A A A ND 0 / 7 7–7
WTA Premier 5
  Doha A A A A A A QF QF A 2T A A A A A 0 / 3 7–3
  Roma A 3T 1T 1T 2T 2T SF F 2T 1T 1T 1T 1T Q1 Q2 0 / 11 14-11
  Canada A A 1T A 1T A QF 1T SF 2T A A A ND A 0 / 6 8–6
  Cincinnati A A 1T 2T 2T 3T 3T 2T 1T 1T A A A A A 0 / 8 7-8
  Tokyo A A 1T 2T A QF 2T 1T A A A A A ND 0 / 5 5-5
WTA Premier
  Parigi A A A A A ND F F ND 0 / 2 8-2
  Sydney A A 2T A A A QF QF 1T QF A A A ND 0 / 5 7-5

OnorificenzeModifica

  Commendatore Ordine al merito della Repubblica Italiana
— Roma, 10 ottobre 2014. Di iniziativa del presidente della Repubblica.[64]
  Collare d'oro al merito sportivo
— Salone d'onore del Comitato olimpico nazionale italiano, 19 aprile 2012
  Collare d'oro al merito sportivo
«vittoria nel doppio a Wimbledon 2014»
— Salone d'onore del Comitato olimpico nazionale italiano, 15 dicembre 2015[65]

NoteModifica

  1. ^ Sara Errani WTA profile.
  2. ^ Chi è Sara Errani: la tennista italiana più vincente di sempre, su sportmagazine.it, 9 febbraio 2021.
  3. ^ Wimbledon 2014: Errani-Vinci regine sull’erba, completato il Career Grand Slam, su olimpiazzurra.com. URL consultato il 5 gennaio 2015.
  4. ^ Mattia Fontana, Errani senza un punto nel primo set, su it.eurosport.yahoo.com, yahoo.com, 30 giugno 2012. URL consultato il 30 giugno 2012 (archiviato dall'url originale il 4 luglio 2012).
  5. ^ ubitennis.com, Errani entra nella storia, su ubitennis.com, 17 luglio 2012. URL consultato il 19 luglio 2012.
  6. ^ gazzetta.it, Errani vola in semifinale. Vinci s'arrende 6-2 6-4, su gazzetta.it, 5 settembre 2012. URL consultato il 5 settembre 2012.
  7. ^ ubitennis.com, Piccola grande Sara: il cuore non basta 3 ore e 29: una battaglia da record, su ubitennis.com, 27 ottobre 2012. URL consultato il 27 ottobre 2012.
  8. ^ gazzetta.it, Serena show, Sharapova di più Errani-Vinci k.o. e niente finale, su gazzetta.it, 27 ottobre 2012. URL consultato il 28 ottobre 2012.
  9. ^ Australian Open. Doppio: Errani-Vinci, trionfo bis. Gran rimonta sulle russe, su gazzetta.it. URL consultato il 13 maggio 2015.
  10. ^ Impresa Errani: batte Li Na e vola in semifinale Archiviato il 17 maggio 2014 in Internet Archive.
  11. ^ Tennis, Internazionali: Errani batte la Jankovic e vola in finale a Roma, su gazzetta.it. URL consultato il 17 maggio 2014.
  12. ^ Sara Errani fa la storia: due finali. Batte Jankovic e con Vinci conquista anche l'ultimo atto nel doppio, su ilsole24ore.com, 17 maggio 2014.
  13. ^ Tennis, Internazionali: trionfa Serena Williams, Errani infortunata, su gazzetta.it. URL consultato il 18 maggio 2014.
  14. ^ Roland Garros: Errani batte Jankovic 7-6 6-2, ai quarti c'è la Petkovic, su gazzetta.it. URL consultato il 2 giugno 2014.
  15. ^ Errani spazzata via dalla Petkovic. La tedesca in semifinale: 6-2 6-2, su gazzetta.it. URL consultato il 4 giugno 2014.
  16. ^ Tennis, Australian Open: Errani si ferma al terzo turno, su gazzetta.it. URL consultato il 2 maggio 2015.
  17. ^ Tennis, Australian Open: Serena e Venus Williams, sorelle ai quarti, su gazzetta.it. URL consultato il 2 maggio 2015.
  18. ^ Tennis Fed Cup, crollo Italia. Francia in semifinale, su corrieredellosport.it. URL consultato il 2 maggio 2015 (archiviato dall'url originale il 24 settembre 2015).
  19. ^ Tennis, Errani trionfa in finale a Rio de Janeiro, su lastampa.it. URL consultato il 3 maggio 2015.
  20. ^ Tennis, Halep batte la Errani e vola in semifinale con il n°2, su gazzetta.it. URL consultato il 3 maggio 2015.
  21. ^ Tennis, niente finale per la Errani e Bolelli si ferma a San Pietroburgo, su gazzetta.it. URL consultato il 26 settembre 2015.
  22. ^ Stagione finita per Sara Errani - UBITENNIS, in UBITENNIS, 28 settembre 2016. URL consultato il 29 ottobre 2016.
  23. ^ Tennis, Errani dice addio dopo 12 anni a Lozano e Andres, in La Gazzetta dello Sport - Tutto il rosa della vita. URL consultato il 29 ottobre 2016.
  24. ^ Sara Errani ricomincia da Tirrenia e da Wim Fissette - UBITENNIS, in UBITENNIS, 12 novembre 2016. URL consultato il 31 dicembre 2016.
  25. ^ Sara Errani torna con il "primo amore". URL consultato il 31 dicembre 2016.
  26. ^ Sky Sport, Rabat: finale Schiavone-Pavlyuchenkova, Errani out. URL consultato il 15 ottobre 2017.
  27. ^ http://www.repubblica.it/sport/tennis/2017/08/09/news/errani_doping_conferenza_stampa-172699522/
  28. ^ Stefano Semeraro, Sara Errani il 4 ottobre rientra dopo la squalifica, ma Nado chiederà una pena più severa, in LaStampa.it. URL consultato il 22 ottobre 2017.
  29. ^ Redazione, Errani, l'antidoping italiano conferma la richiesta di due anni di stop • Ok Tennis, in Ok Tennis, 10 novembre 2017. URL consultato il 28 novembre 2017.
  30. ^ Tennis: Errani, che mazzata: il Tas impone altri 8 mesi di squalifica, Gazzetta dello Sport, 11 giugno 2018.
  31. ^ Sara Errani, archiviato procedimento per doping, su Adnkronos. URL consultato il 7 novembre 2019.
  32. ^ Sara Errani prepara il rientro: giocherà 3 tornei di fila a novembre, su www.tennisworlditalia.com. URL consultato il 15 ottobre 2017.
  33. ^ Sara Errani torna ad alzare un trofeo: suo l'ITF di Suzhou, demolita la Guo, in Eurosport, 22 ottobre 2017. URL consultato il 25 ottobre 2017.
  34. ^ (EN) ITF: Errani ko per ritiro, Schiavone sfida Karatantcheva a Macon - UBITENNIS, in UBITENNIS, 26 ottobre 2017. URL consultato il 28 novembre 2017.
  35. ^ Sara Errani si separa (ancora) da coach Montalbini - UBITENNIS, in UBITENNIS, 29 novembre 2017. URL consultato il 30 novembre 2017.
  36. ^ Sara Errani wild card ad Auckland. Karl Budge: "WTA contenta nel vederla", in Tennis World Italia. URL consultato il 31 dicembre 2017.
  37. ^ WTA Dubai: Errani è super contro Sabalenka, centrato il main draw, in UBITENNIS, 19 febbraio 2018. URL consultato il 19 febbraio 2018.
  38. ^ Tennis, WTA Charleston 2018: i problemi fisici condizionano Sara Errani. Ai quarti va Bernarda Pera, in OA Sport. URL consultato il 12 aprile 2018.
  39. ^ (EN) WTA Istanbul: Errani toglie un set a Wozniacki poi si arrende, in UBITENNIS, 26 aprile 2018. URL consultato il 5 maggio 2018.
  40. ^ (EN) Rabat: Errani domina Larsson e vola ai quarti, Siegemund in lacrime, in UBITENNIS, 2 maggio 2018. URL consultato il 5 maggio 2018.
  41. ^ Tennis, Fed Cup: Svizzera-Italia 2-0. Errani e Giorgi sconfitte, su La Gazzetta dello Sport - Tutto il rosa della vita. URL consultato l'11 febbraio 2019.
  42. ^ tennisworlditalia.com, https://www.tennisworlditalia.com/amp_tennis/news/Wta_Tennis/61440/wta-dubai-errani-work-in-progress-sconfitta-in-rimonta-dalla-jorovic/.
  43. ^ Tennis, Wta: Errani a Bogotà con la romena Bara, su La Gazzetta dello Sport - Tutto il rosa della vita. URL consultato il 9 aprile 2019.
  44. ^ Diego Barbiani, WTA Bogotá: Errani, altra vittoria d'esperienza e quarti conquistati. Fuori Paolini • Ok Tennis, su Ok Tennis, 12 aprile 2019. URL consultato il 29 aprile 2019.
  45. ^ Internazionali, Sara Errani travolta dalla Kuzmova, su www.corrieredellosport.it. URL consultato l'8 giugno 2019.
  46. ^ Sara Errani torna al successo dopo 15 mesi: vince il torneo Tiro a Volo, su www.corrieredellosport.it. URL consultato il 19 giugno 2019.
  47. ^ Asuncion, la Cocciaretto batte la Errani in finale, su www.corrieredellosport.it. URL consultato il 4 novembre 2019.
  48. ^ Tennis, Sara Errani: “Per il servizio in Paraguay tutti a sostenermi, in Italia critiche e insulti. Non mi preoccupo più dei commenti”, su OA Sport. URL consultato il 7 novembre 2019.
  49. ^ Palermo Ladies Open: Giorgi in semifinale, eliminate Errani e Cocciaretto, su Giornale di Sicilia. URL consultato il 15 agosto 2020.
  50. ^ Tennis, Roland Garros, il ritorno di Sara Errani tre anni dopo, su La Gazzetta dello Sport. URL consultato il 4 ottobre 2020.
  51. ^ (EN) Bertens battles back to seal Errani in Roland Garros epic, su Women's Tennis Association. URL consultato il 4 ottobre 2020.
  52. ^ Roland Garros, Furia Errani dopo il ko con Bertens: “Una presa per il c**o", su Eurosport. URL consultato il 4 ottobre 2020.
  53. ^ Vanni Gibertini, Australian Open: Errani vittoria con il cuore, Giorgi facile, su Ubitennis, 8 febbraio 2021. URL consultato il 12 febbraio 2021.
  54. ^ Vanni Gibertini, Australian Open: Errani passeggia su Venus Williams infortunata, Swiatek troppo forte per Giorgi, su Ubitennis, 10 febbraio 2021. URL consultato il 12 febbraio 2021.
  55. ^ Ahi Errani! Si ferma a due punti dal match, agli ottavi va Hsieh, su La Gazzetta dello Sport. URL consultato il 12 febbraio 2021.
  56. ^ Errani, niente semifinali a Bogotà: passa la Zidansek, su corrieredellosport.it. URL consultato l'11 aprile 2021.
  57. ^ Tennis, Sara Errani ottiene il pass per i Giochi. Qualificati 385 azzurri, su www.coni.it. URL consultato il 18 luglio 2021.
  58. ^ Sara Errani strappa all’ultimo minuto un posto per le Olimpiadi, su www.livetennis.it. URL consultato il 22 luglio 2021.
  59. ^ Navratilova prevede per Errani-Sharapova, su ubitennis.com. URL consultato il 21 settembre 2014.
  60. ^ wtatennis.com, Profilo sul sito WTA, su wtatennis.com. URL consultato il 27 agosto 2012 (archiviato dall'url originale il 2 settembre 2012).
  61. ^ livesicilia.it, Sara Errani sfida la Zahlavova Questa sera la finale al Country, su livesicilia.it, 15 luglio 2012. URL consultato il 27 agosto 2012.
  62. ^ a b sara-errani.com, Biografia sul sito ufficiale, su sara-errani.com. URL consultato il 27 agosto 2012 (archiviato dall'url originale il 10 giugno 2012).
  63. ^ (EN) MATCH STATS - 2015 (PDF), su wtatennis.com. URL consultato il 4 aprile 2015 (archiviato dall'url originale il 25 marzo 2015).
  64. ^ quirinale.it, http://www.quirinale.it/ELEMENTI/DettaglioOnorificenze.aspx?decorato=334063.
  65. ^ Consegnati i Collari d'Oro ai campioni del 2015 e della storia, in Federazione Ciclistica Italiana, 15 dicembre 2015. URL consultato il 3 gennaio 2017.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica