Campionato mondiale di Formula 1 2022

73ª edizione del campionato mondiale di Formula Uno
Campionato mondiale di Formula 1 2022
Edizione n. 73 del Campionato mondiale di Formula 1
Dati generali
Inizio20 marzo
Termine20 novembre
Prove22
Altre edizioni
Precedente - Successiva
Edizione in corso

Il campionato mondiale di Formula 1 2022 organizzato dalla FIA è, nella storia della categoria, la 73ª stagione ad assegnare il campionato piloti e la 65ª ad assegnare il campionato costruttori. È iniziato il 20 marzo e si concluderà il 20 novembre, dopo ventidue gare, come nella stagione precedente, rendendolo nuovamente il campionato più lungo di sempre per numero di appuntamenti della storia della Formula 1.

La prestagioneModifica

Il calendarioModifica

 
In verde sono segnati i paesi che nel 2022 ospitano un Gran Premio di Formula 1, con sedi del circuito segnate con un punto nero. In grigio scuro sono quelli che li hanno ospitati in passato con gli ex circuiti ospitanti contrassegnati con un punto bianco.

La Federazione rende noto il calendario della stagione lo scorso ottobre, snodandosi attraverso 23 Gran Premi. È la prima volta che nella storia della Formula 1 il calendario offre ben 23 appuntamenti, uno in più rispetto alla stagione precedente. Il campionato inizia, come avvenuto nel 2021, col Gran Premio del Bahrein per concludersi, per la prima volta dal 2018, nel mese di novembre, poco dopo la metà del mese, col tradizionale Gran Premio di Abu Dhabi, per evitare la sovrapposizione con il mondiale di calcio.[1]

In calendario rientrano i Gran Premi d'Australia, collocato nel mese di aprile, Canada, Giappone e Singapore, annullati nelle ultime due stagioni a causa delle problematiche dettate dalla pandemia di COVID-19,[1] mentre i Gran Premi di Portogallo, Stiria e Turchia, aggiunti al calendario della stagione precedente per rimpiazzare altre gare annullate a causa della pandemia, non vengono confermati, a differenza del Gran Premio dell'Emilia-Romagna, confermato per la terza stagione consecutiva e presente nel calendario in pianta stabile dalla prossima stagione. Il Gran Premio d'Arabia Saudita, penultima gara della stagione 2021, viene spostato a inizio stagione come secondo appuntamento del mondiale, il Gran Premio di Gran Bretagna e il Gran Premio d'Austria vengono invertiti, mentre il Gran Premio di Francia viene posto a metà stagione nel mese di luglio.[1]

La stagione vede il debutto del Gran Premio di Miami, da tenersi a inizio maggio al Miami International Autodrome, un nuovo circuito situato nel complesso Hard Rock Stadium di Miami Gardens, in Florida, che segna l'undicesimo Gran Premio della storia della massima categoria a corrersi negli Stati Uniti d'America dalla stagione inaugurale del 1950. Gli Stati Uniti d'America, per la prima volta dal 1984, insieme all'Italia, con il già citato Gran Premio dell'Emilia-Romagna, sono le due nazioni ad ospitare due Gran Premi sul proprio territorio in questo campionato.[1]

Nel calendario non è presente il Gran Premio del Qatar, debuttante nel precedente campionato al Lusail International Circuit, in quanto in quest'annata il Paese si focalizza nell'ospitare il mondiale di calcio, prima di rientrare in calendario dal 2023 su un nuovo tracciato,[1] mentre il Gran Premio di Cina, che era sotto contratto per essere incluso nel calendario,[2] non figura per la terza stagione consecutiva a causa delle restrizioni ai viaggi verso il Paese asiatico a causa delle problematiche dettate dalla pandemia di COVID-19.[3] Il Gran Premio ritorna nella stagione successiva.[4]

Il 25 febbraio 2022, a seguito dell'invasione russa dell'Ucraina, la Federazione sospende temporaneamente il Gran Premio di Russia,[5] per poi cancellarlo definitivamente pochi giorni più tardi, terminando allo stesso tempo il contratto per la disputa del Gran Premio nelle stagioni successive.[6] Il Gran Premio di Russia doveva inizialmente essere sostituito,[7] ma il 18 maggio 2022 la Federazione riduce a 22 il numero di appuntamenti per il campionato, lo stesso numero record di Gran Premi della stagione precedente.[8]

Gara Nome ufficiale del Gran Premio Circuito Sede Data Ora Diretta TV
Locale UTC ITA
1   Gulf Air Bahrain Grand Prix Bahrain International Circuit Manama 20 marzo 18:00 15:00 16:00 Sky Sport F1[9]
2   STC Saudi Arabian Grand Prix Jeddah Corniche Circuit Gedda 27 marzo 20:00 17:00 19:00
3   Heineken Australian Grand Prix Albert Park Circuit Melbourne 10 aprile 15:00 5:00 7:00
4   Rolex Gran Premio del Made in Italy e dell'Emilia-Romagna Autodromo Enzo e Dino Ferrari Imola 24 aprile 15:00 13:00 15:00 Sky Sport F1, TV8[9]
5   Crypto.com Miami Grand Prix Miami International Autodrome Miami 8 maggio 15:30 19:30 21:30 Sky Sport F1[9]
6   Pirelli Gran Premio de España Circuit de Barcelona-Catalunya Montmeló 22 maggio 15:00 13:00 15:00 Sky Sport F1, TV8[9]
7   Grand Prix de Monaco Circuit de Monaco Monaco 29 maggio 15:00 13:00 15:00 Sky Sport F1[9]
8   Azerbaijan Grand Prix Baku City Circuit Baku 12 giugno 15:00 11:00 13:00
9   AWS Grand Prix du Canada Circuito Gilles-Villeneuve Montréal 19 giugno 14:00 18:00 20:00
10   Lenovo British Grand Prix Silverstone Circuit Silverstone 3 luglio 15:00 14:00 16:00
11   Rolex Großer Preis von Österreich Red Bull Ring Spielberg 10 luglio 15:00 13:00 15:00
12   Lenovo Grand Prix de France Circuit Paul Ricard Le Castellet 24 luglio 15:00 13:00 15:00 Sky Sport F1, TV8[9]
13   Aramco Magyar Nagydíj Hungaroring Mogyoród 31 luglio 15:00 13:00 15:00 Sky Sport F1[9]
14   Rolex Belgian Grand Prix Circuit de Spa-Francorchamps Stavelot 28 agosto 15:00 13:00 15:00
15   Heineken Dutch Grand Prix Circuit Zandvoort Zandvoort 4 settembre 15:00 13:00 15:00
16   Pirelli Gran Premio d'Italia Autodromo nazionale di Monza Monza 11 settembre 15:00 13:00 15:00 Sky Sport F1, TV8[9]
17   Singapore Airlines Singapore Grand Prix Marina Bay Street Circuit Singapore 2 ottobre 20:00 12:00 14:00 Sky Sport F1[9]
18   Honda Japanese Grand Prix Suzuka International Racing Course Suzuka 9 ottobre 14:00 5:00 7:00
19   Aramco United States Grand Prix Circuit of the Americas Austin 23 ottobre 14:00 19:00 21:00 Sky Sport F1, TV8[9]
20   Gran Premio de la Ciudad de México Autodromo Hermanos Rodríguez Città del Messico 30 ottobre 14:00 19:00 20:00 Sky Sport F1[9]
21   Heineken Grande Prêmio de São Paulo Autódromo José Carlos Pace San Paolo 13 novembre 15:00 18:00 19:00
22   Etihad Airways Abu Dhabi Grand Prix Yas Marina Circuit Abu Dhabi 20 novembre 17:00 13:00 14:00

Gran Premio annullatoModifica

Nome ufficiale del Gran Premio Circuito Sede
  VTB Russian Grand Prix[10] Sochi Autodrom Soči

La presentazione delle vettureModifica

Costruttore Telaio Data presentazione Luogo presentazione
  Haas F1 Team VF-22 4 febbraio (vettura base)[11] Sito web
23 febbraio (vettura)[12] Circuito di Catalogna, Montmeló
  Oracle Red Bull Racing RB18 9 febbraio[13] (livrea)[14] Red Bull Technology Campus, Milton Keynes
  Aston Martin Aramco Cognizant F1 Team AMR22 10 febbraio[15] Aston Martin Lagonda Headquarters, Gaydon[16]
  McLaren F1 Team MCL36 11 febbraio[17] McLaren Technology Centre, Woking
  Scuderia AlphaTauri AT03 14 febbraio[18] Sito web
  Williams Racing FW44 15 febbraio[19] Sito web (livrea)
Circuito di Silverstone (vettura)
  Scuderia Ferrari F1-75 17 febbraio[20] Sito web
  Mercedes-AMG Petronas F1 Team W13 E Performance 18 febbraio[21] Brackley
  BWT Alpine F1 Team A522 21 febbraio[22] Parigi
  Alfa Romeo F1 Team ORLEN C42 27 febbraio[23] Circuito di Catalogna, Montmeló

TestModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Test F1 2022.

Per questa stagione di Formula 1 sono previste due sessioni di test invernali. La prima, denominata pre-season track session, in programma dal 23 al 25 febbraio sul circuito di Catalogna, mentre la seconda sessione, chiamata pre-season testing, si tiene dal 10 al 12 marzo al Bahrain International Circuit, sede del primo appuntamento del mondiale. Il circuito di Catalogna torna ad ospitare i test per la prima volta dalla stagione 2020.[24]

I team tornano ad avere a disposizione due sessioni da tre giorni ciascuna prima dell’inizio del campionato, come accaduto l'ultima volta nei test del 2020. I test del 2021 furono invece ridotti ad un'unica sessione, comunque della durata di tre giorni, a causa delle problematiche legate alla pandemia di COVID-19.[25]

I test pre-stagionali in Bahrein sono sponsorizzati, come nel 2021, da Aramco.[26]

Accordi e fornitoriModifica

 
La Red Bull Racing promuove Oracle a nuovo title sponsor.

Il 2021 è stato l'ultimo anno della Honda come fornitrice di power unit. Da questa stagione è la Red Bull Racing a produrre i propri propulsori e di conseguenza fonda una nuova società, denominata "Red Bull Powertrains", il cui scopo è quello di mantenere attiva la produzione dei motori Honda e occuparsi dello sviluppo e della manutenzione fino al 2025, anno in cui scadrà la proprietà intellettuale concessa dall'azienda nipponica.[27] I nuovi motori vengono marchiati Red Bull e vengono forniti anche alla scuderia satellite AlphaTauri.[28] Le power unit continueranno ad essere assemblate a Sakura fino al 2025.[29] Termina anche l'accordo commerciale che vedeva la casa nipponica comparire nelle denominazioni delle due squadre. La Red Bull Racing promuove lo sponsor Oracle al ruolo di title sponsor mentre inizia una partnership con l’exchance di criptovalute Bybit, che diventa sponsor principale del team.[30][31]

Mission Winnow decide di non rinnovare il contratto di title sponsor con la Ferrari per via delle restrizioni governative durante le ultime tre stagioni che le hanno impedito di mostrare, in alcuni Gran Premi, inclusi tutti quelli della stagione 2020, il logo dell'azienda sulla livrea della scuderia italiana;[32] nel corso della stagione, tuttavia, la scuderia sigla un nuovo contratto col suddetto sponsor, che figura tra quelli minori della squadra.[33] Tra i premium sponsor debuttano Snapdragon e Velas assieme al ritorno, dopo quattro anni di assenza, di Santander,[34] mentre tra gli altri marchi minori c'è l'avvicendamento tra UPS, che abbandona la scuderia dopo nove anni,[35] e CEVA.

 
BWT lascia la britannica Aston Martin per diventare title sponsor del team francese Alpine.

La McLaren firma un accordo pluriennale con l’azienda informatica Google, pubblicizzando i suoi prodotti Android e Google Chrome.[36] Durante la stagione sigla anche un accordo pluriennale con l’exchange di criptovalute OKX.[37]

La società austriaca BWT diventa title sponsor dell'Alpine,[38] mentre l'Aston Martin inizia una partnership con Aramco, il quale entra nel team in ruolo di co-title sponsor, diventando partner tecnico della scuderia per la fornitura dei nuovi carburanti,[39] e termina la collaborazione proprio con BWT che era stato sponsor del team dalla sua fondazione.[40]

La Williams sigla un accordo pluriennale con Duracell.[41]

A seguito dell'invasione russa dell'Ucraina, nella terza giornata di test sul circuito di Catalogna, in Spagna, la Haas oscura il title sponsor Uralkali e rimuove i riferimenti alla bandiera russa sulla livrea della vettura.[42] Qualche giorno dopo la scuderia termina la collaborazione con l'azienda.[43]

Heineken diviene sponsor principale del Gran Premio d'Australia,[44] e Rolex quello del Gran Premio dell'Emilia-Romagna,[45] tornando a sponsorizzare il Gran Premio d'Austria,[46] come già fatto nel 2020.[47] Il nuovo Gran Premio di Miami è sponsorizzato da Crypto.com,[48] mentre Pirelli sponsorizza nuovamente il Gran Premio di Spagna,[49] come già fatto dal 2014 al 2017, e diviene sponsor del Gran Premio d'Italia.[50] AWS sponsorizza per la prima volta il Gran Premio del Canada,[51] così come Lenovo il Gran Premio di Gran Bretagna[52] e il Gran Premio di Francia.[53] Aramco torna a sponsorizzare il Gran Premio d'Ungheria,[54] come già fatto nel 2020.[55]

Scuderie e pilotiModifica

ScuderieModifica

La Red Bull Racing cambia denominazione ufficiale da Red Bull Racing Honda a Oracle Red Bull Racing a seguito dell'abbandono di Honda dal circus come fornitrice di motori, e l'accordo con la società di software.[30] Segue anche l’AlphaTauri che cambia il nome ufficiale della scuderia da Scuderia AlphaTauri Honda a Scuderia AlphaTauri poiché anch'essa è stata motorizzata Honda precedentemente.[56][57] L'Alfa Romeo cambia denominazione da Alfa Romeo Racing ORLEN a Alfa Romeo F1 Team ORLEN.[57]

La Ferrari non rinnova la partnership di title sponsor con Mission Winnow, e di conseguenza esso non appare nel nome ufficiale della scuderia italiana che quindi viene iscritta al campionato solo come Scuderia Ferrari, come accaduto dal 2011 al 2018.[57][32] Nel corso della stagione, tuttavia, Mission Winnow diviene nuovamente partner della scuderia, ma senza che esso funga da title sponsor.[33]

L'Alpine cambia denominazione da Alpine F1 Team a BWT Alpine F1 Team a seguito della collaborazione con la società austriaca,[38] e la scuderia Aston Martin cambia denominazione ufficiale da Aston Martin Cognizant F1 Team a Aston Martin Aramco Cognizant F1 Team, mentre il costruttore prende il nome di Aston Martin Aramco,[58] grazie al nuovo accordo commerciale con la società saudita di idrocarburi.[39] La Haas cambia denominazione da Uralkali Haas F1 Team a Haas F1 Team dopo il termine della collaborazione con l'azienda russa.[43]

PilotiModifica

Il team Alfa Romeo è l'unico a cambiare totalmente la sua line-up di piloti; da sinistra: il finlandese Valtteri Bottas lascia dopo cinque anni Mercedes e subentra al connazionale Räikkönen ritiratosi dall'attività, mentre al suo fianco debutta Zhou Guanyu, primo cinese nella storia della Formula 1.

La scuderia svizzera Alfa Romeo rinnova completamente la sua rosa di piloti: in sostituzione del finlandese Kimi Räikkönen, ritiratosi alla fine della stagione precedente,[59] viene ingaggiato il connazionale Valtteri Bottas, in uscita dalla Mercedes, che firma un contratto pluriennale con la scuderia elvetica.[60] Il contratto dell'altro pilota della scuderia, l'italiano Antonio Giovinazzi, non viene rinnovato.[61] Viene ingaggiato Zhou Guanyu, primo cinese a gareggiare nella massima categoria, giunto terzo nel campionato di Formula 2 2021. Zhou sceglie come numero di gara il 24, utilizzato per l'ultima volta dal tedesco Timo Glock alla guida dell'ex scuderia Marussia nel Gran Premio del Brasile 2012.[62]

 
Kevin Magnussen torna in Formula 1 dopo due stagioni: il danese viene richiamato dalla Haas a pochi giorni dal via del campionato, dopo la fine del rapporto col russo Mazepin a seguito degli strascichi geopolitici dell'invasione dell'Ucraina.

In sostituzione di Valtteri Bottas, la Mercedes ingaggia il britannico George Russell, che lascia la Williams dopo tre anni.[63] Il suo posto viene preso dal thailandese Alexander Albon, reduce da un anno di assenza dalla Formula 1, dopo aver guidato l'ultima volta per la Red Bull Racing.[64] Albon, inizialmente, avrebbe dovuto correre da atleta neutrale in quanto l'agenzia mondiale antidoping aveva scoperto che la Thailandia non era conforme al suo codice, ed era quindi stata bandita dalla partecipazione a competizioni nei campionati del mondo.[65] Agli inizi del mese di febbraio l'agenzia mondiale antidoping rimuove la Thailandia dalla lista dei paesi non conformi al loro codice permettendo così a Albon di non correre da atleta neutrale.[66]

Il campione del mondo in carica della Red Bull Racing, l'olandese Max Verstappen, sceglie di correre con il numero 1, riservato al vincitore del campionato mondiale piloti, in sostituzione del suo numero personale, il 33. Per la prima volta dalla stagione 2014 con Sebastian Vettel, sempre alla guida della scuderia austriaca, il numero 1 viene utilizzato dal campione iridato.[67]

A seguito dell'invasione russa dell'Ucraina, alla vigilia del secondo test pre-stagionale in Bahrein, il contratto del pilota titolare della Haas, Nikita Mazepin, viene terminato con effetto immediato, anche per via della cessazione del rapporto tra la squadra e il title sponsor Uralkali che sosteneva la carriera del pilota russo;[68] Mazepin, inoltre, avrebbe dovuto correre da atleta neutrale come peraltro già fatto nella stagione precedente, ma stavolta potendo utilizzare la bandiera della Federazione Internazionale dell'Automobile a causa del divieto degli emblemi nazionali russi.[69] Il suo sostituto è il danese Kevin Magnussen, che torna a guidare per il team statunitense a distanza di due stagioni.[70]

Il pilota tedesco dell'Aston Martin, Sebastian Vettel, non prende parte al Gran Premio del Bahrein, gara inaugurale della stagione, a causa della sua positività al SARS-CoV-2. Viene sostituito dal pilota di riserva della scuderia, il connazionale Nico Hülkenberg, il quale ha corso per l'ultima volta al Gran Premio dell'Eifel 2020 per l'ex scuderia Racing Point.[71] Vettel è costretto a saltare anche il successivo Gran Premio d'Arabia Saudita in quanto non recupera dalla positività, venendo anche in questo caso sostituito dal pilota di riserva Hülkenberg.[72]

Il pilota tedesco della Haas, Mick Schumacher, non prende parte alla gara del Gran Premio d'Arabia Saudita a causa di un incidente durante le qualifiche. Nonostante il pilota dichiari di poter correre, la scuderia statunitense non dispone di materiale sufficiente per assemblare la vettura dopo l'incidente.[73]

Tabella riassuntivaModifica

I piloti e le scuderie che affrontano la stagione 2022 di Formula 1 sono:[74]

Scuderia Costruttore Telaio Power unit Gomme Piloti Sigla GP Terzo pilota /
pilota di riserva
  Mercedes-AMG Petronas F1 Team Mercedes W13 E Performance[75] Mercedes P 63   George Russell[63] RUS 1-   Nyck De Vries
  Stoffel Vandoorne
44   Lewis Hamilton HAM 1-
  Oracle Red Bull Racing Red Bull Racing-RBPT RB18[76] Red Bull P 1   Max Verstappen VER 1-   Jüri Vips[77]
  Liam Lawson[78]
11   Sergio Pérez PER 1-
  Scuderia Ferrari Ferrari F1-75[79] Ferrari P 16   Charles Leclerc LEC 1-   Antonio Giovinazzi[80]
  Mick Schumacher[80]
  Robert Švarcman[81]
55   Carlos Sainz Jr. SAI 1-
  McLaren F1 Team McLaren-Mercedes MCL36[82] Mercedes P 3   Daniel Ricciardo RIC 1-   Will Stevens
  Oliver Turvey
  Patricio O'Ward
  Colton Herta[83]
4   Lando Norris NOR 1-
  BWT Alpine F1 Team Alpine-Renault A522[84] Renault P 14   Fernando Alonso ALO 1-   Oscar Piastri
  Jack Doohan[85]
31   Esteban Ocon OCO 1-
  Scuderia AlphaTauri AlphaTauri-RBPT AT03[86] Red Bull P 10   Pierre Gasly GAS 1-   Liam Lawson
  Jüri Vips
22   Yuki Tsunoda TSU 1-
  Aston Martin Aramco Cognizant F1 Team Aston Martin Aramco-Mercedes AMR22[87] Mercedes P 18   Lance Stroll STR 1-   Nico Hülkenberg
  Nick Yelloly
5   Sebastian Vettel VET 3-
27   Nico Hülkenberg[71] HUL 1-2
  Williams Racing Williams-Mercedes FW44[88] Mercedes P 23   Alexander Albon[64] ALB 1-   Jack Aitken
  Roy Nissany
  Logan Sargeant
  Nyck De Vries
6   Nicholas Latifi LAT 1-
  Alfa Romeo F1 Team ORLEN Alfa Romeo-Ferrari C42[89] Ferrari P 77   Valtteri Bottas[60] BOT 1-   Robert Kubica
  Théo Pourchaire
  Antonio Giovinazzi
24   Zhou Guanyu[62] ZHO 1-
  Haas F1 Team Haas-Ferrari VF-22[90] Ferrari P 20   Kevin Magnussen[70] MAG 1-   Pietro Fittipaldi
  Antonio Giovinazzi
47   Mick Schumacher MSC 1-

Direzione garaModifica

Modifiche al regolamentoModifica

Il campionato 2022 introduce significative modifiche regolamentari riguardo l'aerodinamica, la scocca, le power unit, gli pneumatici e i freni. Il cambio di regolamento doveva entrare in vigore nella stagione precedente ma, a causa della pandemia di COVID-19, le modifiche sono state posticipate a questa stagione.[95]

Regolamento tecnicoModifica

Dall'alto in basso: raffronto tra la maquette presentata dalla FIA al Gran Premio di Gran Bretagna 2021, che ipotizzava le future forme delle monoposto di Formula 1 nella stagione 2022, e il corpo vettura della Ferrari F1-75 disegnata seguendo il nuovo regolamento tecnico.

Dopo l'introduzione nella scorsa stagione del budget cap, quest'anno i team di Formula 1 potranno spendere 140 milioni di dollari, derogabili a seconda di alcune situazioni o eventi.[96] Liberty Media e la Federazione trovano un compromesso prima del Gran Premio di Gran Bretagna riguardo la spesa limite del budget cap messa a disposizione per ogni singola scuderia, fissata a 142 milioni per questa stagione. Il tetto massimo viene lasciato inalterato e ai team che hanno chiesto più margine operativo a livello finanziario viene concesso un anticipo sulla spartizione degli introiti.[97] Prima del Gran Premio d'Austria, viene aumentato del 3,1% il budget cap per far fronte al problema dell’inflazione.[98]

AerodinamicaModifica

L'ala anteriore viene semplificata, riducendo il numero e la complessità degli elementi aerodinamici. Inoltre l'ala deve essere direttamente collegata al muso e non più quindi tramite supporti che permettevano agli ingegneri di usare lo spazio libero per controllare i flussi d'aria. Le ali posteriori saranno più larghe e montate più in alto rispetto agli anni precedenti ma anch'esse saranno semplificate.[99] Infatti, rispetto alle vetture 2021, numerose appendici aerodinamiche, comprese quelle sulle pance laterali, sono abolite.[100]

Viene reintrodotto, dopo essere stato bandito nel 1982, l'effetto suolo per controbilanciare la perdita di carico aerodinamico dovuto alla semplificazione dell'ala anteriore, posteriore e di tutti gli apparati aerodinamici.[101]

Queste modifiche mirano a ridurre l'aria turbolenta sulla scia delle vetture per consentire ai piloti di seguirsi più da vicino favorendo in linea teorica i sorpassi, pur mantenendo un livello di carico aerodinamico simile rispetto agli anni precedenti.[102]

A seguito della decisione di posticipare i regolamenti del 2021 al 2022, lo sviluppo aerodinamico delle vetture è stato vietato da marzo 2020 fino a febbraio 2021.[103] Nel 2021 la FIA ha introdotto un sistema a scala mobile per regolare i test aerodinamici. Con questo sistema, le squadre peggio piazzate nella classifica costruttori dell'anno precedente avrebbero avuto più tempo per i test aerodinamici. Al contrario, i team meglio piazzati avrebbero avuto meno tempo per completare i test.[104]

Alla vigilia del Gran Premio del Canada, la Federazione avvia un'indagine per studiare quanto il saltellamento delle vetture in pieno rettilineo sia pericoloso per i piloti, non solamente per la sicurezza in pista, ma anche per le ripercussioni sul fisico. I sobbalzi sono risultati particolarmente accentuati sul lungo rettilineo del circuito di Baku durante il Gran Premio d'Azerbaigian, destando più di una preoccupazione per i piloti, in particolare per quello britannico della Mercedes, Lewis Hamilton, protagonista di forti dolori alla schiena causati dal saltellamento, la cui presenza viene messa inizialmente in dubbio per la gara canadese,[105] ma successivamente smentita dallo stesso pilota.[106] La Federazione vuole avere un quadro completo, consultando medici specialistici e raccogliere dati da altre serie, per esempio dal rally.[107] La Federazione decide di emanare una direttiva tecnica in cui viene spiegato che nell'interesse della sicurezza è necessario intervenire per richiedere ai team di apportare le modifiche necessarie per ridurre o eliminare questo fenomeno del saltellamento. Nel dettaglio, l'organo mondiale dell'automobilismo decide di intervenire su alcuni punti, come un controllo più attento del fondo vettura e la definizione di una metrica, basata sull'accelerazione verticale della vettura, che fornisce un limite quantitativo per il livello accettabile di oscillazioni verticali. Viene inoltre preannunciato un incontro tra la FIA e i team.[108] Nel Gran Premio canadese la Federazione si limita a raccogliere i dati nella terza sessione di prove libere del sabato, senza applicare penalità visto il poco tempo lasciato a disposizione delle squadre.[109] Dopo i dati raccolti, alla vigilia del Gran Premio di Gran Bretagna, la Federazione rende noto alle squadre che la direttiva è attiva a partire dal Gran Premio di Francia. Essa inoltre stabilisce alcuni nuovi parametri riguardo all’usura del fondo e alla rigidità del pattino centrale che le squadre devono rispettare.[110] Prima del Gran Premio d'Austria, viene stabilito che l’operatività della direttiva tecnica contro il saltellamento delle vetture in pieno rettilineo è stata spostata dal Gran Premio di Francia, in programma a fine a luglio, come stabilito in precedenza, al Gran Premio del Belgio, da disputarsi a fine agosto dopo la pausa estiva obbligatoria di tre settimane.[98] Il Consiglio Mondiale della Federazione, prima della disputa del Gran Premio d'Ungheria, decide di mettere ai voti delle squadre l'introduzione della direttiva tecnica, in vigore dal successivo Gran Premio del Belgio, per contrastare il fenomeno del saltellamento.[111] La metrica che viene introdotta dalla Federazione riesce a misurare le oscillazioni solo in rettilineo e non in curva.[112]

Alla vigilia del Gran Premio di Gran Bretagna, cambiano le verifiche tecniche per quanto riguarda la deformazione delle appendici alari al posteriore. I nuovi test prevedono l'applicazione di una forza superiore ai precedenti 60 newton. La nuova norma prevede l'imposizione simultanea di due carichi da 150 newton, applicati a una distanza maggiore dall'asse di mezzeria della vettura, aumentando così ulteriormente la deformazione corrispondente. La distanza laterale di applicazione dall'asse centrale è fissata adesso a 270 mm, mentre in precedenza era compresa tra 100 e 215 mm. In aggiunta, la deformazione risultante al bordo arretrato della beam wing non può sforare i 3 mm, contro i precedenti 5 mm. Per l'ala posteriore principale, sotto l'azione di 2 000 newton perpendicolari alla superficie, può flettersi adesso fino a 3 mm, 1 mm in più rispetto alla normativa precedente. La Federazione ha inoltre specificato che a DRS aperto l'apertura deve essere tale da impedire il passaggio di una sfera di 85 mm di diametro tra il profilo superiore e inferiore, con una spinta di 10 newton. Viene infine riportato nel regolamento anche il monitoraggio in marcia della deformazione delle ali posteriori, avvalendosi delle telecamere e dei riferimenti adesivi posti sui profili, pratica già in uso dal Gran Premio d'Azerbaigian 2021.[113]

ScoccaModifica

La scocca deve essere rivestita in gomma per ridurre il rischio che i componenti si rompano per ridurre al minimo il rischio di vetture ferme sul tracciato, bandiere gialle e safety car.[114] Il nuovo peso minimo delle vetture per la stagione 2022 viene fissato a 798 kg. Rispetto alla stagione precedente, il peso minimo aumenta di 46 kg.[115]

Power unitModifica

Lo sviluppo power unit è congelato a partire da questa stagione fino al 2025, quando entreranno in vigore nuove regolamentazioni.[116][117] Inoltre il carburante che i team utilizzeranno, "E10", deve contenere il 10% di etanolo.[118]

Nella riunione del World Motor Sport Council alla vigilia del Gran Premio di Gran Bretagna vengono cambiate alcune regole del campionato. Il cambiamento più importante riguarda i limiti delle power unit. Le squadre sono infatti autorizzate a cambiare i motori in condizioni di parco chiuso con versioni più recenti che sono state inserite nelle loro rotazioni. Inoltre, la Federazione ha aggiunto una disposizione al regolamento per consentire la riparazione temporanea dei propulsori. Vengono modificate anche le regole relative alle limitazioni delle vetture per i test Pirelli. Sono state inoltre aggiornate le prove di flessione per verificare la flessibilità delle ali posteriori e le regole sugli specchietti per migliorare la visibilità. Infine, dopo alcuni problemi riscontrati in stagione, le squadre possono portare la benzina a 20 °C nelle gare più calde.[119] Nelle gare dove la temperatura ambiente è di 30 °C o superiore, la benzina può essere sempre raffreddata fino a 20 °C. La temperatura ambiente viene registrata da un servizio meteo approvato dalla Federazione un'ora prima di qualsiasi sessione di prove o tre ore prima della gara o della Sprint, e viene riportato sui monitori dei tempi. La temperatura del carburante è quella registrata a bordo dal flussimetro primario.[120]

Pneumatici e freniModifica

Da sinistra: raffronto tra i vecchi pneumatici da 13 pollici, usati fino al 2021, e le nuove coperture da 18 pollici introdotte da Pirelli dal 2022; c'è inoltre il ritorno, dopo dodici anni, dei copricerchi.

A partire di questa stagione il campionato mondiale di Formula 1 adotta gli pneumatici a 18 pollici (46 cm), seguendo quanto già fatto dalla Formula 2, in sostituzione dei 13 pollici (33 cm). Questo per garantire una maggiore precisione nei cambi di direzione, una minore tendenza al surriscaldamento e a non essere il più possibile di disturbo per l'aerodinamica della vettura.[121]

Per via dell'aumento del diametro degli pneumatici, anche i freni subiranno dei cambiamenti. Difatti si passerà dagli attuali 278 mm all’anteriore (266 mm al posteriore) del 2021 ai 328 mm (280 mm) del 2022. Cambieranno inoltre anche il sistema di ventilazione del disco, in particolare sia il numero che il diametro dei fori stessi e le pinze che aumenteranno di peso (circa 700 g sia all’anteriore che al posteriore).[118]

Tornano, dopo la messa al bando del 2010, i copricerchi sia sulle ruote anteriori che posteriori, andando a ridurre, in ottica sorpassi, il disturbo aerodinamico per la vettura che segue.[122]

Regolamento sportivoModifica

La Federazione, Liberty Media e i team inizialmente raggiungono un accordo per aumentare il numero dei Gran Premi dove utilizzare il format della Qualifica Sprint, sperimentato nel 2021. Vengono proposti sei Gran Premi in totale, rispetto ai tre stabiliti nel campionato precedente, dove viene utilizzata la Qualifica Sprint, al fine di stabilire la griglia di partenza. I Gran Premi scelti sono quelli di Bahrein, Emilia-Romagna, Canada, Austria, Olanda e San Paolo.[123][124] Successivamente, dopo il veto dei top team alle sei prove, i quali chiedevano un incremento di spesa sul limite del budget cap, il promotore del campionato propone il dimezzamento delle gare precedentemente proposte, senza però trovare un accordo, il quale viene discusso nella F1 Commission di metà febbraio.[125] Il nome del format viene cambiato in Sprint e vengono ufficializzati tre Gran Premi dove esso prende luogo, quelli di Emilia-Romagna, Austria e San Paolo. Il sistema di punteggio da attribuire durante la Sprint comprende adesso i primi otto classificati, i quali nell'ordine ricevono 8, 7, 6, 5, 4, 3, 2 e 1 punto. A differenza del 2021, al vincitore della Sprint, che guadagna il diritto di partire dalla prima piazzola, non è assegnata la pole position del Gran Premio, che quindi spetta al pilota più rapido in qualifica.[126]

Le due sessioni di prove libere del venerdì della durata entrambe di un'ora vengono spostate al pomeriggio nei weekend di gara dove non viene disputata la Sprint. Il fine settimana non dura più quattro giorni, ma soltanto tre, per alleggerire le trasferte e i costi dei team. L'appuntamento con la stampa viene spostato dal giovedì al venerdì mattina e le due sessioni di libere vengono disputate con temperature di aria e pista verosimilmente più vicine a quelle che le squadre trovano la domenica in gara.[127] Nei weekend di gara dove viene effettuata la Sprint il programma prevede al primo pomeriggio di venerdì la prima sessione di prove libere, seguita dalle qualifiche che si disputano al tardi pomeriggio; al sabato mattina è prevista la seconda sessione di prove libere, seguita dalla Sprint al pomeriggio; la gara è come di consueto programmata la domenica pomeriggio.[128]

Dopo quanto successo nel Gran Premio del Belgio 2021, condizionato da avverse condizioni meteorologiche, la Federazione decide di regolamentare alcuni scenari: nessun punto mondiale viene assegnato se non sono coperti almeno due giri lanciati, senza l'uso della safety car o della virtual safety car, mentre se il leader della corsa ha coperto più di due tornate ma meno del 25% della distanza complessiva programmata, solo i primi cinque classificati acquisiscono punti in classifica, nell'ordine 6, 4, 3, 2, 1; se la distanza percorsa è tra il 25% ed il 50% di quella prevista, sono i primi nove classificati a guadagnare punti, nell'ordine 13, 10, 8, 6, 5, 4, 3, 2, 1; per una distanza compresa tra il 50% ed il 75%, i punti sono assegnati ai primi 10 classificati, nell'ordine 19, 14, 12, 10, 8, 6, 4, 3, 2, 1; se la distanza percorsa è superiore al 75% di quella prevista, i punti sono assegnati regolarmente. Il punto relativo al giro più veloce nei primi 10 classificati è adesso assegnato solo se viene completato un minimo del 50% della distanza di gara programmata.[129][130]

Dopo quanto verificatosi nel Gran Premio di Abu Dhabi 2021, la procedura di ripartenza della gara sotto il regime di safety car viene modificata. Invece di aspettare fino al giro successivo che l'ultima vettura doppiata si è sbloccata dal leader, la vettura di sicurezza viene ora fatta rientrare un giro dopo che è stata data l'istruzione che le auto doppiate possono sbloccarsi da sole.[131] Successivamente, la formulazione del regolamento viene modificata e ora afferma che "tutte" le auto piuttosto che "qualsiasi" possono sdoppiarsi da sole, se ritenuto sicuro dal direttore di gara.[132]

Da questa stagione un team non deve più necessariamente tenere lo stesso cambio su una monoposto per sei Gran Premi consecutivi, ma può attingere ad altri elementi in maniera libera. L’unico limite che resta per le squadre è il numero massimo di cambi utilizzabili in stagione, che si attesta a quattro. All’introduzione della quinta unità scatta nuovamente la penalità in griglia di partenza di cinque posizioni.[133]

Altri cambiamenti riguardano non più l'obbligo per i primi dieci qualificati di usare al via la mescola utilizzata in Q2 per qualificarsi in Q3;[134] l'aumento del tetto di richiami che si possono ricevere prima di subire una penalità in griglia di partenza, passando da un massimo di tre richiami a cinque;[135] l'obbligo di schierare, durante le sessioni di prove libere, piloti giovani, dove le squadre hanno un numero prestabilito di sessioni nelle quali schierare obbligatoriamente dei giovani debuttanti;[136] il Gran Premio di Monaco, che da questa stagione si articola nel tradizionale weekend di gara, come già avviene per tutti gli altri Gran Premi, spostando quindi le prove libere dalla giornata del giovedì a quella del venerdì;[137] l'obbligatorietà per tutto il personale presente dentro il paddock in occasione delle gare di risultare vaccinato contro il SARS-CoV-2.[138]

Alla vigilia del Gran Premio d'Australia, la Federazione distribuisce una nota sottolineando quale sia la condotta da adottare in regime di safety car, quando la vettura di sicurezza spegne le luci per segnalare l'imminente ripartenza. I piloti non possono affiancarsi alla vettura che precede e si può restare solo alle spalle o comunque su un'altra traiettoria badando bene al fatto che l'asse anteriore non vada ad invadere quello posteriore della vettura che precede. La nota non si limita solo a chi segue, ma anche a chi essendo leader ha il compito di gestire la ripartenza. Ogni frenata o accelerazione improvvisa dal momento in cui la safety car spegne le luci è giudicata in qualità di manovra pericolosa per gli altri piloti.[139]

Alla vigilia del Gran Premio dell'Emilia-Romagna, la Federazione pubblica le linee guida, valide a partire dalla prima gara della stagione, che i piloti devono seguire in fase di sorpasso per evitare di incorrere in investigazioni da parte dei commissari. In caso di sorpassi sia all'interno che all'esterno, affinché una vettura che sta per subire un sorpasso dia uno spazio sufficiente alla monoposto che sta per superare, quest'ultima deve avere una porzione significativa al fianco dell'auto che sta affrontando in fase di sorpasso. Queste linee guida vengono applicate anche per i sorpassi nelle chicane e nelle curve a S.[140]

Alla vigilia della prima edizione del Gran Premio di Miami, il direttore di gara designato per la gara, il tedesco Niels Wittich, inoltra alle squadre una nota in cui si specifica cosa può o non può indossare un pilota alla guida di una monoposto di Formula 1. Vengono specificate le richieste mosse ai piloti in termini di abbigliamento per superare le verifiche regolamentari.[141] Alla prima violazione il pilota colto in flagrante viene multato di 50 000 euro, alla seconda di 100 000 euro e alla terza di 250 000 euro e, soprattutto, alla decurtazione di punti in classifica, sia per il pilota che per il team.[142] Il pilota britannico della Mercedes, Lewis Hamilton, non supera lo scrutinio della Federazione visto alcuni oggetti indossati,[143] per poi completare la procedura prima della prima sessione di prove libere del venerdì.[144] Successivamente la Federazione concede un'esenzione medica di due Gran Premi a Hamilton per consentirgli la rimozione di due piercing. Il pilota britannico può correre con i piercing in questione, ma deve rimuoverli entro la gara a Miami.[145] Prima del Gran Premio di Monaco, la Federazione concede una proroga fino alla fine di giugno riguardo ai gioielli indossati dai piloti. Sebbene a livello di scrutini tecnici i team debbano da questo weekend indicare se i piloti stiano indossando intimo ignifugo e si stiano privando dei gioielli, è stata concessa una proroga nell’attesa che si arrivi a un accordo tra la FIA e i piloti. Lewis Hamilton continua a indossare piercing e gioielli anche nel corso del fine settimana a Monaco, ma difficilmente scattano già le penalità previste dal regolamento. L’associazione dei piloti è in trattativa con il presidente della commissione medica della FIA per giungere a un compromesso che accontenti entrambe le parti. La FIA è pronta ad accogliere le richieste dei piloti di natura personale e religiosa in materia di gioielli.[146] Hamilton prende regolarmente parte al Gran Premio di Gran Bretagna, in programma a inizio luglio, nonostante la proroga riguardo ai gioielli indossati dai piloti con scadenza fino a giugno, stabilita prima del Gran Premio di Monaco.[147] Successivamente il pilota rende noto la rimozione dei gioielli e di altri oggetti metallici prima del Gran Premio inglese.[148]

Prima del Gran Premio d'Azerbaigian, il direttore di gara designato dalla Federazione per la gara, il tedesco Niels Wittich, chiarisce la procedura, secondo il regolamento aggiornato alla corrente stagione, che la linea d'uscita e di entrata della corsia dei box può essere toccata dagli pneumatici, ma non interamente oltrepassata, pena l'assegnazione di una penalità.[149] Al termine della gara del precedente Gran Premio di Monaco, la Ferrari aveva presentato una protesta alla Federazione contro i due piloti della Red Bull Racing. Secondo la scuderia italiana, l'olandese Max Verstappen, terzo all'arrivo, e il messicano Sergio Pérez, vincitore del Gran Premio, avevano varcato la linea gialla che delimita l'uscita della corsia box, dopo un pit stop, non rimanendo alla destra di essa, come da regolamento.[150][151] La protesta contro i due piloti della Red Bull Racing fu successivamente respinta in quanto nessuno aveva varcato interamente la linea gialla e che la procedura da seguire risultò obsoleta nelle note del direttore di gara per l'evento e non aggiornata al mondiale corrente.[152][153]

A partire dal Gran Premio di Gran Bretagna, la conferenza stampa dei piloti torna a tenersi nella giornata del giovedì, come fino alla stagione precedente. Il weekend compresso non ha trovato completa approvazione da parte dei piloti, che hanno chiesto all'organo mondiale di tornare al 2021, quando le canoniche conferenze stampa si tenevano il giorno prima dell'azione in pista. I piloti, con il sistema attuato quest'anno, hanno trovato una Federazione disponibile a tornare sui suoi passi. Alla conferenza stampa prendono parte dieci piloti, divisi in due gruppi da cinque, al posto di 20.[154]

Direzione garaModifica

A partire da questo campionato, la Federazione nomina due nuovi direttori di gara, in sostituzione dell'australiano Michael Masi, il quale aveva ricoperto il ruolo di direttore di gara dalla stagione 2019, prendendo il posto dello scomparso Charlie Whiting. Vengono nominati il tedesco Niels Wittich e il portoghese Eduardo Freitas, in passato direttori di gara rispettivamente del DTM e del campionato del mondo endurance, cui vengono assistiti dal britannico Herbie Blash, ex vice-direttore di gara nella categoria in attività fino al 2016. Wittich e Freitas si alternano al ruolo di direttore di gara nel corso della stagione.[155] La Federazione, inoltre, istituisce per tutti i Gran Premi un remote garage a supporto della direzione gara, per verificare tutti i fatti salienti in pista, e rende noto che le comunicazioni radio tra i team e la direzione gara non vengono più trasmesse in diretta televisiva, ma è ancora possibile rivolgersi alla direzione gara secondo procedimenti ben definiti e non intrusivi.[156]

GommeModifica

Le gomme utilizzate sono le stesse delle tre precedenti stagioni.

Nome mescola Colore Battistrada Condizioni Aderenza Durata Compound
Morbide (Soft) Rosso   Liscio Da asciutto Alta Bassa C5-C4-C3
Medie (Medium) Giallo   Media Media C4-C3-C2
Dure (Hard) Bianco   Bassa Alta C3-C2-C1
Intermedie (Intermediate) Verde   Scanalato Da bagnato lieve o medio N.D. N.D. N.D.
Da bagnato (Wet) Blu   Da bagnato cospicuo N.D. N.D. N.D.

Riassunto della stagioneModifica

Gran Premio del BahreinModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Gran Premio del Bahrein 2022.

Al via Charles Leclerc tiene il comando, resistendo all'attacco di Max Verstappen. Alle loro spalle s'installa Carlos Sainz Jr., che precede Lewis Hamilton e Kevin Magnussen. Parte male, invece, Valtteri Bottas, che alla fine del primo giro è solo quattordicesimo, pur partendo dalla sesta posizione. Magnussen cede la quinta piazza al terzo giro a Sergio Pérez, e due giri dopo, viene passato anche da George Russell. Al nono giro Pérez prende la posizione, la quarta, a Hamilton. Nello stesso giro Leclerc ha un vantaggio di oltre tre secondi su Verstappen e quasi otto su Sainz Jr..

La prima sosta viene effettuata all'undicesimo giro da Hamilton. Il pilota della Mercedes passa alla gomme hard. Il britannico rientra in pista davanti a Zhou Guanyu ma, con gomme fredde, sbaglia il punto di frenata, e viene ripassato dal pilota cinese. Nel corso del giro successivo Hamilton si riprende la posizione. Al quattordicesimo giro si ferma Verstappen, che si lamenta per la scarsa trazione della sua monoposto. L'olandese opta ancora per gomme morbide. Nello stesso giro si fermano Sainz Jr., Magnussen, Esteban Ocon e Bottas. Solo Magnussen sceglie ancora la gomme morbide; gli altri passano alle medie. Un giro dopo effettua il pit stop anche il leader della gara, Leclerc, così come Pérez. Il monegasco prosegue con coperture a mescola morbida, mentre il pilota della Red Bull sceglie le medie.

Leclerc rientra in gara davanti a Verstappen. Alla staccata della prima curva, al giro successivo, l'olandese passa Leclerc che, però, è capace di riprendersi nuovamente la vetta alla curva 4. La medesima scena si ripete al diciassettesimo giro: Verstappen passa alla prima curva, prima di essere risuperato alla curva 4. L'olandese ci riprova, con successo, al diciottesimo giro. Questa volta, però, il sorpasso porta a un bloccaggio delle ruote, che consente a Leclerc di riprendere il comando già all'uscita della prima curva. Con pneumatici rovinati, Verstappen non è più in grado di attaccare il ferrarista.

Nei giri successivi Leclerc riesce a ampliare di nuovo il margine su Verstappen, portandolo a oltre tre secondi. Alle spalle del duo di testa le posizioni sono congelate. Sainz Jr. è terzo, davanti a Pérez, che a sua volta, precede il duo della Mercedes. Al ventisettesimo giro Hamilton passa dalle gomme dure alle medie. Tre giri dopo è il turno di Verstappen, nell'effettuare la seconda sosta. L'olandese opta per le medie. Leclerc decide di copiare, il giro seguente, la mossa dell'avversario. Si trova a condurre Sainz Jr., davanti a Pérez e Leclerc. Questa volta il margine tra il ferrarista e Verstappen è più ampio, non consentendo al campione del mondo di impensierire Leclerc.

Al trentaduesimo giro Hamilton passa Gasly, per la settima posizione. Il giro seguente si fermano, per la seconda sosta, anche Sainz Jr, che passa alle medie, e Pérez, che opta per le soft. La gara vede così, nuovamente, al comando Leclerc, seguito da Verstappen. Sainz Jr. è ancora terzo, davanti a Pérez. Alle loro spalle c'è ora Hamilton, che ha passato anche Magnussen. Il danese della Haas si ferma, per il suo secondo pit stop, al trentacinquesimo giro. Leclerc fissa il gap su Verstappen ancora oltre i tre secondi, mentre Sainz Jr. è a 17"8, Pérez a 19"9 e Hamilton a 33"9. Al quarantatreesimo giro la Red Bull Racing richiama ai box entrambi i piloti per montare pneumatici soft. La Ferrari risponde, nel giro successivo, ma richiama il solo Sainz Jr..

La classifica rimane invariata. Nello stesso giro Pierre Gasly è costretto all'abbandono, col motore in fiamme. La direzione di gara decide di neutralizzare la gara con la virtual safety car, poi seguita dalla safety car. Leclerc ne approfitta per effettuare la terza sosta. Il monegasco monta gomme morbide. La stessa scelta viene fatta da Hamilton e da Magnussen. Alla ripartenza Leclerc tiene facilmente la vetta del Gran Premio, mentre Verstappen deve difendersi dall'attacco di Sainz Jr., che però non ha successo. La gara di Verstappen, che scontava anche problemi allo sterzo, si ferma al cinquantaquattresimo giro, quando il campione del mondo è costretto all'abbandono da un problema alla pompa della benzina. All'ultimo giro Pérez, l'altro pilota della Red Bull, a causa di un problema tecnico al motore, va in testacoda e ferma la vettura. Ciò consente a Hamilton di entrare sul podio.

Charles Leclerc fa sua la terza vittoria in carriera in Formula 1 sempre partendo dalla pole position, per la prima volta dal Gran Premio d'Italia 2019. È il primo monegasco nella storia del mondiale a condurre la classifica piloti. Leclerc fa segnare anche il suo primo hat trick (pole position, giro veloce e vittoria) e la Ferrari il primo Grand Chelem (includendo tutti i giri della gara condotti in testa) dal Gran Premio di Francia 2008 grazie a Carlos Sainz Jr., l'altro pilota a condurre la gara.[157] Il costruttore, grazie al secondo posto dello spagnolo, conquista la sua ottantacinquesima doppietta, la prima dal Gran Premio di Singapore 2019, che fu anche l'ultima vittoria per la scuderia italiana, all'epoca con Sebastian Vettel. Il team di Maranello torna al successo dopo un digiuno di 45 gare. L'ultima doppietta in Bahrein per la Ferrari risaliva all'edizione del 2010 con Fernando Alonso e Felipe Massa. Zhou Guanyu va a punti nella sua gara d'esordio, il primo pilota di nazionalità cinese a riuscirci, il sessantaseiesimo nella storia del mondiale, come era riuscito a Yuki Tsunoda l'anno precedente. Kevin Magnussen torna a punti dal suo rientro in Formula 1 per la prima volta dal Gran Premio d'Ungheria 2020, quando finì al decimo posto. La scuderia statunitense conquista punti iridati per la prima volta dal Gran Premio dell'Eifel 2020.[158][159][160][161]

Gran Premio d'Arabia SauditaModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Gran Premio d'Arabia Saudita 2022.

Sergio Pérez riesce a mantenersi al comando, seguito da Charles Leclerc; dietro al monegasco Max Verstappen prende la terza posizione, davanti a Carlos Sainz Jr.. Alle loro spalle ci sono Esteban Ocon, George Russell e Fernando Alonso. Al quarto giro Ocon cede a Russell, ma riesce a difendersi dall'attacco dell'altro pilota dell'Alpine, Alonso, chiudendo la traiettoria, sul rettilineo dei box. Lo spagnolo completa il sorpasso solo al sesto giro, ma deve vedersi dal contrattacco del francese, che riprende la posizione nel giro successivo; Ocon, però, va lungo, taglia la seconda curva, ed è così costretto, il giro dopo, a restituire la posizione. La lotta fra i due consente a Valtteri Bottas di avvicinarsi.

Dopo dieci giri Pérez comanda il Gran Premio, con 2"5 di margine su Leclerc, 4"4 su Verstappen e 7"4 su Sainz Jr.. Russell, quinto, è staccato di oltre 17 secondi dal messicano. Ocon continua a cercare di passare Alonso, ma senza successo, tanto che la scuderia invita i piloti a mantenere le posizioni. Ne approfitta Bottas, che scavalca Ocon, al tredicesimo giro. Due giri dopo si ferma, per il cambio gomme, Pérez. Il pilota della Red Bull opta per gomme dure, e rientra in gara alle spalle di Russell. Poco dopo Nicholas Latifi finisce contro le barriere, danneggiando la monoposto. La direzione di gara decide prima per il regime di virtual safety car, e in seguito per l'invio in pista della vettura di sicurezza. Molti dei piloti che non avevano ancora effettuato il cambio-gomme, decidono di entrare ai box. Si verifica anche un pericoloso incrocio di traiettorie tra Verstappen, in uscita dalla sua piazzola, e Sainz Jr.. Al rientro in pista lo spagnolo della Ferrari si trova appaiato a Pérez, che avrebbe dovuto, invece, cedergli la posizione, avendo Sainz Jr. superato la linea d'uscita dalla pit lane prima del messicano.

Pérez, che ora è solo terzo, alle spalle di Leclerc e Verstappen, cede la terza piazza, solo dopo che la gara ha ripreso nella sua valenza agonistica. Alle spalle di Sainz Jr. c'è ancora Russell, mentre, dietro al pilota della Mercedes, si trovano ora Kevin Magnussen, Lewis Hamilton e Nico Hülkenberg, che non sono passati al cambio-gomme. Hamilton, dopo un duello prolungato, ha la meglio sul danese della Haas. Al trentesimo giro Leclerc comanda con 1"6 di vantaggio su Verstappen, 5"2 su Sainz Jr. e 7"6 su Pérez.

Durante il trentacinquesimo passaggio, Magnussen cede la posizione anche ad Alonso che, però, subito dopo, rallenta vistosamente per un guaio tecnico. Poco dopo anche Daniel Ricciardo è vittima di un problema sulla sua vettura: l'australiano non riesce a riportare la sua McLaren nella corsia dei box, e deve lasciarla nella corsia d'entrata della pit lane. Nemmeno Alonso riesce nell'intento di fermare la sua monoposto ai box, e la ferma pochi metri dopo quella di Ricciardo. Nel frattempo si ritira anche Bottas. La direzione di gara decide, ancora, per l'apposizione del regime di virtual safety car e, vista la necessità di spostare le due vetture ferme sulla corsia di entrata ai box, decide per la chiusura della stessa.

Negli ultimi giri s'infiamma la lotta per la vittoria. Al quarantaduesimo giro Verstappen passa Leclerc all'ultima curva. Il monegasco sfrutta il DRS sul rettilineo dei box, e ripassa al comando. La stessa situazione si riproduce al giro seguente: questa volta l'olandese non passa, col Leclerc che aveva anche bloccato le ruote, proprio per far transitare davanti Verstappen, e poi ripassarlo, ancora alla prima curva. Il campione del mondo passa al quarantaseiesimo giro, usando la staccata della prima curva, non consentendo, così, all'avversario la risposta immediata. Quando Leclerc tenta di nuovo di ritornare davanti, le bandiere gialle nel primo settore, dovute a un contatto tra Alexander Albon e Lance Stroll, non gli consentono l'attacco. Il ferrarista si avvicina anche all'ultimo giro ma, all'ultima curva, è troppo lontano per chiudere il sorpasso.

Max Verstappen coglie la sua ventunesima vittoria in carriera, chiudendo davanti al duo della Ferrari. Il pilota olandese eguaglia il numero di successi dell'ex pilota finlandese di Formula 1 Kimi Räikkönen. È la prima vittoria, al secondo Gran Premio, per una vettura motorizzata Red Bull Powertrains, in sigla RBPT, il nome con il quale i precedenti motori Honda sono montati sulle vetture austriache. Era dal Gran Premio del Brasile 2013, all'epoca con Sebastian Vettel sempre su Red Bull, che una vettura con il numero 1 non tagliava il traguardo per prima. La vittoria del campione del mondo è arrivata nel ventottesimo anniversario dal debutto in Formula 1 del padre Jos Verstappen nel Gran Premio del Brasile 1994. Non si verificava un margine di distacco così basso tra il primo e il secondo classificato dal Gran Premio d'Italia 2020 quando a vincere fu Pierre Gasly davanti a Carlos Sainz Jr.. Lewis Hamilton termina la gara al decimo posto per la prima volta dal Gran Premio di Corea 2012 alla guida della McLaren-Mercedes. Solo 13 vetture hanno raggiunto la bandiera a scacchi, il numero più basso dal Gran Premio d'Ungheria 2021.[162][163]

Gran Premio d'AustraliaModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Gran Premio d'Australia 2022.
 
George Russell, terzo al traguardo, ottiene all'Albert Park il primo podio con Mercedes.

Charles Leclerc mantiene il comando del Gran Premio alla partenza, resistendo a Max Verstappen. Alle loro spalle si installa Lewis Hamilton, che sfrutta un'indecisione di Sergio Pérez. Parte male invece Carlos Sainz Jr., che scende a centro gruppo. Poco dopo lo spagnolo va lungo alla curva 9 e finisce nella ghiaia. La direzione di gara decide dapprima per la virtual safety car, poi invia in pista la vettura di sicurezza. In questo periodo Lance Stroll effettua due pit stop di fila, passando prima alle gomme medie, poi tornando subito alle dure, con le quali decide di completare la gara, senza altre soste.

Alla ripartenza il monegasco conserva la prima posizione davanti a Verstappen e Hamilton. Al nono giro Pérez passa il britannico, per il terzo posto. La situazione in gara resta invariata per alcuni giri. Al sedicesimo passaggio Leclerc ha ampliato il vantaggio su Verstappen a otto secondi, mentre Pérez è a cinque secondi dal compagno di scuderia. Verstappen si ferma, per il cambio gomme, al diciottesimo giro. L'olandese opta per le gomme a mescola dura. Rientra in gara settimo, davanti a Pierre Gasly. Il pilota dell'AlphaTauri viene, poco dopo, attaccato con successo da Fernando Alonso. Al diciannovesimo giro si fermano anche Pérez e Lando Norris. Al ventiduesimo giro vanno al cambio gomme sia Leclerc che Hamilton. Il monegasco rientra in gara ancora in testa, ma trova vicino George Russell, che però, a causa della safety car disposta dalla direzione di gara per un incidente di Sebastian Vettel, non può attaccare il ferrarista. Il britannico però sfrutta la situazione per il cambio gomme.

Alla ripresa della gara Leclerc si ritrova alle sue spalle Verstappen. L'olandese sfrutta un piccolo errore del monegasco all'ultima curva, si avvicina, ma non riesce a passare la Ferrari alla prima staccata. Alle spalle dei primi due si piazza Russell, seguito da Alonso, che non ha cambiato le gomme, Pérez e Hamilton. Lo spagnolo dell'Alpine cede la posizione prima a Pérez, poi a Hamilton, tra il ventinovesimo e trentesimo giro. Al trentacinquesimo giro Daniel Ricciardo prende l'ottava posizione a Kevin Magnussen, mentre, nel giro successivo, Pérez sale terzo, passando Russell. Nel giro successivo Verstappen è costretto al ritiro per una perdita di carburante. La direzione di gara decide per il regime della virtual safety car: Alonso e Magnussen effettuano la loro sosta.

Leclerc si trova a condurre, con un margine di 12 secondi su Pérez. Seguono poi le due Mercedes e le due McLaren. Più dietro si crea un trenino di diverse vetture, comandato da Stroll, nono, che però è penalizzato di cinque secondi, per aver cambiato direzione più di una volta nel difendere la propria posizione da un tentativo di sorpasso di Bottas. Leclerc impiega gli ultimi giri per inanellare giri veloci. Gasly passa Stroll, al cinquantesimo giro; il canadese è poi passato da Bottas, poco dopo. Gasly commette un errore, all'ultima curva, al cinquantatreesimo giro, e viene passato, a sua volta, da Bottas. Alexander Albon, settimo, attende l'ultimo giro per effettuare la sosta obbligatoria per cambiare il tipo di mescola degli pneumatici. Questo però non gli impedisce di terminare in zona punti.

Leclerc vince il suo quarto Gran Premio in carriera partendo sempre dalla pole position, vittoria che rappresenta il duecentoquarantesimo successo per la Ferrari nel campionato mondiale, il terzo delle ultime quattro partecipazioni della scuderia nel Gran Premio d'Australia, dopo Sebastian Vettel nelle edizioni del 2017 e 2018, senza contare i Gran Premi del 2020 e 2021 annullati a causa della pandemia di COVID-19. Il monegasco ottiene il suo primo Grand Chelem (pole position, giro veloce e vittoria del Gran Premio conducendo tutti i giri in testa), ed è il secondo pilota della Ferrari negli ultimi 18 anni a conquistare questo traguardo, dopo Fernando Alonso nel Gran Premio di Singapore 2010. È il secondo Grand Chelem per un pilota della Ferrari nel Gran Premio d'Australia dopo Michael Schumacher nell'edizione del 2004. Leclerc conduce la classifica piloti con 34 punti di margine su George Russell, più dei punti in palio per una vittoria di un Gran Premio (25) per la prima volta dal campionato 2012 con Fernando Alonso alla guida della Ferrari. Il britannico della Mercedes conquista il primo podio con la scuderia tedesca, per la prima volta dal Gran Premio del Belgio 2021, ottenuto con la Williams. Per la Mercedes è il settimo podio consecutivo in Australia nell'era turbo-ibrida iniziata nella stagione 2014, senza considerare le due edizioni del 2020 e 2021 della gara annullate per via della pandemia. Alexander Albon conclude a punti dal suo rientro in Formula 1 per la prima volta dal Gran Premio di Abu Dhabi 2020 con la Red Bull Racing, mentre Carlos Sainz Jr. termina una striscia di 17 gare a punti e di 31 Gran Premi al traguardo.[164][165]

Gran Premio dell'Emilia-RomagnaModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Gran Premio dell'Emilia-Romagna 2022.

La pista si presenta umida alla partenza, coi piloti che montano gomme intermedie. Max Verstappen mantiene il comando della gara al via, favorito anche dalla cattiva partenza di Charles Leclerc, che viene sfilato da Sergio Pérez e Lando Norris. Poco dietro Daniel Ricciardo tocca Carlos Sainz Jr.: i due piloti finiscono nella via di fuga, ma solo il pilota della McLaren può proseguire la gara. La direzione di corsa è costretta a imporre il regime di safety car, per consentire il recupero della Ferrari dello spagnolo.

Alla ripartenza le posizioni di testa rimangono invariate, con Verstappen che porta il suo vantaggio su Pérez a quasi due secondi. Al sesto giro si ritira Fernando Alonso, a causa della rottura di una pancia laterale, danneggiata al via da un contatto con Mick Schumacher. Al settimo passaggio Leclerc passa Norris, mentre Verstappen è capace di allungare sul suo compagno di scuderia. I piloti sono incerti se passare alle gomme da asciutto, visto che le previsioni meteorologiche non escludono l'arrivo della pioggia. Nessuno però rischia il passaggio alle gomme slick. George Russell, al dodicesimo giro, ha la meglio su Kevin Magnussen, alla Variante Alta per il quinto posto, dopo un duello iniziato nel giro precedente. Poche centinaia di metri dopo, alla Rivazza, il danese è passato anche da Valtteri Bottas.

I piloti cercano le chiazze di umido sulla pista per raffreddare le gomme da bagnato intermedio. Al diciassettesimo passaggio Ricciardo è il primo pilota a optare per gomme da asciutto. I tempi dell'australiano spingono presto tutti gli altri a seguire la sua scelta. Pérez si ferma al diciottesimo giro, mentre Verstappen, Leclerc e Norris attendono ancora un giro. Tutti montano gomme medie, col pit stop della Ferrari non perfetto. Leclerc rientra, comunque, in pista davanti a Pérez che, però, grazie alle gomme già in temperatura, passa subito il ferrarista. Nella girandola dei cambi gomme c'è anche un rischio di contatto tra Esteban Ocon e Lewis Hamilton, col francese che viene penalizzato di cinque secondi per essere rientrato in corsia al sopraggiungere della monoposto del britannico.

Leclerc tenta, nei giri seguenti, di passare Pérez, sfavorito però dalla decisione della direzione di gara di non permettere l'attivazione del DRS. Anche un errore del messicano alla Variante Alta, al ventottesimo passaggio, non consente a Leclerc di avvicinarsi a sufficienza, per poter attaccare il pilota della Red Bull Racing. A meta gara Verstappen, dopo una serie di giri veloci, amplia il margine su Pérez a 11", mentre Leclerc è a 1"8 dal messicano. Dal trentaquattresimo giro la direzione di gara consente l'uso del DRS. La classifica rimane invariata, almeno nelle prime posizioni, per diversi giri. La pista è asciutta, ma solo nella traiettoria ideale, e questo non consente ai piloti di uscire dalla stessa, per cercare il sorpasso.

Yuki Tsunoda prende l'ottava piazza a Magnussen al quarantasettesimo giro. Due giri dopo Leclerc passa ai box, per montare gomme slick e cercare di attaccare il giro veloce. La scelta è azzardata, tanto che il ferrarista cede la posizione a Norris. Nel giro seguente si ferma anche Pérez, per coprire la mossa di Leclerc. Ancora un giro, e la stessa scelta è fatta anche da Verstappen, che resta comodamente primo. Poco dopo Leclerc passa Norris e si riprende la terza posizione. Il monegasco riesce a riportarsi a meno di un secondo da Pérez, ma, al cinquantatreesimo giro, commette un errore alla Variante alta e finisce in testacoda. Il monegasco cede diverse posizioni, ed è anche costretto ai box, per montare un nuovo set di gomme e l'ala anteriore, danneggiata dal contatto con le barriere. Rientra in gara nono. Il giro seguente Tsunoda passa anche Sebastian Vettel, ed è sesto. Leclerc, negli ultimi giri, è capace di recuperare alcune posizioni. Passa, nell'ordine, Magnussen, Vettel e Tsunoda, salendo sesto. Sempre negli stessi giri anche Bottas si è avvicinato a Russell, ma non è in grado di prendergli la posizione.

Max Verstappen vince la sua seconda gara stagionale, la ventiduesima in carriera, replicando la vittoria nell'edizione del 2021, e ottenendo in stagione la vittoria ogni qual volta ha visto la bandiera a scacchi, nel Gran Premio d'Arabia Saudita, nella Sprint e nella gara di questo appuntamento, completando la doppietta con Pérez, la diciottesima per la Red Bull. Norris, terzo, completa il podio della gara. Il pilota britannico non aveva mai conquistato due podi consecutivi sullo stesso tracciato. Conquistò lo stesso risultato anche nella precedente edizione della gara. Negli ultimi tre Gran Premi disputati in Italia nel campionato mondiale Norris è sempre salito sul podio. Verstappen ottiene il secondo Grand Chelem (pole position, giro veloce e vittoria del Gran Premio conducendo tutti i giri in testa) in carriera in Formula 1, dopo il Gran Premio d'Austria 2021, e il quarto hat trick (pole position, giro veloce e vittoria). L'olandese è il pilota più giovane di sempre a ottenere due Grand Chelem nella storia della categoria. È il primo Grand Chelem in Formula 1 dove un pilota conquista la prima piazzola sulla griglia di partenza per due volte nello stesso Gran Premio, grazie alla Sprint. Per il team austriaco, che non aveva mai ottenuto punti con entrambe le vetture sul circuito di Imola, è la seconda doppietta nell'era turbo ibrida iniziata nella stagione 2014 dopo il Gran Premio della Malesia 2016, dove a trionfare fu Daniel Ricciardo, seguito proprio da Verstappen. Per la prima volta nella storia della Formula 1 si è verificato un Grand Chelem rappresentato da un pilota e un costruttore diverso per il secondo Gran Premio consecutivo dopo quello ottenuto da Charles Leclerc su Ferrari nel precedente Gran Premio d'Australia. La quinta posizione di Valtteri Bottas rappresenta il miglior risultato per l'Alfa Romeo dal Gran Premio del Brasile 2019 con Kimi Räikkönen al quarto posto. Con Yuki Tsunoda settimo e Pierre Gasly dodicesimo l'AlphaTauri replica il risultato ottenuto nella gara del 2021, con le posizioni dei piloti invertite. L'Aston Martin ottiene i primi punti iridati in stagione. Lewis Hamilton termina al tredicesimo posto, il risultato più basso dal quindicesimo posto ottenuto nel Gran Premio d'Azerbaigian 2021. Il pilota britannico conclude con un giro di ritardo dal vincitore Verstappen per la prima volta dal Gran Premio del Messico 2017. Dopo le prime quattro gare, tutte le dieci squadre hanno conquistato punti validi per la classifica costruttori, occorrenza verificatasi per la prima volta dal campionato 2018.[166][167][168]

Gran Premio di MiamiModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Gran Premio di Miami 2022.

Max Verstappen s'inserisce tra le due Ferrari, con Charles Leclerc capace di mantenere il comando del Gran Premio alla prima curva. Dietro a Sainz Jr. ci sono Sergio Pérez, Valtteri Bottas, Pierre Gasly, Fernando Alonso e Lewis Hamilton. Il britannico passa Alonso, al secondo giro, sfruttando un errore del pilota spagnolo, dopo che i due si erano anche toccati, nel corso del primo giro. Al sesto giro Hamilton prende la posizione anche a Gasly. Leclerc sembra poter ampliare il margine su Verstappen, ma il monegasco, penalizzato dalle gomme, deve cedere la prima posizione all'olandese, all'ottavo giro. A sua volta, il pilota della Red Bull Racing allarga il vantaggio sul ferrarista, autore anche di un errore, al dodicesimo giro. Il margine tra i due, al quindicesimo giro, supera i tre secondi. Nello stesso giro Alonso si ferma ai box, per il cambio gomme. La sosta è lunga, e penalizza la permanenza nelle prime posizioni del pilota dell'Alpine.

Attorno al diciannovesimo giro Pérez informa il muretto di una perdita di potenza, che viene risolta, ma lo allontana dal terzo posto di Sainz Jr.. Al ventiduesimo passaggio c'è la sosta di Hamilton, che passa alle hard, e due giri dopo quella di Leclerc, facendo la stessa scelta del britannico. Verstappen si ferma al ventiseiesimo giro, mentre Sainz Jr. e Pérez effettuano il pit stop al ventisettesimo passaggio. Lo spagnolo, pur penalizzato da un cambio gomme lento, resta davanti al messicano. Nel frattempo si ferma anche Bottas, che si ritrova alle spalle di George Russell, che non si è ancora fermato.

Al trentatreesimo giro Verstappen comanda con oltre sette secondi di vantaggio su Leclerc, oltre 20 su Sainz Jr. che precede, a sua volta, di cinque secondi, Pérez. Al trentanovesimo giro Alonso colpisce, in una manovra di sorpasso, Gasly. Il giro seguente Lando Norris va in testacoda, dopo un contatto con lo stesso Gasly. La sua McLaren colpisce le barriere, perdendo diversi pezzi. La direzione impone il regime di virtual safety car, poi invia in pista la vettura di sicurezza. Molti piloti approfittano per cambiare gli pneumatici. Tra quelli del gruppo di testa si fermano Pérez, che passa alle medie, e Russell, che effettua la sua prima sosta. Il britannico rientra in pista alle spalle di Bottas e Hamilton.

La gara riprende, nella sua valenza agonistica, al quarantasettesimo giro. Leclerc attacca, senza successo, Verstappen. Più dietro c'è una lotta intensa fra le due Mercedes: Bottas ne viene distratto, fa un piccolo errore, e viene passato da entrambi. Mentre Leclerc affianca ancora Verstappen, senza poterne prendere la posizione, Russell ha la meglio sul compagno di scuderia Hamilton. Anche Pérez mette pressione a Sainz Jr., ma senza riuscire a salire sul podio. Un piccolo errore di Leclerc, al cinquantaduesimo giro, fa perdere al ferrarista la scia di Verstappen, che può controllare più agevolmente gli ultimi giri. Al cinquantatreesimo giro Mick Schumacher sbaglia il punto di frenata alla prima curva, e colpisce la vettura di Sebastian Vettel. Il primo è costretto al box, mentre l'ex campione del mondo si ritira.[169]

Max Verstappen vince il suo terzo Gran Premio stagionale, la seconda gara consecutiva del campionato e la ventitreesima vittoria in carriera, davanti a Leclerc e Sainz Jr.. La vittoria del pilota olandese a Miami, in Florida, si aggiunge a quelle di Palm Beach e Homestead durante la sua prima stagione alla guida di una monoposto nell'ex Florida Winter Series, nel 2014. Per Verstappen è la seconda vittoria consecutiva negli Stati Uniti d'America dopo il successo nel Gran Premio omonimo del 2021 corso a Austin, e raggiunge i primi dieci piloti di sempre a podio nella storia della categoria, davanti a David Coulthard. Il campione del mondo aveva trionfato solo una volta correndo su un nuovo circuito, durante il Gran Premio d'Olanda 2021 a Zandvoort. Il pilota della Red Bull trionfa partendo dalla terza posizione. Era dal Gran Premio degli Stati Uniti d'America 2005 corso a Indianapolis con la vittoria di Michael Schumacher partendo dalla quinta posizione che un pilota non trionfava negli Stati Uniti d'America scattando dalla seconda fila in giù. Leclerc ottiene il suo primo podio negli Stati Uniti d'America, il diciassettesimo in carriera, e segna la sua sedicesima gara consecutiva al traguardo. La Ferrari presenta due vetture sul podio per la terza volta in cinque gare in stagione, occorrenza non verificatasi negli ultimi due campionati. Per la prima volta in carriera, Lewis Hamilton, sesto, termina fuori dalle prime quattro posizioni in un Gran Premio corso negli Stati Uniti d'America. Alexander Albon ottiene punti per la Williams nel giorno del quarantacinquesimo anniversario della scuderia britannica, debuttante nel Gran Premio di Spagna 1977. Lando Norris termina una striscia di 15 gare al traguardo.[170]

Gran Premio di SpagnaModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Gran Premio di Spagna 2022.

Al via tutti i piloti montano gomme soft, tranne Lewis Hamilton, che opta per le medie. In partenza Charles Leclerc difende la prima posizione, seguito da Max Verstappen. Parte male, invece, Carlos Sainz Jr., che viene passato da George Russell e Sergio Pérez. Alla quarta curva c'è un contatto tra Kevin Magnussen e Lewis Hamilton; entrambi i piloti sono costretti ai box, pur potendo proseguire il Gran Premio, dopo la sosta. Al quarto giro Valtteri Bottas prende la sesta posizione a Mick Schumacher, che poi, dopo un paio di giri, è passato anche da Esteban Ocon che, al quinto giro, aveva superato Daniel Ricciardo, per l'ottava piazza.

Al settimo passaggio Sainz Jr. va in testacoda, alla quarta curva: lo spagnolo va nella ghiaia, può riprendere la gara, ma scendendo in undicesima posizione. Un giro dopo, nello stesso punto, commette lo stesso errore anche Verstappen. Anche il pilota olandese è capace di riprendere la pista, cedendo a Russell e Pérez. Al decimo giro il messicano ricede la terza posizione, al compagno di scuderia. Al tredicesimo giro vanno al pit stop sia Russell che Verstappen. Entrambi passano alle gomme medie. Il pilota della Red Bull Racing sconta il malfunzionamento del DRS, che non permette a Verstappen di avvicinarsi molto al pilota della Mercedes. Nei giri seguenti si fermano anche Esteban Ocon e Bottas.

Al quindicesimo giro Leclerc gode di un vantaggio di 15"3 su Pérez. Il messicano attende ancora due giri per la sua sosta. Torna secondo Russell, che si trova a quasi 30 secondi dal monegasco. Leclerc passa alle coperture medie, al ventunesimo giro, mantenendo la prima posizione. Alle sue spalle, dopo Russell, c'è il duo della Red Bull, mentre più lontano è Bottas. Verstappen attacca Russell, alla prima staccata, ma il britannico riesce a mantenere la seconda posizione. Vista la difficoltà per l'olandese, senza DRS, di passare Russell, Pérez, che si sta avvicinando, chiede di poter superare il suo compagno di team. La gara vede un colpo di scena al ventisettesimo giro quando un problema al motore della Ferrari di Leclerc costringe il leader della gara all'abbandono. Russell si trova così a comandare la gara, mentre Verstappen anticipa la seconda sosta, nella speranza di passare Russell. L'olandese torna in gara alle spalle di Bottas, che però passa presto.

Al trentesimo passaggio Russell, alla prima staccata, è costretto a cedere la testa della gara a Pérez. Va ai box, per il secondo pit stop, anche Sainz Jr., che scala settimo. Lo spagnolo, grazie alla sosta di Norris e un sorpasso su Ocon, torna quinto. Al trentaseiesimo giro si ferma Russell, il giro dopo Pérez. Il primo opta per rimontare le gomme morbide, mentre Pérez rimane sulle medie. Verstappen si ritrova al comando, con 17 secondi di vantaggio su Sergio Pérez, e oltre 21 su Russell. Bottas è quarto, poco davanti a Sainz Jr. e Hamilton. Il sette volte campione del mondo, grazie a un ritmo insostenibile per gli altri, è passato dal diciannovesimo al sesto posto, tra il ventitreesimo e il trentaseiesimo giro.

Al quarantaquattresimo giro Verstappen si ferma per la terza sosta. L'olandese torna alle medie. Pérez risale in vetta, ma cede la prima posizione a Verstappen, quattro giri dopo. Nel frattempo ha effettuato la terza sosta anche Sainz Jr.. Il ferrarista scala settimo, ma passa Ocon, quasi subito, per il sesto posto. Sainz Jr. recupera ancora una posizione, dopo la terza sosta di Hamilton. Hamilton passa Ocon, mentre va ai box anche Russell. Al cinquantaduesimo giro si ferma anche Esteban Ocon. Verstappen comanda davanti a Pérez, Bottas, Russell, Sainz Jr. e Hamilton. Bottas, su gomme medie, non effettua la terza sosta, ed è costretto a cedere la posizione a Russell. Al cinquantatreesimo giro si ferma, per la terza sosta, anche Pérez, che monta gomme morbide, per strappare il giro veloce a Hamilton. Al cinquantasettesimo giro Bottas scala due posizioni, passato da Sainz Jr. e Hamilton. Due giri dopo il pilota della Mercedes ha la meglio sul ferrarista. Negli ultimi giri l'eccessivo consumo di benzina costringe le Mercedes ad abbassare il ritmo e alzare i tempi sul giro. Ciò porta Sainz Jr. a riprendersi la posizione di Hamilton.

Verstappen coglie la sua ventiquattresima vittoria in carriera, davanti a Pérez e Russell. La vittoria del campione del mondo sul circuito di Catalogna arriva sei anni dopo dal suo debutto con la Red Bull Racing in Formula 1, nell'edizione 2016 del Gran Premio, dove conquistò la prima vittoria in carriera che rappresentò quella del miglior giovane pilota della categoria a vincere una corsa. Il pilota olandese supera il numero di vittorie ottenute dal brasiliano tre volte campione del mondo Nelson Piquet e dal campione del mondo 2016, il tedesco Nico Rosberg. Verstappen conduce la classifica piloti per la prima volta in stagione, dopo un ritardo di 46 punti da Leclerc al termine del Gran Premio d'Australia, solamente tre gare prima. La Red Bull Racing, che conduce la classifica costruttori per la prima volta dal Gran Premio di Gran Bretagna 2021, conquista la doppietta per la seconda volta nelle ultime tre gare stagionali. Per Pérez si è trattato del primo podio su questo tracciato, dopo 11 Gran Premi in Formula 1 e quattro in GP2, e per la terza volta in stagione conclude in seconda posizione, dato che eguaglia il numero di secondi posti conquistati nel resto della sua carriera. Per Russell si è trattato del terzo posto in carriera dopo il Gran Premio del Belgio 2021 con la Williams e il Gran Premio d'Australia in questo campionato. Sainz Jr., quarto, termina per la prima volta nelle prime cinque posizioni nel Gran Premio di casa, mentre Hamilton, quinto, termina una striscia di cinque vittorie consecutive nel Gran Premio di Spagna. La sesta posizione di Bottas rappresenta per l'Alfa Romeo il miglior risultato su questo circuito in dieci anni. Norris, ottavo, termina nella stessa posizione dell'edizione del 2021. Alonso, nono, finisce a punti per la seconda volta nelle ultime sei gare nel Gran Premio casalingo, dopo l'ottavo posto nel Gran Premio di Spagna 2018. Leclerc termina la sua più lunga striscia di 16 Gran Premi consecutivi al traguardo iniziata nel Gran Premio d'Ungheria 2021 ed è il primo ritirato nel Gran Premio di Spagna in due delle ultime tre edizioni.[171][172]

Gran Premio di MonacoModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Gran Premio di Monaco 2022.

La pioggia colpisce il circuito pochi minuti prima della partenza. I piloti optano, inizialmente, per montare gomme da bagnato intermedio, ma la consistenza delle precipitazioni li costringe a passare alle full wet. La pioggia porta a un primo rinvio della partenza alle 15:09, poi alle 15:16. La direzione di gara prevede, inoltre, un giro di ricognizione dietro alla safety car. Al termine di due giri di formazione viene esposta la bandiera rossa, che rinvia la partenza.

Il Gran Premio inizia con circa un'ora di ritardo, rispetto a quanto previsto, a causa di un problema all'impianto semaforico sulla linea d'arrivo.[173] Tenuto conto del doppio giro di formazione, la gara viene anche accorciata di un giro. La pioggia è, nel frattempo, cessata ma la pista risulta ancora molto umida, tanto che le vetture montano gomme da bagnato estremo. Il via, senza giro di formazione, viene dato dietro alla safety car, che resta in pista per due giri. Pur in regime di vettura di sicurezza Nicholas Latifi va lungo al tornante, mentre Lance Stroll colpisce le barriere al Massenet. Entrambi sono costretti ai box.

Charles Leclerc comanda la gara, davanti a Carlos Sainz Jr., Sergio Pérez, Max Verstappen e Lando Norris. La pista migliora di giro in giro, consentendo ai piloti di abbassare il limite sul giro, e a consigliargli di mettere gomme da bagnato intermedio. Così fa Pierre Gasly al quarto giro, che risulta il più veloce in gara, ma impiega diversi giri per superare Zhou Guanyu, nelle posizioni di rincalzo. Al quindicesimo giro va su gomme intermedie Lewis Hamilton, il giro dopo tocca a Pérez, mentre Sainz Jr. rifiuta il cambio gomme, volendo attendere il momento in cui passare, direttamente, alla gomme slick. Leclerc si ferma al diciottesimo giro, passando però alle intermedie, così come Verstappen. Sainz Jr. si trova in testa, davanti a Pérez, Leclerc e Verstappen.

Già al ventunesimo giro le due Ferrari passano, assieme ai box, per montare gomme da asciutto, a mescola dura. Ciò permette a Pérez di passare in testa, visto che Sainz Jr. si trova una vettura più lenta, che gli impedisce di mantenere la prima posizione, quando, nel giro successivo, anche Pérez passa alle gomme da asciutto. Subito dopo il messicano si ferma anche Verstappen. Ora al comando c'è Pérez, davanti a Sainz Jr., Verstappen e Leclerc. I primi quattro sono però molto vicini, con Leclerc staccato di poco più di quattro secondi dal nuovo leader della gara.

Al ventiseiesimo giro Mick Schumacher perde il controllo della sua vettura alle Piscine, sbattendo contro le barriere. La monoposto perde la parte posteriore, ma il pilota esce incolume dall'incidente. La direzione di gara impone ancora la safety car, prima di sospendere la gara con bandiera rossa, vista la necessità di riparare le barriere. La corsa riprende alle 17:15 sotto il regime di safety car, ma essendo ancora molti i giri da completare, quarantaquattro, è impossibile per i piloti chiudere sui 77 giri previsti. Le Ferrari decidono di completare la gara con gomme dure, quelle montate nell'ultimo pit stop, mentre le Red Bull sono passate alle gomme medie.

Pérez mantiene il comando del Gran Premio alla ripartenza, anche se è costretto a un bloccaggio delle ruote al Mirabeau alto. Sainz Jr. cerca di avvicinarsi al messicano, ma senza avere possibilità di sorpasso. Alle sue spalle si avvicina Verstappen, pressato, a sua volta, da Leclerc. Alle loro spalle ci sono, staccati, Russell, Norris e Alonso che, molto lento, forma un piccolo plotone di vetture alle sue spalle. Al cinquantunesimo giro Lando Norris va ai box, per montare gomme medie. Nello stesso giro Zhou cerca di passare Tsunoda, all'uscita del tunnel, ma rischia di perdere il controllo della sua Alfa Romeo. Nei giri finali Pérez subisce il graining nelle gomme, che dà qualche speranza di sorpasso a Sainz Jr.. Lo spagnolo si avvicina in diverse occasioni al messicano, ma senza poterlo impensierire. Anche i doppiaggi non regalano allo spagnolo nessuna opportunità di passare.

Pérez vince il suo terzo Gran Premio in carriera, davanti a Sainz Jr. e Verstappen. Il pilota della Red Bull Racing diviene il messicano con il maggior numero di vittorie in Formula 1, superando Pedro Rodríguez. Pérez è il primo messicano a trionfare nel Gran Premio di Monaco, il primo nordamericano a vincerlo dalla vittoria di Gilles Villeneuve nell'edizione del 1981. La Red Bull Racing, che presenta due vetture a podio per la prima volta a Monaco nell'era turbo-ibrida iniziata nella stagione 2014, trionfa nel Principato per la terza volta nelle ultime quattro apparizioni montando un propulsore differente dopo TAG Heuer e Honda.

Sainz Jr. termina in seconda posizione per il secondo Gran Premio di Monaco consecutivo, dopo soli quattro secondi posti ottenuti in carriera. Per il pilota spagnolo della Ferrari è il decimo podio in carriera senza aver ottenuto una vittoria. La scuderia di Maranello presenta una vettura in seconda posizione per la quarta gara consecutiva in questo Gran Premio. Verstappen termina la prima gara stagionale senza ottenere la vittoria. Leclerc, quarto, conclude per la prima volta il Gran Premio di casa in qualsiasi categoria abbia corso. La Mercedes termina con entrambe le vetture fuori dalle prime quattro posizioni per il secondo Gran Premio di Monaco consecutivo.

Norris, sesto, ottiene punti per la quinta volta nelle ultime sei gare, mentre Alonso, settimo, ottiene punti a Monaco per la prima volta dell'edizione 2016. Hamilton conclude settimo e ottavo nelle ultime due edizioni della gara, finendo nella stessa posizione in cui è partito nelle ultime quattro gare consecutive. Il nono posto di Bottas, il quale ottiene punti per la quinta gara consecutiva, includendo la Sprint del Gran Premio dell'Emilia-Romagna, rappresenta per l'Alfa Romeo il miglior risultato su questo tracciato dall'edizione del 2015 con la denominazione della scuderia in Sauber grazie al quinto posto di Felipe Nasr. Vettel, al decimo posto, per la prima volta conclude in una posizione più bassa del quinto posto ogni qual volta ha terminato il Gran Premio di Monaco. Gasly non ottiene punti nel Principato per la prima volta in quattro partenze, mentre Ricciardo, vincitore dell'edizione 2018, non ottiene punti per il secondo anno consecutivo. Per la prima volta entrambe le Haas sono ritirate nel Gran Premio monegasco.[174][175][176]

Gran Premio d'AzerbaigianModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Gran Premio d'Azerbaigian 2022.

Alla partenza la maggior parte dei piloti opta per gomme medie, tranne Ricciardo, Ocon, Bottas, Stroll e Schumacher, che partono con gomme dure. Sergio Pérez brucia al via Charles Leclerc, ponendosi al comando della gara. Dietro al monegasco c'è Max Verstappen, seguito da Carlos Sainz Jr., George Russell, Pierre Gasly e Lewis Hamilton.

Nei primi giri Pérez riesce a scavare un piccolo margine su Leclerc, che deve difendersi da Verstappen, che si avvicina alla Ferrari, senza però essere in grado di portare un attacco. Al nono giro Sainz Jr. va nella via di fuga della curva 4. Lo spagnolo, complice un problema idraulico, è costretto ad abbandonare il Gran Premio. La direzione di gara decide per l'imposizione del regime di virtual safety car. Leclerc ne approfitta per il cambio gomme: questa strategia non è seguita dai due piloti della Red Bull. Si fermano, tra i piloti di vertice, anche Russell, Gasly, Vettel e Hamilton. Tutti montano gomme dure.

Alla ripartenza della gara il monegasco è terzo, a quasi 15 secondi da Verstappen, pur penalizzato da un cambio gomme lento. Dietro al monegasco ci sono Russell, Alonso, Norris e Ricciardo. Al tredicesimo giro Sebastian Vettel attacca Esteban Ocon, alla terza curva. Il tedesco va lungo, ma riesce, con un abile testacoda, a riprendere subito la pista. La vetta della classifica cambia al quattordicesimo giro, quando Verstappen passa Pérez, alla prima staccata. Poco dopo il messicano va al cambio gomme; anche in questo caso il pit stop non è perfetto. Questo permette a Leclerc di scalare in seconda posizione. Al diciottesimo giro si ferma anche l'olandese della Red Bull. Verstappen rientra secondo, davanti sempre a Pérez, mentre Leclerc torna al comando.

Al diciannovesimo giro si ferma definitivamente anche Leclerc, per un guasto al motore. Questo consente al duo della Red Bull di installarsi nelle prime due posizioni. Due giri dopo Gasly passa Ricciardo, per il quarto posto. Al ventiseiesimo giro l'australiano deve cedere anche a Hamilton. Il britannico, da suo canto, soffre di un forte saltellamento della monoposto, che provoca dolore alla schiena. Kevin Magnussen ferma la sua vettura a bordo pista, al trentaduesimo giro. La sua è la quarta vettura motorizzata Ferrari a dover abbandonare il Gran Premio. La direzione di gara ripropone la virtual safety car. Si fermano le due Red Bull, così come Russell: tutti montano ancora gomme dure. La stessa scelta è fatta da Hamilton, mentre altri piloti, tra cui Ricciardo, decidono di utilizzare, per la parte finale di gara, gomme a mescola media.

La classifica vede al comando Verstappen, poi Pérez, Russell, Gasly, Tsunoda e Hamilton. Subito dopo il pit stop Hamilton riesce a prendere la posizione al giapponese dell'AlphaTauri. Tsunoda sconta dei problemi all'ala posteriore mobile, tanto da dover fermarsi ai box, per una riparazione che blocca il meccanismo. Pérez coglie il giro veloce della gara, ma è troppo distante dal compagno di team, per pensare di puntare alla vittoria. Al quarantatreesimo giro Hamilton sale quarto, dopo un sorpasso su Pierre Gasly. Il Gran Premio non vede altri mutamenti nella posizioni di testa: la Red Bull Racing conquista prima e seconda posizione, con Verstappen e Pérez.[177]

Verstappen vince il venticinquesimo Gran Premio in carriera, eguagliando le vittorie di Jim Clark e Niki Lauda, e piazzandosi al nono posto nella classifica di tutti i tempi per numero di gare vinte nella storia del mondiale. Il campione del mondo diviene il sesto vincitore diverso sul circuito di Baku, una delle due piste presenti nel calendario della stagione, insieme al circuito di Monza, dove l'olandese non aveva mai conquistato nessun podio in carriera. È stato il sessantaseiesimo podio di Verstappen per la Red Bull Racing, battendo il record in precedenza stabilito da Vettel con la squadra. Il leader del campionato segna il centesimo Gran Premio a punti come pilota della scuderia austriaca, senza includere le Sprint. Per la squadra è l'ottantunesima vittoria nella categoria, eguagliando il numero di vittorie della scuderia britannica Lotus, e piazzandosi al quinto posto nella classifica di tutti i tempi per numero di gare vinte nella storia della categoria.

Per la Red Bull Racing è la quinta vittoria consecutiva della stagione solamente per la terza volta nella propria storia, dopo le nove vittorie consecutive ottenute da Vettel nel mondiale 2013 e le quinte consecutive di Verstappene e Pérez nel 2021. Con la seconda posizione di Pérez, la Red Bull Racing ottiene la ventesima doppietta nella propria storia, e la terza doppietta nelle ultime cinque gare del campionato, solamente dopo averne ottenuta una nelle ultime otto stagioni, durante il Gran Premio della Malesia 2016 con Ricciardo e proprio Verstappen. Pérez, al quarto podio sul circuito di Baku, è adesso il pilota di maggior successo su questa pista. Il pilota messicano ha infatti concluso ogni Gran Premio corso a Baku sul podio, dopo la vittoria nel 2021, il terzo posto nel 2016 e 2018, e la seconda posizione in questa edizione.

Russell, al terzo posto, allunga il record dell'unico pilota di questo campionato a conquistare punti, a terminare nelle prime cinque posizioni in ogni gara e a completare ogni giro. Grazie alla quinta posizione di Gasly, l'AlphaTauri termina nelle prime cinque posizioni per il secondo Gran Premio d'Azerbaigian consecutivo dopo la terza posizione dello stesso francese nell'edizione del 2021, mentre Vettel, sesto, termina nelle prime sei posizioni in tutti i Gran Premi disputati sul circuito di Baku, così come la squadra di mantenere il record di avere una vettura classificatasi nei primi sei posti in tutti i Gran Premi corsi a Baku, con il nome prima di Force India, poi di Racing Point e adesso di Aston Martin. Alonso termina settimo per il secondo Gran Premio consecutivo dopo il precedente Gran Premio di Monaco nel giorno in cui stabilisce un nuovo record di longevità in Formula 1 con 7 771 giorni dal suo debutto nel Gran Premio d'Australia 2001.

Norris, nono, sigla il cinquantesimo Gran Premio in carriera a punti, senza includere le Sprint, mentre Ocon, decimo, termina un'edizione del Gran Premio d'Azerbaigian per la prima volta dal 2017. Per la Ferrari è il primo doppio ritiro dal Gran Premio d'Italia 2020 nonché il primo doppio ritiro per problemi meccanici dal Gran Premio d'Australia 2009. Charles Leclerc è costretto al ritiro mentre conduce la gara in due delle ultime tre corse stagionali. Accade per la quinta volta nella storia del mondiale che il pilota monegasco è autore della pole position, mentre la vittoria del Gran Premio è appannaggio di Verstappen. La scuderia di Maranello ha 80 punti di ritardo dalla Red Bull Racing nel mondiale costruttori, dopo aver condotto la classifica fino a prima del Gran Premio di Spagna.[178]

Gran Premio del CanadaModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Gran Premio del Canada 2022.

Allo spegnimento dei semafori, Max Verstappen mantiene la sua posizione di testa, precedendo Fernando Alonso, Carlos Sainz Jr., Lewis Hamilton, Kevin Magnussen, che affianca, senza successo, l'ex campione del mondo, danneggiando l'ala anteriore, ed Esteban Ocon. Al terzo giro Sainz Jr. supera Alonso, mentre George Russell prende la sesta posizione a Ocon. Due giri dopo il britannico supera anche Magnussen, che si ferma in seguito per sostituire l'ala danneggiata. La gara di Sergio Pérez s'interrompe nel corso dell'ottavo giro, per un problema al cambio. La necessità di spostare la monoposto del messicano induce la direzione di gara a stabilire il regime di virtual safety car. Verstappen, Hamilton e Tsunoda ne approfittano, per passare alle gomme a mescola dura.

In testa sale Sainz Jr., seguito da Alonso, Verstappen, Russell, Ocon e Hamilton. Il francese dell'Alpine è poi passato da Hamilton, all'undicesimo passaggio. Alonso resiste, in seconda posizione, fino al quindicesimo giro, quando deve cedere la piazza d'onore a Verstappen. Nel corso del diciannovesimo giro Russell va ai box, mentre Mick Schumacher è costretto al ritiro. Anche in questo frangente la direzione di corsa impone il regime di vettura di sicurezza virtuale. Sainz Jr. perde l'occasione di entrare ai box: al suo rientro in pista è terzo, davanti a Hamilton. Poco dopo il pilota della Ferrari passa il suo connazionale Alonso, e s'installa secondo, sempre alla spalle di Verstappen. Attorno al ventitreesimo giro il margine dell'olandese della Red Bull Racing è di nove secondi sul ferrarista, e di dodici su Hamilton che, ha passato, anche lui, Alonso. Quest'ultimo attende il ventottesimo giro per il cambio gomme, dopo che, per molte tornate, il suo ritmo di gara era risultato penalizzato. Rientra in gara settimo, alle spalle di Charles Leclerc, partito in ultima fila.

Nei giri successivi Sainz Jr. mantiene un ritmo migliore di quello del battistrada, tanto che, al quarantesimo giro, il distacco fra i due è di 6"4. Nello stesso giro si ferma, per la sua sosta, Leclerc, che torna in gara dodicesimo. Tre giri dopo si ferma anche Verstappen. L'olandese rientra in gara terzo, alle spalle anche di Hamilton, che però passa già nel primo giro dopo la sosta. Nello stesso passaggio compie la sua seconda sosta anche Russell. Sainz Jr. comanda con nove secondi di vantaggio su Verstappen. Seguono le due Mercerdes, le due Alpine e Valtteri Bottas. Al quarantanovesimo giro Yuki Tsunoda, dopo la seconda sosta, va lungo, alla seconda curva, colpendo le barriere. La direzione gara impone nuovamente il regime di virtual safety car, per poi mandare in pista la vettura di sicurezza. Ne approfitta la Ferrari, per la seconda sosta di Sainz Jr.. Si fermano anche le due Alpine e Bottas. Ora, al comando, ritorna Verstappen, seguito da Sainz Jr., Hamilton, Russell, Ocon, Alonso e Leclerc. Alla ripartenza il campione del mondo si difende da Sainz Jr.. Lo spagnolo resta a contatto con il pilota della Red Bull Racing, cercando il sorpasso in un paio di occasioni, e mantenendo la pressione su Verstappen, fino a fine gara. L'olandese resiste, ma non è capace di strappare il giro veloce allo spagnolo. Leclerc supera Alonso, al tornantino, al cinquantottesimo giro, successivamente Ocon, due giri dopo. Alonso, nell'ultimo giro, si difende dall'attacco di Bottas.[179]

Max Verstappen vince il ventiseiesimo Gran Premio in carriera, la sesta gara in stagione, nel suo centocinquantesimo Gran Premio nella categoria. Per l'olandese è la prima vittoria sul circuito di Montréal, mentre per la Red Bull Racing è la sesta vittoria consecutiva stagionale, primato ottenuto solo una volta nella propria storia, durante la stagione 2013 quando Vettel ottenne nove vittorie consecutive, e la prima vittoria nel Gran Premio del Canada dall'edizione del 2014 con Ricciardo. Il campione del mondo è al nono posto per numero di vittorie nella storia del mondiale all'eta di 24 anni, superando il numero di successi di Jim Clark e Niki Lauda, mentre il team austriaco, con l'ottantaduesimo successo nella categoria, supera il numero di vittorie del team britannico Lotus, al quinto posto di sempre. Sainz Jr., secondo, ottiene 11 podi in Formula 1 senza una vittoria, solo due in meno del record di Nick Heidfeld, che a sua volta è arrivato secondo nelle edizioni del 2007 e 2008. Per lo spagnolo è il quinto secondo posto in carriera. Per Hamilton, terzo, è il secondo podio del campionato dopo il terzo posto ottenuto nel Gran Premio del Bahrein, gara d'apertura del mondiale, battendo il compagno di scuderia Russell per la prima volta dal primo appuntamento dell'anno. Verstappen e Hamilton condividono il podio per la prima volta dal Gran Premio di Abu Dhabi 2021, ultima gara della precedente stagione in cui Verstappen conquistò il primo titolo iridato, proprio ai danni di Hamilton. Russell, quarto, allunga il record dell'unico pilota di questo campionato a conquistare punti, a terminare nelle prime cinque posizioni in ogni gara e a completare ogni giro. Leclerc, partito diciannovesimo, ottiene il quinto posto, ma perde altri 15 punti da Verstappen nella classifica piloti. L'Alpine eguaglia il miglior risultato stagionale grazie al sesto posto di Ocon, ottenuto in precedenza nel Gran Premio d'Arabia Saudita. Per il francese è il settimo arrivo stagionale nei primi dieci. Bottas, settimo, conquista punti in stagione per la settima volta su nove gare disputate, dopo aver ottenuto punti anche nella Sprint durante il Gran Premio dell'Emilia-Romagna, mentre per Zhou l'ottavo posto rappresenta il miglior risultato in carriera e i primi punti dalla gara inaugurale in Bahrein. L'Alfa Romeo ottiene punti con entrambe le vetture per la seconda volta in stagione. Stroll, decimo, ottiene punti per la terza volta nel Gran Premio di casa dopo essere stato eliminato nella prima fase delle qualifiche, mentre Vettel, dodicesimo, non ottiene punti sul circuito di Montréal per la prima volta in carriera, nel suo dodicesimo Gran Premio del Canada. Con il ritiro di Pérez, il quale termina una striscia di sette gare a punti, la Red Bull Racing, in questa stagione, ha più ritiri dovuti a problemi meccanici rispetto alla Ferrari, quattro contro i tre della scuderia di Maranello.[180]

Gran Premio di Gran BretagnaModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Gran Premio di Gran Bretagna 2022.
 
Il ferrarista Carlos Sainz Jr. vince a Silverstone il primo Gran Premio della carriera.

Le Ferrari hanno una brutta partenza. Carlos Sainz Jr. cede la prima posizione a Max Verstappen, che monta gomme soft, mentre Charles Leclerc viene infilato da Lewis Hamilton. La gara viene, però, subito interrotta con bandiera rossa per un incidente nella pancia del gruppo. George Russell, stretto da Pierre Gasly, colpisce la vettura di Zhou Guanyu, che salta in alto, si ribalta, danneggia il roll-bar, e termina contro le barriere, addirittura superandole. Alexander Albon, per evitare il caos, rallenta, viene tamponato da Sebastian Vettel, per poi colpire Esteban Ocon e Yuki Tsunoda. Tra l'altro la direzione di gara comunica anche la presenza di persone non autorizzate sul tracciato, sempre nel corso del primo giro, comunque già fermato per l'incidente. Zhou viene estratto dalla sua monoposto, portato al centro medico, ma sembra senza problemi fisici di rilievo. Anche Albon ha bisogno di cure mediche, ma senza riscontrare gravi problemi fisici.

La gara riprende alle 15:56, ora locale, senza tre vetture, Russell, Zhou e Albon, dalla griglia di partenza, secondo lo schieramento delle qualifiche e non della classifica al momento dell'interruzione. In questo caso Sainz Jr. è capace di mantenere il comando, difendendosi da Verstappen, passato alle medie nel corso dell'interruzione. Dietro c'è un contatto tra Leclerc e Sergio Pérez, con entrambi i piloti che danneggiano gli alettoni anteriori. Alle loro spalle ci sono Lando Norris, Hamilton e Pierre Gasly. Al quinto giro Pérez va ai box, per cambiare l'alettone. Il giro dopo Hamilton prende la posizione a Norris. Verstappen sembra avere un ritmo migliore di Sainz Jr., gli si avvicina e, sfruttando un errore dello spagnolo, lo passa, al nono giro. Un altro colpo di scena accade tre giri dopo quando, complice una foratura, Verstappen viene sfilato dalla coppia Ferrari, ed è costretto al cambio gomme. L'olandese rientra in gara sesto, ma si lamenta subito, col muretto, per la mancanza di bilanciamento della sua monoposto. Tsunoda cerca di passare il suo compagno di team Gasly, va in testacoda, forzando all'errore il francese. Entrambi sono capaci di ripartire, ma scendono fuori dalla zona dei punti.

Nei giri successivi il più veloce in pista è Hamilton, che riduce il gap sulla coppia della Ferrari. Nel frattempo Leclerc chiede di poter passare Sainz Jr., stimandosi più veloce, e avendo timore del recupero del britannico della Mercedes. Sainz Jr. si ferma per il cambio gomme al ventesimo giro, passando dalle medie alle dure. Leclerc si trova al comando, con un margine di 2"4 su Hamilton e oltre 19 sul compagno di team. Seguono Norris, Alonso, Verstappen e Ocon. Il campione del mondo soffre ancora per una vettura non competitiva, rientrando ai box al ventitreesimo giro. Ritornato in pista, si trova davanti Vettel, che sorpassa presto. Al venticinquesimo passaggio è il turno dei cambio gomme per Leclerc. Il monegasco passa alle dure, e scende in terza posizione, con Hamilton primo, davanti a Sainz Jr.. Ora la situazione è ribaltata, con la coppia ferrarista che, sfruttando gomme fresche, si avvicina al pilota di casa. Al trentesimo giro Sainz Jr. lascia sfilare Leclerc, dopo che i due avevano anche duellato.

Tre giri dopo si ferma Hamilton, che passa alle dure. Al trentaquattresimo giro tocca a Norris. La classifica vede in testa Leclerc, seguito da Sainz Jr., Hamilton, Pérez, Norris e Alonso. Poco dopo Ocon passa Verstappen, per l'ottava posizione, ma il pilota francese si ritira quasi subito, lasciando la sua monoposto in posizione pericolosa. La direzione di gara invia in pista la safety car. Sfruttano l'occasione, per montare gomme soft, tra i primi, Sainz Jr., Hamilton e Pérez. Il giro dopo fanno la stessa scelta pure Norris e Verstappen. Alla ripartenza Sainz Jr. attacca, e passa Leclerc, che si deve difendere da i piloti che seguono, tutti con gomme morbide e fresche. Al quarantaquattresimo giro Pérez attacca Leclerc, vanno entrambi lunghi, e vengono passati da Hamilton, che si trova secondo. Anche Alonso e Norris, che seguono, si avvicinano al terzetto. La lotta si fa intensa. Hamilton viene nuovamente passato da Pérez e Leclerc, per poi attaccare ancora il ferrarista, che si difende magistralmente alla Copse. Al quarantottesimo giro Leclerc non ha più possibilità di difendersi, e deve cedere, definitivamente, la terza posizione a Hamilton. Più dietro Verstappen viene attaccato da Mick Schumacher, per la settima piazza, e resiste. All'ultimo giro Hamilton prende il giro veloce della gara.[181]

Carlos Sainz Jr. vince il primo Gran Premio in carriera, alla centocinquantesima gara nella categoria. È il centododicesimo pilota diverso della categoria a vincere un Gran Premio, il quarantesimo a trionfare con la Ferrari. Per la seconda corsa consecutiva della stagione dopo il precedente Gran Premio del Canada vinto da Verstappen, un pilota conquista la vittoria partendo dalla pole position nel suo centocinquatesimo Gran Premio. Per Sainz Jr. è la seconda striscia più lunga prima di ottenere una vittoria dopo il messicano Pérez nel Gran Premio di Sakhir 2020, dove ottenne la vittoria nel centonovantesimo Gran Premio. Il pilota della Ferrari, al sesto podio stagionale in confronto ai quattro ottenuti dal compagno di squadra Leclerc, è il secondo spagnolo nella categoria vincitore di una corsa dopo Fernando Alonso, il quale ha accumulato 32 vittorie tra il 2003 e il 2013, l'ultima delle quali al Gran Premio di Spagna 2013, nonché il secondo iberico a trionfare sulla pista inglese alla guida della Ferrari undici anni dopo lo stesso Alonso. La scuderia di Maranello, che torna a vincere nel Gran Premio di Gran Bretagna per la prima volta dall'edizione del 2018 con Sebastian Vettel e dal Gran Premio d'Australia corso ad aprile con Leclerc, ottiene la quindicesima vittoria sul circuito di Silverstone, tracciato in cui il costruttore italiano vinse il suo primo Gran Premio in Formula 1 nel 1951 con il pilota argentino José Froilán González. Pérez, secondo, e diciassettesimo ed ultimo durante il sesto giro, si era classificato solamente una volta nelle prime otto posizioni a Silverstone negli ultimi dieci anni, durante l'edizione del 2016 dove terminò in sesta posizione. Hamilton, terzo, a podio per la seconda gara consecutiva del campionato dopo aver condotto i primi giri in un Gran Premio in stagione, stabilisce un nuovo record nella categoria per aver siglato il maggior numero di podi su uno stesso tracciato con 13. Per il britannico è il decimo podio consecutivo sul circuito inglese. Hamilton ha condotto almeno un giro in un Gran Premio in tutte le sue 16 stagioni, superando il primato di Michael Schumacher fermo a 15. Leclerc, quarto, non ottiene podi da cinque gare. Il pilota monegasco ha terminato dalla quarta posizione in avanti nelle ultime cinque gare tenutesi in Inghilterra. Grazie al quinto posto di Alonso, l'Alpine ottiene il miglior risultato stagionale. Il pilota spagnolo batte il record detenuto dal finlandese Räikkönen del maggior numero di km percorsi in un Gran Premio con 92 596. Norris, sesto, ottiene punti per la quarta volta consecutiva a Silverstone, e per la terza volta in stagione ottiene un piazzamento nelle prime sei posizioni. Con il settimo posto di Verstappen e il secondo di Pérez, la Red Bull Racing termina una striscia di sei Gran Premi vinti in campionato iniziata nel Gran Premio dell'Emilia-Romagna, la seconda striscia più lunga della propria storia, di cui cinque vittorie appannaggio di Verstappen e una di Pérez. Mick Schumacher, ottavo, ottiene punti per la prima volta in carriera nel suo trentunesimo Gran Premio nella categoria, la sesta striscia più lunga di tutti i tempi prima di ottenere punti in una gara. È il primo piazzamento in zona punti per uno Schumacher dal Gran Premio del Brasile 2012. Vettel, nono, ottiene punti nel giorno del suo trentacinquesimo compleanno nonostante l'eliminazione nella prima fase delle qualifiche, mentre Magnussen, decimo, conquista punti dopo non essere riuscito a terminare la corsa nelle sue ultime tre partenze a Silverstone. Per Latifi il dodicesimo posto rappresenta il miglior risultato stagionale, adesso non più all'ultimo posto della classifica piloti, occupato dal pilota di riserva dell'Aston Martin Hülkenberg, il quale ha corso i primi due Gran Premi della stagione in sostituzione di Vettel. Russell, ritirato nel corso del primo giro per la prima volta in carriera, termina la striscia dell'unico pilota di questo campionato a conquistare punti, a terminare nelle prime cinque posizioni in ogni gara e a completare ogni giro.[182][183][184]

Gran Premio d'AustriaModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Gran Premio d'Austria 2022.

Al via Max Verstappen resiste all'attacco di Charles Leclerc, mentre George Russell passa Carlos Sainz Jr.. Lo spagnolo si riprende presto la terza posizione, già alla terza curva. Poco dopo Russell va a contatto con Sergio Pérez, che va nella via di fuga della quarta curva. Il britannico viene penalizzato di cinque secondi, mentre il messicano va ai box, rovinando la sua gara definitivamente. Alle spalle di Russell si trovano Ocon, Magnussen, Hamilton e Schumacher. Al terzo giro Mick Schumacher approfitta di un errore di Hamilton, per passare il pilota della Mercedes. Leclerc si avvicina a Verstappen. Il monegasco tenta un primo attacco già al nono giro, ma deve attendere due giri per passare al comando. Il pilota della Red Bull Racing ha problemi con la tenuta delle gomme, tanto che, già al tredicesimo giro, va ai box, per montare gomme a mescola dura. Il campione del mondo rientra in gara alle spalle di Hamilton. Il britannico, dal suo canto, riesce in due giri a passare le due Haas di Schumacher e Magnussen. Le due vetture statunitensi si ferma per il cambio gomme, fra il quindicesimo e il sedicesimo giro.

Al diciottesimo giro Verstappen coglie il sorpasso su Hamilton, ponendosi terzo, alle spalle del duo della Ferrari. Dopo Hamilton, quarto, ci sono Lance Stroll, Yuki Tsunoda, Zhou Guanyu e Fernando Alonso. Ocon, che ha già cambiato le gomme, supera, al ventiduesimo giro, sia Alonso che Zhou. Ancora un giro e il francese ha la meglio anche su Tsunoda. Poco dopo anche Kevin Magnussen passa Alonso, ed entrambi superano Zhou. Il cinese dell'Alfa Romeo ripassa Alonso. Sul gruppo giunge Norris, che passa sia Alonso che Zhou. Tra il ventiseiesimo e ventisettesimo giro, con Verstappen che sta riducendo il distacco dalla vetta, entrambe le vetture della Ferrari effettuano la loro prima sosta. Prima Leclerc, che rientra alle spalle di Hamilton, poi Sainz Jr., montano gomme hard. Al ventottesimo passaggio c'è la sosta anche per Hamilton. Verstappen è tornato al comando del Gran Premio, davanti a Leclerc, Sainz Jr., Stroll e Ocon. Al trentesimo giro Ocon cede la posizione a Hamilton. Un giro prima anche Stroll, l'unico pilota che ancora non aveva effettuato soste, aveva cambiato gli pneumatici. Al trentaduesimo giro Verstappen, nuovamente in crisi con le gomme, viene ripassato da Leclerc, che torna al comando. L'olandese, prima di essere superato anche da Sainz Jr., effettua la sua seconda sosta, al trentaseiesimo giro. Nel frattempo la direzione di gara penalizza di cinque secondi Pierre Gasly, per aver superato i limiti del tracciato. Sono diversi i piloti che ricevono avvertimenti per questa infrazione. Alonso passa Tsunoda, tra la terza e quarta curva, ma si lamenta platealmente, col giapponese, per la sua difesa.

Dopo 37 giri comanda Leclerc con 6"4 su Sainz Jr., 25"3 su Verstappen, 31"8 Hamilton, 42"7 Ocon e 45"6 Schumacher, che ha superato il compagno di squadra Magnussen. Due giri dopo c'è un contatto tra Gasly e Vettel, col tedesco che esce alla quarta curva; il francese subisce una nuova penalizzazione di cinque secondi. Magnussen cede la settima posizione, al quarantunesimo giro, a Norris. Un giro dopo il danese passa al pit stop. Schumacher si ferma al quarantaseiesimo giro. Ciò permette a Russell si scalare settimo, alle spalle di Ocon. Sempre per aver superato i limiti, ricevono un avvertimento con bandiera bianca e nera sia Hamilton che Sainz Jr.. Al quarantanovesimo giro Leclerc compie la sua seconda sosta ai box, dove gli vengono rimontate gomme a mescola dura. Il giro seguente tocca a Sainz Jr.. Ora il duo della Ferrari è nuovamente alle spalle di Verstappen. Leclerc, in due giri, riprende il pilota della Red Bull, e lo sorpassa, per la terza volta, alla curva 3. Quando Sainz Jr. sta per avvicinarsi a Verstappen, subisce un guasto al motore, da dove si origina un incendio. Lo spagnolo porta la monoposto in zona di sicurezza, ma su un declivio. Il fuoco si propaga alla vettura, ma Sainz Jr. non riesce né a fermare la vettura, né a scendere dalla stessa. Grazie all'intervento dei commissari il fuoco viene spento. La direzione di gara determina la virtual safety car. Sia Leclerc che Verstappen decidono per la terza sosta. Entrambi optano per concludere la gara su gomme medie. Anche Alonso si ferma al cambio gomme. La gara del monegasco viene penalizzata da un problema all'acceleratore, che rimane aperto a bassa velocità. Questo consente a Verstappen di avvicinarsi. Al sessantunesimo giro Russell passa Ocon, per la quarta posizione. Il leader della corsa, che oltre al problema all'acceleratore sconta anche dei problemi in scalata delle marce, completa la gara davanti a Verstappen e Hamilton.[185]

Charles Leclerc vince il quinto Gran Premio in carriera, la terza vittoria stagionale, nella gara che segna il giro di boa della stagione con undici gare completate su 22, per la prima volta dal Gran Premio d'Australia. Il pilota monegasco, che non aveva terminato a podio nelle ultime cinque gare stagionali, vince per la prima volta una gara senza partire dalla pole position. Leclerc, che supera il leader del campionato Verstappen per tre volte in gara e Pérez in classifica piloti inserendosi al secondo posto, aveva ottenuto quattro vittorie in carriera nelle sue 90 precedenti partecipazioni. Per la Ferrari è il secondo successo consecutivo in stagione, dopo la vittoria di Sainz Jr. nel precedente Gran Premio di Gran Bretagna. La scuderia di Maranello torna a vincere il Gran Premio d'Austria per la prima volta dall'edizione 2003 dove a trionfare fu Michael Schumacher. Il costruttore italiano diviene il team di maggior successo nel Gran Premio d'Austria con sette affermazioni, senza considerare la vittoria nel 1965, prova non valida per il mondiale, staccando la McLaren ferma a sei vittorie. Verstappen, secondo, non aveva terminato in questa posizione durante la stagione. Il pilota olandese termina una striscia di 153 giri consecutivi condotti sul circuito del Red Bull Ring, la nona striscia più lunga su qualsiasi circuito nella storia della categoria. Il campione del mondo, a podio nella sua centoventinovesima gara con la Red Bull Racing, eguaglia il record stabilito da Mark Webber. Per Verstappen è il sessantottesimo podio nella categoria, eguagliando Rubens Barrichello all'ottavo posto nella classifica di tutti i tempi. Hamilton, terzo, e l'unico pilota del campionato a terminare ogni Gran Premio, conquista il podio per la terza gara consecutiva. Il pilota britannico della Mercedes ha terminato solo una volta fuori dalle prime cinque posizioni in undici corse disputate sul circuito austriaco. Con il quarto posto di Russell, la scuderia tedesca, che ottiene sette terzi posti in campionato, termina in terza e quarta posizione per la quinta volta in stagione, senza concludere nei primi due posti in nessuna gara. Grazie al quinto posto di Ocon, al miglior risultato in stagione, l'Alpine ottiene punti nelle prime cinque posizioni per la seconda gara consecutiva, dopo non aver ottenuto punti nei primi cinque nei primi nove Gran Premi della stagione. Per Ocon è stato il centesimo Gran Premio in Formula 1, il settantacinquesimo pilota a raggiungere la tripla cifra nella storia della categoria, e la cinquantesima gara con la scuderia di Enstone. La sesta posizione di Mick Schumacher è il miglior risultato in carriera per il pilota tedesco, mentre per la Haas si è trattato della terza volta a concludere nelle prime sei posizioni sul circuito del Red Bull Ring. Dopo nove anni uno Schumacher ottiene punti per due Gran Premi consecutivi dal settimo e sesto posto di Michael Schumacher rispettivamente nei Gran Premi del Belgio e d'Italia nel 2012. Con Kevin Magnussen in ottava posizione, la scuderia statunitense ottiene punti con entrambe le vetture per la seconda gara consecutiva per la prima volta dalle ultime due gare della stagione 2018. Per Norris il settimo posto è stato il peggior risultato ottenuto sul circuito austriaco in sei Gran Premi disputati, mentre Ricciardo, nono, ottiene punti solamente per il terzo Gran Premio dell'anno, dopo aver preso punti anche nella Sprint disputata nel Gran Premio dell'Emilia-Romagna. Alonso, decimo, e partito ultimo, ottiene punti per la sesta gara consecutiva, mentre Bottas, undicesimo, termina una striscia di cinque podi consecutivi ottenuti sul circuito del Red Bull Ring. Per Sainz Jr. si è trattato del quarto ritiro stagionale, mentre Pérez è ritirato per la seconda volta nelle ultime tre gare. Il pilota messicano termina la striscia record di aver terminato ogni Gran Premio d'Austria a cui ha partecipato.[186]

Gran Premio di FranciaModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Gran Premio di Francia 2022.

Charles Leclerc, allo spegnimento dei semafori, mantiene il comando della gara, seguito da Max Verstappen e da Lewis Hamilton, che ha passato al via Sergio Pérez. Dietro Fernando Alonso ha la meglio su Lando Norris e George Russell. Nelle retrovie alla chicane dopo il lungo rettilineo c'è un contatto tra Esteban Ocon e Yuki Tsunoda, con quest'ultimo che finisce in testacoda. Il francese dell'Alpine viene poi penalizzato di cinque secondi dalla direzione gara. Russell ripassa lo spagnolo, al terzo giro. Nei primi giri Verstappen sembra avvicinarsi a Leclerc, riuscendo anche ad attaccare, ma senza successo, al quinto giro. Anche l'altro pilota della Red Bull Racing, Pérez, si avvicina al pilota che lo precede, Hamilton. In fondo al gruppo sono autori di una rimonta sia Sainz Jr. che Magnussen, entrambi partiti dall'ultima fila.

Al settimo giro Magnussen è dodicesimo, prima di essere passato proprio dallo spagnolo della Ferrari. Il danese si ferma per il cambio gomme, già all'ottavo giro. Davanti Leclerc amplia il margine su Verstappen, e anche Pérez si riallontana da Hamilton, facendo avvicinare Russell. Al quindicesimo giro Leclerc comanda con quasi due secondi di vantaggio su Verstappen, quasi nove su Hamilton, mentre Pérez si trova a oltre dodici secondi. Seguono Russell, Alonso e Norris. Nel frattempo Sainz Jr., dopo aver passato le due Aston Martin, si trova in zona punti. Verstappen si ferma al sedicesimo giro, e passa a gomme dure. Il campione del mondo rientra in pista alle spalle di Norris, che però passa presto. Nello stesso giro Sainz Jr. ha la meglio su Ricciardo, per la nona piazza. Al diciassettesimo giro, poco prima di rientrare ai box, Leclerc esce di pista a causa di un testacoda alla Beausset. Il ferrarista finisce contro le barriere e non riesce a riprendere la gara. La direzione gara invia in pista la safety car: molti piloti ne approfittano per effettuare la loro sosta. Al momento del rilascio dalla piazzola dei box della vettura di Sainz Jr. sopraggiunge la Williams di Alexander Albon: viene sfiorato l'incidente, e la direzione di gara penalizza lo spagnolo di cinque secondi.

Alla ripresa della gara, nella sua valenza agonistica, Verstappen si trova in testa, seguito da Hamilton, Pérez, Russell, Alonso, Norris e Ricciardo. Il duo della McLaren viene superato da Sainz Jr. che, al ventiduesimo giro, passa anche Alonso. C'è anche un contatto tra Zhou Guanyu e Mick Schumacher, col tedesco che finisce in testacoda e il cinese costretto ai box, per cambiare l'ala anteriore. Zhou viene poi penalizzato di cinque secondi dai commissari. Verstappen porta il margine su Hamilton a tre secondi e mezzo, terzo è Pérez staccato di cinque secondi. Al ventinovesimo giro Sainz Jr., dopo un tentativo infruttuoso alla chicane dopo il lungo rettilineo, affianca Russell, per passarlo all'esterno, alla Signes. La progressione del pilota della Ferrari prosegue nei giri successivi, tanto che al quarantesimo giro, attacca Pérez, sempre alla Signes, per poi completare il sorpasso nella parte mista seguente. Due giri dopo però la scuderia di Maranello richiama ai box lo spagnolo, per montargli gomme nuove. Egli rientra in gara solo ottavo. In cinque giri Sainz Jr., che al pit stop ha scontato i cinque secondi di penalità inflittigli, risupera le due McLaren e Alonso.

Nei giri successivi si infiamma la lotta per il terzo posto, con Russell che mette pressione a Pérez, sfiorando anche il tamponamento all'ultima curva. A cinque giri dal termine Zhou è costretto a fermare la sua Alfa Romeo all'uscita della Sainte Baume. In questo caso la direzione di gara reputa sufficiente la virtual safety car. Alla ripartenza Russell sorprende Pérez, molto lento nell'ultimo settore della pista. Il britannico entra così sul podio virtuale. Il messicano tenta, negli ultimi giri, di riprendersi la terza posizione, ma senza avere successo.[187]

Max Verstappen vince il ventisettesimo Gran Premio in carriera, eguagliando le vittorie di Jackie Stewart, al settimo posto nella classifica di tutti i tempi per numero di gare vinte, davanti a Hamilton, come nell'edizione del 2021, e Russell. Per l'olandese è la settima vittoria stagionale, per la prima volta dal Gran Premio del Canada, e la seconda vittoria consecutiva sul circuito del Paul Ricard, dopo quella del 2021, nel centotrentesimo Gran Premio con la Red Bull Racing, all'ottavo successo del campionato, battendo il record di Mark Webber. Verstappen ha completato durante la gara il millecinquecentesimo giro in carriera, il tredicesimo pilota nella storia del mondiale a raggiungere questa cifra. La scuderia austriaca bissa il successo nel Gran Premio di Francia con un propulsore sotto una diversa denominazione dopo l'edizione del 2021 con i motori marchiati Honda. Hamilton, secondo per la quarantanovesima volta in carriera, ed estendendo il suo record di tutti i tempi, al trecentesimo Gran Premio, rappresenta per la Mercedes il primo arrivo stagionale nelle prime due posizioni, dopo che la scuderia tedesca ha terminato in terza posizione in altri sette Gran Premi del campionato. Per la prima volta in stagione e dal Gran Premio d'Arabia Saudita 2021 la Mercedes presenta entrambe le vetture a podio grazie al terzo posto di Russell. L'ex pilota della Williams è arrivato tra i primi cinque in ogni gara del campionato quando ha superato la prima curva. Verstappen e Hamilton finiscono sul podio per la cinquantesima volta nella storia del mondiale. Sainz Jr., quinto con il giro veloce, al miglior risultato su questa pista, e dopo essere partito diciannovesimo, ha completato 24 giri con la gomma media durante la metà di gara, eguagliando lo stint più lungo di qualsiasi pilota con questa mescola nella precedente stagione. Alonso, sesto, batte il record di tutti i tempi per il maggior numero di giri completati in Formula 1, superando i 18 621 giri segnati da Kimi Räikkönen. Per lo spagnolo è stato solamente il secondo piazzamento nelle prime sei posizioni dopo il quinto posto nel Gran Premio di Gran Bretagna. È stato il miglior risultato per l'Alpine fin da quando il circuito del Paul Ricard è tornato nel calendario del mondiale nella stagione 2018 con il Gran Premio di Francia. Con Ocon in ottava posizione, per la prima volta a punti nel Gran Premio di casa, entrambe le vetture della scuderia francese terminano nelle prime otto posizioni per la prima volta in stagione. Norris termina settimo per il secondo Gran Premio consecutivo, mentre Ricciardo, nono, ottiene punti in due gare consecutive per la prima volta in stagione. I piloti della McLaren terminano nelle stesse posizioni del precedente Gran Premio d'Austria. Stroll, decimo, ottiene punti per la quarta volta in stagione, sempre terminando in questa posizione, nel giorno in cui l'Aston Martin celebra i 100 anni dalla partecipazione al primo Gran Premio proprio di Francia nel 1922 a Strasburgo. Vettel, undicesimo, non ottiene punti per la prima volta su questa pista, mentre Leclerc, al terzo ritiro in stagione, abbandona sempre la gara mentre la conduce, dopo i Gran Premi di Spagna e Azerbaigian, in tutti e tre i casi dopo aver segnato la pole position, per una perdita potenziale di 75 punti, come il nome della sua vettura, la F1-75. Accade per la sesta volta nella storia del mondiale che il pilota monegasco parte dalla prima posizione, mentre la vittoria del Gran Premio è appannaggio di Verstappen, il quale conduce la classifica piloti con il margine più alto mai ottenuto sul secondo, Leclerc, distante 63 punti.[188]

Gran Premio d'UngheriaModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Gran Premio d'Ungheria 2022.

George Russell mantiene il comando della gara al via, davanti a Carlos Sainz Jr., Charles Leclerc, Lando Norris e Lewis Hamilton. Più dietro c'è un contatto tra la Williams di Alexander Albon e la Haas di Kevin Magnussen. I detriti lasciati dall'incidente costringono la direzione di gara a imporre la virtual safety car, per un paio di giri. Le Red Bull Racing, sfruttando le gomme soft, recuperano posizioni, nei primi giri. Fernando Alonso deve cedere sia a Max Verstappen che a Sergio Pérez. L'olandese passa anche Esteban Ocon, portandosi sesto, già al settimo giro. Pochi giri dopo Hamilton prende la quarta posizione a Norris. Ne approfitta anche Verstappen, che passa il pilota della McLaren. Un giro dopo anche Pérez ha la meglio su Norris che, al sedicesimo giro, va al cambio gomme. Nel giro successivo si ferma anche Russell: partito con gomme morbide, passa all'utilizzo di quelle a mescola media. A seguito di questa sosta, si ferma anche Sainz Jr.. Sulla Ferrari vengono ancora montate medie. Lo spagnolo entra in gara alle spalle di Ocon, che però sorpassa presto. Al ventesimo giro Hamilton monta un treno di gomme medie: l'ex campione del mondo rientra in gara dietro alle due Alpine. Leclerc attende il ventunesimo passaggio. La scuderia italiana monta gomme medie, le stesse utilizzate al via. Il monegasco ora è secondo, alle spalle di Russell, ma davanti a Sainz Jr. e a Verstappen.

Al ventiquattresimo giro si ferma Ocon, il quale opta per gomme dure. Tornato in pista davanti al compagno di scuderia Alonso, si difende per evitare il sorpasso, ma così facendo favorisce Daniel Ricciardo, che passa entrambi. Leclerc si avvicina a Russell, mettendolo sotto pressione per alcuni giri. La manovra decisiva avviene al trentunesimo giro quando il ferrarista sorprende il pilota della Mercedes con una profonda staccata, alla prima curva. Verstappen effettua la sua seconda sosta, al trentottesimo giro; l'olandese mantiene sempre la scelta della copertura a mescola media. Ora è sesto, ma presto il suo compagno di scuderia Pérez, subito davanti a lui, gli dà strada. Per coprire la strategia di Verstappen, passano subito alla seconda sosta sia Russell che Leclerc. Il pilota della Mercedes prosegue con le medie, mentre il ferrarista passa alle hard. Va al comando Sainz Jr., che ha cinque secondi di vantaggio su Hamilton e 16"2 su Leclerc. La scelta della Ferrari penalizza Leclerc che si vede sorpassato da Verstappen, al quarantunesimo giro. Al termine del giro l'olandese va in testacoda, riprende la gara, ma viene ripassato da Leclerc. Alle spalle dell'olandese sopraggiunge Pérez, che lo difende da un possibile attacco di Russell. Pérez si ferma, per il secondo pit stop, dando così il quinto posto proprio a Russell.

Le gomme di Leclerc hanno grossa difficoltà a entrare in temperatura, tanto che al quarantacinquesimo giro Verstappen ripassa il ferrarista. Dopo la seconda sosta di Sainz Jr., che opta per le morbide, Verstappen scala secondo, alle spalle del solo Hamilton. Il britannico comanda il Gran Premio fino al cinquantunesimo giro, quando passa ai box e monta gomme morbide. Dopo il pit stop di Hamilton, alle spalle di Verstappen, ci sono Leclerc, Russell, Sainz Jr. e lo stesso Hamilton. Anche nella sfida con il pilota della Mercedes Leclerc non può difendersi, e cede, al cinquantatreesimo giro, la seconda posizione. Subito dopo Leclerc viene richiamato ai box, per montare gomme a mescola morbida, con cui concludere la gara. Dopo questa terza sosta il monegasco è sesto, anche alle spalle di Pérez. Nei giri successivi Leclerc ha un ritmo migliore di quello del messicano, ma non si avvicinerà mai per poter tentare il sorpasso. Verstappen comanda agevolmente la gara, con quasi nove secondi di margine su Russell, quasi dieci e mezzo su Sainz Jr.. Su questi due piomba Hamilton che passa lo spagnolo al sessantatreesimo giro e, nel giro successivo, anche il compagno di team. A tre giri dal termine di ritira Valtteri Bottas. La sua Alfa Romeo è in una zona considerata pericolosa, tanto che viene nuovamente stabilito il regime di vettura di sicurezza virtuale. Negli ultimi due giri la pioggia, che era stata quasi impercettibile durante la gara, diventa più intensa, ma senza ostacolare la guida dei piloti.

Verstappen vince la gara, davanti alla coppia della Mercedes. Sainz Jr. è quarto, mentre Leclerc viene preceduto in volata da Pérez.[189] Il campione del mondo vince il ventottesimo Gran Premio in carriera, l'ottava vittoria stagionale. Il pilota olandese, che ha condotto la cinquantesima gara della sua carriera, non aveva mai trionfato partendo al di fuori delle prime quattro posizioni. Per il secondo Gran Premio d'Ungheria consecutivo dopo quello del 2021 in cui a trionfare fu Ocon partendo dall'ottava piazza, ma solo per la quarta volta nella storia del circuito dell'Hungaroring, il vincitore della corsa è appannaggio di un pilota qualificatosi al di fuori delle prime quattro posizioni. Verstappen conquista per la quarta volta in carriera il podio dopo essere partito dalla decima posizione in giù, occorrenza verificatasi nelle tre precedenti occasioni dopo essere partito rispettivamente sedicesimo, diciottesimo e ventesimo. Per la Red Bull Racing è la nona vittoria del campionato. La scuderia austriaca, al terzo successo complessivo nel Gran Premio d'Ungheria, torna a trionfare sul circuito dell'Hungaroring, con i motori sotto una diversa denominazione, per la prima volta dall'edizione del 2014 con Ricciardo, quando la squadra era spinta dai motori della Renault. La scuderia di Milton Keynes aveva trionfato solamente una volta in precedenza nella propria storia con un pilota partente fuori dalle prime sei posizioni nel Gran Premio d'Azerbaigian 2017 proprio con Ricciardo, partendo dalla stessa decima posizione di Verstappen. Hamilton, secondo, batte il record per il maggior numero di giri condotti in una singola pista nella storia del campionato. Il precedente record era detenuto da Bill Vukovich durante la 500 Miglia di Indianapolis, che fu una prova valida per il campionato mondiale durante gli anni 1950. Per il britannico è l'undicesimo podio sul circuito ungherese, il quinto consecutivo del campionato, la striscia attiva più lunga nella categoria. È la trentunesima volta che Verstappen e Hamilton, in qualsiasi ordine, terminano in prima e seconda posizione in un Gran Premio. La Mercedes ha condotto più giri in questa gara rispetto a tutte le altre gare messe insieme in questa stagione. Il podio della gara è lo stesso di quello del precedente Gran Premio di Francia. La Ferrari, che ha il miglior pilota classificato Sainz Jr. al quarto posto, ottiene un risultato peggiore rispetto all'edizione del 2021 in cui proprio lo spagnolo terminò terzo dopo la squalifica di Vettel. Pérez, quinto, ottiene il primo piazzamento tra i primi cinque classificati in carriera all'Hungaroring nella sua dodicesima partecipazione, mentre Leclerc, sesto, non ha ancora terminato a podio sulla pista magiara sia nella massima categoria che in Formula 2. Norris, settimo, termina in questa posizione per la terza gara consecutiva, mentre Alonso, ottavo, termina per l'ottava volta di fila in stagione a punti, e per l'undicesima volta consecutiva conquista punti sul circuito dell'Hungaroring. Grazie al nono posto di Ocon, l'Alpine ottiene punti con entrambe le vetture per la terza gara di fila del campionato. Nel weekend di gara in cui ha annunciato il ritiro dalla categoria al termine della stagione, Vettel, decimo, conquista punti per la quinta volta in stagione. Il tedesco supera il compagno di scuderia Stroll nelle fasi conclusive della gara, dopo essere accaduto l'opposto nel precedente Gran Premio di Francia, sempre nei giri finali. Gasly, dodicesimo, non ottiene punti da cinque Gran Premi. Il vincitore Verstappen conduce la classifica piloti con il margine più alto mai ottenuto sul secondo, Leclerc, distante 80 punti. Per la tredicesima volta nella storia della massima categoria, per la nona volta nell'era turbo-ibrida, iniziata nella stagione 2014, e per la prima volta in stagione, non si sono verificati ritiri, occorrenza verificatasi per tre volte nella precedente stagione, nei Gran Premi di Francia, Belgio e Turchia, nonostante Bottas sia stato l'unico pilota a non tagliare il traguardo per un problema al motore, comunque classificato per aver coperto il 90% della distanza di gara.[190]

RisultatiModifica

Risultato dei Gran PremiModifica

Gran Premio Circuito Pole position Giro veloce Pilota vincitore Scuderia vincitrice Resoconto
1   Gran Premio del Bahrein Sakhir   Charles Leclerc   Charles Leclerc   Charles Leclerc   Ferrari Resoconto
2   Gran Premio d'Arabia Saudita Gedda   Sergio Pérez   Charles Leclerc   Max Verstappen   Red Bull Racing-RBPT Resoconto
3   Gran Premio d'Australia Melbourne   Charles Leclerc   Charles Leclerc   Charles Leclerc   Ferrari Resoconto
4   Gran Premio dell'Emilia-Romagna Imola   Max Verstappen   Max Verstappen   Max Verstappen   Red Bull Racing-RBPT Resoconto
5   Gran Premio di Miami Miami   Charles Leclerc   Max Verstappen   Max Verstappen   Red Bull Racing-RBPT Resoconto
6   Gran Premio di Spagna Montmeló   Charles Leclerc   Sergio Pérez   Max Verstappen   Red Bull Racing-RBPT Resoconto
7   Gran Premio di Monaco Monaco   Charles Leclerc   Lando Norris   Sergio Pérez   Red Bull Racing-RBPT Resoconto
8   Gran Premio d'Azerbaigian Baku   Charles Leclerc   Sergio Pérez   Max Verstappen   Red Bull Racing-RBPT Resoconto
9   Gran Premio del Canada Montréal   Max Verstappen   Carlos Sainz Jr.   Max Verstappen   Red Bull Racing-RBPT Resoconto
10   Gran Premio di Gran Bretagna Silverstone   Carlos Sainz Jr.   Lewis Hamilton   Carlos Sainz Jr.   Ferrari Resoconto
11   Gran Premio d'Austria Red Bull Ring   Max Verstappen   Max Verstappen   Charles Leclerc   Ferrari Resoconto
12   Gran Premio di Francia Le Castellet   Charles Leclerc   Carlos Sainz Jr.   Max Verstappen   Red Bull Racing-RBPT Resoconto
13   Gran Premio d'Ungheria Hungaroring   George Russell   Lewis Hamilton   Max Verstappen   Red Bull Racing-RBPT Resoconto
14   Gran Premio del Belgio Francorchamps
15   Gran Premio d'Olanda Zandvoort
16   Gran Premio d'Italia Monza
17   Gran Premio di Singapore Singapore
18   Gran Premio del Giappone Suzuka
19   Gran Premio degli Stati Uniti Austin
20   Gran Premio di Città del Messico Città del Messico
21   Gran Premio di San Paolo San Paolo
22   Gran Premio di Abu Dhabi Abu Dhabi

Risultato delle qualificheModifica

Pilota                                            
1   Max Verstappen 2 4 2 1 3 2 4 3 1 2 1 2 10
3   Daniel Ricciardo 18 14+3 7 6 14 9 14 12 9 14 16 9 9
4   Lando Norris 13 11 4 3 8 11 5 11 14 6 15 5 4
5   Sebastian Vettel 17 9 13 16 9 9 16 18 20 12 18
6   Nicholas Latifi 20 18 18 18 19 19 19 18 18 10 19 18 19
10   Pierre Gasly 10 9 11 17 7 14 17 6 15 11 10 14 P[191]
11   Sergio Pérez 4 1 3 7 4 5 3 2 13 4 13 3 11
14   Fernando Alonso 8 7 10 5 11 20+30 7 10 2 7 8 7 6
16   Charles Leclerc 1 2 1 2 1 1 1 1 19+30 3 2 1 3
18   Lance Stroll 19 13 19+3[192] 15 10 17 18 19 17 20 17 15 14
20   Kevin Magnussen 7 10 16 4 16 8 13 16 5 17 6 20+30 13
22   Yuki Tsunoda 16 19[193] 13 16 9 13 11 8 20+30 13 14 8 16
23   Alexander Albon 14 16 20+3[194] 20[195] 18 18 16 17 12 16 11 13 17
24   Zhou Guanyu 15 12 14 14 17 15 20 14 10 9 18 16 12
27   Nico Hülkenberg 17 17
31   Esteban Ocon 11 5 8 19 20[196] 12 10 13 7 15 5 10 5
44   Lewis Hamilton 5 15 5 13 6 6 8 7 4 5 9 4 7
47   Mick Schumacher 12 [197] 15 12 15 10 15 20 6 19 7 17 15
55   Carlos Sainz Jr. 3 3 9 10 2 3 2 4 3 1 3 19+30 2
63   George Russell 9 6 6 11 12 4 6 5 8 8 4 6 1
77   Valtteri Bottas 6 8 12 8 5 7 12 15 11 12 12 11 8
Pilota                                            
Legenda + – Precede il numero di posizioni di penalità sulla griglia di partenza.
§ – Indica quei piloti che per penalità sono stati retrocessi in fondo alla griglia di partenza.
P – Indica quei piloti che hanno preso il via dalla pit lane.

ClassificheModifica

Sistema di punteggioModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Sistema di punteggio della Formula 1.
Posizione                             10ª  GV
Gara principale Punti 25 18 15 12 10 8 6 4 2 1 1
Sprint[198] 8 7 6 5 4 3 2 1

Classifica pilotiModifica

Pos. Pilota                                             Punti
1   Max Verstappen 19* 1 Rit 11 1 1 3 1 1 7 21 1 1 258
2   Charles Leclerc 1 2 1 62 2 Rit 4 Rit 5 4 12 Rit 6 178
3   Sergio Pérez 18* 4 2 23 4 2 1 2 Rit 2 Rit5 4 5 173
4   George Russell 4 5 3 4 5 3 5 3 4 Rit 44 3 3 158
5   Carlos Sainz Jr. 2 3 Rit Rit4 3 4 2 Rit 2 1 Rit3 5 4 156
6   Lewis Hamilton 3 10 4 13 6 5 8 4 3 3 38 2 2 146
7   Lando Norris 15 7 5 35 Rit 8 6 9 15 6 7 7 7 76
8   Esteban Ocon 7 6 7 14 8 7 12 10 6 Rit 56 8 9 58
9   Valtteri Bottas 6 Rit 8 57 7 6 9 11 7 Rit 11 14 20* 46
10   Fernando Alonso 9 Rit 17 Rit 11 9 7 7 9 5 10 6 8 41
11   Kevin Magnussen 5 9 14 98 16* 17 Rit Rit 17 10 87 Rit 16 22
12   Daniel Ricciardo 14 Rit 6 186 13 12 13 8 11 13 9 9 15 19
13   Pierre Gasly Rit 8 9 12 Rit 13 11 5 14 Rit 15 12 12 16
14   Sebastian Vettel Rit 8 17* 11 10 6 12 9 17 11 10 16
15   Mick Schumacher 11 NP 13 17 15 14 Rit 14 Rit 8 6 15 14 12
16   Yuki Tsunoda 8 NP 15 7 12 10 17 13 Rit 14 16 Rit 19 11
17   Zhou Guanyu 10 11 11 15 Rit Rit 16 Rit 8 Rit 14 16* 13 5
18   Lance Stroll 12 13 12 10 10 15 14 16* 10 11 13 10 11 4
19   Alexander Albon 13 14* 10 11 9 18 Rit 12 13 Rit 12 13 17 3
20   Nicholas Latifi 16 Rit 16 16 14 16 15 15 16 12 Rit Rit 18 0
21   Nico Hülkenberg 17 12 0
Pos. Pilota                                             Punti
Legenda 1º posto 2º posto 3º posto A punti Senza punti/Non class. Grassetto – Pole position
Corsivo – Giro più veloce
Apice – Risultato Sprint
Squalificato Ritirato Non partito Non qualificato Solo prove/Terzo pilota

* – Indica i piloti ritirati ma ugualmente classificati avendo coperto, come previsto dal regolamento, almeno il 90% della distanza di gara.

Classifica costruttoriModifica

Pos. Costruttore Pilota                                             Punti
1   Red Bull Racing-RBPT Verstappen 19* 1 Rit 11 1 1 3 1 1 7 21 1 1 431
Pérez 18* 4 2 23 4 2 1 2 Rit 2 Rit5 4 5
2   Ferrari Leclerc 1 2 1 62 2 Rit 4 Rit 5 4 12 Rit 6 334
Sainz Jr. 2 3 Rit Rit4 3 4 2 Rit 2 1 Rit3 5 4
3   Mercedes Russell 4 5 3 4 5 3 5 3 4 Rit 44 3 3 304
Hamilton 3 10 4 13 6 5 8 4 3 3 38 2 2
4   Alpine-Renault Alonso 9 Rit 17 Rit 11 9 7 7 9 5 10 6 8 99
Ocon 7 6 7 14 8 7 12 10 6 Rit 56 8 9
5   McLaren-Mercedes Ricciardo 14 Rit 6 186 13 12 13 8 11 13 9 9 15 95
Norris 15 7 5 35 Rit 8 6 9 15 6 7 7 7
6   Alfa Romeo-Ferrari Bottas 6 Rit 8 57 7 6 9 11 7 Rit 11 14 20* 51
Zhou 10 11 11 15 Rit Rit 16 Rit 8 Rit 14 16* 13
7   Haas-Ferrari Magnussen 5 9 14 98 16* 17 Rit Rit 17 10 87 Rit 16 34
Schumacher 11 NP 13 17 15 14 Rit 14 Rit 8 6 15 14
8   AlphaTauri-RBPT Gasly Rit 8 9 12 Rit 13 11 5 14 Rit 15 12 12 27
Tsunoda 8 NP 15 7 12 10 17 13 Rit 14 16 Rit 19
9   Aston Martin Aramco-Mercedes Stroll 12 13 12 10 10 15 14 16* 10 11 13 10 11 20
Vettel Rit 8 17* 11 10 6 12 9 17 11 10
Hülkenberg 17 12
10   Williams-Mercedes Albon 13 14* 10 11 9 18 Rit 12 13 Rit 12 13 17 3
Latifi 16 Rit 16 16 14 16 15 15 16 12 Rit Rit 18
Pos. Costruttore Pilota                                             Punti
Legenda 1º posto 2º posto 3º posto A punti Senza punti/Non class. Grassetto – Pole position
Corsivo – Giro più veloce
Apice – Risultato Sprint
Squalificato Ritirato Non partito Non qualificato Solo prove/Terzo pilota

 * – Indica i piloti ritirati ma ugualmente classificati avendo coperto, come previsto dal regolamento, almeno il 90% della distanza di gara.

Trofeo Pole FIAModifica

Il Trofeo Pole FIA è assegnato al pilota che nella stagione ottiene il più alto numero di pole position. Nel caso in cui due o più piloti ottengano lo stesso numero di partenze al palo, la discriminante della classifica sarà il numero di secondi posti in qualifica. Se anche tale numero dovesse essere uguale si procederà controllando il numero di terzi posti, fino al raggiungimento di una differenza. Non viene comunque assegnato nessun punto supplementare, per la classifica piloti, a chi ottiene la pole position.

Pos. Pilota Pole
1   Charles Leclerc 7
2   Max Verstappen 3
3   Carlos Sainz Jr. 1
4   Sergio Pérez 1
5   George Russell 1

NoteModifica

  1. ^ a b c d e Valerio Barretta, Ufficializzato il calendario 2022, su formulapassion.it, 15 ottobre 2021. URL consultato il 19 ottobre 2021.
  2. ^ (EN) New race deal to keep Formula 1 in China until 2025, su racefans.net, 21 luglio 2020. URL consultato il 17 gennaio 2022.
  3. ^ (EN) Chinese Grand Prix: Shanghai race dropped from 2022 F1 calendar, su bbc.com, 15 ottobre 2021. URL consultato il 17 gennaio 2022.
  4. ^ (EN) F1 extends Chinese Grand Prix contract to 2025, su formula1.com, 6 novembre 2021. URL consultato il 6 novembre 2021.
  5. ^ (EN) Formula 1 Statement on the Russian Grand Prix, su fia.com, 25 febbraio 2022.
  6. ^ Stefano Ollanu, Ufficiale: Mazepin può correre come ‘neutrale’, GP Russia cancellato, su formulapassion.it, 1º marzo 2022. URL consultato il 1º marzo 2022.
  7. ^ (EN) FIA announces World Motor Sport Council decisions, su fia.com, 19 marzo 2022.
  8. ^ (EN) Formula 1 to race at 22 Grands Prix in 2022, su formula1.com, 18 maggio 2022.
  9. ^ a b c d e f g h i j k Alessandro Prada, F1 | Le gare in chiaro su TV8 nel 2022, su formulapassion.it, 23 febbraio 2022. URL consultato il 23 febbraio 2022.
  10. ^ Il Gran Premio, inizialmente in programma il 25 settembre, viene annullato a causa dell'invasione russa dell'Ucraina. Esso si sarebbe dovuto disputare con la bandiera oscurata per rispettare le restrizioni imposte dal TAS di Losanna dopo la sentenza sul doping di Stato che ha coinvolto l'agenzia antidoping russa, cfr. (EN) FIA announces World Motor Sport Council decisions in relation to the situation in Ukraine, su fia.com, 1º marzo 2022. URL consultato il 1º marzo 2022.
  11. ^ F1 | Haas svelerà la livrea 2022 il 4 febbraio su una VF-22 "base", su it.motorsport.com. URL consultato il 3 febbraio 2022.
  12. ^ (EN) Haas become first team to reveal 2022 car and livery, su formula1.com, 4 febbraio 2022. URL consultato il 4 febbraio 2022.
  13. ^ F1 | La Red Bull RB18 sarà svelata il 9 febbraio, su it.motorsport.com, 3 febbraio 2022. URL consultato il 3 febbraio 2022.
  14. ^ F1, la Red Bull ha presentato la RB18: ma non è ancora la monoposto che vedremo in pista, su sport.sky.it. URL consultato il 12 febbraio 2022.
  15. ^ Aston Martin, c'è la data della presentazione, su sport.sky.it, 14 gennaio 2022. URL consultato il 17 gennaio 2022.
  16. ^ (EN) Aston Martin the first team to officially confirm 2022 car launch date, su racingnews365.com. URL consultato il 26 gennaio 2022.
  17. ^ Nuova McLaren: la presentazione il prossimo 11 febbraio, su gazzetta.it, 17 gennaio 2022. URL consultato il 17 gennaio 2022.
  18. ^ F1 | AlphaTauri presenterà la AT03 il 14 febbraio, su it.motorsport.com., 26 gennaio 2022. URL consultato il 26 gennaio 2022.
  19. ^ Ufficiale: Williams presenterà la vettura 2022 il 15 febbraio alle 14:00, su formulapassion.it, 8 febbraio 2022. URL consultato l'8 febbraio 2022.
  20. ^ Formula 1, Ferrari: presentazione della nuova monoposto F1-75 in diretta streaming su Sky, su sport.sky.it, 16 febbraio 2022.
  21. ^ F1 | La Mercedes W13 sarà presentata il 18 febbraio, su it.motorsport.com, 18 gennaio 2022. URL consultato il 18 gennaio 2022.
  22. ^ Si svela anche l’Alpine: presentazione il 21 febbraio, su formulapassion.it, 26 gennaio 2022. URL consultato il 26 gennaio 2022.
  23. ^ Alfa Romeo, presentazione il 27 febbraio, su formulapassion.it, 2 febbraio 2022. URL consultato il 2 febbraio 2022.
  24. ^ (EN) 2022 pre-season testing dates in Barcelona and Bahrain confirmed, su formula1.com, 26 gennaio 2022. URL consultato il 4 febbraio 2022.
  25. ^ F1 2022: Il Calendario dei Test invernali e delle 23 gara in programma, su circusf1.com, 3 gennaio 2022. URL consultato il 15 gennaio 2022.
  26. ^ (EN) Formula 1 Aramco pre-season testing 2022, su formula1.com. URL consultato il 1º febbraio 2022.
  27. ^ Red Bull Powertrains prende forma, Yamamoto: "Autonomi dal 2023", su autosprint.corrieredellosport.it, 21 settembre 2021. URL consultato il 17 gennaio 2022.
  28. ^ F1 | Horner dopo l’acquisizione delle Power Unit Honda: “I nuovi motori saranno marchiati Red Bull”, su f1grandprix.motorionline.com, 15 febbraio 2021. URL consultato il 17 gennaio 2022.
  29. ^ F1, Red Bull verso la svolta: motori Honda fino al 2025. Con un piccolo vantaggio?, su gazzetta.it, 28 gennaio 2022. URL consultato il 7 marzo 2022.
  30. ^ a b F1 | Red Bull RB18: Oracle nuovo title sponsor del team, su it.motorsport.com. URL consultato il 9 febbraio 2022.
  31. ^ Red Bull: 150 milioni di dollari dallo sponsor di criptovalute, su it.motorsport.com. URL consultato il 16 febbraio 2022.
  32. ^ a b Ferrari: Mission Winnow non sarà title sponsor, ma PMI resta, su it.motorsport.com, 17 novembre 2021. URL consultato il 15 gennaio 2022.
  33. ^ a b Ferrari riabbraccia Mission Winnow, su formulapassion.it, 1º aprile 2022.
  34. ^ F1: Santander diventa premium sponsor di Ferrari, su corrieredellosport.it, 21 dicembre 2021. URL consultato il 17 gennaio 2021.
  35. ^ Eleonora Ottonello, Ferrari-UPS: partnership ai titoli di coda, su f1world.it, 6 gennaio 2022. URL consultato il 2 febbraio 2022.
  36. ^ F1 | McLaren annuncia una partnership pluriennale con Google, su it.motorsport.com. URL consultato il 17 marzo 2022.
  37. ^ F1 | McLaren annuncia partnership pluriennale con la criptovaluta Okx, su f1ingenerale.com, 3 maggio 2022. URL consultato il 3 maggio 2022.
  38. ^ a b Ufficiale, BWT diventa title sponsor Alpine, su formulapassion.it, 11 febbraio 2022. URL consultato l'11 febbraio 2022.
  39. ^ a b F1 | Nasce la partnership tra Aston Martin e Aramco. Cambia la denominazione del team, su p300.it. URL consultato il 3 febbraio 2022.
  40. ^ Rottura BWT-Aston Martin: l'azienda non compare tra gli sponsor, su formulapassion.it, 5 gennaio 2022. URL consultato il 3 febbraio 2022.
  41. ^ Williams, accordo pluriennale con Duracell, su formulapassion.it, 14 febbraio 2022. URL consultato il 17 febbraio 2022.
  42. ^ Valerio Barretta, Guerra Ucraina, Haas toglie riferimenti a Russia, su formulapassion.it, 24 febbraio 2022. URL consultato il 24 febbraio 2022.
  43. ^ a b Ufficiale: Haas si separa da Mazepin e Uralkali, su formulapassion.it, 5 marzo 2022. URL consultato il 5 marzo 2022.
  44. ^ (EN) Formula 1 Heineken Australian Grand Prix 2022, su formula1.com. URL consultato il 20 gennaio 2022.
  45. ^ (EN) Formula 1 Rolex Gran Premio del Made in Italy e dell'Emilia-Romagna 2022, su formula1.com. URL consultato il 20 gennaio 2022.
  46. ^ (EN) Formula 1 Rolex Grosser Preis Von Österreich 2022, su formula1.com. URL consultato il 24 maggio 2022.
  47. ^ (EN) Formula 1 Rolex Grosser Preis Von Österreich 2020, su formula1.com, 5 luglio 2020.
  48. ^ (EN) Formula 1 Crypto.com Miami Grand Prix 2022, su formula1.com. URL consultato il 9 febbraio 2022.
  49. ^ (EN) Formula 1 Pirelli Gran Premio de España 2022, su formula1.com. URL consultato il 20 gennaio 2022.
  50. ^ (EN) Formula 1 Pirelli Gran Premio d'Italia 2022, su formula1.com. URL consultato il 20 gennaio 2022.
  51. ^ (EN) Formula 1 AWS Grand Prix du Canada 2022, su formula1.com. URL consultato il 2 giugno 2022.
  52. ^ (EN) Formula 1 Lenovo British Grand Prix 2022, su formula1.com. URL consultato il 5 maggio 2022.
  53. ^ (EN) Formula 1 Lenovo Grand Prix de France 2022, su formula1.com. URL consultato il 5 maggio 2022.
  54. ^ (EN) Formula 1 Aramco Magyar Nagydíj 2022, su formula1.com. URL consultato il 25 aprile 2022.
  55. ^ (EN) Formula 1 Aramco Magyar Nagydíj 2020, su formula1.com, 19 luglio 2020.
  56. ^ Perché Honda lascia la Formula 1 e quale motore userà Red Bull?, su it.motorsport.com, 2 ottobre 2020. URL consultato il 15 gennaio 2022.
  57. ^ a b c F1: pubblicata l'entry list per il 2022, su tuttosport.com, 8 dicembre 2021. URL consultato il 15 gennaio 2022.
  58. ^ (EN) 2022 FIA Formula One World Championship Entry List, su fia.com, 14 marzo 2015. URL consultato il 25 febbraio 2022.
  59. ^ Storia di Raikkonen, l'anticonformista della F1, che seguiva la sua strada, su gazzetta.it, 3 settembre 2021. URL consultato il 15 gennaio 2022.
  60. ^ a b Valtteri Bottas si unisce all'Alfa Romeo Racing ORLEN con un accordo pluriennale, su media.stellantis.com, 6 settembre 2021.
  61. ^ F1, ufficiale Antonio Giovinazzi scaricato dall'Alfa Romeo: nel 2022 il cinese Guanyu Zhou sarà il compagno di Bottas, su eurosport.it, 16 novembre 2021. URL consultato il 15 gennaio 2022.
  62. ^ a b Guanyu Zhou si unisce al team Alfa Romeo Racing ORLEN per il campionato F1 2022, su media.stellantis.com, 16 novembre 2021. URL consultato il 15 gennaio 2022.
  63. ^ a b Ora è ufficiale: George Russell con Hamilton in Mercedes nel 2022, su gazzetta.it. URL consultato il 15 gennaio 2022.
  64. ^ a b La Williams ufficializza il pilota che affiancherà Latifi, su sport.sky.it, 8 settembre 2021. URL consultato il 15 gennaio 2022.
  65. ^ (EN) North Korea, Thailand, Indonesia ruled non-compliant by WADA, su reuters.com, 7 ottobre 2021. URL consultato il 7 ottobre 2021.
  66. ^ (EN) WADA removes National Anti-Doping Organizations of Indonesia and Thailand from World Anti-Doping Code non-compliant list, su wada-ama.org, 3 febbraio 2022. URL consultato il 4 febbraio 2022.
  67. ^ (EN) Champion Verstappen to run No.1 on Red Bull in 2022 as he reveals congratulations from Wolff and Hamilton, su formula1.com, 14 dicembre 2021. URL consultato il 19 gennaio 2022.
  68. ^ (EN) Haas to part ways with Nikita Mazepin ‘with immediate effect’, su formula1.com, 5 marzo 2022. URL consultato il 5 marzo 2022.
  69. ^ (EN) FIA announces World Motor Sport Council decisions in relation to the situation in Ukraine, su fia.com, 1º marzo 2022. URL consultato il 1º marzo 2022.
  70. ^ a b (EN) Kevin Magnussen to make sensational F1 return with Haas in 2022, su formula1.com, 9 marzo 2022. URL consultato il 9 marzo 2022.
  71. ^ a b (EN) Vettel to be replaced by Hulkenberg for 2022 Bahrain GP after positive Covid test, su formula1.com, 17 marzo 2022.
  72. ^ (EN) Vettel to miss second race of 2022, as Hulkenberg steps in for Aston Martin in Saudi Arabia, su formula1.com, 25 marzo 2022.
  73. ^ Mick Schumacher dimesso dall’ospedale: non correrà il GP, su formulapassion.it, 26 marzo 2022.
  74. ^ (EN) 2022 FIA Formula One World Championship Entry List, su fia.com, 10 marzo 2022. URL consultato il 10 marzo 2022.
  75. ^ Mercedes già nel 2022: acceso il motore della W13. Wolff si emoziona al telefono, su gazzetta.it, 23 dicembre 2022. URL consultato il 17 gennaio 2022.
  76. ^ Primi assaggi di Formula 1 2022: la nuova Red Bull si chiamerà RB18, su gazzetta.it, 14 gennaio 2022. URL consultato il 17 gennaio 2022.
  77. ^ Jüri Vips è stato pilota di riserva della Red Bull Racing fino al Gran Premio del Canada, cfr. Valerio Barretta, Razzismo, Red Bull licenzia Vips, su formulapassion.it, 28 giugno 2022. URL consultato il 28 giugno 2022.
  78. ^ F1, Liam Lawson sostituisce Juri Vips in Red Bull, su oasport.it, 2 luglio 2022. URL consultato il 6 luglio 2022.
  79. ^ Scelto il nome della monoposto 2022: F1-75, su ferrari.com, 1º febbraio 2022. URL consultato il 1º febbraio 2022.
  80. ^ a b Ferrari 2022: Giovinazzi e Schumacher le riserve, su formulapassion.it, 22 dicembre 2021. URL consultato il 6 luglio 2022.
  81. ^ Robert Švarcman è un pilota russo, ma è costretto a correre da atleta neutrale potendo utilizzare la bandiera della Federazione Internazionale dell'Automobile a causa del divieto degli emblemi nazionali russi a seguito dell'invasione russa dell'Ucraina, cfr. (EN) FIA announces World Motor Sport Council decisions in relation to the situation in Ukraine, su fia.com, 1º marzo 2022. URL consultato il 1º marzo 2022. Successivamente decide di utilizzare la licenza israeliana in virtù della doppia cittadinanza, cfr. Binotto blinda Shwartzman: “Ha licenza israeliana, resterà con noi”, su formulapassion.it, 29 aprile 2022. URL consultato il 19 giugno 2022.
  82. ^ McLaren MCL36, a Woking rivelano il telaio, su autosprint.corrieredellosport.it, 10 gennaio 2022. URL consultato il 17 gennaio 2022.
  83. ^ F1, la McLaren annuncia Colton Herta come collaudatore, su gazzetta.it, 12 marzo 2022. URL consultato il 12 marzo 2022.
  84. ^ Alpine, ecco il fire-up della A522, su formulapassion.it, 21 gennaio 2022. URL consultato il 21 gennaio 2022.
  85. ^ (EN) Craig Woollard, Doohan pronto per il primo stint di "supporto alla gara" alpina durante il GP d'Australia, su formulascout.com, 1º aprile 2022. URL consultato il 1º aprile 2022.
  86. ^ F1 | AlphaTauri ha passato i crash test della AT03, su it.motorsport.com, 12 gennaio 2022. URL consultato il 17 gennaio 2022.
  87. ^ F1, Aston Martin annuncia il nuovo Team Principal e la data di presentazione delle vettura 2022, su circusf1.com, 14 gennaio 2022. URL consultato il 17 gennaio 2022.
  88. ^ Alessio Mazzocco, La Williams annuncia la data di presentazione della monoposto 2022, su giornalemotori.com, 8 febbraio 2022. URL consultato l'8 febbraio 2022.
  89. ^ (EN) Alfa Romeo announce post-Barcelona launch date for their C42 challenger, su formula1.com, 2 febbraio 2022. URL consultato il 2 febbraio 2022.
  90. ^ F1 | Haas completa il crash test della nuova VF-22, su it.motorsport.com, 23 dicembre 2021. URL consultato il 17 gennaio 2022.
  91. ^ Gran Premio del Bahrein, Gran Premio d'Arabia Saudita, Gran Premio d'Australia, Gran Premio dell'Emilia-Romagna, Gran Premio di Miami, Gran Premio d'Azerbaigian, Gran Premio di Gran Bretagna, Gran Premio d'Austria.
  92. ^ Gran Premio di Spagna, Gran Premio di Monaco, Gran Premio del Canada, Gran Premio di Francia, Gran Premio d'Ungheria.
  93. ^ a b Gran Premio del Bahrein, Gran Premio d'Arabia Saudita, Gran Premio di Miami, Gran Premio di Monaco, Gran Premio di Francia.
  94. ^ a b Gran Premio d'Australia, Gran Premio dell'Emilia-Romagna, Gran Premio di Spagna, Gran Premio d'Azerbaigian, Gran Premio del Canada, Gran Premio di Gran Bretagna, Gran Premio d'Austria, Gran Premio d'Ungheria.
  95. ^ F1 | Ufficiale: Regolamento 2021 posticipato al 2022, su f1ingenerale.com, 19 marzo 2020. URL consultato il 17 gennaio 2022.
  96. ^ F1 | Ecco perché il Budget Cap non cala rispetto all'anno scorso, su it.motorsport.com, 4 gennaio 2022. URL consultato il 17 gennaio 2022.
  97. ^ Budget cap intatto: contro l’inflazione in arrivo un anticipo sugli introiti, su formulapassion.it, 28 giugno 2022.
  98. ^ a b Ufficiale: direttiva anti porpoising spostata al GP Belgio, su formulapassion.it, 8 luglio 2022.
  99. ^ Matteo Mazza, Analisi monoposto Formula 1 2022: ala anteriore e muso, su newsf1.it, 9 gennaio 2022. URL consultato il 17 gennaio 2022.
  100. ^ Bargeboard vietati nel 2022, su formula1.it, 31 gennaio 2021. URL consultato il 17 gennaio 2022.
  101. ^ F1 2022: ecco la monoposto a effetto suolo, su it.motorsport.com, 15 luglio 2021. URL consultato il 17 gennaio 2022.
  102. ^ La F1 cambia pelle: tutte le modifiche del 2022 per renderla più spettacolare, su gazzetta.it, 14 dicembre 2021. URL consultato il 17 gennaio 2022.
  103. ^ Regole 2022, stop allo sviluppo in galleria fino a febbraio, su autosprint.corrieredellosport.it, 25 marzo 2020. URL consultato il 17 gennaio 2022.
  104. ^ Restrizioni in galleria del vento: facciamo il punto, su f1world.it, 30 giugno 2021. URL consultato il 17 gennaio 2022.
  105. ^ Wolff: “Hamilton potrebbe saltare il GP Canada”, su formulapassion.it, 12 giugno 2022.
  106. ^ Sollievo Hamilton: “Non perderei il GP del Canada per nulla al mondo”, su formulapassion.it, 13 giugno 2022.
  107. ^ Porpoising e sicurezza, in arrivo l’indagine FIA, su formulapassion.it, 14 giugno 2022.
  108. ^ Porpoising, interviene la FIA: c’è la direttiva tecnica, su formulapassion.it, 16 giugno 2022.
  109. ^ Porpoising: in Canada FIA non applicherà penalità, su formulapassion.it, 17 giugno 2022.
  110. ^ Direttiva porpoising attiva da GP Francia: due gare per ‘mettersi in regola’, su formulapassion.it, 30 giugno 2022.
  111. ^ Dalla Germania: direttiva FIA ai voti il 2 agosto, su formulapassion.it, 27 luglio 2022.
  112. ^ Direttiva tecnica: porpoising misurato solo in rettilineo, su formulapassion.it, 28 luglio 2022.
  113. ^ FIA: così i nuovi test di rigidezza per le ali, su formulapassion.it, 30 giugno 2022.
  114. ^ (EN) Formula 1’s 2021 regulations: What will the cars look like in 2022?, su autosport.com, 26 gennaio 2021. URL consultato il 17 gennaio 2021.
  115. ^ Roberto Chinchero, F1 | Il peso minimo cresce solo di 3 kg: scelta di compromesso, su it.motorsport.com, 7 marzo 2022. URL consultato il 7 marzo 2022.
  116. ^ La Formula 1 approva il congelamento dei motori dal 2022: cosa significa, su fanpage.it, 11 febbraio 2021. URL consultato il 17 gennaio 2022.
  117. ^ F1, congelato lo sviluppo dei motori dal 2022 al 2025. Sprint Race di sabato, c'è l'ok di massima, su repubblica.it, 11 febbraio 2021. URL consultato il 17 gennaio 2022.
  118. ^ a b F1 2022: Le 10 novità che vedremo in Formula 1 nel prossimo mondiale, su circusf1.com, 2 gennaio 2022. URL consultato il 17 gennaio 2022.
  119. ^ Consiglio Mondiale, le modifiche ai regolamenti F1, su formulapassion.it, 29 giugno 2022.
  120. ^ Regolamento: chiarita la temperatura del carburante, su formulapassion.it, 30 giugno 2022.
  121. ^ F1 2022: Pirelli e le gomme da 18 pollici, su formulapassion.it, 15 luglio 2021. URL consultato il 17 gennaio 2022.
  122. ^ Piergiuseppe Donadoni, Ritorno al passato: ecco i copricerchi per le F1 2022, su formu1a.uno, 12 maggio 2021. URL consultato il 17 gennaio 2022.
  123. ^ Gare sprint 2022: rivelate le sei sedi, su formulapassion.it, 4 dicembre 2021. URL consultato il 4 dicembre 2021.
  124. ^ Gabriele Sini, F1, le sei piste candidate per le Sprint Qualifying 2022. C'è un'italiana, su quotidiano.net, 4 dicembre 2021. URL consultato il 17 gennaio 2022.
  125. ^ Franco Nugnes, F1 | Sprint Race: proposte solo tre gare, ma non c'è accordo, su it.motorsport.com, 3 febbraio 2022. URL consultato il 3 febbraio 2022.
  126. ^ Valerio Barretta, Ufficiale: tre Sprint nel 2022, su formulapassion.it, 14 febbraio 2022. URL consultato il 14 febbraio 2022.
  127. ^ Valerio Barretta, Confermate le prove libere da 60 minuti, su formulapassion.it, 31 gennaio 2022. URL consultato il 31 gennaio 2022.
  128. ^ (EN) 2022 Start Time Information (PDF), su fia.com. URL consultato il 21 febbraio 2022.
  129. ^ Roberto Chinchero, F1 Commission | Tre sprint race, ma nessuna decisione su Masi, su it.motorsport.com, 14 febbraio 2022. URL consultato il 14 febbraio 2022.
  130. ^ (EN) FIA make changes to Safety Car rules ahead of 2022 F1 season start, su formula1.com, 16 marzo 2022.
  131. ^ FIA rivede procedura di rientro della Safety Car, su formulapassion.it, 18 febbraio 2022.
  132. ^ Rientro Safety Car, FIA cambia ancora le regole, su formulapassion.it, 15 marzo 2022. URL consultato il 15 marzo 2022.
  133. ^ Sostituzione cambio: niente più vincolo di utilizzo in GP consecutivi, su formulapassion.it, 19 febbraio 2022.
  134. ^ F1 2022: cade l'obbligo di partire con la gomma della Q2, su it.motorsport.com, 12 luglio 2021. URL consultato il 17 gennaio 2022.
  135. ^ Reprimende: limite per la penalità alzato da tre a cinque, su formulapassion.it, 19 febbraio 2022.
  136. ^ Marco Belloro, Nel 2022 saranno obbligatorie sessioni di prove libere riservate ai giovani, su formulapassion.it, 11 settembre 2021. URL consultato l'11 settembre 2021.
  137. ^ Stefano Ollanu, Ufficiale: il weekend di Monaco 2022 sarà di soli 3 giorni, su formulapassion.it, 22 settembre 2021. URL consultato il 22 settembre 2021.
  138. ^ Matteo Senatore, F1: vaccino obbligatorio per tutto il personale, su formulapassion.it, 31 gennaio 2022. URL consultato il 31 gennaio 2022.
  139. ^ Safety Car: Verstappen avvisato, vietato affiancarsi, su formulapassion.it, 9 aprile 2022.
  140. ^ F1 | La FIA pubblica le regole di condotta per i sorpassi, su it.motorsport.com, 22 aprile 2022.
  141. ^ FIA, operativa la norma ‘anti gioielli’: c’è anche l”intimo conforme’, su formulapassion.it, 6 maggio 2022.
  142. ^ Gioielli, rischio stangate: alla terza violazione punti in meno in campionato, su formulapassion.it, 6 maggio 2022.
  143. ^ (EN) Initial Scrutineering, gearbox issues (PDF), su fia.com, 6 maggio 2022.
  144. ^ (EN) Initial Scrutineering (PDF), su fia.com, 6 maggio 2022.
  145. ^ Hamilton: 2 gare di tempo per togliere i piercing, su formulapassion.it, 7 maggio 2022.
  146. ^ Caso gioielli: proroga fino al 30 giugno, su formulapassion.it, 27 maggio 2022.
  147. ^ Caso gioielli: Hamilton crede nell’esenzione annuale, su formulapassion.it, 1º luglio 2022.
  148. ^ Caso gioielli, Hamilton ha rimosso i piercing, su formulapassion.it, 2 luglio 2022.
  149. ^ Entrata-uscita box, chiarimenti post-Monaco: la linea può essere toccata, su formulapassion.it, 9 giugno 2022.
  150. ^ Binotto: “Chiederemo spiegazioni alla FIA, la gara per noi non è finita”, su formulapassion.it, 29 maggio 2022.
  151. ^ Caso-Verstappen: Horner conferma la protesta Ferrari, su formulapassion.it, 29 maggio 2022.
  152. ^ (EN) Decision - Protest lodged against Car 1 (PDF), su fia.com, 29 maggio 2022.
  153. ^ (EN) Decision - Protest lodged against Car 11 (PDF), su fia.com, 29 maggio 2022.
  154. ^ Conferenza stampa, possibile un ritorno al giovedì, su formulapassion.it, 23 giugno 2022.
  155. ^ Terremoto in Formula 1: Michael Masi licenziato come direttore di gara dalla Fia, su fanpage.it. URL consultato il 20 febbraio 2022.
  156. ^ Ufficiale: Masi non sarà il Direttore di Gara 2022, su formulapassion.it, 17 febbraio 2022.
  157. ^ (FR) Statistiques Pilotes-Divers-Hat trick-LECLERC Charles, su statsf1.com. URL consultato il 21 marzo 2021.
  158. ^ Sakhir - La cronaca-Leclerc-Sainz, doppietta Ferrari, su italiaracing.net, 20 marzo 2021. URL consultato il 21 marzo 2021.
  159. ^ (FR) Ferrari-Doublés, su statsf1.com. URL consultato il 21 marzo 2021.
  160. ^ (FR) Statistiques Pilotes-Points-Grand Prix disputés avant, su statsf1.com. URL consultato il 21 marzo 2021.
  161. ^ (EN) Ferrari end 45-race win drought in Bahrain Grand Prix, as Zhou scores on debut, su formula1.com, 20 marzo 2022.
  162. ^ Jeddah - La cronaca-Verstappen-Leclerc, grande duello, su italiaracing.net, 27 marzo 2022. URL consultato il 28 marzo 2022.
  163. ^ (EN) Zero to hero for Red Bull, and a rare achievement for Hamilton, su formula1.com, 27 marzo 2022.
  164. ^ Melbourne - La cronaca-Dominio Ferrari con Leclerc, su italiaracing.net, 10 aprile 2022. URL consultato il 10 aprile 2022.
  165. ^ (EN) Leclerc takes first Ferrari grand slam since 2010, su formula1.com, 10 aprile 2022.
  166. ^ Imola - La cronaca-Doppietta Red Bull, naufragio Ferrari, su italiaracing.net, 24 aprile 2022. URL consultato il 24 aprile 2022.
  167. ^ (EN) A grand slam first, and Red Bull's maiden double score at Imola, su formula1.com, 24 aprile 2022.
  168. ^ Verstappen, Grand Chelem da record: è il più giovane di sempre ad averne due, su formulapassion.it, 25 aprile 2022.
  169. ^ Miami - La cronaca Verstappen beffa ancora la Ferrari, su italiaracing.net, 9 maggio 2022. URL consultato il 9 maggio 2022.
  170. ^ (EN) Verstappen does US double as Russell maintains top-5 run, su formula1.com, 8 maggio 2022.
  171. ^ Montmelò - La cronaca-Verstappen 1° e leader del mondiale, su italiaracing.net, 22 maggio 2022. URL consultato il 22 maggio 2022.
  172. ^ (EN) Sainz’s best-ever home race as Verstappen goes one better than girlfriend’s dad, su formula1.com, 22 maggio 2022.
  173. ^ (FR) Paul Gombeaud, Une panne de courant à l’origine du premier report du GP de Monaco, su motorsport.nextgen-auto.com, 29 maggio 2022. URL consultato il 30 maggio 2022.
  174. ^ Montecarlo - La cronaca-Gara eterna, la rivincita di Perez, su italiaracing.net, 29 maggio 2022. URL consultato il 29 maggio 2022.
  175. ^ (FR) Emmanuel Touzot, Pérez gagne le Grand Prix de Monaco F1 au terme d’une course folle, su motorsport.nextgen-auto.com, 29 maggio 2022. URL consultato il 29 maggio 2022.
  176. ^ (EN) Perez becomes most successful Mexican F1 driver, as Leclerc takes first-ever home finish, su formula1.com, 29 maggio 2022.
  177. ^ Baku - La cronaca-Doppietta Red Bull, crollo Ferrari, su italiaracing.net, 12 giugno 2022. URL consultato il 13 giugno 2022.
  178. ^ (EN) Verstappen matches Clark-Lauda win tally with record 66th Red Bull podium, su formula1.com, 12 giugno 2022.
  179. ^ Montreal - La cronaca-Un Verstappen perfetto batte Sainz, su italiaracing.net, 19 giugno 2022. URL consultato il 20 giugno 2022.
  180. ^ (EN) Verstappen’s Montreal triumph moves Red Bull above Lotus in wins list, su formula1.com, 19 giugno 2022.
  181. ^ Silverstone - La cronaca-Sainz rompe il ghiaccio, magico Hamilton, Perez che recupero, su italiaracing.net, 3 luglio 2022. URL consultato il 3 luglio 2022.
  182. ^ (EN) Hamilton sets new podium record, as Sainz becomes Spain’s second F1 winner, su formula1.com, 3 luglio 2022.
  183. ^ (FR) Statistiques Pilotes-Victoires-Chronologie, su statsf1.com. URL consultato il 3 luglio 2022.
  184. ^ 16 anni consecutivi in testa: nuovo record per Hamilton, su formulapassion.it, 5 luglio 2022.
  185. ^ Spielberg - La cronaca-Leclerc strepitoso batte Verstappen, su italiaracing.net, 10 luglio 2022. URL consultato il 10 luglio 2022.
  186. ^ (EN) Three Verstappen passes take Leclerc to Ferrari’s first Austria win since 2003, su formula1.com, 10 luglio 2022.
  187. ^ Le Castellet - La cronaca-Verstappen facile, Leclerc sbaglia tutto, su italiaracing.net, 24 luglio 2022. URL consultato il 24 luglio 202.
  188. ^ (EN) Verstappen matches Stewart’s win tally, as Alonso breaks Raikkonen record, su formula1.com, 24 luglio 2022.
  189. ^ Budapest - La cronaca-Verstappen da decimo a primo-Mercedes doppio podio, Ferrari assurda, su italiaracing.net, 31 luglio 2022. URL consultato il 31 luglio 2022.
  190. ^ (EN) Verstappen matches Red Bull’s best-ever recovery win, su formula1.com, 31 luglio 2022.
  191. ^ Pierre Gasly, qualificatosi diciannovesimo nelle qualifiche del Gran Premio d'Ungheria, parte dalla pit lane in quanto i nuovi componenti della power unit installati sono stati sostituiti mentre la vettura era sotto il regime di parco chiuso senza l'autorizzazione del delegato tecnico della Federazione, cfr. (EN) Formula 1 Aramco Magyar Nagydíj 2022 - Starting Grid, su formula1.com, 31 luglio 2022.
  192. ^ Lance Stroll non registra nessun tempo nelle qualifiche del Gran Premio d'Australia a causa di una collisione con Nicholas Latifi. Viene autorizzato alla partenza da parte dei commissari, cfr. (EN) Formula 1 Heineken Australian Grand Prix 2022 - Starting Grid, su formula1.com, 9 aprile 2022.
  193. ^ Yuki Tsunoda non registra nessun tempo nelle qualifiche del Gran Premio d'Arabia Saudita a causa di un guasto tecnico sulla vettura. Viene autorizzato alla partenza da parte dei commissari, cfr. (EN) Formula 1 STC Saudi Arabian Grand Prix 2022 - Starting Grid, su formula1.com, 26 marzo 2022.
  194. ^ Alexander Albon, qualificatosi in sedicesima posizione nelle qualifiche del Gran Premio d'Australia, viene squalificato in quanto è stato possibile estrarre dalla vettura solo 0,33 litri di carburante invece di un litro come stabilito dal regolamento tecnico, cfr. (EN) Offence - Car 23 - Fuel sample (PDF), su fia.com, 9 aprile 2022. Viene autorizzato alla partenza da parte dei commissari, cfr. (EN) Formula 1 Heineken Australian Grand Prix 2022 - Starting Grid, su formula1.com, 9 aprile 2022.
  195. ^ Alexander Albon non registra nessun tempo nelle qualifiche del Gran Premio dell'Emilia-Romagna a causa di un principio d'incendio sulla vettura. Viene autorizzato alla partenza della Sprint da parte dei commissari, cfr. (EN) Formula 1 Rolex Gran Premio del Made in Italy e dell'Emilia-Romagna 2022 - Sprint Grid, su formula1.com, 22 aprile 2022.
  196. ^ Esteban Ocon non prende parte alle qualifiche del Gran Premio di Miami a causa di un incidente nella terza sessione di prove libere. Viene autorizzato alla partenza da parte dei commissari, cfr. (EN) Formula 1 Crypto.com Miami Grand Prix 2022 - Starting Grid, su formula1.com, 7 maggio 2022.
  197. ^ Mick Schumacher, qualificatosi in quattordicesima posizione nelle qualifiche del Gran Premio d'Arabia Saudita, non prende parte alla gara a causa di un incidente. I piloti qualificatosi alle sue spalle scalano di una posizione in griglia di partenza, cfr. Mick Schumacher dimesso dall’ospedale: non correrà il GP, su formulapassion.it, 26 marzo 2022.
  198. ^ La Sprint si disputa nel Gran Premio dell'Emilia-Romagna, nel Gran Premio d'Austria e nel Gran Premio di San Paolo, cfr. Valerio Barretta, Ufficiale: tre Sprint nel 2022, su formulapassion.it, 14 febbraio 2022. URL consultato il 14 febbraio 2022.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Formula 1: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Formula 1