Festival di Sanremo

festival musicale della canzone italiana
(Reindirizzamento da Festival della canzone italiana)

Il Festival della canzone italiana, più comunemente Festival di Sanremo (per semplicità anche solo Sanremo), è un festival musicale che si tiene ogni anno in Italia, a Sanremo, a partire dal 1951. Vi hanno preso parte come concorrenti, ospiti o compositori, molti dei personaggi più noti della musica leggera italiana ed è considerato uno dei più importanti e longevi festival musicali al mondo.

Festival di Sanremo
Festival della canzone italiana
LuogoTeatro Ariston, Sanremo (IM)
Annidal 1951
Frequenzaannuale
Fondato daAngelo Nicola Amato, Angelo Nizza e Pier Busseti
Dateultimi giorni di gennaio, febbraio, primi giorni di marzo
Generemusicale
OrganizzazioneRai
Sito ufficialewww.rai.it/programmi/sanremo/

Rappresenta uno dei principali eventi mediatici italiani, con un certo riscontro anche all'estero, in quanto viene trasmesso in diretta sia televisiva, sulla Rai e in Eurovisione, sia radiofonica. Al vincitore o alla vincitrice del Festival viene consegnata la statuetta del Leone di Sanremo, simbolo dello stemma comunale, che è il riconoscimento più prestigioso per i musicisti e gli interpreti italiani di musica leggera.

Il formato del festival si basa da sempre su una gara tra brani obbligatoriamente inediti e scritti da autori italiani, selezionati nei mesi immediatamente precedenti da commissioni apposite o dagli organizzatori del festival stesso.

I brani devono essere composti con testi in lingua italiana oppure in una delle altre lingue locali d'Italia[1]. Essi, dopo essersi esibiti, vengono votati da giurie scelte (demoscopiche, di addetti ai lavori, di consumatori) e/o mediante il voto popolare sotto forma di televoto (in passato anche tramite concorsi di vario genere, come il Totip dal 1984 al 1989), le quali proclamano e premiano i tre brani più votati, o in alcuni casi i soli vincitori assoluti, tra quelli in gara nella sezione principale, denominata a seconda delle edizioni Big, Campioni o Artisti, e in quella degli artisti emergenti, definita generalmente Nuove proposte o Giovani. Vengono assegnati anche altri riconoscimenti speciali, tra cui il Premio della critica, creato ad hoc dalla stampa specializzata nel 1982 per premiare la qualità del brano di Mia Martini E non finisce mica il cielo, intitolato alla stessa cantante a partire dall'edizione del 1996, l'anno successivo alla sua scomparsa (12 maggio 1995).

Non sempre la musica e il canto sono stati eseguiti dal vivo: oltre a sporadiche esecuzioni con basi musicali preregistrate nel corso degli anni, durante le edizioni degli anni '80 l'orchestra fu sempre assente e gli artisti si esibirono su basi musicali preregistrate, arrivando a cantare completamente in playback a partire dalla serata finale di Sanremo 1983 (a causa di problemi tecnici nelle prime due serate) e continuando così per altre tre edizioni, ritornando al solo canto dal vivo dall'edizione del 1987 e all'orchestra dal 1990. Il playback fu alle volte utilizzato anche per ottenere degli effetti particolari (come la simulazione di particolari effetti eco o di riverbero, oppure per la simulazione della voce della coscienza interiore, come nell'esibizione di Eros Ramazzotti nell'edizione del 1985 mentre presentava la canzone Una storia importante).

In origine la sede della kermesse era il salone delle feste del Casinò di Sanremo[2] e il periodo di svolgimento era variabile tra gennaio e marzo, mentre dal 1977 si svolge presso il teatro Ariston della città ligure (a parte l'edizione del 1990, svoltasi al nuovo mercato dei fiori nella frazione di Bussana), in un periodo che, dal 1983, oscilla tra i primi giorni di febbraio e la prima decade di marzo.

Dal 1956 (ad eccezione del periodo tra il 1998 e il 2010 e di molte altre occasioni) il vincitore della competizione ottiene il diritto di rappresentare l'Italia all'Eurovision Song Contest; tuttavia, ciò non rappresenta un obbligo per il cantante, che può rimettere alla Rai la decisione sul rappresentante italiano. Negli ultimi anni, tra i premi collaterali, ha ottenuto attenzioni mediatiche il "Premio Lunezia per Sanremo", conferimento musical-letterario patrocinato dal Ministero della cultura, che viene consegnato in Sala Stampa ad una delle canzoni in gara e quindi ai suoi autori.

Storia modifica

Antefatti (1932-1950) modifica

 
La storica "Capannina del Marco Polo", nella Pineta di Ponente di Viareggio

Nel 1932, in un momento di crescita turistica di Sanremo, il concessionario del locale Casinò municipale, il napoletano Luigi De Santis,[3] organizzò una kermesse natalizia della canzone napoletana, che si svolse proprio nel salone delle feste del Casinò dal 24 dicembre 1931 al 1º gennaio 1932 con il titolo di Festival partenopeo di canti, tradizioni e costumi,[4] ripreso dalle cineprese del regime fascista[5].

Nell'estate del 1936 venne organizzato nel parco del Kursaal di Rimini il Festival della Canzone Italiana, promosso dall’Azienda autonoma di Soggiorno, con il patrocinio del Ministero per la stampa e la propaganda, e del quale l'Ente Italiano Audizioni Radiofoniche trasmise in diretta le canzoni finaliste. L'evento, organizzato da Valfredo Montanari e dal direttore della banda Città di Rimini, Antonio Di Jorio, riscosse grande successo di pubblico, ma venne invece stroncato dalla critica, in particolare da Michele Campagna. L'anno seguente il concorso venne nuovamente organizzato, con le stesse diverse accoglienze: positiva da parte del pubblico e negativa dalla critica.

Nel 1938 l'evento riminese cambiò invece nome in Le due serate della canzone italiana e assunse un nuovo format: non più brani inediti e non più competizione, ma questa volta non ottenne un riscontro positivo da parte del pubblico, che perse interesse[6][7]. Nel 1939, Le due serate della canzone italiana vennero nuovamente proposte, questa volta per iniziativa di privati al Cinema Parco, ottenendo un riscontro ancora minore, e di conseguenza non venendo più ripetute[6].

Immediatamente dopo la guerra, nel 1945, l'ex partigiano e floricoltore Amilcare Rambaldi fu incaricato dal Comitato di Liberazione Nazionale di ideare degli eventi per rilanciare l’economia di Sanremo. Memore del Festival partenopeo di canti, tradizioni e costumi a quale aveva assistito -allora ventenne- nel 1932 al Casinò di Sanremo, tra le varie ipotesi, propose di indire un concorso di canzoni italiane nel salone delle feste della Casinò, ma la proposta fu bocciata.[8]

Nell’estate del 1947, a Viareggio, Aldo Valleroni propose di realizzare un concorso canoro per presentare i nuovi brani musicali e al tempo stesso allietare la stagione balneare viareggina. Preparò il bando di gara e prese contatti con le case discografiche; il primo cantante che aderì fu Tino Vailati. Tuttavia, l'Azienda Autonoma di Soggiorno di Viareggio bocciò l'iniziativa e, rifiutandosi di contribuire economicamente, non ne permise la realizzazione[9]. Tuttavia, l'idea piacque molto ad Alberto Sargentini, presidente del Comitato Festeggiamenti del comune, ente che organizzava anche il celebre Carnevale di Viareggio, che si impegnò a realizzarla l'anno seguente[9].

L'11 agosto 1947 fu invece Rimini a organizzare al Teatro Novelli il Festival della Canzone Italiana, promosso dall’Azienda Autonoma di Soggiorno. L'evento fu pubblicizzato sulla stampa nazionale, e si inscrissero alla gara 129 composizioni provenienti da tutta Italia, delle quali ne furono selezionate 17. Fra i cantanti che parteciparono si annoverano Silvana Pampanini, Corrado Lojacono, Vittorio Caprioli e Vittorio Corcelli[6]. La commissione esaminatrice, indecisa su quale brano premiare, decise di non assegnare premio di 50.000 lire, ma di rimetterlo in palio per l'edizione del 1948, che tuttavia non avrebbe mai avuto luogo[7].

Così, il 25 agosto 1948 fu la volta di Viareggio. Alla "Capannina del Marco Polo" di Sergio Bernardini, nella Pineta di Ponente, su iniziativa di Alberto Sargentini e di Aldo Valleroni, andò in scena il Festival della Canzone Italiana.[10][11]

L'edizione viareggina del 1948 fu trasmessa in diretta radiofonica e fu presentata da Amerigo Gomez della RAI di Firenze. Vide l’accompagnamento dell’orchestra diretta dal maestro Francesco Ferrari e la partecipazione di dieci cantanti, tra i quali Narciso Parigi, Brenda Gjoi e Silvano Lalli[12]. All'organizzazione presero parte anche il direttore della RAI di Firenze Aldo Angelini, l'editore musicale romano Silvio Da Rovere, che contribuì alla stesura del regolamento, Ruggero Righini e Giancarlo Fusco[13][12]. Le spese furono coperte dal Comitato Festeggiamenti per 100.00 lire e da Sergio Bernardini per 50.000 lire[12], mentre gli accumulatori elettrici furono messi a disposizione dalle truppe USA di stanza a Camp Darby presso Tirrenia e le sedie per il pubblico dalle parrocchie cittadine[13]. La competizione fu vinta da Serenata al primo amore di Pino Moschini.

La manifestazione fu replicata anche il 25 agosto dell'anno successivo, con maggiori investimenti, sempre ripartiti tra il Comitato Festeggiamenti e Sergio Bernardini, e più canzoni in gara, riscontrando ancora una volta un notevole successo. L'edizione del 1949 vide la vittoria de Il topo di campagna di Narciso Parigi, samba scritto da Aldo Valleroni, inciso poi per la Cetra da Francesco Ferrari e dal Quartetto Stars[9][14].

Nel 1950, condizioni meteorologiche avverse penalizzarono il Carnevale di Viareggio, e di conseguenza il comune tagliò alcune spese, tra le quali quelle per il Festival della Canzone Italiana[12]. Dal momento che Sergio Bernardini non poteva coprire da solo tutte le spese, si tentò nuovamente di avere un contributo dall'azienda autonoma di soggiorno, ma l'allora direttore, il marchese Bottini, non credendo nel potenziale della manifestazione, nonostante il successo riscosso, rispose in modo sarcastico e sprezzante, rifiutando la richiesta[9]. A causa di mancanza di fondi, il festival non ebbe quindi luogo.

Il successo delle edizioni viareggine del 1948 e 1949 e il loro successivo abbandono da parte della cittadina versiliese avrebbe portato alla nascita dell'attuale Festival di Sanremo.[10][9][15][16][17][18]

Infatti, il gestore del casinò di Sanremo, Pier Busseti, essendosi trovato a Viareggio nell'estate del 1949, aveva intuito il potenziale del festival e si era convinto a riproporlo a Sanremo[10][19].

Sulla falsariga dell'esperienza delle edizioni viareggine del Festival della Canzone Italiana, Aldo Valleroni fondò dieci anni dopo il Burlamacco d'oro, o Festival di Viareggio, che ebbe luogo nella cittadina versiliese dal 1958 al 1965.

Nascita e primi anni (1951-1959) modifica

 
Il Casinò di Sanremo, sede del Festival dal 1951 al 1976.
 
Angelo Amato foto del 1948 dal libro L'uomo che inventò il Festival della canzone di Sanremo

L'idea di un Festival della Canzone italiana venne ripresa a Sanremo da Pier Busseti, gestore del Casinò di Sanremo che, essendosi trovato in vacanza a Viareggio durante gli anni in cui fu organizzato il festival nella cittadina toscana, si era reso conto della riuscita e del potenziale dell'evento[10]. Busseti tornò a parlarne con Amilcare Rambaldi al fine di recuperare la sua vecchia idea e insieme ispirarono il giornalista e conduttore radiofonico torinese Angelo Nizza, che cercò di trovare un accordo con le Radio Audizioni Italiane, mentre il direttore del Casinò Angelo Nicola Amato sparse la voce tra le case discografiche di Milano per spingerle ad inviare i propri cantanti.

L'organizzazione scelse di far svolgere la manifestazione nei mesi invernali, probabilmente per incrementare il turismo nella città, che a differenza di Viareggio non poteva contare sul traino delle località vicine e su un carnevale con un richiamo di pubblico altrettanto elevato. La prima edizione del Festival venne così organizzata per il 29 gennaio 1951 e si svolse nel salone delle feste del Casinò, la stessa location dell’antesignano festival partenopeo. Condotta da Nunzio Filogamo, particolarmente noto per il suo saluto radiofonico agli "amici vicini e lontani", a questa edizione presero parte 3 interpreti, Nilla Pizzi, il Duo Fasano e Achille Togliani, che si alternarono nell'esibizione di 20 brani inediti. L'evento fu accolto molto freddamente dalla stampa e dai critici musicali dell'epoca, così come dal pubblico in sala che continuò a cenare e parlottare durante le esecuzioni. A vincere la prima storica edizione fu Nilla Pizzi con Grazie dei fiori.[20]

Sulla falsariga del festival di canzoni napoletane che si svolse nella città dei fiori più di vent'anni prima, le case discografiche di Napoli sollecitarono alla Rai anche un festival della canzone partenopea. Poco più di un anno dopo la prima edizione della kermesse sanremese, il 28 settembre 1952, prese il via anche il Festival della Canzone napoletana, nella cornice del Teatro Mediterraneo, all’interno della moderna Mostra d’Oltremare.

La seconda edizione del Festival di Sanremo trovò un maggiore riscontro dagli autori e dagli editori musicali.[21] I partecipanti salirono a 5, ma a vincere, come l'anno prima, fu Nilla Pizzi con la «serenata popolareggiante» Vola colomba, che si aggiudicò anche il resto del podio con Papaveri e papere e Una donna prega, risultato mai più ripetuto nella storia del Festival.[22][23]

L'edizione del 1953 segnò il primo cambio nel regolamento di un certo rilievo: venne infatti introdotto l'obbligo della doppia interpretazione per ogni brano musicale con una diversa orchestra: una di tipo "classico" (in quell'anno diretta da Cinico Angelini) e una di tipo più "moderno" (condotta in quell'occasione da Armando Trovajoli).[21][24]

La quinta edizione fu la prima ad essere trasmessa in diretta radio-televisiva dal Programma Nazionale, nonché la prima in cui la finale fu trasmessa in Eurovisione.[25] Nell'edizione del 1956, in via del tutto eccezionale, i sei partecipanti al Festival furono selezionati con un concorso per "voci nuove", a cui presero parte 6.656 aspiranti[26]. Nello stesso anno, ispirandosi al Festival, la neonata Unione europea di radiodiffusione diede vita all'Eurovision Song Contest, la cui prima edizione - al quale prese parte anche l'Italia con la vincitrice dell'edizione, Franca Raimondi, e la seconda classificata, Tonina Torrielli[27] - si svolse a Lugano, in Svizzera.

 
Domenico Modugno durante la sua esecuzione di Nel blu dipinto di blu al Festival di Sanremo 1958.

A dominare il Festival nelle sue prime edizioni fu la canzone tradizionale italiana,[28] all'epoca poco apprezzata,[29] il cui testo «non esce di un millimetro dal solco Dio-Patria-Famiglia».[30] Tuttavia, già con Papaveri e papere (oggi nota come una sottile presa in giro rivolta alla Democrazia Cristiana e, al contempo, come un accenno di denuncia della condizione di subalternità della donna nella società italiana dell'epoca)[31] e poi con Canzone da due soldi di Katyna Ranieri, iniziò a farsi spazio un tipo di canzone diversa da quelle «così proverbialmente sciroppose e stucchevoli»,[32] con un lessico più colloquiale e allegro.[26] Fu comunque solo nell'edizione del 1958, con la vittoria di Domenico Modugno (in coppia con Johnny Dorelli) e la sua Nel blu dipinto di blu,[33][34] diventata negli anni una delle canzoni italiane più conosciute ed eseguite di sempre in tutto il mondo, che si aprì una nuova fase per il Festival e per la canzone italiana: quella della «commistione di autore e interprete» che fu confermata nel 1960 con la vittoria di Renato Rascel con Romantica in coppia con Tony Dallara.[35]

L'esplosione negli anni '60 e il declino negli anni '70 modifica

Gli anni sessanta si aprirono con l'improvvisa decisione della SIAE di vietare la partecipazione dei propri autori all'edizione del 1961, che però non fu seguita dalla maggioranza degli aderenti.[36] Negli anni successivi si registrò l'inizio della cosiddetta "era Bongiorno", dal nome del conduttore Mike Bongiorno, che presentò le edizioni dal 1963 al 1967,[37][38] e fecero il loro esordio sul palco gli "urlatori" come Mina (la quale, dopo la delusione per non essere nemmeno salita sul podio nel 1961, decise di non prendere mai più parte al Festival come concorrente),[39] Adriano Celentano e Bobby Solo, i cantautori come Gino Paoli e Umberto Bindi e i gruppi beat (questi ultimi «sopportati più che supportati»,[40] anche per problemi di organizzazione).[41][42]

A vincere però fu perlopiù la musica melodica: la vittoria più rilevante del periodo fu quella di Gigliola Cinquetti al Festival del 1964 con Non ho l'età (per amarti), con la quale vinse anche l'Eurovision Song Contest dello stesso anno.[43] Sempre nel 1964 venne estesa la partecipazione anche ai cantanti stranieri, che parteciparono in forze a quell'edizione (fra i tanti Paul Anka, Gene Pitney, Ben E. King e Antonio Prieto):[44] la nuova regola fu «pensata come confronto tra interpreti italiani e stranieri», ma soprattutto «aspirava sia ad arricchire di nuova linfa la musica leggera sia a esportare oltre i pochi consueti mercati la nostra produzione».[45] Questa innovazione fu tuttavia abbandonata già con l'edizione del 1966.[46]

Nel frattempo, i temi sociali e la contestazione iniziarono ad apparire sul palco del Casinò. Nell'edizione del 1966, Adriano Celentano presentò Il ragazzo della via Gluck, subito eliminata dalla competizione; l'anno successivo, gli intenti "rivoluzionari" (sebbene estremamente edulcorati) dei giovani fecero capolino con La rivoluzione di Gianni Pettenati e Proposta de I Giganti. Il 1967 viene ricordato soprattutto per il suicidio del cantautore genovese Luigi Tenco, dopo che la sua canzone Ciao amore ciao (cantata in coppia con Dalida e che raccontava il disagio di un Paese che, nonostante il miracolo economico, aveva «ancora sacche paurose di povertà e di indigenza») era stata eliminata dalla finale.[47][48][49]

 
Una delle foto di Dalida e Tenco nel gennaio 1967
 
Il luogo esatto della foto precedente, la scalinata che dal Casinò porta a corso Imperatrice

La morte di Tenco, semplicemente accennata, «tacendo persino il nome della vittima», durante il festival da Mike Bongiorno, «concluse la fase aurea del racconto di Sanremo», dando inizio ad «un convulso lungo periodo dopo il quale l'Italia non fu più la stessa e, conseguentemente, neppure la trama che il Festival ne forniva».[50]

Nonostante questo, l'edizione del 1968 «costituì il maggiore sforzo dell'aspirazione del Festival a rappresentare sul piano della musica leggera tutto ciò che si muoveva nel paese»:[51] presentata per la prima volta da Pippo Baudo,[37] vide la vittoria di Sergio Endrigo (tanto a testimonianza dell'imporsi dei cantautori nel mercato musicale, quanto una sorta di "vittoria di compensazione" per quanto accaduto con Tenco).[52][53] Sempre in quella edizione esordirono anche Fausto Leali, Al Bano e Massimo Ranieri, «tutti e tre, in modi diversi, ben piantati nei caratteri eterogenei dei ragazzi di allora».[54]

Le tre edizioni del 1969 (vinta da Iva Zanicchi e Bobby Solo con Zingara), 1970 (vinta da Celentano e Claudia Mori con Chi non lavora non fa l'amore) e 1971 (vinta da Nada e Nicola Di Bari con Il cuore è uno zingaro), ma soprattutto i grandi successi di Lucio Dalla (4/3/1943 nel 1971 e Piazza Grande nel 1972) e Roberto Vecchioni (L'uomo che si gioca il cielo a dadi nel 1973)[55] «non evidenziarono pienamente la crisi della manifestazione», che ormai si avviava a un periodo di declino.[56].

La Rai, nel 1971, privò il Festival della Canzone napoletana delle sue telecamere, decretandone la fine, e decise, a partire dal 1973, di trasmettere solo la serata finale del Festival di Sanremo.[57][58] «Anche la tanto sbandierata trasmissione in Eurovisione accomunava in realtà l'Italia alle aree arretrate dell'Est e dell'Ovest: nel 1973, infatti, si collegarono l'URSS e i paesi del socialismo reale» così come «Turchia, Cipro, Spagna e Portogallo, ove ancora per poco sopravvissero i fascismi»,[59] mentre dal punto di vista musicale, il Festival virò pesantemente sulla via «dell'erotismo in pillole e della pornografia casareccia», in «un trionfo di seni e cosce» e di canzoni che fanno riferimento agli stessi «irritanti stereotipi dell'erotismo da celluloide»,[60] al punto che l'edizione del 1975 «fu la più infelice e, se si vuole, la più insulsa nello scollamento tra realtà e rappresentazione».[61]

Fu comunque in tale periodo che si sperimentarono varie formule per il Festival. L'edizione 1974 vide i 28 interpreti in gara divisi in due gruppi, ossia 14 "Big" (già qualificati alla serata finale) e 14 "aspiranti", che si sarebbero sfidati per gli ultimi 4 posti disponibili. L'edizione del 1976 vide i partecipanti divisi in cinque gruppi, ciascuno con due interpreti "capigruppo" automaticamente qualificati alla finale, ma soprattutto per la prima volta scomparve l'orchestra (sostituita dalle basi musicali). Eliminazioni e gruppi furono aboliti nel 1977, anche perché le canzoni in gara quell'anno erano solo 12, ma già nell'edizione successiva venne ripristinata la divisione in categorie ("Solisti", "Complessi" e "Cantautori"), i cui vincitori si sarebbero poi affrontati per il titolo.[62] In ultimo si assistette al "trasloco", inizialmente provvisorio causa lavori di ristrutturazione ma in seguito divenuto definitivo, del Festival dal Casinò al teatro Ariston.[63]

La rivalsa negli anni '80 modifica

Il Festival 1980 segnò il primo segnale di rottura dell'andamento declinante: la presentazione di Claudio Cecchetto, Roberto Benigni e Olimpia Carlisi rappresentò la prima occasione in cui il presentatore non svolgeva un ruolo di «mero officiante», ma di «protagonista del racconto», fu ripristinata la suddivisione in due categorie, una per le "nuove proposte italiane" (che si sarebbero contesi 8 posti alla serata finale) e una per i "Big italiani e stranieri" (18 canzoni già qualificate alla serata finale), ma soprattutto fu nuovamente abbandonata l'orchestra per le basi registrate (nel corso degli anni ottanta vi furono edizioni in cui i cantanti si esibirono addirittura in playback).[64]

Questo portò la Rai a "riappropriarsi" del Festival e a procedere a una "ristrutturazione" dello stesso, culminata nella "prima era Baudo" (1984-1987): con lui Sanremo riconquistò la credibilità perduta, portando «la cronaca e l'attualità sul palcoscenico dell'Ariston» e istituendo col Festival del 1984 una competizione separata per le "Nuove proposte italiane", con tanto di eliminazioni, assenti invece per la categoria dei "Campioni".[65] Nel 1982, infine, fu creato un Premio della Critica, che «ufficializzò l'esistenza di una frattura» fra i gusti del pubblico e quelli «delle nicchie del gusto».[66]

L'edizione del 1986 si ricorda anche come la prima ad aver avuto una donna, Loretta Goggi, come conduttrice principale dell'evento ma, nonostante il rilancio, molti dei grandi nomi della scena musicale sorti lungo gli anni settanta mantennero una certa distanza dalla competizione, accettando invece di esibirsi come ospiti o (più raramente) di concorrere come autori. A partecipare più attivamente furono i cantanti divenuti famosi negli anni sessanta e nei primi anni settanta (Iva Zanicchi, Peppino di Capri, Bobby Solo, Fred Bongusto), quelli la cui carriera aveva necessità di un rilancio o di una conferma (Loredana Bertè, Alberto Camerini, Donatella Rettore, Alan Sorrenti, Renato Zero, Anna Oxa, Mango, Mia Martini, Raf) o quelli che legarono indissolubilmente il loro nome alla manifestazione (Matia Bazar, Fiordaliso, Riccardo Fogli).[67]

Eros Ramazzotti vincitore fra le "Nuove proposte" del Festival di Sanremo 1984 (a sinistra) e Anna Oxa e Fausto Leali vincitori del Festival di Sanremo 1989 (a destra).

Con l'eccezione di Per Elisa di Alice (vincitrice del Festival di Sanremo 1981), Sarà quel che sarà di Tiziana Rivale (vincitrice del Festival di Sanremo 1983) e di Adesso tu di Eros Ramazzotti (vincitore di Sanremo 1986, dopo la vittoria nella sezione Nuove proposte del 1984 con Terra promessa), nel resto dei casi «Sanremo si limitò a laureare personaggi già laureati, che avevano già scritto le loro pagine più ricche di senso», quasi come se la vittoria a Sanremo costituisse un «premio alla carriera» per questi interpreti. In questo modo, il voto popolare (espresso tramite il concorso Totip) legittimò le vittorie di Al Bano e Romina Power nel 1984, dei Ricchi e Poveri nel 1985, di Eros Ramazzotti nel 1986, del trio Morandi-Ruggeri-Tozzi nell'edizione del 1987, di Massimo Ranieri nel 1988 e di Anna Oxa e Fausto Leali al Festival del 1989. Il ritorno della giuria popolare non cambiò di fatto la situazione: il primo posto fu dei Pooh nell'edizione 1990 e di Riccardo Cocciante nell'edizione 1991.[68]

Il Festival, tuttavia, funse da trampolino di lancio per una generazione di cantanti che, una volta famosi, recisero il proprio rapporto con la manifestazione: è il caso del già citato Eros Ramazzotti, ma anche di Vasco Rossi, Jovanotti, Fiorella Mannoia e Zucchero Fornaciari, che portarono sul palco nuove sonorità e nuovi temi ma che furono penalizzati in classifica (e dunque conquistarono «credibilità agli occhi di un pubblico più attento alla qualità»).[69]

Il successo degli anni '90 modifica

Il podio del Festival di Sanremo 1994 (da sinistra verso destra: la terza classificata Laura Pausini, il vincitore Aleandro Baldi e il secondo arrivato Giorgio Faletti) e la vincitrice del Festival di Sanremo 1995 Giorgia (a destra, terza nel 1996).

Gli anni novanta sancirono il ritorno di Sanremo come appuntamento fisso per la società italiana, al punto tale che la frase Perché Sanremo è Sanremo, ripetuta più volte nella sigla d'apertura delle edizioni 1995 e 1996, divenne una sorta di slogan informale della manifestazione.[70] Per il Festival di Sanremo 1990, come già detto, tornarono le giurie popolari, ma anche l'orchestra e gli interpreti stranieri in gara,[71] seguite due anni dopo dal ritorno alla conduzione di Pippo Baudo (che nel 1994 assunse anche la direzione artistica del Festival) e delle eliminatorie fra i "Big". Queste, al contrario delle edizioni precedenti, colpirono stavolta gli esponenti della musica dell'ultimo trentennio a tutto vantaggio delle "nuove voci" emergenti, come Laura Pausini (vincitrice della categoria Giovani nel 1993 e terza l'anno dopo fra i "Campioni"), Biagio Antonacci, Andrea Bocelli e Giorgia (vincitrice del Festival di Sanremo 1995).[72]

L'edizione del 1997, vinta dai Jalisse con Fiumi di parole, segnò l'ultima discussa partecipazione italiana all'Eurovision Song Contest nel XX secolo. Il duo, infatti, dato per favorito anche all'estero, raggiunse solo il quarto posto, lasciando spazio alle voci riguardanti un possibile sabotaggio interno da parte della Rai, che si sarebbe fatta carico malvolentieri delle spese d'organizzazione dell'edizione seguente della kermesse europea in caso di vittoria.

A confermare il tentativo di svecchiamento della canzone italiana, a partire dal 1995 fu garantito l'accesso alla finale dei Campioni ai primi classificati fra i giovani: se la regola funzionò in quell'anno, garantendo proprio l'affermazione di Giorgia, il meccanismo produsse in seguito una serie di cantanti (come i Jalisse, vincitori nel 1997, e Annalisa Minetti, che vinse nel 1998) destinati a finire ben presto nell'oblio. Addirittura, nessuna delle canzoni dell'edizione del 1998 riuscì a rientrare nella classifica dei 100 singoli più venduti di quell'anno.[73]

Il cambiamento negli anni 2000 modifica

Anche per questo motivo, a partire dal 1999, il Festival iniziò ad aprirsi al circuito della "musica indipendente" con mutuo beneficio, visto che il primo recuperò autorevolezza e il secondo approfittò della visibilità sanremese per ottenere migliori vendite.[74] Questo, però, non fermò il calo degli ascolti dei primi anni duemila, culminato con l'edizione del 2004 (con Tony Renis alla direzione artistica e Simona Ventura alla conduzione), dove per la prima volta un programma della concorrenza (la quarta edizione del Grande Fratello) superò in ascolti il Festival, complice anche il boicottaggio delle major discografiche e il successo della "contro-rassegna" musicale organizzata a Mantova quell'anno.[75][76] Questo nuovo periodo di flessione del Festival si interruppe nel 2007, con la conduzione ancora una volta di Baudo e la vittoria fra i Campioni di Simone Cristicchi con Ti regalerò una rosa e di Fabrizio Moro fra i giovani con Pensa.[77]

Nonostante il calo di ascolti e le polemiche, Sanremo si affermò sempre più nei primi anni del XXI secolo come palcoscenico dove lanciare o confermare artisti emergenti come Dolcenera (fra i vincitori di Destinazione Sanremo nel 2002), Sergio Cammariere (terzo a Sanremo 2003), Povia (vincitore dell'edizione 2006), Francesco Renga (ex-Timoria, vincitore dell'edizione 2005), Giò Di Tonno e Lola Ponce (vincitori dell'edizione 2008), Tricarico (vincitore del Premio della critica nel 2008), Arisa (vincitrice di SanremoLab 2008, della sezione Proposte nel 2009 e della sezione Campioni nel 2014), Paolo Meneguzzi, Irene Fornaciari ed i Sonohra (vincitori della sezione Giovani nel 2008).[78]

Sul finire del decennio, invece, con la vittoria di Marco Carta nel 2009 (già vincitore della settima edizione di Amici nel 2008), si nota una "saldatura" fra «i nuovi "palcoscenici" della canzone virtuale» come Amici di Maria De Filippi e X Factor e «la madre di tutti i palchi della canzone italiana», confermata dalla vittoria nel 2010 di Valerio Scanu (finalista dell'ottava edizione di Amici nel 2009), ma anche dalla partecipazione di cantanti provenienti dai talent come Giusy Ferreri (finalista della prima edizione di X Factor nel 2008), Noemi (partecipante alla seconda edizione di X Factor nel 2009 e terza al Festival di Sanremo 2012), Marco Mengoni (vincitore della terza edizione di X Factor nel 2009, terzo classificato al Festival di Sanremo 2010 e vincitore nel 2013 e nel 2023),[79] Emma (vincitrice della nona edizione di Amici nel 2010, seconda classificata nel Festival di Sanremo 2011 in duetto con i Modà e la vittoria al Festival di Sanremo 2012),[80] Annalisa (finalista della decima edizione di Amici nel 2011 e terza al Festival di Sanremo 2018 e al Festival di Sanremo 2024), Francesca Michielin (vincitrice della quinta edizione di X Factor nel 2012 e seconda classificata ai Festival di Sanremo 2016 e 2021)[81] e così via. L'eccezione di questo scenario è data da due interpreti femminili, Malika Ayane (finalista della sezione Giovani di Sanremo 2009 e terza classificata a Sanremo 2015) e Nina Zilli (premio della critica nella sezione Nuova Generazione a Sanremo 2010).[82]

In ultimo, a partire dall'edizione del 2011, il Festival di Sanremo torna ad essere il meccanismo di selezione per la canzone partecipante italiana all'Eurovision Song Contest.[83]

Il rilancio negli anni 2010 modifica

Con la direzione artistica di Fabio Fazio nelle edizioni 2013 e 2014 si assiste a una significativa diminuzione del numero di artisti provenienti dai talent show, a beneficio di rappresentanti di generi musicali meno tipici per la kermesse sanremese, con artisti come The Bloody Beetroots (musica elettronica), Giuliano Palma (ska) ed i Perturbazione (indie rock). Sebbene la seconda edizione condotta e diretta da Fazio non rappresenti un successo in termini di ascolti, funge da apripista per scelte stilistiche che si consolideranno nelle successive edizioni. Con Carlo Conti, conduttore e direttore delle edizioni 2015, 2016 e 2017, viene privilegiata la radiofonicità come criterio per la scelta dei brani in concorso, spezzando il paradigma per cui fino a quel momento la scelta ricadesse prevalentemente su ballate d'amore.[84] Con l'edizione 2015, il Festival viene inoltre definitivamente agganciato all'Eurovision Song Contest, dal momento che il regolamento stabilisce che la canzone vincitrice del Festival sia automaticamente designata, salvo rinuncia, a rappresentare l'Italia al concorso canoro europeo.[85]

Il successo e la qualità di queste edizioni è testimoniato anche dai partecipanti nella categoria Giovani: nell'edizione 2016, in particolare, tre dei quattro finalisti di tale sezione avrebbero in seguito vinto nella sezione principale. Si tratta di Francesco Gabbani (vincitore dell'edizione 2017), Ermal Meta (2018) e Mahmood (2019 e 2022).[84]

Con le successive edizioni del 2018 e 2019, condotte e dirette da Claudio Baglioni, vengono rimosse le eliminazioni dei brani dalla gara su esplicita richiesta dei cantanti. Viene inoltre aumentata la durata massima dei brani da tre minuti e mezzo a quattro, influenzando in positivo anche la qualità stessa delle canzoni in gara. Nell'edizione del 2019, la vittoria di Mahmood con il brano Soldi è considerata il segno di una chiusura netta con il passato, poiché appartenente a un genere, l'urban, fino ad allora rimasto ai margini di Sanremo, riavvicinando così il pubblico più giovane al Festival e attirando le attenzioni delle case discografiche, le quali colgono l'opportunità di allargare il pubblico di determinati cantanti.[84] Mahmood si piazzerà al secondo posto all'Eurovision Song Contest 2019 con lo stesso brano, acquisendo notorietà internazionale.

Il ritrovato successo negli anni 2020 modifica

Terminata la parentesi di Baglioni, nel 2020 le redini del Festival passano in mano ad Amadeus, che riesce a ottenere buoni risultati in termini di ascolti, sbloccando una nuova era di successo anche in termini di discografia. La successiva edizione, però, si rivela complicata da gestire sin dal principio in quanto segnata dalla pandemia di COVID-19: a causa delle misure di contenimento in vigore nei primi mesi del 2021, il Festival si svolge per la prima e finora unica volta nella sua storia senza il pubblico all'interno del teatro Ariston; inoltre, come già accaduto nel 2002, 2003, 2004 e nel 2005, si svolge interamente nel mese di marzo, precisamente dal 2 al 6. Nonostante le evidenti difficoltà e i risultati d'ascolto nettamente più bassi rispetto all'anno precedente,[86] per la prima volta il Festival vede trionfare un gruppo rock, i Måneskin, che con il brano hard rock Zitti e buoni vincono non soltanto la kermesse italiana ma anche l'Eurovision Song Contest e raggiungono un successo planetario. Pur non riuscendo a bissare il successo dell'edizione precedente in termini di ascolti, tale edizione ha avuto enorme riscontro mediatico: le canzoni, infatti, hanno ottenuto ancor più successo di quelle dell'anno precedente in termini di vendite e streaming, mentre l'evento ha visto un incremento di visualizzazioni su RaiPlay, risultando il programma più visto sulla piattaforma fino a quel momento.

L'edizione del 2022 vede numerosi cambiamenti nella formula — si ritorna a quella adottata nel 2019, ovvero una gara non più suddivisa in categorie in cui artisti noti ed emergenti concorrono per un unico premio — ed è caratterizzata da ascolti record[87] grazie anche a un aumento del pubblico più giovane[88]. La vittoria va al brano Brividi di Blanco in coppia con Mahmood, già vincitore dell'edizione 2019, quindi il duo rappresenta l'Italia all'Eurovision Song Contest 2022, svolto in casa a Torino, dove si classifica sesto.

Le edizioni guidate da Amadeus sono caratterizzate da un cospicuo aumento del numero di cantanti in gara, innovazione che ha garantito varietà nella scelta dei partecipanti: nei cast di tali edizioni sono infatti presenti sia vecchie glorie della musica italiana (come Iva Zanicchi, Rita Pavone, Gianni Morandi, Massimo Ranieri, Orietta Berti, Donatella Rettore, Anna Oxa, i Cugini di Campagna e i Ricchi e Poveri) sia cantanti più contemporanei e di successo tra i giovani (i già citati Måneskin, Mahmood e Blanco ma anche nomi come Lazza, Geolier, Elodie, Angelina Mango, i Pinguini Tattici Nucleari, Achille Lauro, Sangiovanni e Mr. Rain), arrivando a lanciare anche artisti più di nicchia o emergenti (ad esempio Madame, Fulminacci, Levante, i Coma Cose, Tananai, Rosa Chemical, BigMama e Rose Villain).

Grazie all'aumento della reputazione del Festival, si è anche assistito al ritorno in gara di artisti italiani di rilievo internazionale che non partecipavano da diversi anni alla manifestazione (tra cui Giorgia, Elisa e Marco Mengoni) e all'esordio di artisti già assai noti ma che nelle loro carriere decennali non vi avevano mai preso parte (Piero Pelù, gli Articolo 31 e, già citati, i Cugini di Campagna).

Nelle più recenti edizioni, in seguito all'assegnazione dei XXV Giochi olimpici invernali a Milano e Cortina d'Ampezzo, il Festival ha fatto parte del cammino d'avvicinamento alla manifestazione: si è partiti, infatti, con l'edizione 2021, in cui sono stati presentate due proposte che sarebbero state poi sottoposte a votazione online pubblica per la scelta data dell'emblema ufficiale della rassegna olimpica. Al Festival del 2022 sono state invece presentate le due proposte per l'inno ufficiale e nel 2023 quelle per la mascotte ufficiale, entrambe poi scelte tramite una votazione online.

L'edizione del 2023, che vede la vittoria del brano Due vite di Marco Mengoni (già vincitore dieci anni prima con la canzone L'essenziale), registra un evento storico importante per la storia del Festival: per la prima volta in assoluto, infatti, un Presidente della Repubblica Italiana in carica, Sergio Mattarella, presenzia direttamente al teatro Ariston alla serata d'apertura[89].

Amadeus resta al timone della kermesse anche nel 2024: in tal modo entra nella storia del Festival, arrivando a eguagliare Mike Bongiorno e Pippo Baudo nel primato della conduzione di cinque edizioni consecutive. Inoltre, durante la quarta serata del festival, il Principe Alberto II di Monaco ha presenziato l'evento al teatro Ariston. A trionfare è Angelina Mango col brano La noia.

Cronologia modifica

La lista che segue riguarda le varie modifiche fatte al regolamento e le varie novità apportate al Festival

  • 1951: prima edizione. In gara vi sono venti brani, interpretati da tre cantanti: Nilla Pizzi, Achille Togliani e il Duo Fasano;
  • 1953: introduzione della doppia interpretazione per ogni canzone e direzione orchestrale di ogni brano, che durerà fino al 1971 (con l'eccezione del 1956) e sarà ripresa, seppur con modalità diverse, nel 1990 e nel 1991;
  • 1955: prima edizione trasmessa in TV;
  • 1956: gli interpreti dei brani in gara vengono selezionati dalla Rai attraverso un concorso per Voci Nuove indetto l'anno precedente: dalle 6.646 candidature arrivate vengono scelti i sei partecipanti, tutti esordienti nel mondo della musica. In quell'anno si tiene la prima edizione dell'Eurovision Song Contest, il cui artista rappresentante per l'Italia viene scelto frequentemente tra i partecipanti a Sanremo;
  • 1958: prima diretta in Eurovisione;
  • 1961: la classifica finale viene decretata una tantum tramite il concorso dell'Enalotto e annunciata sette giorni dopo la serata finale;
  • 1964: per quest'edizione e la seguente, uno degli interpreti di ciascun brano è un artista di fama internazionale, che si esibisce, salvo rare eccezioni, in italiano. Da quest'anno, con la sola eccezione dell'edizione 1975, i brani sono proposti alla commissione selezionatrice già abbinati a chi deve eseguirli in gara, mentre in precedenza venivano scelti i brani e solo successivamente si decideva chi li avrebbe interpretati;
  • 1965: ultima edizione in cui gli interpreti italiani possono partecipare in gara con più di un brano, mentre per quelli stranieri tale possibilità permarrà per ulteriori due anni;
  • 1967: edizione segnata dal tragico suicidio di Luigi Tenco, che era appena stato eliminato dalla competizione e quindi non ammesso alla finale;
  • 1968: da quest'edizione ogni interprete (sia italiano sia straniero) può gareggiare con un solo brano;
  • 1972: ripristino dell'esecuzione singola per ogni canzone;
  • 1973: prima edizione a essere ripresa con telecamere a colori, a beneficio delle televisioni estere: in Italia, però, continuerà a essere trasmesso in bianco e nero per i successivi quattro anni, cioè fino all'arrivo sul mercato degli apparecchi televisivi in grado di ricevere il segnale a colori. Da quest'anno e fino al 1980 la Rai trasmetterà in TV solo la serata finale della kermesse, mentre le altre verranno trasmesse soltanto via radio;
  • 1974: per la prima volta si distinguono gli interpreti in Big, ammessi di diritto alla serata finale, e Aspiranti, sottoposti al rischio dell'eliminazione;
  • 1976: per la prima volta, le canzoni in concorso sono eseguite con il supporto di una base musicale pre-registrata, nonostante la presenza dell'orchestra; questa fu l'ultima edizione ospitata al teatro del Casinò, che a fine anno dovette chiudere per ristrutturazione;
  • 1977: il Festival si sposta al teatro Ariston. Prima edizione visibile a colori anche in Italia tramite il sistema PAL;
  • 1978: la Rai trasmette solamente l'ultima serata del Festival, sia alla radio che in TV;
  • 1980: viene eliminata l'orchestra: tutti gli artisti cantano su basi musicali pre-registrate;
  • 1981: per questa e le tre successive edizioni sono ammessi brani con testi interamente in una lingua diversa dall'italiano, a condizione che almeno uno degli autori sia di nazionalità italiana. La Rai torna a trasmettere integralmente la kermesse canora anche in TV;
  • 1982: viene istituito il Premio della Critica;
  • 1984: per la prima volta i Big Italiani e Stranieri, votati tramite il concorso Totip, costituiscono una sezione separata rispetto alle Nuove Proposte Italiane, che vengono votate tramite giurie demoscopiche per determinare una propria classifica. Inoltre, in quest'edizione e nella seguente, tutte le esibizioni sono in playback;
  • 1986: per la prima volta è una donna a condurre il Festival come presentatrice principale, Loretta Goggi; viene ripristinata l'esecuzione delle canzoni dal vivo, sempre su base musicale pre-registrata;
  • 1987: primo Festival rilevato dal nuovo sistema di registrazione dei dati d'ascolto Auditel. Tale edizione è, ad oggi, la più seguita di sempre;
  • 1989: viene istituita una suddivisione intermedia tra quella degli artisti più popolari, detti Campioni, e quella degli esordienti, quest'anno detti Nuovi: si tratta della sezione Emergenti, destinata a non avere seguito nelle successive edizioni;
  • 1990: tornano l'orchestra e le giurie popolari per tutti i cantanti in gara. È il primo Festival, dal 1977, che non viene svolto al teatro Ariston, in quel periodo chiuso per ristrutturazione. La manifestazione si trasferisce in un capannone del Mercato dei Fiori, per l'occasione denominato "Palafiori" (da non confondere con l'attuale Palafiori situato nel centro di Sanremo, in seguito alla ristrutturazione del vecchio Mercato dei Fiori), situato a Bussana, frazione del comune di Sanremo;
  • 1991: il Festival torna al teatro Ariston;
  • 1992: per quest'edizione e la seguente, viene reintrodotta l'eliminazione dalla finale per gli artisti della sezione Campioni;
  • 1994: l'organizzazione del Festival torna a essere appannaggio della Rai;
  • 1996: le Nuove Proposte sono tutte ammesse alla serata finale a loro dedicata. Da quest'edizione il Premio della Critica porta il nome di Mia Martini, scomparsa l'anno precedente;
  • 1997: introduzione delle giurie di qualità, composte da personaggi del mondo dello spettacolo (fino al 2003, nel 2007 e 2008 e nuovamente dal 2013 al 2014, poi denominata Giuria degli Esperti dal 2015 al 2018 e Giuria d'onore nel 2019). Quella dei Jalisse, vincitori del Festival, segna l'ultima partecipazione italiana all'Eurovision Song Contest per i successivi 13 anni;
  • 1998: i primi tre classificati della sezione Giovani sono ammessi a concorrere per la vittoria finale insieme ai Campioni;
  • 1999: prima (ed unica, fino al 2009) edizione trasmessa nel formato televisivo 16:9 (in letterbox);
  • 2002: per quest'edizione vengono reintrodotte le eliminazioni per i Giovani, i cui finalisti vengono giudicati con voto palese da ciascun componente della Giuria di qualità;
  • 2004: nessuna distinzione degli artisti in sezioni e introduzione del televoto; per la prima e unica volta il Festival viene battuto nella gara degli ascolti da un programma concorrente;
  • 2005: suddivisione in più categorie, i cui vincitori concorrono al premio assoluto, e ripristino delle eliminazioni; reintroduzione del voto misto, tra differenti tipi di giurie;
  • 2007: ripristino delle sole sezioni Campioni e Giovani, con eliminazione solo per questi ultimi;
  • 2009: prima edizione trasmessa sul digitale terrestre (per le zone del territorio italiano già in grado di ricevere l'apposito segnale) e in alta definizione nelle zone sperimentali. Viene introdotta la formula dei ripescaggi, già sperimentata intorno agli anni sessanta: il pubblico da casa può far rientrare in gara due dei sei artisti eliminati nelle prime due serate tramite televoto;
  • 2010: un posto tra gli Artisti in gara è riservato di diritto, come premio aggiuntivo alla vittoria, al vincitore del talent show X Factor;
  • 2011: dopo 14 anni, il Festival torna a essere la selezione per il rappresentante italiano all'Eurovision Song Contest;
  • 2012: per la prima volta il Festival, precisamente la finale, viene trasmesso sul sito Eurovision.tv in quanto è confermato come selezione (come pure nel 2013, 2015, 2016, 2017, 2018 e 2019), con commento live degli spettatori tramite Facebook e Twitter; in quest'edizione, inoltre, è stata introdotta la golden share, meccanismo con cui la sala stampa avrebbe potuto far salire di tre posizioni in classifica l'artista da essa prescelto (o prescelta) tra i sei finalisti;
  • 2013: ogni partecipante della sezione Campioni porta in gara due canzoni, delle quali solo una prosegue la gara fino alla finale; di conseguenza vengono meno le eliminazioni dei Campioni. La serata dei duetti e la serata speciale-evento sono accorpate in un'unica serata (la quarta); i "Giovani" in gara devono essere maggiorenni. Viene abolita la giuria demoscopica, mentre ritorna la giuria di qualità;
  • 2015: viene ripristinata la singola canzone per ogni artista in gara sia tra i Campioni (per i quali vengono reintrodotte anche le eliminazioni) sia tra i Giovani. Come da regolamento ufficiale, da quest'edizione è il vincitore della sezione Campioni a rappresentare, salvo rinuncia, l'Italia all'Eurovision Song Contest;
  • 2016: viene ripristinato il ripescaggio per i Campioni: delle cinque canzoni escluse al termine della penultima serata, il televoto potrà ripescarne una per la finale;
  • 2017: il numero dei partecipanti alla sezione Campioni viene aumentato, passando da 20 a 22;
  • 2018: il numero dei partecipanti alla sezione Campioni torna a 20; vengono abolite le eliminazioni per entrambe le categorie (tutti i partecipanti accedono in finale); la serata dedicata alle cover viene sostituita da quella dei duetti, in cui ogni cantante in gara esegue il proprio brano assieme ad un ospite a sua scelta;
  • 2019: nessuna distinzione degli artisti in sezioni; il numero dei partecipanti alla sezione Campioni aumenta da 20 a 24, due dei quali hanno guadagnato di diritto l'accesso in quanto vincitori di Sanremo Giovani 2018;
  • 2020: i partecipanti in gara nella sezione Campioni scendono inizialmente a 22, per poi tornare a 24; viene ripristinata la sezione Nuove proposte. Viene eliminata la giuria di qualità. Si celebra la settantesima edizione della kermesse: la terza serata, denominata per l'occasione Sanremo 70, viene dedicata alla reinterpretazione, da parte dei cantanti in gara, di alcuni dei brani che fanno parte della storia del Festival; Inoltre durante questa serata, ricompaiono, dopo tanti anni sul palcoscenico i fiori di Sanremo.
  • 2021: Il numero dei partecipanti in gara nella sezione Campioni aumenta a 26. Durante la terza serata si celebra la musica d'autore: i cantanti in gara reinterpretano, accompagnati da uno o più ospiti a loro scelta, alcuni brani che fanno parte della storia della musica d'autore italiana. È ad oggi l'unica edizione ad essersi svolta in totale assenza del pubblico in sala, a causa della pandemia di COVID-19;
  • 2022: nessuna distinzione degli artisti in sezioni, come avvenuto nell'edizione 2019; i partecipanti salgono a 25 – inizialmente erano fissati a 24 – tre dei quali hanno guadagnato di diritto l'accesso tramite Sanremo Giovani 2021. La serata delle cover, che nelle due edizioni precedenti si svolgeva nella terza serata, si sposta alla quarta ed è stata dedicata ai successi italiani e internazionali degli anni sessanta, settanta, ottanta e novanta;
  • 2023: prima edizione trasmessa in 4K (non nativamente ma in upscale). Rimane invariata la formula dell'edizione precedente, ma il numero dei partecipanti – inizialmente fissati a 25 – sale a 28 in totale, sei dei quali hanno guadagnato di diritto l'accesso tramite Sanremo Giovani 2022. La serata delle cover, la cui collocazione rimane invariata, include anche successi italiani e internazionali degli anni duemila, oltre a quelli degli anni sessanta, settanta, ottanta e novanta. A differenza delle edizioni precedenti, inoltre, accedono alla votazione finale i primi cinque classificati anziché i primi tre. Per la prima volta è presente alla serata inaugurale il presidente della Repubblica in carica, Sergio Mattarella.
  • 2024: il numero dei partecipanti – inizialmente fissato a 26 – sale a 30, tre dei quali hanno guadagnato di diritto l'accesso tramite Sanremo Giovani 2023. Come nelle edizioni 2018 e 2019, nella prima serata si esibiscono tutti i cantanti in gara, i quali vengono poi equamente divisi tra la seconda e la terza serata; riguardo a queste ultime, i cantanti non previsti nella serata di riferimento affiancano di fatto le co-conduttrici e i co-conduttori già designati nella presentazione degli altri concorrenti in gara. Viene abolita la giuria demoscopica, sostituita da una giuria delle radio, formata da emittenti radiofoniche, nazionali e locali, individuate secondo criteri di rappresentanza dell'intero territorio italiano.

Edizioni modifica

Edizione Anno Periodo Serate Partecipanti Conduzione Direzione artistica Sede
Campioni Nuove proposte
Artisti Canzoni
1951 29 - 31 gennaio 3 3 20 Non presenti Nunzio Filogamo Giulio Razzi Casinò di Sanremo
1952 28 - 30 gennaio 5
1953 29 - 31 gennaio 10
1954 28 - 30 gennaio 12
1955 27 - 29 gennaio 15 16 Armando Pizzo
1956 8 - 10 marzo 6 20 Fausto Tommei
1957 7 - 9 febbraio 17 19 Nunzio Filogamo
1958 30 gennaio - 1º febbraio 15 20 Gianni Agus Achille Cajafa
1959 29 - 31 gennaio 17 Enzo Tortora Edoardo Fosco
10ª 1960 28 - 30 gennaio 23 Paolo Ferrari Enza Sampò Ezio Radaelli
11ª 1961 26 gennaio - 6 febbraio 4 42 24 Lilli Lembo
12ª 1962 8 - 18 febbraio 45 32 Renato Tagliani Gianni Ravera
13ª 1963 7 - 9 febbraio 3 21 20 Mike Bongiorno
14ª 1964 30 gennaio - 1º febbraio 40 24
15ª 1965 28 - 30 gennaio 43
16ª 1966 27 - 29 gennaio 47 26
17ª 1967 26 - 28 gennaio 58 30
18ª 1968 1º - 3 febbraio 48 24 Pippo Baudo
19ª 1969 30 gennaio - 1º febbraio Nuccio Costa Ezio Radaelli
20ª 1970 26 - 28 febbraio 52 26 Gianni Ravera ed Ezio Radaelli
21ª 1971 25 - 27 febbraio 48 24 Carlo Giuffré Elsa Martinelli
22ª 1972 24 - 26 febbraio 28 Mike Bongiorno Elio Gigante
23ª 1973 8 - 10 marzo 30 Vittorio Salvetti
24ª 1974 7 - 9 marzo 28 Corrado Gianni Ravera, Vittorio Salvetti ed Elio Gigante
25ª 1975 27 febbraio - 1º marzo 30 Mike Bongiorno Bruno Pallesi
26ª 1976 19 - 21 febbraio Giancarlo Guardabassi Vittorio Salvetti
27ª 1977 3 - 5 marzo 12 Mike Bongiorno Teatro Ariston di Sanremo
28ª 1978 26 - 28 gennaio 14 Maria Giovanna Elmi
29ª 1979 11 - 13 gennaio 22 Mike Bongiorno Gianni Ravera
30ª 1980 7 - 9 febbraio 30 Claudio Cecchetto
31ª 1981 5 - 7 febbraio 28
32ª 1982 28 - 30 gennaio 30
33ª 1983 3 - 5 febbraio 36 Andrea Giordana
34ª 1984 2 - 4 febbraio 20 16 Pippo Baudo
35ª 1985 7 - 9 febbraio 22
36ª 1986 13 - 15 febbraio 14 Loretta Goggi
37ª 1987 4 - 7 febbraio 4 24 16 Pippo Baudo Marco Ravera
38ª 1988 24 - 27 febbraio 26 Miguel Bosé Gabriella Carlucci
39ª 1989 21 - 25 febbraio 5 24 24[90] Rosita Celentano Paola Dominguín Danny Quinn Gianmarco Tognazzi Adriano Aragozzini
40ª 1990 28 febbraio - 3 marzo 4 20 16 Johnny Dorelli Gabriella Carlucci Nuovo Mercato dei fiori di Bussana (Sanremo)
41ª 1991 27 febbraio - 2 marzo Andrea Occhipinti Edwige Fenech Teatro Ariston di Sanremo
42ª 1992 26 - 29 febbraio 24 18 Pippo Baudo
43ª 1993 23 - 27 febbraio Pippo Baudo Lorella Cuccarini
44ª 1994 23 - 26 febbraio 20 Pippo Baudo Pippo Baudo
45ª 1995 21 - 25 febbraio 5 23 16
46ª 1996 20 - 24 febbraio 14
47ª 1997 18 - 22 febbraio 29 12 Mike Bongiorno Pino Donaggio, Giorgio Moroder e Carla Vistarini
48ª 1998 24 - 28 febbraio 17 14 Raimondo Vianello Mario Maffucci
49ª 1999 23 - 27 febbraio 14 Fabio Fazio
50ª 2000 21 - 26 febbraio 16 18
51ª 2001 26 febbraio - 3 marzo 16 Raffaella Carrà
52ª 2002 5 - 9 marzo 20 Pippo Baudo Pippo Baudo
53ª 2003 4 - 8 marzo
54ª 2004 2 - 6 marzo 22 Non presenti Simona Ventura Tony Renis
55ª 2005 1º - 5 marzo 20 12 Paolo Bonolis Paolo Bonolis[91]
56ª 2006 27 febbraio - 4 marzo 18 Giorgio Panariello Giorgio Panariello[91]
57ª 2007 27 febbraio - 3 marzo 20 14 Pippo Baudo Michelle Hunziker Pippo Baudo
58ª 2008 25 febbraio - 1º marzo Piero Chiambretti
59ª 2009 17 - 21 febbraio 16 10 Paolo Bonolis Luca Laurenti Paolo Bonolis[91]
60ª 2010 16 - 20 febbraio 15 Antonella Clerici Gianmarco Mazzi
61ª 2011 15 - 19 febbraio 14 8 Gianni Morandi
62ª 2012 14 - 18 febbraio
63ª 2013 12 - 16 febbraio 14 28 Fabio Fazio Luciana Littizzetto Fabio Fazio
64ª 2014 18 - 22 febbraio
65ª 2015 10 - 14 febbraio 20 Carlo Conti Carlo Conti
66ª 2016 9 - 13 febbraio
67ª 2017 7 - 11 febbraio 22 Carlo Conti Maria De Filippi
68ª 2018 6 - 10 febbraio 20 Claudio Baglioni Michelle Hunziker Pierfrancesco Favino Claudio Baglioni
69ª 2019 5 - 9 febbraio 24 Non presenti Claudio Bisio Virginia Raffaele
70ª 2020 4 - 8 febbraio 8 Amadeus Fiorello[92] Amadeus
71ª 2021 2 - 6 marzo 26
72ª 2022 1º - 5 febbraio 25 Non presenti Amadeus
73ª 2023 7 - 11 febbraio 28 Amadeus Gianni Morandi
74ª 2024 6 - 10 febbraio 30 Amadeus

Albo d'oro modifica

  Lo stesso argomento in dettaglio: Albo d'oro del Festival di Sanremo.

Conduzione modifica

Il Festival ha avuto quasi sempre un presentatore o una presentatrice principale, di volta in volta affiancato/a da vallette o spalle; in alcuni casi, e sempre più di frequente con l'avanzare del tempo, si è trattato di vere e proprie co-conduzioni.

Pippo Baudo ha il primato assoluto di conduzioni del Festival, in quanto lo ha presentato per tredici volte, seguito da Mike Bongiorno che ha condotto undici edizioni. Nunzio Filogamo e Amadeus ne hanno presentate cinque, Fabio Fazio quattro, Claudio Cecchetto, Carlo Conti, Piero Chiambretti, Gianni Morandi e Fiorello tre e, infine, Nuccio Costa, Paolo Bonolis e Claudio Baglioni hanno condotto due edizioni a testa.[93]

Sono solo quattro invece le donne ad aver condotto il Festival come presentatrici principali: la prima fu Loretta Goggi, che presentò l'edizione del 1986. Seguirono Raffaella Carrà nel 2001, Simona Ventura nel 2004 e Antonella Clerici nel 2010.

Va specificato però che la prima conduzione al femminile avvenne per il Festival del 1961 ad opera di Lilli Lembo e Giuliana Calandra, quest'ultima sostituita per la serata finale da Alberto Lionello. Nell'edizione del 1973 Gabriella Farinon condusse le prime due serate da sola (seppur trasmesse solo in radio), affiancando Mike Bongiorno nella serata finale, trasmessa in TV. Stesso copione si vide anche nell'edizione del 1977: Maria Giovanna Elmi condusse le prime due serate da sola (trasmesse solo in radio), mentre nella serata finale, trasmessa in TV, affiancò Mike Bongiorno. Nell'edizione successiva, pur essendo accreditata nei titoli di testa come unica conduttrice, la Elmi si limitò a svolgere un ruolo simile a quello dell'annunciatrice, aprendo tutte le serate con una presentazione generale della manifestazione e del regolamento nonché a introdurre le esibizioni degli ospiti stranieri. Di fatto, però, la maggior parte di quel Festival fu presentata dallo stesso patron Vittorio Salvetti, il quale annunciò i vari cantanti in gara e comunicò la totalità dei risultati delle giurie preposte alle votazioni.

La Goggi quindi, sebbene fosse coadiuvata dai tre VJ di Discoring Anna Pettinelli, Mauro Micheloni e Sergio Mancinelli, è stata di fatto la prima donna ad aver condotto singolarmente il Festival di Sanremo.

Per quanto riguarda le co-conduzioni, Gabriella Farinon e Fiorello detengono il primato assoluto in tal senso, in quanto entrambi hanno co-condotto il Festival in tre occasioni. Seguono Antonella Clerici, Michelle Hunziker, Virginia Raffaele, Gabriella Carlucci, Luciana Littizzetto, Maria Teresa Ruta, Maria Giovanna Elmi, Anna Pettinelli, Maria De Filippi, Tiziana Pini, Sabrina Ferilli e Lorella Cuccarini, che hanno co-condotto la kermesse per due volte.

Tredici artisti, ovvero Nilla Pizzi, Johnny Dorelli, Gianni Morandi, Loretta Goggi, Anna Oxa, Lorella Cuccarini, Arisa, Emma, Fiorello, Sabrina Salerno, Elodie, Marco Mengoni e Giorgia hanno partecipato al Festival sia nelle vesti di presentatore sia in quelle di cantante in gara; otto di loro (Pizzi, Dorelli, Morandi, Oxa, Arisa, Marrone, Mengoni e Giorgia) ne sono risultati anche vincitori.

Anno Conduzione Co-conduzione
1951 Nunzio Filogamo
1952
1953
1954
1955 Armando Pizzo Maria Teresa Ruta
1956 Fausto Tommei
1957 Nunzio Filogamo Marisa Allasio, Fiorella Mari e con Nicoletta Orsomando
1958 Gianni Agus Fulvia Colombo
1959 Enzo Tortora Adriana Serra
1960 Paolo Ferrari ed Enza Sampò
1961 Lilli Lembo e Giuliana Calandra
Alberto Lionello (solo ultima serata)
1962 Renato Tagliani Laura Efrikian e Vicky Ludovisi
1963 Mike Bongiorno Rossana Armani, Edy Campagnoli, Giuliana Copreni e Maria Giovannini
1964 Giuliana Lojodice
1965 Grazia Maria Spina
1966 Paola Penni e Carla Maria Puccini
1967 Renata Mauro
1968 Pippo Baudo Luisa Rivelli
1969 Nuccio Costa Gabriella Farinon
1970 Enrico Maria Salerno e Ira von Fürstenberg
1971 Carlo Giuffré ed Elsa Martinelli
1972 Mike Bongiorno Sylva Koscina e Paolo Villaggio
1973 Gabriella Farinon
1974 Corrado
1975 Mike Bongiorno Sabina Ciuffini
1976 Giancarlo Guardabassi Serena Albano e Maddalena Galliani (1ª serata), Stella Luna e Lorena Rosetta Nardulli (2ª serata), Tiziana Pini e Karla Strano Pavese (3ª serata)
1977 Mike Bongiorno Maria Giovanna Elmi
1978 Maria Giovanna Elmi Stefania Casini, Beppe Grillo e Vittorio Salvetti
1979 Mike Bongiorno Anna Maria Rizzoli
1980 Claudio Cecchetto Roberto Benigni e Olimpia Carlisi
1981 Eleonora Vallone e Nilla Pizzi
1982 Patrizia Rossetti
1983 Andrea Giordana Isabel Russinova, Emanuela Falcetti e Anna Pettinelli
1984 Pippo Baudo Edy Angelillo, Elisabetta Gardini, Iris Peynado e Tiziana Pini con Isabella Rocchietta e Viola Simoncioni
1985 Patty Brard
1986 Loretta Goggi Sergio Mancinelli, Mauro Micheloni e Anna Pettinelli
1987 Pippo Baudo Carlo Massarini
1988 Miguel Bosé e Gabriella Carlucci
1989 Rosita Celentano, Paola Dominguín, Danny Quinn e Gianmarco Tognazzi Kay Sandwick e Clare Ann Matz
1990 Johnny Dorelli e Gabriella Carlucci
1991 Andrea Occhipinti ed Edwige Fenech
1992 Pippo Baudo Alba Parietti (1ª e 4ª serata), Brigitte Nielsen (2ª e 4ª serata), Milly Carlucci (3ª e 4ª serata)
1993 Pippo Baudo e Lorella Cuccarini
1994 Pippo Baudo Anna Oxa e Cannelle
1995 Anna Falchi e Claudia Koll
1996 Sabrina Ferilli e Valeria Mazza
1997 Mike Bongiorno Piero Chiambretti e Valeria Marini
1998 Raimondo Vianello Eva Herzigová e Veronica Pivetti
1999 Fabio Fazio Laetitia Casta e Renato Dulbecco
2000 Teo Teocoli, Luciano Pavarotti e Inés Sastre
2001 Raffaella Carrà Megan Gale, Enrico Papi, Massimo Ceccherini e Piero Chiambretti
2002 Pippo Baudo Manuela Arcuri e Vittoria Belvedere
2003 Serena Autieri e Claudia Gerini
2004 Simona Ventura Paola Cortellesi, Maurizio Crozza e Gene Gnocchi
2005 Paolo Bonolis Antonella Clerici e Federica Felini
2006 Giorgio Panariello Ilary Blasi e Victoria Cabello
2007 Pippo Baudo Michelle Hunziker
2008 Pippo Baudo e Piero Chiambretti Bianca Guaccero e Andrea Osvárt
2009 Paolo Bonolis e Luca Laurenti Paul Sculfor e Alessia Piovan (1ª serata), Nir Lavi e Eleonora Abbagnato (2ª serata), Thyago Alves e Gabriella Pession (3ª serata), Ivan Olita (4ª serata), David Gandy e Maria De Filippi (5ª serata)
2010 Antonella Clerici
2011 Gianni Morandi Belén Rodríguez, Elisabetta Canalis, Luca e Paolo
2012 Rocco Papaleo e Ivana Mrázová[94]
2013 Fabio Fazio e Luciana Littizzetto
2014
2015 Carlo Conti Arisa, Emma e Rocío Muñoz Morales
2016 Gabriel Garko, Virginia Raffaele e Mădălina Diana Ghenea
2017 Carlo Conti e Maria De Filippi
2018 Claudio Baglioni, Michelle Hunziker e Pierfrancesco Favino
2019 Claudio Baglioni, Claudio Bisio e Virginia Raffaele
2020 Amadeus e Fiorello[95] Diletta Leotta (1ª e 5ª serata), Rula Jebreal (1ª serata), Emma D'Aquino e Laura Chimenti (2ª serata), Sabrina Salerno (2ª e 5ª serata), Georgina Rodríguez e Alketa Vejsiu (3ª serata), Antonella Clerici (4ª serata), Francesca Sofia Novello (4ª e 5ª serata)
2021

Matilda De Angelis (1ª serata), Elodie (2ª serata), Vittoria Ceretti (3ª serata), Beatrice Venezi e Barbara Palombelli (4ª serata)

2022 Amadeus Ornella Muti (1ª serata), Lorena Cesarini (2ª serata), Drusilla Foer (3ª serata), Maria Chiara Giannetta (4ª serata) e Sabrina Ferilli (5ª serata)
2023 Amadeus e Gianni Morandi Chiara Ferragni (1ª e 5ª serata), Francesca Fagnani (2ª serata), Paola Egonu (3ª serata) e Chiara Francini (4ª serata)
2024 Amadeus Marco Mengoni (1ª serata), Giorgia (2ª serata), Teresa Mannino (3ª serata), Lorella Cuccarini (4ª serata) e Fiorello (5ª serata)

Statistiche modifica

  Lo stesso argomento in dettaglio: Statistiche del Festival di Sanremo.

Ascolti modifica

La prima edizione del Festival i cui ascolti furono rilevati dall'Auditel (entrato in funzione il 7 dicembre 1986) fu quella del 1987.

Fonte: dati Auditel[96]

Edizione Anno Telespettatori Share
I II III IV V Media I II III IV V Media
37ª 1987 17 500 000 14 800 000 13 200 000 18 300 000 Non in onda 15 950 000 66,3% 64,4% 67,5% 77,5% Non in onda 68,71%
38ª 1988 15 500 000 13 000 000 13 900 000 15 200 000 14 400 000 69,5% 58,24% 54,69% 71,01% 63,35%
39ª 1989 17 000 000 17 000 000 12 300 000 12 800 000 15 900 000 15 000 000 65,68% 65,14% 61,51% 62,93% 75,43% 66,13%
40ª 1990 13 639 000 16 926 000 12 357 000 14 341 000 Non in onda 14 316 000 53,71% 60,97% 64,59% 76,26% Non in onda 63,88%
41ª 1991 15 023 000 12 550 000 9 837 000 11 156 000 13 786 000 54,63% 47,56% 46,85% 60,11% 52,29%
42ª 1992 16 614 000 15 527 000 14 593 000 14 575 000 15 275 000 57,68% 57,94% 56,04% 69,62% 60,32%
43ª 1993 14 736 000 13 998 000 14 427 000 16 786 000 15 267 000 54,42% 49,85% 51,01% 69,17% 56,11%
44ª 1994 13 400 000 11 300 000 12 700 000 13 100 000 12 625 000 56,93% 44,77% 52,18% 60,63% 53,63%
45ª 1995 15 602 000 18 389 000 15 825 000 16 804 000 17 601 000 16 845 000 65,14% 65,42% 60,47% 65,81% 75,22% 66,42%
46ª 1996 11 268 000 12 981 000 12 557 000 13 003 000 13 862 000 12 734 000 53,31% 48,13% 46,95% 53,94% 62,86% 52,99%
47ª 1997 13 140 000 13 626 000 13 997 000 13 382 000 15 562 000 13 937 000 58,74% 52,36% 55,55% 55,63% 68,29% 58,11%
48ª 1998 11 083 000 12 788 000 13 006 000 12 742 000 15 067 000 13 694 000 54,47% 46,54% 48,27% 49,6% 62,7% 52,62%
49ª 1999 16 234 000 13 755 000 14 167 000 13 639 000 15 649 000 14 548 000 56,75% 49,37% 53,94% 54,06% 64,08% 56,02%
50ª 2000 15 907 000 13 171 000 11 888 000 11 786 000 15 223 000 12 920 000 57,18% 51,60% 47,3% 49,82% 65,45% 54,25%
51ª 2001 12 160 000 10 298 000 10 145 000 10 010 000 12 998 000 10 989 000 51,98% 43,85% 43,01% 43,01% 57,25% 47,42%
52ª 2002 12 461 000 10 397 000 10 382 000 9 758 000 13 397 000 11 479 000 56,22% 47,23% 48,56% 50,34% 62,66% 54,02%
53ª 2003 9 257 000 8 842 000 8 392 000 7 813 000 9 828 000 8 888 000 42,55% 40,39% 37,19% 38,23% 54,12% 43,44%
54ª 2004 10 104 000 8 402 000 6 961 000 9 742 000 9 527 000 8 947 000 42,48% 33,74% 29,28% 40,69% 48,57% 38,98%
55ª 2005 12 218 000 11 185 000 11 560 000 10 387 000 13 606 000 11 366 000 54,78% 52,8% 51,05% 50,18% 55,08% 52,79%
56ª 2006 9 141 000 8 235 000 6 234 000 8 267 000 9 523 000 8 280 000 44,45% 37,33% 33,49% 36,74% 48,23% 40,17%
57ª 2007 9 760 000 8 973 000 8 945 000 8 682 000 12 309 000 9 731 000 45,44% 47,05% 43,58% 48,18% 55,32% 48,07%
58ª 2008 7 680 000 6 500 000 6 152 000 5 305 000 9 600 000 6 810 000 36,46% 32,33% 32,2% 32,28% 44,9% 36,56%
59ª 2009 10 114 000 9 856 000 9 238 000 10 219 000 12 309 000 10 335 000 47,93% 42,64% 47,16% 47,47% 54,25% 47,96%
60ª 2010 10 718 000 10 163 000 10 005 000 11 274 000 12 462 000 10 924 000 45,29% 43,88% 46,02% 50,74% 53,21% 47,84%
61ª 2011 11 992 000 10 145 000 12 363 000 10 617 000 12 136 000 11 450 600 46,32% 42,67% 50,89% 46,91% 52,12% 47,70%
62ª 2012 12 764 000 9 199 000 10 537 000 9 931 000 13 287 000 11 136 000 49,69% 39,26% 47,84% 41,91% 57,43% 47,29%
63ª 2013 12 969 000 11 330 000 10 709 000 11 538 000 12 997 000 11 936 600 48,2% 42,89% 42,48% 48,17% 53,8% 47,49%
64ª 2014 10 938 000 7 711 000 7 673 000 8 188 000 9 348 000 8 763 000 45,93% 33,95% 34,94% 37,97% 43,51% 39,32%
65ª 2015 11 767 000 10 091 000 10 586 000 9 857 000 11 843 000 10 837 000 49,34% 41,7% 49,51% 47,82% 54,21% 48,64%
66ª 2016 11 134 000 10 748 000 10 462 000 10 164 000 11 222 128 10 746 429 49,48% 49,91% 47,88% 47,81% 52,52% 49,58%
67ª 2017 11 374 000 10 367 000 10 420 000 9 886 000 12 022 000 10 853 000 50,37% 46,6% 49,7% 47,05% 58,4% 50,42%
68ª 2018 11 603 000 9 687 000 10 825 000 10 108 000 12 125 000 10 869 000 52,1% 47,7% 51,6% 51,1% 58,3% 52,16%
69ª 2019 10 086 000 9 144 000 9 409 000 9 552 000 10 622 000 9 763 000 49,5% 47,3% 46,7% 46,1% 56,5% 49,38%
70ª 2020 10 058 000 9 693 000 9 836 000 9 504 000 11 477 000 10 114 000 52,2% 53,3% 54,5% 53,3% 60,6% 54,78%
71ª 2021 8 363 000 7 586 000 7 653 000 8 014 000 10 715 000 8 466 000 46,6% 42,1% 44,3% 44,7% 53,5% 46,24%
72ª 2022 10 911 000 11 320 000 9 360 000 11 378 000 13 380 000 11 270 000 54,7% 55,8% 54,1% 60,5% 64,9% 58,00%
73ª 2023 10 757 000 10 545 000 9 240 000 11 121 000 12 256 000 10 625 000 62,4% 62,3% 57,6% 66,5% 66,04% 63,38%
74ª 2024 10 561 000 10 361 000 10 001 000 11 893 000 14 301 000 11 423 400 65,1% 60,1% 60,1% 67,8% 74,1% 65,44%
 
Numero di telespettatori del Festival di Sanremo e in generale (dal 1987, dati Auditel).

Telespettatori modifica

Legenda:
     Media dell'edizione
     Prima puntata dell'edizione
     Finale dell'edizione (quarta o quinta serata)

Questo grafico non è disponibile a causa di un problema tecnico.
Si prega di non rimuoverlo.

Share modifica

Legenda:
     Media dell'edizione
     Prima puntata dell'edizione
     Finale dell'edizione (quarta o quinta serata)

Questo grafico non è disponibile a causa di un problema tecnico.
Si prega di non rimuoverlo.

Cast artistico e tecnico modifica

Anno Direzione musicale Scenografia[97] Regia Fotografia
1977 Orchestra non presente Milos Anelli Monti Antonio Moretti
1978 Rino Ceriolo
1979 Gianfranco Ramacci
1980
1981 Enzo Somigli
1982
1983
1984
1985 Luigi dall'Aglio
1986 Enzo Somigli
1987 Gaetano Castelli
1988
1989 Carlo Cesarini da Senigallia Antonio Moretti e Adolfo Lippi
1990 Uberto Bertacca Antonio Moretti
1991 Luigi Martelli
1992 Gaetano Castelli Franco Angelo Ferrari
1993 Bruno Canfora
1994 Pippo Caruso
1995
1996 Gino Landi
1997 Gianfranco Lombardi Armando Nobili Luigi Martelli Franco Angelo Ferrari
1998 Simonetta Tavanti
1999 Paolo Beldì
2000 Franco Angelo Ferrari
2001 Mario Catalano Sergio Japino Franco Proto
2002 Pippo Caruso Gaetano Castelli Gino Landi Pino Quini
2003
2004 Leonardo De Amicis Stefano Vicario
2005 Renato Serio
2006 Dante Ferretti e Francesca Lo Schiavo Paolo Beldì
2007 Pippo Caruso Gaetano Castelli Gino Landi
2008 Ivan Pierri
2009 Bruno Santori Stefano Vicario
2010 Marco Sabiu Gaetano e Maria Chiara Castelli Duccio Forzano
2011
2012 Stefano Vicario
2013 Mauro Pagani Francesca Montinaro Duccio Forzano
2014 Emanuela Trixie Zitkowsky Marco Lucarelli
2015 Pinuccio Pirazzoli Riccardo Bocchini Maurizio Pagnussat
2016
2017 Mario Catapano
2018 Geoff Westley Emanuela Trixie Zitkowsky Duccio Forzano
2019 Francesca Montinaro
2020 Leonardo De Amicis Gaetano Castelli Stefano Vicario
2021 Gaetano e Maria Chiara Castelli
2022
2023
2024

Sanremo e la canzone italiana modifica

 
Statua di Mike Bongiorno inaugurata a Sanremo il 15 febbraio 2013 nel corso della quarta serata dai conduttori Fabio Fazio e Luciana Littizzetto

La manifestazione canora deve la sua nascita, la sua longevità e anche il suo successo internazionale al filone tradizionale delle canzoni melodiche ispirate alle arie del melodramma, il cui stile, pur conoscendo una serie di evoluzioni, ha mantenuto i propri tratti distintivi fino ai giorni nostri, finendo col riconoscersi in essa.

Lo stesso impiego dell'orchestra nelle esibizioni sul palco (che è mancato soltanto negli anni ottanta) ha probabilmente permesso che sopravvivesse questo genere di canzoni con ampio dispiego di strumenti ad arco, melodie classicheggianti, una struttura standard della forma-canzone e un lessico passionale riconducibile alle frasi d'amore, che al Festival di Sanremo hanno trovato terreno fertile, fino a coniare il termine "sanremese" e assegnare questa discutibile etichetta anche ad alcuni artisti che hanno preso parte a più edizioni, come se costoro potessero ottenere un certo successo soltanto tramite questa vetrina mediatica o da questa ottenere un certo potere d'acquisto in rapporto alla propria casa discografica.

Sinonimo di qualità è stato, per molti critici del settore, il proporre a Sanremo proprio canzoni lontane da questo "cliché sanremese", restando fedeli al proprio stile; per contro molti artisti, pur possedendo una cifra artistica differente, hanno preferito presentare canzoni in sintonia con la manifestazione, in modo da attirare i consensi di un pubblico più vasto a discapito della propria coerenza artistica. Per altri ancora è bastato partecipare per farsi guardare in modo sospetto da parte del pubblico e della critica, i quali si sono quindi chiesti a cosa fosse dovuto ciò che per alcuni artisti avrebbe rappresentato un dover scendere a compromessi con il mercato. Da un altro punto di vista, la presenza di alcuni artisti di spicco non ha fatto che nobilitare la stessa gara canora: ne sono l'esempio più significativo i numerosi interpreti internazionali che negli anni sessanta hanno accettato l'invito a prendervi parte.

Diversi generi musicali hanno trovato posto nella kermesse sanremese nel corso degli anni, essendo questa una vetrina utile alle major discografiche per promuovere i propri artisti di fronte a una fetta considerevole di pubblico, includendo anche quelle fasce giovanili che non si specchiano necessariamente nel genere melodico "tout court". Sanremo ha infatti attraversato, anche se in modo parziale, la stagione beat degli anni sessanta e accolto alcuni esponenti della stagione aurea dei cantautori anni settanta, nonostante il disinteresse di molti altri, offrendo il polso della situazione sulle nuove istanze musicali. Negli ultimi anni è quindi in atto un'attenzione precipua delle major e delle rispettive direzioni artistiche per porre l'accento sulle nuove tendenze al di là della categoria Nuove Proposte, che non è sempre stata apportatrice di idee innovative quanto soltanto di nuovi interpreti. Ecco quindi che, per vari esponenti dei generi rock e indie, partecipare a Sanremo ha coinciso con l'inizio delle proprie fortunate carriere o di una loro maggiore popolarità.

Per contro, si può affermare che il Festival non è esaustivo dell'intero panorama musicale italiano, che conosce infinite realtà e artisti.

Sanremo e le giurie modifica

La selezione della canzone vincitrice al Festival di Sanremo è stata ottenuta attraverso diverse modalità nel corso del tempo: in alcuni periodi tramite delle giurie in loco o di qualità, altre volte tramite giurie popolari/demoscopiche, altre volte ancora mediante il voto diretto del popolo italiano e a volte attraverso una combinazione di tali metodi.

Modalità di votazione modifica

 
Numero di voti espressi mediante schedine Totip al Festival di Sanremo dall'edizione del 1984 a quella del 1989.

Dalla fondazione fino agli anni '70 modifica

Per molte edizioni si è votato attraverso il metodo delle cartoline, anche abbinate al concorso dell'Enalotto. A causa della necessità di far pervenire fisicamente le cartoline da tutta Italia, i risultati venivano annunciati una settimana dopo il festival stesso.

A tale metodo si alternò, fino al 1983, quello delle giurie di qualità e demoscopiche sia presenti direttamente a Sanremo, sia distribuite in tutta Italia e facenti parte anche di specifiche categorie di persone.

Anni '80: l'abbinamento al Totip modifica

Particolare interesse ed esposizione mediatica ricevette nelle edizioni degli anni '80 il voto diretto dei cittadini attraverso le schedine del concorso Totip: inaugurato nell'edizione del 1983 in via sperimentale, da quella del 1984 a quella del 1989 fu il metodo utilizzato per scegliere la canzone vincitrice. Il successo di tale abbinamento fu enorme, anche grazie alla visibilità del marchio Totip direttamente sul palco dell'Ariston: partendo da poco meno di 7 milioni di voti espressi nell'edizione del 1984, si arrivò rapidamente agli oltre 30 milioni in quella del 1987.

La canzone vincitrice più votata fu Perdere l'amore di Massimo Ranieri nell'edizione del 1988, con oltre 7 milioni di voti polarizzatisi su di essa.

 
Marchio del Totip, visibile anche sul palco del Festival.

Il ritorno delle giurie demoscopiche (1990) e l’introduzione del televoto (2004) modifica

Dall'edizione del 1990 il voto diretto del pubblico fu sostituito da quello di giurie di qualità e demoscopiche.

Esso verrà reintrodotto soltanto dal 2004: in tale occasione viene usato per la prima volta il meccanismo del televoto, in un mix che sostanzialmente dura fino a oggi senza importanti modifiche.

Le critiche alle giurie modifica

Da sempre oggetto di discussione sono state le discordanze tra i verdetti delle giurie e le vendite dei rispettivi dischi, le quali sono state ritenute l'autentico verdetto del pubblico, quindi più veritiero in quanto in grado di distribuirsi nel corso del tempo e non a seguito di un ascolto da parte di alcuni giurati.

Molte canzoni penalizzate dalle giurie sono state ritenute canzoni non immediate, tali da non essere apprezzate al primo ascolto, fino a decretare, tramite l'insieme dei consensi di pubblico e critica, un vincitore morale, molto spesso differente dal vincitore ufficiale, e spesso anche dai premi assegnati dagli addetti ai lavori. Soprattutto nelle gare che comprendevano serate a eliminazione, e quindi il verdetto di alcuni giurati, l'estromissione di alcune canzoni ha fatto gridare allo scandalo; spesso il responso degli acquirenti di dischi ha dato torto ad alcune giurie che sono state definite "miopi", della cui competenza in materia l'opinione pubblica ha spesso dubitato fino a ipotizzare (senza mai riscontri concreti) una certa manipolabilità delle stesse da parte dei discografici.

Meno indicativi, invece, i piazzamenti nelle gare in cui tutte le canzoni in gara avevano assicurata la serata finale ma in maggior misura i risultati dei voti popolari, dov'era logico aspettarsi delle preferenze che non potessero rispecchiare la qualità delle canzoni; in questo caso la presenza dei giurati appunto esigeva (e quasi mai otteneva) un giudizio più obiettivo che potesse distinguere le canzoni degne di nota da quelle più corrive o di cattivo gusto, come i festival di Sanremo definiti dalla critica negli ultimi anni come trash.

Numerosi sono stati i casi di quest'ampio divario tra il consenso delle giurie e e quello del pubblico. Tralasciando quelli che sono stati semplicemente dei trampolini di lancio per molti artisti al di là dei loro risultati e delle stesse canzoni proposte, si possono citare numerosi esempi di canzoni che hanno ottenuto piazzamenti modesti o sono state escluse dalla serata finale, ma che in seguito sono state rivalutate ottenendo grande successo: E se domani di Fausto Cigliano e Gene Pitney del 1964, affermatasi nella successiva versione di Mina; Io che non vivo (senza te) di Pino Donaggio e Jody Miller del 1965, in seguito reinterpretata da numerosi artisti; Il ragazzo della via Gluck di Adriano Celentano del 1966; Una rosa blu di Michele Zarrillo del 1982, rilanciata dallo stesso artista nel 1998; 1950 di Amedeo Minghi e Vita spericolata di Vasco Rossi del 1983; Donne di Zucchero Fornaciari del 1985; Confusa e felice di Carmen Consoli del 1997; Mentre tutto scorre dei Negramaro del 2005.

Sanremo e l'Eurovision Song Contest modifica

Come citato in precedenza, il Festival di Sanremo, nato nel 1951, fu d'ispirazione per l'Eurovision Song Contest, l’evento non sportivo più seguito al mondo, nato nel 1956.

Il rappresentante italiano dell'Eurovision Song Contest è stato spesso selezionato all'interno della kermesse canora sanremese: dal 1956 al 1966 e dal 2015 la partecipazione è stata appannaggio del brano e dell'interprete (o uno degli interpreti, negli anni della doppia esecuzione) vincitore a Sanremo; dal 1967 al 1969, e anche nel 1987, 1989 e 1993, l'artista vincitore del Festival ha partecipato al concorso canoro europeo presentando un altro brano; nel 1988, 1990 e 1992 sono invece stati i cantanti secondi o terzi classificati del Festival ad aver preso parte all’Eurofestival, ancora con un brano diverso da quello proposto nella manifestazione italiana.

Dal 1970 al 1975 è stato invece scelto quale rappresentante il vincitore della trasmissione Canzonissima (che nel 1972 ha coinciso con il vincitore del Festival di Sanremo), mentre nel 1984 a partecipare al concorso furono i vincitori della manifestazione Azzurro 1983. In altre occasioni la scelta è stata effettuata direttamente dalla Rai.

Dal 1998 la Rai ha deciso che l'Italia non avrebbe più preso parte alla competizione musicale continentale, pausa protrattasi fino al ritorno in gara nel 2011. Per quell'anno e per i due successivi, l'artista rappresentante dell'Italia all'Eurovision Song Contest è stato nominato da un'apposita commissione tra quelli in competizione a Sanremo. I prescelti sono stati Raphael Gualazzi (2011), Nina Zilli (2012) e Marco Mengoni (2013), tutti classificatisi entro le prime dieci posizioni della kermesse europea (in particolar modo Raphael Gualazzi, arrivò secondo all'Eurovision Song Contest 2011). Solo nel 2014 la scelta è stata effettuata internamente dalla Rai, che ha individuato Emma con la canzone La mia città, posizionatasi al ventunesimo posto.

Dal 2015 è stato deciso da regolamento che a rappresentare l'Italia, salvo rinuncia, sarebbe stato il vincitore di Sanremo: in quell'anno partecipò Il Volo, che raggiunse la terza posizione in classifica. Così è stato negli anni a seguire ad eccezione del 2016, quando gli Stadio, vincitori della rassegna italiana, hanno rinunciato a partecipare a quella europea, rimandando la scelta direttamente alla Rai, che selezionò la seconda classificata Francesca Michielin. Nel 2019, dopo il podio conquistato dall'Italia nell'edizione dell'Eurovision Song Contest del 2015, Mahmood ottiene il secondo posto sfiorando la vittoria, con la sua Soldi. Nel 2020 il rappresentante designato era Diodato con Fai rumore, tuttavia l'evento è stato annullato a causa della pandemia di COVID-19. Nel 2021 sono stati i Måneskin a rappresentare la nazione alla kermesse europea con il brano Zitti e buoni, trionfando con un totale di 524 punti e totalizzando la terza vittoria per l'Italia nella storia della manifestazione. Nel 2022, dopo la vittoria dell'edizione precedente della band italiana, l'Eurovision Song Contest si svolge nella città di Torino, condotto da Laura Pausini, Alessandro Cattelan e Mika, con l'Italia rappresentata da Mahmood (nuovamente dopo l'edizione 2019) e da Blanco. Nell'edizione del 2023 torna, nuovamente dopo 10 anni per l'Italia, Marco Mengoni con Due Vite, che si classifica al quarto posto.

Trasmissioni derivate modifica

Attuali modifica

Sanremo Giovani modifica

È un concorso musicale italiano che si tiene a Sanremo dal 1993. Vi partecipano giovani cantanti con l'obiettivo di venire selezionati (con modalità diverse di anno in anno) per il Festival di Sanremo dell'anno successivo. Dal 1993 al 1998, nel 2001 e dal 2015, solitamente a novembre o dicembre, il concorso è stato trasmesso in televisione su Rai 1 e in radio (Rai Radio 1 o Rai Radio 2), mentre negli altri anni è stato sostituito da audizioni in forma privata di fronte alla giuria di 50-70 cantanti preselezionati. Nel 2002 le selezioni avvennero all'interno del talent Destinazione Sanremo trasmesso tra settembre e dicembre, quotidianamente nel pomeriggio (dal lunedì al venerdì) e in prima serata (il venerdì) su Rai 2.

PrimaFestival modifica

A partire dal 1997, il Festival è preceduto in alcune edizioni da una breve striscia quotidiana d'anteprima della manifestazione con interviste agli artisti in gara e anticipazioni sulle serate. Dal 2017 l'appuntamento, in onda dopo il TG1 e prima di ogni serata[98], assume il titolo di PrimaFestival.

Edizione Anno Titolo Programmazione Conduzione Puntate Sede
Inizio Fine
1997 Perché Sanremo è Sanremo 18 febbraio 22 febbraio Piero Chiambretti 5 Backstage del Teatro Ariston
1998 24 febbraio 28 febbraio Raimondo Vianello
1999 23 febbraio 27 febbraio Fabio Fazio
2000 21 febbraio 26 febbraio
2001 26 febbraio 3 marzo Raffaella Carrà
2003 Un Angelo a Sanremo 4 marzo 7 marzo Angelo Santoro Stefano Sarcinelli 4
2013 Anteprima Sanremo 2013 12 febbraio 16 febbraio Antonello Dose Marco Presta 5
2014 Sanremo & Sanromolo 18 febbraio 22 febbraio Pif
2015 Sanremo Start 10 febbraio 14 febbraio Carlo Conti
10ª 2016 9 febbraio 13 febbraio Sergio Friscia
11ª 2017 PrimaFestival 29 gennaio 11 febbraio Federico Russo Tess Masazza Herbert Ballerina 14 Sala Biribissi del Casinò di Sanremo[99]
12ª 2018 26 gennaio 10 febbraio Sergio Assisi Melissa Greta Marchetto 16
13ª 2019 25 gennaio 9 febbraio Simone Montedoro Anna Ferzetti
Glass Studio nel Red Carpet del teatro Ariston
14ª 2020 27 gennaio 8 febbraio Ema Stokholma Gigi e Ross 13
15ª 2021 27 febbraio 6 marzo Giovanna Civitillo Giovanni Vernia Valeria Graci 8 Teatro Ariston
16ª 2022 29 gennaio 5 febbraio Roberta Capua Ciro Priello Paola Di Benedetto Glass Studio nel Green Carpet del Teatro Ariston
17ª 2023 4 febbraio 11 febbraio Andrea Delogu Jody Cecchetto Gli Autogol
18ª 2024 3 febbraio 10 febbraio Paola & Chiara Mattia Stanga Daniele Cabras

DietroFestival modifica

Dal 2020 va in onda, la sera successiva alla finale in access prime time, un montaggio del backstage dell'edizione appena conclusa.

Edizione Anno Programmazione Telespettatori Share
2020 9 febbraio 6 125 000 22,90%[100]
2021 7 marzo 5 501 000 20,20%[101]
2022 6 febbraio 3 620 000 13,40%[102]
2023 12 febbraio 5 484 000 26,10%[103]
2024 11 febbraio 5 586 000 26,44%[104]

Viva Rai2!... Viva Sanremo! modifica

Dal 7 al 10 febbraio 2023 e dal 6 al 9 febbraio 2024, al termine delle puntate del Festival, è andato in onda Viva Rai2!... Viva Sanremo!, versione speciale di Viva Rai2! condotta da Fiorello con Fabrizio Biggio e Mauro Casciari e la partecipazione di Alessia Marcuzzi.

Ascolti (edizione 2023)
Serata Messa in onda I parte[105] II parte[106]
Telespettatori Share Telespettatori Share
I 7 febbraio 2023 2 468 000 60,25%[107] 1 447 000 52,10%[108]
II 8 febbraio 2023 2 497 000 60,08%[108] 1 515 000 56,21%[109]
III 9 febbraio 2023 1 425 000 53,55%[110]
IV 10 febbraio 2023 1 933 000 61,70%[111]
Media 2 483 000 60,17% 1 580 000 55,89%
Ascolti (edizione 2024)
Serata Messa in onda I parte[105] II parte[106]
Telespettatori Share Telespettatori Share
I 6 febbraio 2024 1 573 000 58,25%[112]
II 7 febbraio 2024 2 333 000 56,58%[112] 1 294 000 51,22%[113]
III 8 febbraio 2024 2 521 000 57,86%[113] 1 337 000 50,47%[114]
IV 9 febbraio 2024 1 931 000 61,00%[115]
Media 2 427 000 57,22% 1 534 000 55,24%

Del passato modifica

Il caso Sanremo modifica

Il programma di intrattenimento, trasmesso dal 27 gennaio al 24 febbraio 1990 su Rai Uno, è stato condotto da Renzo Arbore e Lino Banfi, con la partecipazione di Michele Mirabella e Massimo Catalano. Si svolgeva in una finta aula di tribunale nel Teatro delle Vittorie, Arbore interpretava il giudice, Banfi l'avvocato difensore Pasquale Passalacqua e Mirabella la Pubblica accusa. Catalano invece presentava quattro decenni "sotto accusa" con uno stile che imitava i concorsi a premi della RAI, seguito da un balletto di ragazze vestite secondo la moda del decennio in questione. I decenni invece sono stati rappresentati in ogni puntata da quattro coppie di artisti, una per ogni decennio (nell'ultima puntata gli ospiti furono tre per ogni decennio).

DopoFestival modifica

Dal 1992 al 2003, nel 2007, nel 2008 e dal 2014 al 2020 è andato in onda il DopoFestival, trasmissione in onda alla fine delle serate della kermesse con interviste agli artisti in gare e discussioni sui principali argomenti legati al Festival con opinionisti, musicisti e ospiti in studio. Nel corso degli anni ha cambiato varie volte titolo, location e conduzione ed è stato trasmesso prima su Rai 1 (dal 1992 al 2008, dal 2016 al 2019), poi su Rai.tv (nel 2014 e nel 2015) e infine su RaiPlay (nel 2020).

Edizione Anno Titolo Rete televisiva Programmazione Conduzione Presenze fisse Supervisione Puntate Sede
Inizio Fine
1992 DopoFestival Rai 1 26 febbraio 28 febbraio Sandro Ciotti Vincenzo Mollica, Luciano De Crescenzo e Gianni Ippoliti Pippo Baudo 3 Teatro Ariston di Sanremo
1993 23 febbraio 26 febbraio Giancarlo Magalli Alba Parietti Roberto D'Agostino e Marta Marzotto
1994 23 febbraio 25 febbraio Mara Venier Renato Zero e Roberto D'Agostino
1995 21 febbraio 24 febbraio Serena Dandini Luciano De Crescenzo, Fabio Fazio e Gianni Ippoliti 4
1996 20 febbraio 23 febbraio Ambra Angiolini Luciano De Crescenzo, Roberto D'Agostino, Gianni Ippoliti e Maurizio Battista
1997 18 febbraio 21 febbraio Bruno Vespa Gigi Vesigna e Valeria Marini Non presente
1998 24 febbraio 27 febbraio Piero Chiambretti Nino D'Angelo
1999 Sanremo Notte 23 febbraio 26 febbraio Orietta Berti Teo Teocoli e Fabio Fazio
2000 21 febbraio 25 febbraio Alessia Marcuzzi I Fichi d'India, Teo Teocoli e Fabio Fazio
10ª 2001 Dopo il Festival tutti da me 26 febbraio 2 marzo Enrico Papi Raffaella Carrà Non presente
11ª 2002 DopoFestival 5 marzo 8 marzo Simona Ventura Francesco Giorgino
12ª 2003 4 marzo 7 marzo Pippo Baudo Giancarlo Magalli Simona Izzo, Pino Massara, Gianni Ippoliti, Gianfranco Vissani, Monica Setta, Marco Maccarini, Michelle Bonev e Adriano Aragozzini Teatro del Casinò di Sanremo
13ª 2007 27 febbraio 2 marzo Piero Chiambretti Gabriella Germani Sala stampa del Teatro Ariston
14ª 2008 25 febbraio 29 febbraio Elio e le Storie Tese Lucilla Agosti e Lucia Ocone Teatro del Casinò di Sanremo
15ª 2014 #dopofestival Rai.tv 18 febbraio 21 febbraio Filippo Solibello Marco Ardemagni Non presente PalaFiori di Sanremo
16ª 2015 10 febbraio 13 febbraio Saverio Raimondo Sabrina Nobile Stefano Andreoli, Giancarlo Magalli, Inception e Nirkiop Sala privata del Casinò di Sanremo
17ª 2016 DopoFestival Rai 1 9 febbraio 12 febbraio Nicola Savino Gialappa's Band Max Giusti Villa Ormond di Sanremo
18ª 2017 7 febbraio 11 febbraio Ubaldo Pantani 5
19ª 2018 ...Tanto siamo tra amici al DopoFestival 6 febbraio 10 febbraio Edoardo Leo Carolina Di Domenico Sabrina Impacciatore, Rolando Ravello, Paolo Genovese e Rocco Tanica Teatro del Casinò di Sanremo
20ª 2019 DopoFestival - The Dark Side of Sanremo 5 febbraio 9 febbraio Rocco Papaleo Anna Foglietta Melissa Greta Marchetto Non presente
21ª 2020 L'altro Festival RaiPlay 4 febbraio 8 febbraio Nicola Savino Myss Keta, i Gemelli di Guidonia, Valerio Lundini e Eddy Anselmi PalaFiori di Sanremo

La Tombola di Sanremo modifica

Il 22 dicembre 1993 è andata in onda in prima serata su Rai 1, in diretta dal teatro Ariston di Sanremo La Tombola di Sanremo, una serata speciale condotta da Pippo Baudo e Paola Saluzzi, nella quale sono stati presentati tutti i cantanti, sia Big che Giovani, che avrebbero partecipato al Festival di Sanremo 1994.

Sanremo Top modifica

Sanremo Top è stato un programma televisivo musicale, andato in onda su Raiuno dal 1994 al 1998 e nel 2002. Scopo della trasmissione era, a distanza di circa un mese dalla conclusione del Festival di Sanremo, presentare una nuova classifica basata sui risultati di vendita realizzati dagli album dei partecipanti a quella edizione della kermesse, che venivano poi intervistati dal conduttore, talvolta anche con telefonate in studio da parte del pubblico. La trasmissione dava anche l'occasione di consegnare pubblicamente ai cantanti interessati le eventuali certificazioni FIMI ottenute (Disco di Platino e Disco d'Oro).

Papaveri e papere modifica

Ideato da Michele Guardì e condotto da Pippo Baudo e Giancarlo Magalli, è andato in onda su Rai 1 il sabato sera per cinque serate in diretta dall'Auditorium del Foro Italico in Roma, dal 4 marzo all'8 aprile 1995. Il programma celebrava i 45 anni del Festival di Sanremo con aneddoti, successi musicali, la partecipazione di vari cantanti e giochi con il pubblico da casa. Nella prima puntata ha ospitato l'ultima apparizione pubblica di Mia Martini, pochi mesi prima della sua morte.

Arriva il Festival modifica

Il 19 febbraio 1996, dal teatro del Casinò di Sanremo è stato realizzato uno speciale in prima serata intitolato Arriva il Festival, una sorta di galà di presentazione condotto da Pippo Baudo, durante il quale i cantanti si raccontavano al pubblico anche tramite immagini di repertorio e domande di giornalisti. La serata ottenne un ascolto medio di 9 780 000 spettatori, con uno share del 36,64%.

Sanremo Estate modifica

Sanremo Estate è stato un programma televisivo italiano, andato in onda nel 1986 e poi dal 1999 al 2004, su Rai 1.

Sanremo si nasce modifica

Nel 1999 e 2000 vengono realizzate al Teatro Ariston di Sanremo 2 serate dal titolo Sanremo si nasce condotte rispettivamente dalle coppie Carlo Conti/Anna Valle e Michele Cucuzza/Luisa Corna.

Sanremo contro Sanremo modifica

Sabato 12 marzo 2005 in diretta dal Teatro Ariston di Sanremo Carlo Conti conduce Sanremo contro Sanremo, una serata che prevede una gara che si sfidano tra loro proponendo le più belle canzoni del Festival. La serata viene proposta con una seconda edizione la sera di sabato 11 marzo 2006 sempre in diretta dal Teatro Ariston con la conduzione di Conti. in questa edizione la sfida vede protagoniste 6 squadre (anni 60, anni 70, anni 80, anni 90, Sanremo 2006, esclusi Sanremo 2006). Ad affiancare Conti il comico Dado e le ex Miss Italia Gloria Zanin, Denny Mendez, Tania Zamparo, Daniela Ferolla, Francesca Chillemi e Edelfa Chiara Masciotta.

Sanremo dalla A alla Z modifica

Venerdì 9 marzo 2007 in diretta dal Teatro Ariston di Sanremo Massimo Giletti conduce Sanremo dalla A alla Z, uno show musicale che ha come protagoniste venti famose canzoni presentate nella storia del Festival con titoli che vanno dalla A alla Z. 10 cantanti interpretano le 20 canzoni in gara divise in 5 gruppi. Le canzoni, eseguite dal vivo dall’Orchestra diretta dal Maestro Pinuccio Pirazzoli, sono votate da una giuria popolare in platea e da una giuria sul palco composta da personaggi dello spettacolo. Le 5 canzoni finaliste vengono in seguito votate dal pubblico da casa che attraverso il televoto decreta il brano vincitore. Venerdì 8 marzo 2008, sempre in diretta dal Teatro Ariston di Sanremo e con la conduzione di Massimo Giletti, va in onda una seconda edizione dal titolo Sanremo dalla A alla Z - Emozioni.

Sanremo Young modifica

Trasmesso in diretta dal Teatro Ariston di Sanremo con la conduzione di Antonella Clerici dal 16 febbraio 2018 al 15 marzo 2019, il talent show è un programma televisivo originale italiano creato dalla stessa Antonella Clerici e mette in gara dodici ragazzi dai 14 ai 17 anni che partecipano al programma cantando le canzoni che hanno fatto la storia del Festival di Sanremo, siano esse cantate da passati concorrenti della kermesse canora o anche da ospiti che almeno una volta hanno calcato il palco del Teatro Ariston.

FuoriFestival modifica

Nel 2022 va in onda, dal 31 gennaio al 5 febbraio, in esclusiva su RaiPlay, il racconto del Festival. La conduzione è affidata a Melissa Greta Marchetto e Aurora Leone, che incontrano i cantanti in gara, ascoltano le voci della gente, dei vip e degli esperti. La regia è di Alessia Lionello.

Sanremo 2023 - Tra palco e realtà modifica

Il 10 aprile 2023 è andato in onda in prima serata su Rai 1 il docufilm Sanremo 2023 - Tra palco e realtà con la guida, in veste di "inviato speciale", di Gianni Morandi, già co-conduttore della 73ª edizione. Il documentario racconta le emozioni più segrete e inedite del Festival di Sanremo appena concluso, dalle prove dello spettacolo ai momenti precedenti all'ingresso sul palco dei cantanti in gara, oltre a mostrare i segreti del backstage del Teatro Ariston. La serata ottenne un ascolto medio di 1 860 000 spettatori, con uno share dell'11.5%.[116][117]

Riconoscimenti modifica

modifica

Anno Sponsor Fonte
2008 Toyota Acqua Minerale San Benedetto Beghelli Wind [118]
2009 Ferrero Le Fablier [119]
2010 Mondelēz [120]
2011 Volkswagen Procter & Gamble Eni [121]
2012
2013 FIAT Mondelēz Samsung Vodafone [122]
2014 Suzuki Procter & Gamble Conad Findus [123]
2015 UniCredit Wind [124]
2016 Orogel TIM [125]
2017 TIM [126]
2018 [127]
2019 [128]
2020 [129]
2021 [130]
2022 Eni Plenitude Costa Crociere Lavazza Ferrero Suzuki [131]
2023 Dyson VeraLab [132]
2024 Eni Generali Coca-Cola Mutti Sephora [133]

Trasmissione modifica

Televisione modifica

  • Rai 1, in diretta dal 1955 (1955-1962 e dal 1981, tutte le serate; 1963-1980, solo finale)
  • Rai 4K, in diretta nel 2023 in UHD mediante upscaling e dal 2024 in risoluzione nativa.[134]
  • In Eurovisione nelle tv di Stato europee: 1955 (solo la finale), dal 1958 (tutto il Festival)
  • Rai 2 (serate 1-2 1963 e 1969)
  • Rai Italia, in diretta dal 2019
  • Rai Premium, dal 2004 in replica il giorno successivo alla messa in onda
  • RaiSat Album/Rai Extra, in replica (2000-2010)

Radio modifica

Web modifica

  • RaiPlay, prima Rai.tv, in diretta e on demand dal 2007

Cultura di massa modifica

Critica modifica

Il Festival è stato storicamente oggetto di analisi da parte di figure di spicco della cultura italiana. Nel 1969 Pier Paolo Pasolini, nell'ambito di una sua più ampia critica al conformismo e al vuoto culturale nella società italiana neo-capitalista, scrisse dalle colonne del Tempo illustrato di Napoli: «È cominciato ed è finito il Festival di Sanremo. Le città erano deserte; tutti gli italiani erano raccolti intorno ai loro televisori. Il Festival di Sanremo e le sue canzonette sono qualcosa che deturpa irrimediabilmente una società…»[135]. La sua disapprovazione, lungi dal derivare dal pregiudiziale rifiuto snobistico delle «cose che piacciono al popolo», muoveva dalla volontà gramsciana di capire i meccanismi della produzione culturale di massa e delle sue strumentalizzazioni politiche[136].

Lo storico Silvio Lanaro rimarcò ulteriormente tale risvolto, ponendolo in relazione all'egemonia culturale cattolica nell'Italia del dopoguerra: «il clima di castità verbale impregna ogni forma di loisir, prima fra tutte la musica leggera. Negli anni in cui emerge il talento di Georges Brassens, e Juliette Greco - nelle caves del quartiere latino di Parigi - interpreta testi di Jean-Paul Sartre e Raymond Queneau, in Italia trionfano le marcette di Armando Fragna, arrivano i nostri, i cadetti di Guascogna o i pompieri di Viggiù, e il seguitissimo festival di Sanremo - inaugurato nel 1951 - consacra canzoni grondanti attualità patriottica (Vola colomba), satira scipita e tremebonda (Papaveri e papere), ambigui omaggi all'alpinismo (Vecchio scarpone), lacrimosi elogi alla maternità (Tutte le mamme), squallidi inviti al servilismo (Arriva il direttor!), balbettanti e involontari nonsense (Casetta in Canada); i baci sono generalmente proscritti, e l'amore ammesso solo per ricordare che va spesso a finir male (Grazie dei fior) o che genera comunque sofferenza e infelicità (Viale d'autunno, Buongiorno tristezza, Amare un'altra)».[137]

Michele Straniero, cantautore e musicologo, già precedentemente all'analisi pasoliniana aveva messo in luce la continuità culturale tra fascismo e dopoguerra nell'utilizzo della musica popolare a scopo di propaganda politica; l'elemento di collegamento tra le due ere fu identificato in Giulio Razzi, prima della guerra direttore dei programmi dell'EIAR e, nell'Italia repubblicana, direttore artistico della Rai e firmatario nel 1951 del regolamento del primo Festival di Sanremo.[138]

Letteratura sull'argomento modifica

Note modifica

  1. ^ In passato ci sono stati anche dei brani in gara in lingua straniera; sia negli anni '60 che nell'edizione del 1990 è capitato che si facesse esibire una stessa canzone sia da un artista in italiano che da un altro in un'altra lingua.
  2. ^ DCI.
  3. ^ L’epopea di Luigi De Santis 1928-1934., su Casinò Sanremo. URL consultato l'8 febbraio 2023.
  4. ^ Angelo Forgione, Quando Napoli portò la canzone a Sanremo e inventò il Festival", su Il blog di Angelo Forgione, 19 febbraio 2014. URL consultato l'8 febbraio 2023.
  5. ^ S.Remo. Festival partenopeo. Canti di Napoli, su Youtube Archivio Luce Cinecittà, 8 gennaio 1932. URL consultato l'8 febbraio 2023.
  6. ^ a b c redazione, Quando il Festival cantava in romagnolo, su Il Ponte, 24 febbraio 2023. URL consultato il 12 febbraio 2024.
  7. ^ a b Roberto Masini, Sanremo, il Festival è nato a Rimini nel 1936, su www.corriereromagna.it. URL consultato il 12 febbraio 2024.
  8. ^ Sanremo Storia e Tradizioni, https://www.sanremostoria.it/it/arti-mestieri-tradizioni/254-artisti-musicali-e-dello-spettacolo/84-amilcare-rambaldi.html. URL consultato l'8 febbraio 2023.
  9. ^ a b c d e ENRICO SALVADORI, Il Festival di Sanremo? Nacque... a Viareggio. "Cosa cantano questi pazzi?" - Spettacoli - lanazione.it, su La Nazione, 5 febbraio 2020. URL consultato il 13 febbraio 2023.
  10. ^ a b c d Gabriele Levantini, Il festival perduto: quando Sanremo era Viareggio, su Welcome 2 Lucca, 2 febbraio 2022. URL consultato il 13 febbraio 2023.
  11. ^ Dai soldati “Buffalo” al Califfo, così a Viareggio è nato il mito di twist e rock alla Capannina, su Il Tirreno. URL consultato il 23 ottobre 2023.
  12. ^ a b c d #Festival2017: nell'immediato dopoguerra ci furono due edizioni a Viareggio, ma poi finirono i contributi comunali, in Sanremonews.it, 11 febbraio 2017. URL consultato l'11 febbraio 2024.
  13. ^ a b Sanremo, quando Viareggio se le fece scappare, su lanazione.it.
  14. ^ Elisa Giobbi, Ciao Narciso, voce di Firenze, su WiP Radio, 25 gennaio 2020. URL consultato l'11 febbraio 2024.
  15. ^ Simone Dinelli, Quando il Festival di Sanremo era a Viareggio, su Corriere Fiorentino, 3 marzo 2021. URL consultato il 13 febbraio 2023.
  16. ^ VersiliaToday Redazione, Quando il Festival della Canzone Italiana era a Viareggio - A spasso con Galatea, Top news Versiliatoday.it, su Versiliatoday.it, 21 marzo 2016. URL consultato il 13 febbraio 2023.
  17. ^ Sanremo e Viareggio: il primo festival a Viareggio il 25 agosto 1948 – GustarViaggiando, su gustarviaggiando.com. URL consultato il 13 febbraio 2023.
  18. ^ Le origini del festival: «Sanremo? No, Viareggio». Quando nel ‘48 i cantanti si sfidarono alla Capannina, su Gazzetta di Reggio. URL consultato il 23 ottobre 2023.
  19. ^ Redazione NoiTV, Il Festival della canzone nasce a Viareggio e non a Sanremo, su NoiTV, 8 febbraio 2023. URL consultato il 12 febbraio 2024.
  20. ^ Borgna 1980, pp. 34-35, 37.
  21. ^ a b Borgna 1980, p. 38.
  22. ^ Borgna 1992, pp. 209-211, 432.
  23. ^ Liperi, pp. 163, 166.
  24. ^ Facci e Soddu, p. 41.
  25. ^ Facci e Soddu, pp. 43-44.
  26. ^ a b Borgna 1980, p. 53.
  27. ^ (EN) Eurovision Song Contest 1956, su eurovision.tv, Eurovision Song Contest. URL consultato il 23 agosto 2019.
  28. ^ Borgna 1980, pp. 44-50.
  29. ^ Borgna 1980, p. 46.
  30. ^ Colombati, p. 537.
  31. ^ Borgna 1992, p. 215.
  32. ^ Borgna 1980, p. 50.
  33. ^ Borgna 1992, pp. 225-228.
  34. ^ Liperi, pp. 183-185.
  35. ^ Facci e Soddu, p. 79.
  36. ^ Borgna 1980, p. 67.
  37. ^ a b Borgna 1980, p. 137.
  38. ^ Facci e Soddu, pp. 120-121.
  39. ^ Facci e Soddu, p. 85.
  40. ^ Facci e Soddu, p. 139.
  41. ^ Borgna 1980, pp. 69-75.
  42. ^ Facci e Soddu, pp. 122-123.
  43. ^ Borgna 1980, pp. 77-80.
  44. ^ Borgna 1980, p. 77.
  45. ^ Facci e Soddu, p. 121.
  46. ^ Facci e Soddu, p. 123.
  47. ^ Borgna 1980, pp. 83-93.
  48. ^ Borgna 1992, pp. 330-331.
  49. ^ Facci e Soddu, pp. 145-147.
  50. ^ Facci e Soddu, pp. 153, 157-158.
  51. ^ Facci e Soddu, p. 168.
  52. ^ Borgna 1980, p. 84.
  53. ^ Facci e Soddu, p. 161.
  54. ^ Facci e Soddu, p. 166.
  55. ^ Borgna 1980, pp. 98, 100, 136.
  56. ^ Facci e Soddu, p. 170.
  57. ^ Borgna 1980, p. 105.
  58. ^ Facci e Soddu, pp. 178-180.
  59. ^ Facci e Soddu, p. 186.
  60. ^ Borgna 1980, pp. 102-103.
  61. ^ Facci e Soddu, p. 188.
  62. ^ Facci e Soddu, pp. 207, 314.
  63. ^ Sanremo sfratta il Festival 1977, in Stampa Sera, 20 novembre 1976, p. 2. URL consultato il 4 febbraio 2018.
  64. ^ Facci e Soddu, pp. 207, 217, 314.
  65. ^ Facci e Soddu, pp. 217-220, 311.
  66. ^ Facci e Soddu, pp. 252.
  67. ^ Facci e Soddu, pp. 220-221.
  68. ^ Facci e Soddu, pp. 224-226, 234.
  69. ^ Facci e Soddu, pp. 223, 230-233.
  70. ^ Facci e Soddu, pp. 235-236.
  71. ^ Facci e Soddu, p. 245.
  72. ^ Facci e Soddu, pp. 248-250.
  73. ^ Facci e Soddu, pp. 272-274.
  74. ^ Facci e Soddu, pp. 276-277.
  75. ^ Facci e Soddu, pp. 279-281.
  76. ^ Sanremo, crollano gli ascolti. Grande Fratello batte il Festival, in la Repubblica, 5 marzo 2004. URL consultato il 4 febbraio 2018.
  77. ^ Facci e Soddu, p. 284.
  78. ^ Liperi, pp. 581, 585-590, 634, 636.
  79. ^ Liperi, p. 634, 636.
  80. ^ Alessandra Vitali, Torna Celentano, vince Emma. Il podio è rosa, con Arisa e Noemi, in la Repubblica, 18 febbraio 2012. URL consultato il 4 febbraio 2018 (archiviato dall'url originale il 5 febbraio 2018).
  81. ^ Sanremo, trionfano gli Stadio: “Lo stesso brano scartato nel 2015”. Conti condurrà anche nel 2017, in La Stampa, 14 febbraio 2016. URL consultato il 4 febbraio 2018 (archiviato dall'url originale il 5 febbraio 2018).
  82. ^ Liperi, pp. 637-638.
  83. ^ (EN) Italy applied for 2011 Eurovision Song Contest!, su Eurovision Song Contest, 2 dicembre 2010. URL consultato il 4 febbraio 2018.
  84. ^ a b c Luca Misculin, La rinascita del Festival di Sanremo, su il Post, 8 febbraio 2022. URL consultato il 9 febbraio 2022.
  85. ^ Alex Pigliavento, Eurovision 2015: per l'Italia andrà il vincitore di Sanremo!, su Eurofestivalnews.com, 29 settembre 2014. URL consultato il 4 febbraio 2018.
  86. ^ Ascolti Sanremo 2021, bilancio finale: lontano il record del 2020, ma c’è chi ha fatto peggio, su eurofestivalnews.com, 8 marzo 2021. URL consultato il 10 febbraio 2022.
  87. ^ Andrea Biondi, Sanremo 2022, la Rai brinda ad ascolti e record di raccolta, in Il Sole 24 Ore, 6 febbraio 2022. URL consultato il 9 febbraio 2022.
  88. ^ Sanremo 2022, generazione Z: presente! È boom di giovani e donne, su ilmattino.it, il Mattino, 4 febbraio 2022. URL consultato il 13 agosto 2022.
  89. ^ La 'prima' di un presidente all'Ariston, Mattarella a Sanremo, su agi.it, Agenzia Giornalistica Italia, 7 febbraio 2022. URL consultato l'8 febbraio 2022.
  90. ^ Divisi in 8 Emergenti e 16 Nuovi
  91. ^ a b c Coadiuvato da Gianmarco Mazzi nella direzione artistico-musicale
  92. ^ Assente durante la 3ª serata dell'edizione 2020.
  93. ^ Sanremo 2019, Claudio Baglioni anche conduttore - Tv, in tvblog.it, 28 giugno 2018. URL consultato il 12 luglio 2018 (archiviato dall'url originale il 12 luglio 2018).
  94. ^ Non presente nella prima serata.
  95. ^ Assente durante la 3ª serata dell’edizione 2020.
  96. ^ Sanremo - I dati Auditel sera per sera, su tvblog.it, TvBlog. URL consultato il 31 agosto 2017 (archiviato dall'url originale il 14 settembre 2017).
  97. ^ Sanremo Festival: Festival Di Sanremo E La Storia Delle Sue Scenografie, su tuttofestivaldisanremo.blogspot.it. URL consultato il 1º maggio 2019 (archiviato dall'url originale il 21 gennaio 2018).
  98. ^ Ad eccezione della prima puntata, che è stata trasmessa il 29 gennaio 2022 dalle 21:35 alle 21:45, per lasciare spazio a un'edizione speciale di Porta a Porta in seguito all'elezione del Presidente della Repubblica Italiana, mentre nella puntata del 6 febbraio 2023, si è allungata fino alle 21:00.
  99. ^ Nel 2019, durante le ultime puntate, si è spostato sul red carpet di fronte all'ingresso del teatro Ariston.
  100. ^ Ascolti TV | Domenica 9 febbraio 2020, su DavideMaggio.it.
  101. ^ Ascolti TV | Domenica 7 marzo 2021, su DavideMaggio.it.
  102. ^ Ascolti TV | Domenica 6 febbraio 2022, su DavideMaggio.it.
  103. ^ Ascolti TV | Domenica 12 febbraio 2023, su DavideMaggio.it.
  104. ^ Ascolti TV | Domenica 11 febbraio 2024, su DavideMaggio.it.
  105. ^ a b In onda dalle 1:40 alle 2:00.
  106. ^ a b In onda dalle 2:00 alle 2:50 e rilevata negli ascolti del giorno successivo.
  107. ^ Ascolti TV | Martedì 7 Febbraio 2023, su DavideMaggio.it. URL consultato l'8 febbraio 2023.
  108. ^ a b Ascolti TV | Mercoledì 8 Febbraio 2023, su DavideMaggio.it. URL consultato il 9 febbraio 2023.
  109. ^ Ascolti TV | Giovedì 9 Febbraio 2023, su DavideMaggio.it. URL consultato il 10 febbraio 2023.
  110. ^ Ascolti TV | Venerdì 10 Febbraio 2023, su DavideMaggio.it. URL consultato l'11 febbraio 2023.
  111. ^ Ascolti TV | Sabato 11 Febbraio 2023, su DavideMaggio.it. URL consultato il 12 febbraio 2023.
  112. ^ a b Ascolti TV | Mercoledì 7 febbraio 2024, su DavideMaggio.it. URL consultato l'8 febbraio 2024.
  113. ^ a b Ascolti TV | Giovedì 8 febbraio 2024, su DavideMaggio.it. URL consultato il 9 febbraio 2024.
  114. ^ Ascolti TV | Venerdì 9 febbraio 2024, su DavideMaggio.it. URL consultato il 10 febbraio 2024.
  115. ^ Ascolti TV | Sabato 10 febbraio 2024, su DavideMaggio.it. URL consultato l'11 febbraio 2024.
  116. ^ Sanremo 2023, su RAI Ufficio Stampa. URL consultato il 12 aprile 2023.
  117. ^ Ascolti TV | Lunedì 10 Aprile 2023. Pasquetta 'povera': Belle e Sebastien vince con il 13.3%, il backstage di Sanremo 11.5%. Cresce Freedom (6.3%) che batte L'Isola delle Rose (5.8%). Only Fun riparte bene (3.2%). Stramorgan 3.4%, su DavideMaggio.it. URL consultato il 12 aprile 2023.
  118. ^ SIPRA: CONFERMATI I LISTINI 2007 PER IL FESTIVAL DI SANREMO 2008, su e-duesse.it, 9 gennaio 2008 (archiviato dall'url originale il 1º febbraio 2018).
  119. ^ Beghelli e Wind al Festival di Sanremo, su adcgroup.it, 26 gennaio 2009 (archiviato dall'url originale il 2 febbraio 2018).
  120. ^ Caro Festival di Sanremo, ti abbiamo fatto i conti in tasca..., su archivio.panorama.it (archiviato dall'url originale il 1º febbraio 2018).
  121. ^ Sanremo 2012: confermati gli sponsor Volkswagen, Eni, Procter & Gamble e Beghelli, su adcgroup.it, 14 dicembre 2011 (archiviato dall'url originale il 31 gennaio 2018).
  122. ^ Aegis Media Research. Al via Sanremo 2013. Obiettivi: 40% di share editoriale e 16 mln di raccolta, su adcgroup.it, 11 febbraio 2013 (archiviato dall'url originale il 1º febbraio 2018).
  123. ^ Findus, P&G, Conad, Suzuki gli sponsor di Sanremo 2014. Leone: 'Festival a costo zero grazie a sponsor e pubblicità', su adcgroup.it, 10 febbraio 2014 (archiviato dall'url originale il 31 gennaio 2018).
  124. ^ PISCOPO (RAI PUBBLICITÀ) “PER SANREMO QUASI SOLD OUT. IL 40% SONO NUOVI CLIENTI”, su pubblicitaitalia.it, 9 febbraio 2015 (archiviato dall'url originale il 4 luglio 2017).
  125. ^ Gli sponsor di Sanremo: TIM con il nuovo format, UniCredit per i mutui-casa, Orogel istituzionale e Suzuki firmata Brand Portal, su dailyonline.it, 2 febbraio 2016 (archiviato dall'url originale il 31 gennaio 2018).
  126. ^ TIM protagonista del 67º Festival di Sanremo, su telecomitalia.com, 6 febbraio 2017 (archiviato dall'url originale il 25 agosto 2017).
  127. ^ TIM sponsor unico del Festival di Sanremo 2018, su telecomitalia.com, 16 dicembre 2017 (archiviato dall'url originale il 31 gennaio 2018).
  128. ^ Rockol com s.r.l, √ Festival di Sanremo 2019, TIM sponsor unico, su Rockol. URL consultato il 5 gennaio 2019 (archiviato dall'url originale il 30 dicembre 2018).
  129. ^ Financial Trend Analysis, TIM sponsor unico del Festival di Sanremo 2020, su Finanza e Borsa - Investireoggi.it. URL consultato il 14 gennaio 2020 (archiviato dall'url originale il 14 gennaio 2020).
  130. ^ Tim sponsor unico del Festival di Sanremo 2021, su Askanews, 9 febbraio 2021. URL consultato il 15 febbraio 2023.
  131. ^ Eni è il main sponsor di Sanremo 2022, su DavideMaggio.it. URL consultato il 20 gennaio 2022.
  132. ^ Redazione, Sanremo 2023: Plenitude (Eni), Costa Crociere, Suzuki, Dyson e VeraLab i primi sponsor, su Brand News, 17 gennaio 2023. URL consultato il 20 gennaio 2023.
  133. ^ Francesco Prisco, Sanremo 2024, ecco gli sponsor di Rai Pubblicità: c’è Coca-Cola, su Money, it's a gas!, 18 gennaio 2024. URL consultato il 2 febbraio 2024.
  134. ^ Il Festival di Sanremo per la prima volta in 4K. Ecco come vederlo alla massima qualità, su DDay.it. URL consultato l'8 febbraio 2024.
  135. ^ Giulia Cavaliere, Sanremo 1969 tra rhythm'n'blues e contestazione: dal Controfestival di Dario Fo e Franca Rame alla disapprovazione di Pasolini, in Corriere della Sera, 4 febbraio 2019. URL consultato il 18 maggio 2022 (archiviato dall'url originale il 17 maggio 2022).
  136. ^ Leonardo Campus, Sanremo: il grande festival dell'Italia democristiana, in Agostino Giovagnoli (a cura di), L'Italia e gli italiani dal 1948 al 1978, Soveria Mannelli, Rubbettino, pp. 153-198, ISBN 8849860420.
  137. ^ Silvio Lanaro, Storia dell'Italia repubblicana, Venezia, Marsilio, 1997 [1992], p. 200, ISBN 8831763962.
  138. ^ Michele Straniero, Antistoria d'Italia in canzonetta, in Michele Straniero, Sergio Liberovici, Emilio Jona e Giorgio De Maria (a cura di), Le canzoni della cattiva coscienza. La musica leggera in Italia, Milano, Bompiani, 1964, p. 80.

Bibliografia modifica

Voci correlate modifica

Altri progetti modifica

Collegamenti esterni modifica

Controllo di autoritàVIAF (EN236028909 · LCCN (ENn83220354 · GND (DE4271720-6 · BNE (ESXX31504 (data) · BNF (FRcb13558756z (data) · J9U (ENHE987007578814705171 · WorldCat Identities (ENlccn-n83220354
  Portale Festival di Sanremo: accedi alle voci di Wikipedia che parlano del Festival di Sanremo